Gp Usa: si avvicina l’uragano Patricia, cancellate seconde prove libere

Ferrari driver Sebastian Vettel, of Germany, steers his car during the first practice session for the Formula One U.S. Grand Prix auto race at the Circuit of the Americas, Friday, Oct. 23, 2015, in Austin, Texas. (ANSA/AP Photo/John Locher)
Ferrari driver Sebastian Vettel, of Germany, steers his car during the first practice session for the Formula One U.S. Grand Prix auto race at the Circuit of the Americas, Friday, Oct. 23, 2015, in Austin, Texas. (ANSA/AP Photo/John Locher)
Ferrari driver Sebastian Vettel, of Germany, steers his car during the first practice session for the Formula One U.S. Grand Prix auto race at the Circuit of the Americas, Friday, Oct. 23, 2015, in Austin, Texas. (ANSA/AP Photo/John Locher)

AUSTIN – E’ la pioggia la vera protagonista della prima giornata di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti.

Un violento temporale si è abbattuto su Austin, Texas, ieri nel primo pomeriggio statunitense, proprio in concomitanza con il programmato avvio della seconda sessione di prove.

Prove che sono state prima rinviate “a tempo indeterminato” e successivamente annullate – dato che per le prossime ore non sarebbe stato possibile far alzare in volo l’elicottero medico, vincolante per poter correre in pista – a causa del tenuto arrivo dell’uragano ‘Patricia’ che già ha cominciato ad avvicinarsi minaccioso alla costa messicana (arrivo previsto per le 23 italiane): la forte pioggia che da ore sta cadendo su Austin, ha reso impraticabile il tracciato, investito da una vera e propria bufera d’acqua che ha costretto gli organizzatori a rimandare la sessione che, date le pessime condizioni meteo, sono state poi definitivamente cancellate.

E le previsioni, con i fulmini che si stanno abbattendo sulla pista texana e gli spettatori frettolosamente fatto allontanare, non promettono nulla di buono nemmeno per la giornata di qualifiche ufficiali.

Sotto la pioggia si era svolta anche la prima sessione di prove libere, nelle quali il tedesco Nico Rosberg, ancora in corsa per il Mondiale, aveva fatto segnare il miglior tempo con la sua Mercedes.

Il tedesco aveva chiuso il suo giro più veloce in 1’53”989, precedendo di oltre 1,2 secondi la Red Bull del russo Danil Kvyat e di 1,6 l’altra monoposto anglo-austriaca dell’australiano Daniel Ricciardo.

Quinto tempo per il leader del Mondiale, Lewis Hamilton, e sesto per la prima delle due Ferrari, quella condotta da Sebastian Vettel.

Il loro distacco da Rosberg, nella prima sessione di prove libere, era di 1,7 secondi. Kimi Raikkonen, con l’altra Ferrari, aveva ottenuto l’ottavo tempo ma ad oltre 2,3 secondi dalla vetta.

Condividi: