Afghanistan: Obama ci ripensa, 5.500 soldati fino al 2017

Pubblicato il 16 ottobre 2015 da redazione

afghanistanUSA

WASHINGTON. – Non deve essere una delusione, ma lo è. Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha dato quell’annuncio che si era impegnato ad evitare entrando alla Casa Bianca sette anni fa: il Commander in chief ha dovuto rinunciare al ritiro delle truppe americane dall’Afghanistan, perché la sicurezza sul terreno resta troppo fragile.

La missione non cambia, ha insistito Obama, ma i soldati Usa resteranno anche oltre la fine del suo secondo mandato. Per la gran parte del 2016 rimangono così in Afghanistan i 9.800 soldati americani attualmente di stanza nel Paese. L’eredità che poi Obama lascerà al prossimo presidente sarà di 5.500 truppe Usa ancora in campo nel 2017.

A Bagram e Jalalabad nell’est, a Kandahar nel sud. “Sono profondamente convinto che bisogna fare questo ulteriore sforzo”, ha detto Obama annunciando la marcia indietro.

Ed è la seconda volta che è costretto a rimandare il ritiro completo dall’Afghanistan che aveva promesso. Una guerra lunga 14 anni: il presidente lavora di cesello nello scegliere le parole per comunicare al Paese che non è finita.

Nella consapevolezza inoltre – e non è un dettaglio – che che la presenza in Afghanistan costa a Washington 14,6 miliardi di dollari all’anno.

“Da Commander in chief non posso permettere che l’Afghanistan diventi un rifugio sicuro per i terroristi”, ha affermato.

“Credo che questa missione sia vitale per la nostra sicurezza nazionale nella prevenzione di attacchi terroristici contro nostri cittadini e contro la nostra nazione”, ha sottolineato, spiegando che la sicurezza sul terreno è ancora troppo fragile e che le forze afghane non sono ancora forti abbastanza per essere lasciate sole.

“Nel governo afghano abbiamo un partner serio che vuole il nostro aiuto”, ha insistito Obama. “La nostra missione non cambia, le nostre truppe si concentreranno sull’addestramento degli afghani e sulla lotta al terrorismo”.

Una scelta necessaria quindi, ma anche una delusione personale? “Non è una delusione. Come ho detto più volte, il mio approccio è quello di valutare la situazione, effettuando aggiustamenti dove e quando necessario. Non è la prima volta che accade e probabilmente non sarà l’ultima”.

L”aggiustamento’ era nell’aria da giorni. Decisiva è risultata la situazione sul terreno. Kunduz sotto assedio, presa dai talebani, poi costretti al ritiro ma solo dopo giorni di furiosi combattimenti (e dopo l’errore fatale del bombardamento dell’ospedale di Msf), rende concreto il timore che il pericolo si sposti adesso dalle aree rurali ai centri urbani, con quello che è visto come un cambio di tattica strategico degli insorti.

Mentre proprio ieri i talebani afghani si fanno vivi lanciando il loro di messaggio: sostengono di essere pronti ad “un negoziato con tutte le parti interessate” per porre fine ai combattimenti a condizione, sottolineano, che “termini l’occupazione” del territorio afghano e che “le truppe straniere si ritirino”.

(Anna Lisa Rapanà/Ansa)

Ultima ora

12:37Comune trapanese cura gatto malato di Aids, ed è polemica

(ANSA) - PALERMO, 14 DIC - E' polemica a Campobello di Mazara (Tp) per la spesa che il comune ha sostenuto per curare un gatto randagio affetto dall'Aids felino. Costo per l'assistenza 2.120 euro. Il 30 dicembre 2016 l'animale malato fu segnalato alla polizia municipale da un cittadino. Gli agenti lo fecero visitare a un veterinario. Poi il trasporto alla clinica San Vito di Mazara del Vallo. Da lì è iniziato l'iter d'assistenza per capire la patologia: le analisi del sangue, quelli specifici contro i virus e la diagnosi. Per il gatto, riporta il Giornale di Sicilia, è iniziata la cura farmacologia. "Nel centro il felino è rimasto dal 30 dicembre 2016 al 28 febbraio scorso - spiega Giuliano Panierino, comandante della polizia municipale - poi, è rimasto ancora lì sino al 7 aprile prima che un' associazione, lo adottasse". La determina di spesa ha scatenato le critiche del gruppo Io amo Campobello. "L' urgenza dell'intervento non ci ha consentito di coinvolgere l'Asp", replica Panierino. (ANSA).

