Il Centro Italiano Venezuelano di Caracas in cerca di riscatto nella Pollito

Pubblicato il 27 ottobre 2015 da redazione

Pollito

CARACAS – Da oggi fino a giovedì torna la ‘Copa Pollito’, una vera e propria classica per il nuoto infantile, che in questo 2015 giunge alla sua 35ª edizione. L’invasione pacifica e sportiva di 300 giovani provenienti da diversi angoli del Venezuela avrà inizio oggi nel pomeriggio, quando nella vasca del Centro Italiano Venezolano di Caracas questi giovani pulcini si contenderanno la Coppa.

Si comincerà alle 14 con la ceremonia d’apertura, dove sfileranno le 12 delegazioni partecipanti. Oltre ai padroni di casa hanno confermato la loro presenza: ‘Centro Portugués’, ‘Sport Center Los Naranjos’, ‘Emil Friedman’, ‘Nuestra Señora del Camino’, ‘SUMA Deportes’, ‘Parque Miranda’, ‘Guayamuri’, ‘Valle Arriba Athletic Club’, ‘La Trinidad’, ‘CCS Theater Club’, ‘Hermandad Gallega’ e ‘Pirañas de Chacao’.

I circa 300 nuotatori in rappresentanza dei 12 club cercheranno di portare a casa il maggior numero di medaglie e di spodestare dal trono l’Emil Friedman, il detentore del titolo. I delfini e le sirene del Centro Italiano Venezolano si presenteranno con il dente avvelano e voglia di riscatto in un torneo che sfugge dall’edizione 2011.

Questi giovani delfini parteciperanno nelle modalità: libero, farfalla, rana, dorso, tavoletta e staffetta. Come di consueto tutti i partecipanti riceveranno una medaglia, ma quelli che arriveranno nelle prime posizioni otterrano non solo il premio, ma anche quei punti che serviranno a stilare la classifica generale al termine della competizione e determinare così il club che porterà a casa la Copa Pollito.

Da 16 anni, la delegazione azzurra infantile é allenata da “Chipi”, nome con cui i piccoli delfini chiamano affettuosamente Rafael Mendoza. In tutti questi anni la squadra di nuoto del Civ di Caracas ha ottenuto ottimi risultati a livello nazionale e tante, tantissime soddisfazioni.

Ogni anno la ‘escuelita’ sforna “piccoli grandi atleti” che ingrossano la rosa delle squadre che rappresentano il club di ‘Prados del Este’ sia a livello regionale e che a livello nazionale. Alcuni nomi noti del nuoto nazionale hanno dato “le prime bracciate” proprio nella “escuelita”, sotto gli occhi vigili ed affettuosi di un competente “team” di istruttori.

Siamo certi, che anche quest’anno la manifestazione andrà nel migliori dei modi. Dal punto di vista organizzativo, ancora una volta la “Copa Pollito” sarà esempio di eccellenza. E dal punto di vista agonistico, non ci sono dubbi: che gli atleti targati Centro Italiano Venezolano bracciata dopo bracciata strapperanno gli applausi di tutti e – come dubitarlo – qualche lacrima di genitori e nonni orgogliosi ed emozionati.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora