Inchiesta Anas: Meduri respinge accuse

(ANSA) – ROMA, 27 OTT – Si è dichiarato estraneo ai fatti negando di aver preso soldi Luigi Meduri, ex sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture, dal 2006 al 2008, del governo Prodi, finito agli arresti domiciliari per corruzione nell’ambito dell’inchiesta della procura di Roma su un giro di tangenti, e non solo, all’Anas. Per il suo difensore Antonio Managò, durante l’interrogatorio di garanzia l’indagato “ha risposto a tutte le domande spiegando di essere estraneo a qualsiasi passaggio di danaro”.

Condividi: