Bce insegue inflazione, echi guerra valute con Usa e Cina

Pubblicato il 24 ottobre 2015 da redazione

tassi-Bce-taglio

ROMA. – C’è un passaggio, nella conferenza stampa della Bce dell’altro giorno, in cui il vice di Mario Draghi, il portoghese Vitor Constancio, ha fatto balenare l’esempio della Banca nazionale svizzera, pronta a mandare i suoi tassi ancora più sottozero per contrastare l’apprezzamento del franco.

Piccole frecciatine fra banchieri, che però raccontano il clima che domina nei negoziati globali: le banche centrali sono ormai disperatamente a caccia d’inflazione, sempre sospese fra la necessità di collaborare nei forum del G20 o di Basilea, e l’antagonismo a colpi di svalutazioni che riecheggia la mai veramente sopita ‘guerra delle valute’.

La Bce non si tirerà indietro e l’euro piomba sotto 1,10 dollari per la prima votla da agosto. Draghi ha praticamente annunciato che l’Eurotower a dicembre rafforzerà il quantitative easing e sta pensando di tagliare il tasso sui depositi anche sotto l’attuale -0,20%, definito un anno fa la soglia minima: una misura, quest’ultima, che amplierebbe il ventaglio di debito pubblico che la Bce può comprare, ma soprattutto svaluterebbe con decisione l’euro.

Le nuove stime degli economisti, pubblicate ieri ma già da giorni sul tavolo dei governatori, disegnano una ripresa anemica e fanno sfumare l’obiettivo di un’inflazione che si avvicina all’obiettivo del 2% nel medio termine, con il 2017 che si ferma ad appena 1,5%.

E’ con Washington la partita principale di Draghi. Per sostenere l’export europeo e far risalire i prezzi in un contesto di pressioni deflazionistiche globali, il banchiere italiano deve riportare l’euro stabilmente verso la parità sul dollaro.

Ci riuscirà se la Fed, a dicembre, si deciderà ad alzare i tassi per la prima volta dal 2006. Ma la Fed si riunisce due settimane dopo il consiglio della Bce del 3 dicembre e Janet Yellen potrebbe decidere di aspettare ancora, sparigliando le carte.

E’ forse per questo, si sussurra fra gli operatori delle valute, che Draghi ha tirato fuori una sorta di ‘carta di riserva’, quel taglio del tasso sui depositi che potrebbe materializzarsi se i mercati, nelle prossime settimane, non inizieranno a mettere in conto un rialzo della Fed.

La Cina non sta a guardare. A meno di 24 ore dalle parole di Draghi, ha tagliato nuovamente i tassi, di un quarto di punto. Per evitare un atterraggio disastroso della sua economia, il Dragone cinese prepara nuovi tagli ed è sempre presente nella partita a scacchi planetaria dei cambi: starà pure riorientando il suo modello economico verso i consumi come chiedono Washington e il Fmi (che ringrazia preparando l’ingresso dello yuan nel club prestigioso delle sue valute di riserva), ma certo non rinuncia a sostenere il suo export.

Fra questi giganti globali, Paesi come Svezia, Danimarca corrono ai ripari per stare agganciati all’euro. E la Svizzera ricorda che può tagliare ancora, dopo aver accumulato qualcosa come 566 miliardi di dollari in valuta estera per tenere a freno il franco raggiungendo un’espansione monetaria giapponese.

“Per difendere il cambio hanno un bilancio più grande del nostro rispetto al Pil”, ha osservato Constancio con una punta di critica. Ma forse era l’avvertimento che, nell’era della deflazione globale e dei tassi negativi, la Bce ha ancora molte frecce al suo arco.

(di Domenico Conti/Ansa)

Ultima ora

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

09:59Somalia: kamikaze contro polizia, almeno 10 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' di almeno 10 morti il bilancio di un attacco contro una accademia di polizia a Mogadiscio. Un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l'addestramento del mattino.

09:57Birmania: Msf, almeno 6.700 Rohingya uccisi in un mese

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Almeno 6.700 Rohingya, inclusi 730 bambini sotto ai 5 anni, sono stati uccisi tra agosto e settembre scorsi in Birmania: lo denuncia Medici senza Frontiere (Msf) in uno studio pubblicato online. Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime, scrive la Bbc, la maggior parte indicate come "terroristi islamici". Dalle violenze di agosto sono oltre 645.000 i Rohingya fuggiti in Bangladesh, afferma Msf. La maggior parte delle vittime, stima Msf, sono state uccise da colpi di arma da fuoco, molte altre bruciate vive nelle proprie case date alle fiamme o picchiate a morte. "I numeri sono sottostimati, non abbiamo monitorato tutti i campi rifugiati", spiega Msf, che ha raccolto testimonianze tra i Rohingya fuggiti in Bangladesh: "Abbiamo resoconti su intere famiglie bloccate nelle case poi date alle fiamme". Sulla base dei dati esaminati, Msf stima che le vittime nel mese di agosto possano superare le 13.000 persone.

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

Archivio Ultima ora