Chievo Napoli 0-1. Higuain gol d’autore vale il secondo posto

Napoli's Gonzalo Higuain (l) in action during the italian serie A soccer match AC Chievo Verona ? SSC Napoli at Bentegodi stadium in Verona, 25 October 2015. ANSA / FILIPPO VENEZIA
Napoli's Gonzalo Higuain (l) in action during the italian serie A soccer match AC Chievo Verona ? SSC Napoli at Bentegodi stadium in Verona, 25 October 2015. ANSA / FILIPPO VENEZIA
Napoli’s Gonzalo Higuain (l) in action during the italian serie A soccer match AC Chievo Verona ? SSC Napoli at Bentegodi stadium in Verona, 25 October 2015. ANSA / FILIPPO VENEZIA

ROMA. – Vola il Napoli. La squadra di Sarri passa anche al Bentegodi di Verona grazie alla ritrovata verve lontano dal San Paolo di Gonzalo Higuain: con questi tre punti gli azzurri salgono al 2/o posto a 18 punti, in compagnia di Inter, Lazio e Fiorentina, due punti sotto la nuova capolista Roma.

Gli ospiti fanno la gara, hanno qualità tecnica decisamente superiore, ma è una supremazia sterile, che ruba gli occhi e niente più. Quando ci vuole concretezza, quando occorre la giocata si d’autore ma che incida davvero ecco che Higuain fa la differenza. L’argentino è devastante, è lui che rompe gli equilibri che fa pendere la bilancia a favore del Napoli. Già nel primo tempo Higuain mette a dura prova la retroguardia del Chievo.

Solo la sfortuna, sotto forma di due pali, non consente a Higuain e soci di andare al riposo con almeno una rete di vantaggio. Due i legni colpiti dall’ argentino, davvero scatenato dalle parti di Bizzarri.

Il Napoli fa girare bene palla, ma i gialloblu di casa si chiudono bene e cercano le ripartenze con Paloschi e Meggiorini.

Acuto di Callejon all’8′: tiro e respinta immediata del portiere Bizzarri. Il Chievo però si divora il vantaggio un minuto dopo: 3 contro 3 al limite dell’area azzurra e tutto solo davanti a Reina Castro prova un pallonetto che finisce fuori. Al 21′ arriva il primo palo colpito da Higuain, al 30′ secondo palo, questa volta interno, del “Pipita”.

Nella ripresa passano i minuti e il Napoli non sfonda. Insigne ci prova al 10′ da fuori area, ma Bizzarri dice no. Al 14′ però il match si sblocca: cross di Ghoulam sul primo palo e botta di prima di sinistro di Higuian che piega le mani a Bizzarri.

Higuain potrebbe anche raddoppiare due minuti dopo, ma spara alto. Nel finale Maran getta in campo tutte le armi a sua disposizione, inserendo Birsa, poi Pellissier e infine Inglese. Il Chievo reclama un rigore per un mano di Higuain in mischia, Maran viene espulso.

Il Chievo non molla sino allo scadere, ma il Napoli sa resistere, è squadra vera, in grado anche di lottare sino alla fine per portare a casa tre punti importanti. Sarri di scudetto non vuole parlare, ma una squadra che ha un attaccante dal valore mondiale come Higuain non può nascondersi.

Condividi: