Usa 2016: Trump-Carson, è sfida all’ultima provocazione

Pubblicato il 26 ottobre 2015 da redazione

usa-2016-trump-all-attacco-rivali

NEW YORK. – Ormai è una sfida a chi la spara più grossa. Così molti osservatori dipingono il duello tra i due candidati repubblicani alla Casa Bianca che finora hanno raccolto più consensi: Donald Trump e Ben Carson.

Due ‘maestri’ della provocazione estrema che per il momento hanno eclissato il moderato Jeb Bush, l’uomo dell’establishment del partito, che però spera in un effetto boomerang. Spera che i toni da “ultras” usati dai suoi due avversari alla lunga li brucino definitivamente.

Un auspicio, appunto, visto che per adesso i sondaggi sembrano premiare solo chi ha deciso di andare oltre le righe, di puntare su un linguaggio diretto quanto politicamente scorretto.

Ecco allora che, dopo mesi di dominio incontrastato del vulcanico Donald Trump, nelle ultime settimane Ben Carson appare a sua volta protagonista di una irresistibile ascesa. Tanto che adesso in Iowa, lo stato da dove partiranno le primarie, surclassa il magnate newyorkese, staccandolo di ben 15 punti.

Eppure l’ex chirurgo afroamericano negli ultimi giorni ha infilato una gaffe dopo l’altra. Ma gaffe volute, tese a provocare e a sfidare sul suo stesso terreno Trump, che ultimamente aveva deciso di moderare i toni convinto della sua supremazia.

Così Carson ha paragonato le donne che abortiscono ai proprietari di schiavi, che si sentivano in diritto di fare ciò che volevano di quelle vite umane. E per esprimere la sua contrarietà alla stretta sulle armi da fuoco ha tentato di spiegare che non ci sarebbe stato l’Olocausto se Hitler non avesse prima disarmato gli ebrei tedeschi.

Non contento, ha affermato che Hillary Clinton dovrebbe finire in galera per le sue responsabilità nell’attentato al consolato Usa di Bengasi del 2012.

E – ancora con un riferimento alla storia degli afroamericani – ha definito la riforma sanitaria varata da Barack Obama “la cosa peggiore in America dall’epoca della schiavitù”. Chiude la carrellata degli “orrori” la gaffe sull’eroe della strage all’università dell’Oregon, dove sono morte 9 persone.

Lui ha fatto da scudo a molti studenti, salvandoli e prendendo al posto loro una gragnola di colpi: “Invece di stare lì fermo e farsi colpire poteva affrontare il killer, avrebbe evitato la strage”, è stato l’incredibile commento di Carson.

Ha un bel dire in queste ore Trump che il suo rivale “è più moscio di Jeb Bush”. Il re newyorkese del mattone sente per la prima volta la pressione, e rilancia con una delle sue: “Se dittatori come Saddam Houssein e Gheddafi fossero ancora in vita il mondo sarebbe migliore”.

Niente a che vedere con il suo exploit sugli immigrati messicani “ladri e violentatori”, ma il tentativo di riprendersi la scena. E se Bush spera (in queste ore sta spostando uomini e mezzi della sua campagna proprio in Iowa e New Hamphire, dove partirà la corsa per la nomination) Hillary Clinton continua a sorridere.

Il suo “mese perfetto” (dal trionfo al primo dibattito tv a quello davanti alla commissione di inchiesta su Bengasi, passando per il passo indietro di Joe Biden) si chiude con la festa per i suoi 68 anni.

E gli ultimi sondaggi le regalano una leadership quasi incontrastata un po’ ovunque, a partire da quell’Iowa che nel 2008 decretò il tramonto della sua candidatura.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora