L’economia, i giovani e i parametri di confronto

Pubblicato il 27 ottobre 2015 da redazione

harina

“¡Coño, mira cuántos tipos de leche!” E’ la reazione, tra l’altro più che giustificata, del giovane venezuelano o italo-venezuelano che, nato meno di 16 anni fa, ha avuto la fortuna di recarsi all’estero durante le vacanze estive. Ai suoi occhi si è aperto un mondo, una realtà sconosciuta e sorprendente. Una realtà, sia detto per inciso, che vivono anche tanti paesi latinoamericani, pure quelliche non hanno le ricchezze naturali del Venezuela.

In un’intervista recente, al margine della manifestazione culturale “Hay Festival en la Ciudad de Mèxico”, Jon Lee Anderson, il noto giornalista del “The New Yorker” che da oltre 30 anni racconta i conflitti nel mondo, ha tracciatocon poche parole una radiografia singolare del nostro Paese.

– Non avevo mai visto un paese senza guerra così devastato come il Venezuela – ha commentato -. E’ una nazione che si fa a pezzi da sola. E’ come una persona che si stia scavando la propria fossa. Questo è un processo che ha iniziato il presidente Chàvez, con tutti i suoi difetti e le sue virtù. Nel suo radicalismo, però – sottolinea il perspicace giornalista –, esisteva pragmatismo. Non credo che avremmo visto tanta disperazione. Alla fine, lui stesso si sarebbe soffermato a riflettere e si sarebbe chiesto: “Che cosa stiamo facendo male?”. E avrebbe cercato la soluzione. Era un uomo pragmatico, capace di “colpi di timone”.

Solo chi ha la fortuna di recarsi all’estero ha parametri di confronto. Il benessere che si respira in altri Paesi, che pure navigano in acque agitate, contrasta con la povertà del Venezuela. E’ sufficiente visitare un supermarket in Europa. I prodotti che lì si offrono, sono tanti e tutti diversi in qualità, caratteristiche e prezzi. Il consumatore può scegliere d’accordo alle proprie risorse economiche, ai propri gusti, alle proprie credenze religiose.

E’ possibile in Venezuela? La risposta è una sola: no. Il consumatore è obbligato a scegliere tra due, al massimo tre marche di pasta, di olio, di burro, di farina… se è fortunato. E’ il governo, con le sue importazioni, a decidere la dieta del cittadino. La qualità del prodotto è irrilevante. Quel che importa è la quantità.

Altro parametro di paragone riguarda un altro aspetto fondamentale per la qualità di vita: La sicurezza. Sicurezza che si traduce nellapossibilità di fare colazione, pranzare, cenare o semplicemente assaporare un aperitivo o un “Prosecco” dopo una giornata di lavoro seduti comodamente attorno ad un tavolinetto all’aria aperta.

O semplicemente mangiare una pizza, un tramezzino o un paninoseduti su una panchina di un giardino pubblico o in una piazza senza la paura di essere “freddati” per un Samsung o un Iphone. E, per i giovani, potersi incontrare in un qualsiasi caffè per trascorrere momenti in compagnia o studiare e navigare in Internet senza dovernascondere il proprio laptop o Tablet.
Certo la corruzione, oramai, è dilagante ovunque. Ha permeato tutti gli strati della società. E’ vero. Ma è un cancro che si deve combattere quotidianamente per evitare che, come spesso accade, si trasformi in metastasi.

Oggi, in Venezuela, si assiste a un insolito spettacolo. Si annuncia un nuovo aumento dei salari. Un aumento giusto, visto l’alto costo della vita.Maprovvedimenti importanti per ricostruire gli equilibri macroeconomici sono inesistenti.I controlli di cambio e dei prezzi, sempre più estremi, non aiutano. Anzi… Contribuiscono a creare un clima di attesa e di diffidenza che retro alimenta la spirale dei prezzi.

I controlli, in economia, sono provvedimenti validi. Ma, come insegna l’esperienza, hanno i loro limiti. Provocano squilibri nell’economia se prolungati nel tempo e non accompagnati da provvedimenti paralleli, orientati a ristabilire gli equilibri macroeconomici. Pensare che i controlli possano risolvere i problemi dell’economia è come voler curare una malattia grave e contagiosa con una semplice aspirina. Non aiuta la perenne discordia tra governo e industria privata. Ora nell’occhio del ciclone si trova Lorenzo Mendoza, presidente del Consorzio Alimentare “Empresas Polar”.

Espropri e nazionalizzazioni. Sono un’arma in mano del governo. E non è del tutto inverosimile che, a poche settimane dalle elezioni, possa ripetersi con Empresas Polar quanto accadde con il consorzio Daka, accusato nel 2013 di speculazione. Il governo, di fronte alla perdita di popolarità, provocherà un “polarazo”?E’ la domanda che in molti si fanno.

L’Opposizione, dal canto suo, dovrà lottare contro i propri demoni e la mancanza di una rete di mass-media attraverso la quale far conoscere le proprie proposte. E’ questo un handicap importante. Come convincere gli indecisi se non si è in condizione di trasmettere i propri messaggi? E poi, le misure speciali applicate negli Stati di Frontiera, che tra l’altro proibisce le assemblee e le manifestazioni, proseguiranno fino alla fine dell’anno?

E’ in questo contesto che governo e Opposizione si avvicinano alla data d’inizio, più teorica che pratica in quanto è già iniziata in entrambi gli schieramenti, della campagna elettorale per il rinnovo delle cariche in Parlamento. Campagna che, nei prossimi mesi, sicuramente infuocherà gli animi e sarà il tema sul quale si

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora