Repubblica Dominicana: fuga dall’isola, l’intrigo di “Air Cocaine”

Pubblicato il 28 ottobre 2015 da redazione

Pascal Fauret (2 - L), one of two French pilots who fled 20 year prison terms for cocaine smuggling in the Dominican Republic, poses with his wife and members of his support committee after a press conference in Paris, France, 27 October 2015. EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON

Pascal Fauret (2 – L), one of two French pilots who fled 20 year prison terms for cocaine smuggling in the Dominican Republic, poses with his wife and members of his support committee after a press conference in Paris, France, 27 October 2015. EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON

PARIGI.- “Non scappiamo dalla giustizia, anzi, la cerchiamo. Ma fuggiamo da un Paese in cui la giustizia non esiste”: il caso Air Cocaine ha tutti gli ingredienti della spy story ma al momento è soprattutto una crisi diplomatica tra Francia e Repubblica Dominicana per la rocambolesca fuga di due piloti d’aereo condannati a 20 anni di carcere per traffico di droga e in attesa – in libertà vigilata – del processo d’appello.

Le autorità domenicane hanno annunciato di voler chiedere l’arresto con mandato internazionale per i due fuggiaschi, che hanno lasciato nel Paese centramericano due connazionali condannati come loro. E che adesso temono ritorsioni.

La fuga – organizzata nei minimi particolari – è cominciata prima su una barchetta turistica, attesa al largo di Santo Domingo da un’imbarcazione a motore più potente. A bordo ci sarebbero stati ex militari e, secondo la tv BFM, erano presenti alcuni 007 francesi.

Questa seconda barca è rimasta in mare un paio di giorni, poi ha attraccato a sull’isola franco-olandese di Saint-Martin, nelle Antille. Da lì, con un passaporto fornito dagli ex militari loro amici, si sono imbarcati su un volo privato per la Martinica, poi su un altro aereo diretto a Lione.

Secondo un’altra versione, i due sarebbero stati addirittura prelevati da un elicottero dopo aver lasciato a terra i cellulari per non essere localizzati. Quindi, il velivolo li avrebbe paracadutati in mare, dove un’imbarcazione privata li ha presi subito a bordo.

Eric Dupont-Moretti, uno dei legali dei due piloti – sui quali indagava da tempo anche la procura di Marsiglia – ha assicurato che la fuga è avvenuta “con l’aiuto di altre persone” ma ha parlato di “iniziative personali” e non di agenti diretti dalla Francia. Per il Quai d’Orsay, la Francia “non è coinvolta in alcun modo”.

In prima fila, secondo BFM, c’è invece l’eurodeputato del Front National, stretto consigliere di Marine Le Pen, Aymeric Chauprade, che da tempo conduceva una battaglia in favore dei piloti francesi. “Ho partecipato mentalmente e con il cuore a quest’azione”, si è limitato a dire l’interessato.

“Sono tornato – ha detto Pascal Fauret, l’unico dei due che si è presentato in un’improvvisata conferenza stampa disertata dal copilota Bruno Odos – per chiudere questo caso e riprendere il corso della mia vita normale”: “quando ti trovi di fronte a una giustizia che non fa inchieste, che non ti ascolta, che ti condanna a 20 anni per il solo fatto di essere francese, il mio riflesso è quello di tornare a casa, dove potrò esprimermi davanti alla giustizia”.

Fauret e Odos erano stati arrestati la notte fra il 19 e il 20 marzo 2013 mentre stavano per decollare dall’aeroporto di Punta Cana su un Falcon 50 con 680 chili di cocaina divisi in 26 valigie. A bordo c’erano anche il passeggero Nicolas Pisapia e il procacciatore d’affari Alain Castany, anche loro condannati a 20 anni e in attesa di appello come i due fuggiaschi.

Ma adesso, i familiari dei due rimasti sull’isola temono che la fuga dei due piloti possa portare immediatamente all’arresto dei loro congiunti.

(di Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

19:37Sfida tra barbieri più vecchi d’Italia

(ANSA) - CAGLIARI, 14 DIC - "L'età anagrafica non è un'opinione". Scherza Antonio Cardia, 90 anni compiuti il 23 ottobre, ma rivendica con fierezza il suo primato: quello del barbiere più longevo d'Italia. "Con l'età non si scherza - sorride mentre fa la barba ad un cliente nel suo salone di via Cimarosa, a Cagliari - con i miei 90 anni e 81 di professione a tutti gli effetti sono l'artigiano di barba e capelli più anziano, naturalmente fino a prova contraria", mette le mani avanti. Ha iniziato prestissimo Antonio. Aveva nove anni quando suo padre lo ha messo in bottega ad imparare il mestiere. A 18 anni, poi, si é messo in proprio. Ancora oggi serve quei pochi clienti che si affacciano al suo salone. Li accoglie col sorriso anche se il suo stato di salute non è più come quello di un tempo. Nel suo salone sono passate anche le vecchie glorie del Cagliari, Albertosi, Domenghini, Boninsegna, Brugnera. "Son venuti alcuni amici a dirmi che il barbiere più longevo d'Italia sarebbe Sergio, di Brescello, in Emilia Romagna, ma non è proprio così, se lui ha 83 anni ed esercita dall'età di 10, fanno 73 anni di lavoro. Ne mancano otto - dice sfoderando un altro dei suoi sorrisi - e io ne ho sette in più, gli auguro di superare il mio primato, con tutto il cuore. Anzi lo invito in Sardegna per visitare il mio salone. Lui é più giovane e può affrontare anche il disagio di un viaggio e qui il clima è sempre bello. Colgo l'occasione di questa bella storia di Sergio, che mi ha commosso, per esprimere la mia solidarietà a lui e alla popolazione colpita dall'alluvione".

19:35India: scontro armato in Telangana, uccisi 8 maoisti

(ANSA) - NEW DELHI, 14 DIC - Otto militanti maoisti sono stati uccisi oggi in uno scontro a fuoco con le forze di sicurezza nello Stato indiano centrale di Telangana. Lo riferisce il quotidiano The Indian Express. Nella sua pagina online il giornale precisa che lo scontro si è svolto nel villaggio di Tekulapalli del distretto di Bhadradri Kothagudem e che, cominciato ieri sera, si è concluso solo all'alba di oggi. Secondo la polizia il drappello di militanti era formato da 17 uomini, di cui otto sono morti nella battaglia mentre altri nove sono riusciti a fuggire. Da anni formazioni maoiste, che vengono conosciute in India come 'naxaliti', contrastano le forze di sicurezza in una decina di Stati della cosiddetta 'fascia rossa' orientale che dal Bihar a nord si spinge fino al Telangana.

19:29Fiorentina: Corvino, siamo in un bel momento

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - ''La vittoria di ieri è stata il 5/o risultato utile di fila, aver superato il turno davanti alla nostra gente contro un avversario come la Sampdoria è stato un momento molto bello, speriamo ne possano arrivare altri''. Così il dg dell'area tecnica della Fiorentina, Pantaleo Corvino, oggi a nel carcere di Sollicciano per partecipare al progetto Uisp 'Sport in libertà'. ''Per noi sarà una stagione utile per capire quanto sono forti le fondamenta messe per il futuro. I Della Valle? Non sono presenti fisicamente ma sentiamo la loro vicinanza''. Intanto la squadra è tornata ad allenarsi per preparare la gara col Genoa. Tra i più attesi l'ex Simeone e il centrocampista francese Veretout reduce dalla doppietta di ieri, fra gli acquisti più positivi dell'ultimo mercato. ''Quando ho puntato su di lui era già per me un calciatore affermato - ha detto Corvino - Fa piacere che tanti stiamo scoprendo le sue potenzialità e quelle di altri nostri giocatori: nostro compito è far innamorare dei nuovi arrivati''.

19:28Siria: ong, 23 civili uccisi in raid Coalizione Usa

(ANSAmed) - BEIRUT, 14 DIC - Ventitré persone imparentate tra loro, di cui otto bambini o adolescenti minorenni, sono stati uccisi in un raid compiuto da aerei della Coalizione internazionale a guida Usa in un villaggio nell'est della Siria, secondo quanto riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Il bombardamento è stato compiuto sul villaggio di Al Jerthi, nella provincia di Deyr az Zor, in appoggio alle milizie a maggioranza curda che combattono l'Isis.

19:27Scomparsa nell’Aretino: pena ridotta a 25 anni per frate

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - La corte d'assise d'appello di Firenze ha rimodulato la pena per padre Gratien Alabi a 25 anni di reclusione. Il religioso era stato condannato in primo grado a Arezzo a 27 anni per l'omicidio e l'occultamento di cadavere di Guerrina Piscaglia, la 50enne scomparsa il primo maggio 2014 da Ca Raffaello, la località dell'Appennino aretino dove la donna viveva e dove il religioso prestava servizio nella locale parrocchia.(ANSA).

19:20New York Times, editore Sulzberger passa timone al figlio

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Cambio della guardia generazionale al New York Times: Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'editore Arthur Ochs Sulzberger Jr., prenderà dal primo gennaio il posto del padre alla guida della Old Grey Lady. Lo ha annunciato oggi lo stesso New York Times. Sulzberger padre ha 66 anni, era editore Times dal 1992 e resterà come presidente della New York Times Company: "Non e' un arrivederci - ha annunciato allo staff - ma dal primo gennaio la grande nave che è il New York Times avrà A.G. al timone".

19:18Francia: scontro treno-scuolabus, 2 morti e 7 feriti

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - Uno scuolabus è stato investito da un treno nei pressi di Perpignan, nel sud-est della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Secondo TF1, il bilancio provvisorio è di 2 morti e 7 feriti gravi. L'incidente è avvenuto nel comune di Millas, sull'asse ferroviario Perpignan-Villefranche de Conflent, intorno alle 16.00. Tra le vittime, precisa TF1, ci sarebbero anche dei bambini.

Archivio Ultima ora