12:21Moschea Firenze nascerà su terreno venduto dalla Diocesi

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - Una nuova moschea nascerà su un terreno nel comune di Sesto Fiorentino (Firenze), attualmente di proprietà della curia di Firenze. La notizia, anticipata oggi dal quotidiano La Nazione, è confermata da una nota congiunta di Comune di Sesto, Arcidiocesi di Firenze, Università di Firenze e Associazione per la Moschea di Firenze. L'operazione potrebbe dunque rappresentare una soluzione all'annosa questione della ricerca di un terreno su cui far sorgere il luogo di culto islamico, risoltasi per ora negativamente quanto a disponibilità di siti nel territorio comunale di Firenze. Un protocollo d'intesa che sarà firmato venerdì prevede che l'Arcidiocesi, ceda a titolo oneroso la proprietà dell'area alla Comunità musulmana della provincia di Firenze affinché possa realizzarvi una moschea e un centro culturale islamico. Contestualmente l'Arcidiocesi otterrà, a titolo oneroso, un altro terreno di proprietà dell'Università nell'area del Polo scientifico di Sesto sul quale realizzare un centro religioso.

12:17Somalia: bilancio attentato sale a 17 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' salito a 17 morti e oltre 20 feriti il bilancio di un attentato suicida rivendicato dagli Shabaab a Mogadiscio, in Somalia.

12:04Migranti: Ungheria, bene Tusk su quote obbligatorie

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Tusk ha detto la verità sulle quote obbligatorie" per le relocation dei richiedenti asilo. Lo ha detto il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto all'agenzia di stampa magiara Mti. "Finalmente un leader europeo serio, il presidente del Consiglio europeo, che è la posizione numero uno dell'Ue - afferma Szijjarto - ha detto una verità già ampiamente conosciuta. Le quote obbligatorie sono inefficaci e divisive. La migrazione illegale deve essere fermata. Alcuni burocrati di Bruxelles continuano ad organizzarla".

12:00Russia: Putin, correrò alle elezioni da indipendente

(ANSA) - MOSCA, 14 DIC - Vladimir Putin si candiderà da indipendente alle prossime elezioni. Lo ha rivelato durante la conferenza stampa di fine anno. "Conto - ha detto - di avere il sostegno di tutte quelle forze politiche che hanno a cuore lo sviluppo del nostro paese e, naturalmente, anche del popolo russo".

11:49Sci: da Uni l’abc sicurezza sulla neve

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Con la stagione sciistica alle porte e in attesa delle grandi nevicate gli amanti degli sport invernali si preparano ai weekend e alle vacanze sulla neve. Con più di 2.300 impianti di risalita, circa 300 stazioni sciistiche di rilievo con 7.800 km di piste da sci alpino e 13.400 km di piste da fondo che ospitano ogni anno oltre 3,5 milioni di sportivi l'Italia rappresenta una destinazione molto gettonata dagli amanti della neve. Per chi pratica sport invernali diventa fondamentale osservare alcune norme di sicurezza: sicurezza che riguarda le attrezzature impiegate (caschi, occhialoni, sci, attacchi, scarponi …) che devono essere a norma, il comportamento adeguato che si deve mantenere sulle piste e la segnaletica. Ecco perché UNI - anche quest'anno - ha pubblicato una nuova edizione della guida "Neve in pista… casco in testa". Novità dell'edizione di quest'anno è la nuova norma UNI EN 16716 "Sistemi di airbag da valanga - Requisiti di sicurezza e metodi di prova".

11:44Mafia: perquisizioni a fiancheggiatori Messina Denaro

(ANSA) - PALERMO, 14 DIC - Duecento agenti della Squadra Mobile di Palermo e dello Sco stanno effettuando decine di perquisizioni nella zona di Castelvetrano, in provincia di Trapani, paese del boss latitante Matteo Messina Denaro. Il blitz è coordinato dalla dda di Palermo. Le perquisizioni sono in corso nelle abitazioni di una trentina di fiancheggiatori del capomafia, tutti indagati per favoreggiamento.

Archivio Ultima ora