Riforme: scontro sui tempi. Boschi, Italicum non si tocca

Pubblicato il 15 ottobre 2015 da redazione

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 05-03-2014 Roma Politica Camera dei Deputati - Question time Nella foto Maria Elena Boschi Photo Roberto Monaldo / LaPresse 05-03-2014 Rome (Italy) Chamber of Deputies - Question time In the photo Maria Elena Boschi

Foto Roberto Monaldo / LaPresse
05-03-2014 Roma
Politica
Camera dei Deputati – Question time
Nella foto Maria Elena Boschi
Photo Roberto Monaldo / LaPresse
05-03-2014 Rome (Italy)
Chamber of Deputies – Question time
In the photo Maria Elena Boschi

ROMA. – Non sono bastate due ore di acceso confronto per trovare un’intesa tra maggioranza e opposizione sui tempi di esame delle riforme da parte della Camera. Il confronto è avvenuto alla conferenza dei capigruppo di Montecitorio, che alla fine è stata aggiornata a questa mattina per decidere la calendarizzazione in aula del ddl Boschi.

Il ddl Boschi, approvato martedì dal Senato, è giunto a Montecitorio, dove la presidente Laura Boldrini ha convocato nel pomeriggio la conferenza dei capigruppo, incaricata di stabilire il giorno in cui le riforme andranno in aula e trasmettere quindi il testo alla commissione Affari costituzionali, dove avverrà il primo passaggio, presumibilmente già dalla prossima settimana. Ma alla capigruppo è andato in scena quello che gli stessi protagonisti hanno definito un ‘muro contro muro’.

Il governo e la maggioranza hanno chiesto che il testo fosse approvato dall’aula entro novembre: le modifiche apportate dal Senato – è stato il ragionamento – sono pochissime, e quindi gli spazi di intervento da parte della Camera sono limitati, e altrettanto limitati sono i tempi di esame.

Di qui la richiesta di un’approvazione entro fine novembre, così da trasmettere già prima di Natale il testo al Senato. Questa tempistica permetterebbe di far tornare il ddl Boschi alla Camera per la definitiva lettura a marzo, rispettando la pausa di tre mesi prevista dall’art.138 della Costituzione.

Di tutt’altro avviso le opposizioni, che hanno chiesto di esaminare le riforme dopo l’approvazione della legge di stabilità, e quindi dopo la metà di dicembre. “Non accettiamo forzature sui tempi” ha detto il capogruppo di Sel, Arturo Scotto. Ironico il commento del ministro Maria Elena Boschi: “Noi abbiamo chiesto una cosa semplicissima: il Senato ha approvato le riforme e ora vogliamo approvarle alla Camera; ma le opposizioni chiedono di aspettare, visto che i 30 anni finora trascorsi sono un po’ pochini”.

Per questa mattina la presidente Boldrini ha convocato una nuova riunione, dove tenterà una mediazione difficile. Il ministro Boschi ha anche chiuso sulle ipotesi di modifiche all’Italicum, emerse dopo l’invito dell’ex presidente Giorgio Napolitano l’altro ieri in Senato a tener conto delle obiezioni sollevate “sulla legislazione elettorale e gli equilibri costituzionali”.

“L’Italicum va bene così com’è” ha tagliato corto intervenendo alla trasmissione ‘Porta a porta’. Boschi ha dato due motivi per non metter mano alla legge elettorale: “Innanzitutto – ha spiegato – c’è una questione di serietà: abbiamo approvato una riforma dopo 10 anni di attesa, con molta fatica e con una larga maggioranza, appena pochi mesi fa”.

La seconda ragione riguarda il merito: l’Italicum, che attribuisce il premio di maggioranza al partito e non alla coalizione, “dà stabilità, cosicché chi vince le elezioni governa per cinque anni”. Infatti, in passato “abbiamo avuto delle coalizioni create per vincere ma non per governare, che poi si sono sciolte come neve al sole”.

La Boschi ha parlato anche su un altro tema caldo del dibattito politico, quello delle unioni civili: “Temo che slitteranno un po’ i tempi, eventualmente le riprenderemo a gennaio”.

(Giovanni Innamorati/Ansa)

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora