Con Alberto Apicella: dieci anni di studi in “Neurobiomarketing”

LIBRO_NEUROMARKETING

CARACAS.- Presso la Libreria Kalathos, apriamo la prima pagina dell’atteso Libro dal titolo ”Neurobiomarketing el Lado B” di Alberto Apicella. Stampato appunto, in Venezuela, presso “Tipografia Chacao” di Caracas.

L’attesa per la “presentazione ufficiale” è stata abbreviata dall’ansia di comprendere, conoscere, ascoltare l’autore del libro, con il proprio risultato di oltre 10 anni di studi, in “neurobiomarketing”.

Alberto Apicella è psicologo clinico, dinamico specialista in neuroscienze con “master” in statistiche applicate al marketing e dottore in Scienze Politiche. Nell’anno 2003 a Milano, ha fondato “Neurobiomarketing”, dirigendo migliaia di studi di neuromarketing nelle differenti applicazioni, ottenendo una grande esperienza accademica e professionale.

Ha inoltre creato metodi d’innovazione per studiare stimoli di marketing come “NeuroKPI”, Neurometaforas” e “NeuroAtoms”. Risiede in Venezuela dove ha costituito il chiamato “tanque del pensamiento”: “Alquimica Quimerica”, assieme a Eduardo Azancot e Stefano Dall’Olio.

Si dedica alla ricerca, sviluppo e innovazione tecnologica in neuroscienze applicate.

Il libro, che ci ripromettiamo di sfogliare assaporandone l’essenza, percependone la forma eccellente e descrittiva, apre sotto i nostri occhi, come sottolinea Alberto Apicella, la scatola nera della “emotional-compunting y la neurobiologia aplicada al marketing”.

Questo studioso, al quale abbiamo dedicato appena, modestissime righe che ne spiegano alcuni lati della personalità, è nato in Venezuela da genitori salernitani. Vive attualmente a Caracas e dirige una propria impresa che si occupa di ricerca di mercato.

Ci parla dei suoi 10 anni d’intenso lavoro… “ricerche tradizionali che privilegiano la parte razionale delle persone, quella che utilizziamo soltanto per un 10%, mentre il 90% delle nostre “scelte” sono dettate dalle emozioni”.

È bello ascoltare il nostro intervistato… è come entrare all’unisono in due mondi: il razionale ed il romantico. Ci avvincono le sue riflessioni e le sue frasi.

Poi quando ci confessa: “Io ho letto Passaporto Verde di Gaetano Bafile…” capiamo che i suoi studi innovativi e legati al futuro trovano la loro forza nel passato.

Ritroviamo in lui la genialità di chi parla di complicati “meccanismi” del pensiero e dell’anima, ma si porta dentro, come in un affresco indimenticabile, le immagini di una storia vissuta dagli italiani sbarcati in Venezuela nel dopoguerra.

Prosegue… sottolineando che questo suo libro ci spiega come comprendere ed agire a livello emozionale…

È tutto così perfetto che sembra appartenere, appunto, ad un racconto futurista… ma no… ci assicura Alberto: ”Si tratta (soltanto) del primo libro di neurobiomarketing in Venezuela, fatto da venezuelani e italiani: un gruppo di tecnici ed artisti!!!

(Anna Maria Tiziano/Voce)

Condividi: