Isis: Obama medita la svolta, truppe Usa in prima linea

Pubblicato il 28 ottobre 2015 da redazione

People wave US flags as soldiers on vehicles of the 'Dragoon Ride' US Army convoy wave while on their way to a Czech army barrack in Prague, Czech Republic, 30 March 2015. EPA/FILIP SINGER

People wave US flags as soldiers on vehicles of the ‘Dragoon Ride’ US Army convoy wave while on their way to a Czech army barrack in Prague, Czech Republic, 30 March 2015. EPA/FILIP SINGER

NEW YORK. – L’amministrazione Obama potrebbe essere vicina ad una svolta nella lotta all’Isis. Il pressing sulla Casa Bianca per un maggior coinvolgimento delle truppe americane in Iraq e in Siria si fa sempre più insistente. E il cambio di strategia, con l’invio di soldati in prima linea, potrebbe essere annunciato già in settimana.

La proposta – secondo il Washington Post – arriverebbe da alcuni dei più stretti consiglieri del presidente, ed è approdata nei giorni scorsi sulla scrivania dello Studio Ovale. Prevede il dispiegamento di uomini proprio a ridosso del fronte del fuoco, per sostenere con più vigore le forze filo-occidentali in guerra con i militanti dello Stato islamico.

Non si parla ancora di truppe americane coinvolte nei combattimenti veri e propri. Ma la teoria dei ‘no boots on the ground’ – ribadita ossessivamente da Barack Obama anche nelle ultime settimane – sembra ormai vacillare.

Troppo scarsi i risultati di una campagna finora condotta quasi esclusivamente dall’alto, con quei raid aerei che hanno fermato l’avanzata dell’Isis ma hanno mostrato chiari limiti se non supportati in maniera efficace sul campo.

Lo stesso presidente avrebbe espresso negli ultimi vertici alla Casa Bianca insoddisfazione per il risultato delle operazioni e per una situazione di sostanziale stallo. Si sarebbe quindi convinto a prendere in considerazione la necessità di un’escalation dell’impegno americano.

Confortato – scrive ancora il Wp – sia dal segretario di Stato John Kerry che dal capo del Pentagono Ash Carter.

Accantonata per il momento l’ipotesi troppo costosa di creare delle ‘no fly zone’ in Siria per accogliere i rifugiati e i ribelli filo-occidentali, la Casa Bianca starebbe valutando in particolare due possibilità: dispiegare ‘consiglieri militari’ in Iraq più a ridosso delle prime linee; posizionare anche in Siria, per ora in numero limitato, uomini delle forze speciali.

Difficile dire quanti soldati in più verrebbero coinvolti. Ma l’intenzione è di attuare un piano che all’inizio non preveda grandi numeri.

Non tutti però all’interno dell’amministrazione Obama, così come nell’entourage del presidente, sarebbero d’accordo sul cambio di strategia. Nelle ultime riunioni alla Casa Bianca si parla di clima teso, di contrasti.

Qualcuno dei consiglieri del presidente teme ad esempio che una presenza americana in Siria possa portare ad una pericolosa escalation del conflitto, visto il rischio mettere gli Stati Uniti direttamente contro le truppe del regime di Assad. E, dunque, contro i due grandi alleati di Damasco: Russia e Iran.

E mentre le autorità di Teheran – riportano fonti Usa – sarebbero state per la prima volta invitate a partecipare ai colloqui della comunità internazionale sul futuro della Siria, da Mosca è arrivata una reazione stizzita per il mancato invito al vertice di Parigi. Riunione alla quale hanno partecipato, oltre alla Francia, i rappresentanti di Usa, Gb, Germania, Italia, Turchia, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Giordania e Qatar.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

13:40Calcio: Kepa e Odriozola, rinforzi spagnoli per Real Madrid

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Real Madrid è ad Abu Dhabi, dove mercoledì giocherà la seconda semifinale del Mondiale per club, contro l'Al Jazira che nei quarti ha battuto i campioni d'Asia, gli Urawa Red Diamonds giapponesi. La prima semifinale è invece quella domani tra i brasiliani del Gremio e i messicani del Pachuca. Ma a tenere banco in casa merengue è il mercato di gennaio, durante il quale la dirigenza dei campioni d'Europa vorrebbe mettere a segno un paio di colpi. L'orientamento è di puntare su giovani spagnoli, così è già stato raggiunto un accordo con il 23enne portiere dell'Athletic Bilbao, e della nazionale, Kepa Arrizabalaga. Kepa, che non rinnoverà il contratto con l'Athletic avrebbe già raggiunto, secondo quanto scrive 'Marca', un accordo della durata di 6 anni per 2,5 milioni netti a stagione. L'altro obiettivo del Real proviene anch'egli dai Paesi Baschi: si tratta del 21enne laterale destro della Real Sociedad Alvaro Odriozola, che si trasferirebbe nella capitale per giocarsi il posto con Carvajal.

13:33Orlando, Liberi e Uguali non sia bersaglio campagna Pd

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un incontro "non era previsto, ma sicuramente non considero Rossi un avversario politico. O, come dire, non riesco ancora a considerarlo un avversario politico. Quindi, sicuramente sono interessato a capire cosa sta succedendo in quell'ambito, che credo non dovrebbe essere bersaglio della nostra campagna elettorale". Lo ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando, oggi a Firenze nella sede della Regione Toscana, parlando con i giornalisti che gli chiedevano se nell'occasione avrà un colloquio 'politico' con il governatore toscano Enrico Rossi (Liberi e Uguali).

13:33Sicurezza: Milano, al via nuove misure a Palazzo Marino

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Al via le nuove misure di sicurezza a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano. A partire da oggi tutte le persone che entreranno in Comune saranno controllate dai vigili della Polizia locale, che presidiano l'ingresso, con un metal detector portatile. Inoltre saranno controllate borse e bagagli e i documenti di identità. La misura era stata annunciata dal sindaco, Giuseppe Sala, dopo il blitz di CasaPound del 29 giugno scorso nell'aula del Consiglio comunale. (ANSA).

13:29Sud: Gentiloni, condizioni per investire senza precedenti

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Abbiamo condizioni per investire e creare lavoro a Sud che sono di una convenienza senza precedenti". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, parlando al convegno promosso da "Il Mattino", a Napoli.

13:17Maltempo: Rfi, traffico ferroviario critico nel Nord-Ovest

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Traffico ferroviario ancora critico in alcune regioni del Nord-Ovest a causa del maltempo. Lo rende noto Rete Ferroviaria italiana, che ha fatto scattare il piano neve e gelo. In Piemonte la circolazione è fortemente rallentata sul nodo di Torino, in direzione Genova, a causa di un guasto tra le stazioni Lingotto e Porta Nuova. Traffico sospeso sulla Torino-Savona, da San Giuseppe di Cairo, mentre le linee Genova-Milano e Genova-Torino (via Mignanego) sono sospese nel tratto tra Ronco e Arquata Scrivia. Problemi anche alla viabilità, con disagi sulle strade e forti rallentamenti sulle principali autostrade.(ANSA).

13:09Putin in Siria, incontra Assad

(ANSA) - MOSCA, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin ha visitato questa mattina la base aerea russa di Hmeimim, in Siria, dove ha incontrato il presidente siriano Bashar al Assad e il ministro della Difesa russo Serghiei Shoigu. Putin ha ordinato l'inizio del ritiro delle truppe russe dalla Siria. "Negli ultimi due anni - ha dichiarato il leader del Cremlino - le forze armate russe e l'esercito siriano hanno sconfitto il gruppo più combattivo dei terroristi internazionali. A questo proposito - ha proseguito Putin - ho preso una decisione: una parte considerevole del contingente russo schierato nella repubblica araba siriana tornerà a casa, in Russia".

13:06Avvelenati tallio:killer non chiede nessuno,nemmeno genitori

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Non ha chiesto di nessuno, nemmeno dei suoi genitori Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso degli omicidi dei nonni materni e di una zia e del tentato omicidio di nonni materni, due zii e badante di famiglia, tramite somministrazione di solfato di tallio. A renderlo noto è il suo avvocato, Silvia Letterio: "il mio assistito non ha chiesto di nessun parente, nemmeno dei suoi genitori" ha spiegato il legale, proseguendo: "è in cella, dove mi ha detto di aver ricevuto quanto aveva chiesto". Del Zotto, appena arrivato in carcere a Monza, aveva domandato di poter avere alcuni libri sull'ebraismo, religione a cui ha detto di essersi convertito. Al momento non sono previsti imminenti nuovi interrogatori per il 27enne il quale, come ha precisato l'avvocato "non vuole rendere noto come abbia personalmente provveduto" a mettere il tallio negli alimenti dei suoi parenti, anche perché su questo aspetto, ha concluso il legale, "sono ancora in corso indagini".

Archivio Ultima ora