Accordo Usa-Russia sui cieli. Assad ha sei mesi e poi via

Pubblicato il 20 ottobre 2015 da redazione

A handout photo released by the official Syrian Arab News Agency (SANA) shows Syrian President Bashar al-Assad delivering a speech during a meeting with heads and members of public organizations, vocational syndicates, and chambers of industry, trade, agriculture and tourism in Damascus, Syria, 26 July 2015.

A handout photo released by the official Syrian Arab News Agency (SANA) shows Syrian President Bashar al-Assad delivering a speech during a meeting with heads and members of public organizations, vocational syndicates, and chambers of industry, trade, agriculture and tourism in Damascus, Syria, 26 July 2015.

MOSCA. – Una exit strategy di sei mesi per il presidente siriano Bashar al Assad. I media turchi rivelano un piano citando fonti riservate del governo di Ankara e tirano in ballo una mediazione della Nato.

L’Alleanza Atlantica smentisce ma sottolinea il suo supporto agli sforzi internazionali per trovare una soluzione politica. Sul futuro del presidente siriano, dunque, è buio pesto, mentre Russia e Stati Uniti trovano un accordo “tecnico” per evitare incidenti aerei nei sempre più affollati cieli siriani.

E’ il ministero della Difesa russo a dare per primo la notizia, poi confermata dal Pentagono. Intanto l’ambasciata di Mosca a Damasco smentisce la notizia della Reuters sulla morte di tre russi nell’offensiva governativa di terra a Latakia.

In base al presunto piano per l’uscita di scena di Assad, che avrebbe il via libero della Turchia, il presidente siriano manterrebbe per un periodo di transizione di 6 mesi un ruolo di fatto simbolico, avviando un graduale passaggio di potere.

“I lavori su un piano per la partenza di Assad sono in corso. Potrebbe restare sei mesi e noi lo accetteremmo perché ci sarebbe una garanzia di una sua partenza. Siamo andati avanti su questo tema fino a un certo punto con gli Stati Uniti e altri alleati”, spiegano le fonti turche, secondo cui il piano verrà sottoposto dagli Usa alla Russia. “Non c’è un accordo su quando questo periodo di 6 mesi comincerebbe, ma pensiamo che non sarà tra molto”, aggiungono da Ankara.

“La Nato non è coinvolta nella discussione internazionale sul futuro del presidente siriano. Noi sosteniamo tutti gli sforzi internazionali per trovare una soluzione politica”, spiega invece da Bruxelles un dirigente dell’Alleanza, sottolineando che “la Nato come organizzazione non è coinvolta negli sforzi della coalizione anti-Isis, anche se tutti i suoi alleati partecipano a quello sforzo”.

Secondo il quotidiano filo-governativo turco Yeni Safak, del possibile ruolo di Assad in un periodo di transizione avrebbero discusso il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo Recep Tayyip Erdogan nel corso della visita di quest’ultimo a Mosca del mese scorso.

Non è chiaro quale sarebbe il destino di Assad dopo un eventuale abbandono del potere. Le stesse fonti turche sostengono che la Russia sta cercando un esilio sicuro per lui e la sua famiglia, ma non sarebbe disposta a ospitarli nel suo territorio per evitare conflitti diplomatici con i Paesi occidentali.

Intanto l’Osservatorio siriano per i diritti umani (Ondus) con base a Londra rilancia le accuse a Mosca di uccidere anche i civili nei suoi raid: nelle prime tre settimane, sostiene, i jet russi hanno ucciso 370 persone, di cui 127 civili, compresi 36 bambini e 34 donne.

Le altre 243 vittime sono combattenti di diversi gruppi: Isis, al-Nusra (la branca siriana di Al-Qaida), ma anche i ribelli anti Assad e quelli di altre fazioni islamiche. Gli attacchi aerei più letali, denuncia l’ong, sono stati effettuati ieri lungo la costa siriana, nella zona di Jabal al-Akrad (controllata dai ribelli), nella provincia di Latakia, dove sono morte almeno 45 persone (tra combattenti e civili) mentre molte altre sono rimaste ferite.

Secondo il comitato di coordinamento locale (Lcc), un altro gruppo di monitoraggio gestito da attivisti, nella stessa provincia le vittime sarebbero 57, in gran parte per gli strike russi.

Entrambe le ong riferiscono che nei raid ha perso la vita anche Basil Zamo, ex capitano dell’esercito siriano diventato comandante della prima divisione costiera, una fazione ribelle attiva nella zona e operante sotto l’ombrello dell’Esercito siriano libero (Esl), sostenuto dagli Usa anche con missili anti tank.

Il comandante di un gruppo analogo, le Brigate Nour al-Din al-Zinki, è stato ucciso invece nei combattimenti a sud della città di Aleppo, nell’ambito dell’offensiva di terra lanciata dall’esercito di Damasco.

Intanto Putin ha ribadito il suo apprezzamento per l’intervento aereo in Siria, ammonendo che i jihadisti dell’Isis “dopo aver stabilito la propria roccaforte in Siria e in altri paesi mediorientali, progettavano e progettano tuttora un’ulteriore espansione per destabilizzare la situazione in altre regioni”.

L’Isis “ha reclutato e continua a reclutare combattenti in molti Paesi, inclusi purtroppo la Russia e altri Stati della Csi”, ha aggiunto, mentre in Russia aumentano le retate di presunti simpatizzanti o membri dell’Isis.

Ultima ora

18:32Calcio: Barzagli, rinnoverò presto con la Juve

(ANSA) - TORINO, 15 DIC - "Il rinnovo? Stiamo discutendo con la società, non ho firmato ma non c'è ansia: vedremo nelle prossime settimane o mesi". Andrea Barzagli conferma a Sky l'intenzione di proseguire con la Juventus, ma chiude la porta al ritorno in Nazionale. "Ho fatto il mio tempo, è giusto - dice il difensore bianconero - Peccato aver lasciare nel modo peggiore. Penso sia giusto ripartire con una Nazionale più giovane, abbiamo tempo per farla crescere. Speriamo sia rivoluzione, ma sensata. Nella rinascita della Juventus "ci ha messo molto del suo Allegri prosegue Barzagli - La cosa più importante è aver ricominciato a far fatica quello che alla fine ti fa vincere le partite e i campionati. Dybala è molto bravo a capire gli altri, quindi ha preso positivamente le parole di Nedved e Buffon: speriamo - conclude il difensore della Juventus - scatti qualcosa e lo faccia tornare quello di sempre".

18:22Mondiali: Rajoy, Spagna andrà in Russia e vincerà

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - La Spagna giocherà la Coppa del Mondo in Russia. "Non vedo altri scenari - ha detto il premier spagnolo, Mariano Rajoy, commentando le voci che potrebbero vedere escluse le Furie Rosse per ingerenze del Governo iberico sulle elezioni del presidente federale - sono assolutamente convinto che la Spagna andrà ai Mondiali in Russia e, inoltre, che vincerà", ha spiegato il premier aggiungendo di aver saputo che "il ministro dello Sport, Inigo Mendez de Vigo, non ha ricevuto alcun avviso dalla Fifa, solo una lettera di alcuni dirigenti della Federcalcio mondiale che chiedono di essere ascoltati", ha aggiunto Rajoy.

18:21Corea Nord: Tillerson, ‘inazione inaccettabile’

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - La Corea del Nord continua a rappresentare la piu' grande minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e del mondo. Lo ha detto il segretario di Stato americano Rex Tillerson: "L'inazione e' inaccettabile", ha detto Tillerson in Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

18:13Natale: paese-palcoscenico per Natività a Casole d’Elsa

(ANSA) - CASOLE D'ELSA (SIENA), 15 DIC - Un piccolo comune trasformato in un palcoscenico per una rappresentazione della Natività open air che coinvolgerà il paese: 350 le persone impegnate tra attori e comparse - altre 60 saranno invece 'dietro' le quinte' - e 100 gli animali impiegati tra cui cammelli, asini, pecore, galline. E' 'Praesepium', natività in forma di spettacolo, che andrà in scena, dalle 15 alle 19, del 26 e 30 dicembre e dell'1, 6 e 7 gennaio a Casole d'Elsa, nel Senese, che già dal 1998 ospitava, con cadenza biennale, un presepe vivente: 12mila i visitatori nel 2015. Promosso dall'Associazione 'CasoleEventi', la rappresentazione teatrale all'aria aperta si svolgerà per le vie del centro storico di Casole: su una superficie di 30.000 metri quadrati si svolgeranno in contemporanea 30 scene, da quelle classiche della Natività a quelle di un villaggio dell'epoca. Ci sarà cibo cucinato sul momento, compreso il pane e frutta fresca ad arricchire i banchetti. Sarà anche realizzata una 'via dei profumi'", con incensi, candele ed erbe aromatiche. Il pubblico attraverserà la rappresentazione senza dover interagire.(ANSA).

18:12Maltempo: forte mareggiata a Capri, collegamenti sospesi

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 15 DIC - Sono di nuovo sospesi da oggi pomeriggio i collegamenti marittimi con l'isola di Capri colpita da una forte mareggiata. Il maltempo ha portato all'interruzione totale dei collegamenti di linea con la terraferma. Questa mattina le prime interruzioni, poi nel pomeriggio il peggioramento delle condizioni meteomarine ha portato alla soppressione totale delle corse di traghetti e aliscafi.

18:08Calcio: Spalletti, Pordenone non è stato sottovalutato

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 15 DIC - "Facendo giocare tutto un reparto nuovo non li ho agevolati. La differenza l'ha fatta la mia scelta. Non è vero che i calciatori non si sono impegnati o che abbiano preso sottogamba la partita contro il Pordenone": lo dice l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti sulla partita di Coppa Italia di martedì scorso contro il Pordenone, alla vigilia di quella di campionato con l'Udinese. "Se metto Karamoh - che era dispiaciutissimo per le occasioni che non ha concretizzato - per 30 minuti in una squadra che per 8/11 è sempre la stessa, vi farà vedere le sue qualità, così come Cancelo". Spalletti spiega anche motiva la squadra nerazzurra prima delle partite: "Io riporto spesso un esempio prima delle partite: vengo dalla campagna vera, dalla natura, so quale è il comportamento di un predatore con la sua preda: non valuta mai la stazza della sua vittima, ci mette sempre la stessa forza".

17:42Etruria:Di Battista,Boschi da due anni prende per culo gente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Banalizzare le proprie immense responsabilità politiche chiudendosi nel guscio del sessismo lo considero volgare e stucchevole. Oltretutto, questo atteggiamento rafforza le discriminazioni già presenti nel nostro Paese. Se un domani rinunciassi ad attaccare politicamente un Ministro solo perché donna mi macchierei io stesso di un atto discriminatorio. Noi attacchiamo con forza la Boschi non in quanto donna (difesa ridicola) ma in quanto Maria Elena Boschi, un politico che da due anni prende per il culo gli italiani, tutti gli italiani: uomini e donne!". Lo scrive su facebook Alessandro di Battista, deputato M5s

Archivio Ultima ora