Olimpiadi: Bach, Rio 2016 prima volta atleti rifugiati

(ANSA) – NEW YORK, 27 OTT – Mentre in molte parti del mondo si discute del dramma dei rifugiati, dal Palazzo di Vetro dell’Onu arriva l’annuncio del presidente del Cio Thomas Bach: se tra loro, ovvero i rifugiati, ci sono atleti di alto livello, potranno partecipare alle Olimpiadi. Ciò avverrà in occasione dei Giochi di Rio 2016, a cui il team dei rifugiati parteciperà con i colori della bandiera olimpica e con l’esecuzione dell’inno olimpico se qualcuno di loro dovesse finire sul podio.

Condividi: