La decima è sfumata, Rossi sconfitto e acclamato

Pubblicato il 08 novembre 2015 da redazione

MotoGP rider Valentino Rossi of Italy steers his motorcycle between Danilo Petrucci of Italy, left, and Bradley Smith of Britain, right, during the Valencia Motorcycle Grand Prix, the last race of the season, at the Ricardo Tormo circuit in Cheste near Valencia, Spain, Sunday, Nov. 8, 2015. (ANSA/AP Photo/Alberto Saiz)

MotoGP rider Valentino Rossi of Italy steers his motorcycle between Danilo Petrucci of Italy, left, and Bradley Smith of Britain, right, during the Valencia Motorcycle Grand Prix, the last race of the season, at the Ricardo Tormo circuit in Cheste near Valencia, Spain, Sunday, Nov. 8, 2015. (ANSA/AP Photo/Alberto Saiz)

VALENCIA (SPAGNA). – Il primo gran premio l’ha vinto a 17 anni, il primo titolo mondiale a 18 ed il primo nella classe regina a 22. Ma era oggi, a 36, che Valentino Rossi avrebbe voluto scrivere la storia. Invece, il modo in cui si è visto sfilare la ‘decima’ resterà per sempre nell’angolo più scuro della sua memoria.

Anche se da sconfitto è stato acclamato anche dalla spagnola Valencia come fosse lui il vincitore. La condanna all’ultimo posto sulla griglia del ‘Ricardo Tormo’ era già una mezza sentenza, ma non ha attenuato la convinzione di aver subito un’ingiustizia che gli ha impedito di giocarsi il titolo alla pari con Jorge Lorenzo.

Nella corrida di Valencia, in casa dei “nemici” Lorenzo e Marc Marquez, Rossi cercava il successo più inatteso, sudato, desiderato. Quello con cui festeggiare 20 stagioni di gare sul palcoscenico iridato.

Inatteso perché Valentino è arrivato in testa al Mondiale all’ultima gara senza partire favorito, nonostante gli ottimi risultati dei test in Malesia. Dopo la doppietta del 2013-2014, la Honda di Marquez sembrava ancora una moto marziana. E Lorenzo, compagno di box, ma sempre più agguerrito avversario in pista, era certo di non avere rivali in casa Yamaha. Due piloti rampanti, giovani, eppure già esperti di battaglie in pista.

Sarebbe stato il titolo più sudato perché mai Rossi c’era arrivato tanto vicino con un distacco così esiguo ed al termine di una battaglia mentalmente logorante come nel 2015. Non nelle stagioni dominate, quelle dal 2001 al 2005, quando aveva tenuto a -106 e -140 punti Max Biaggi, -80 e -47 Sete Gibernau, -147 Marco Melandri. E ancora, nel 2008, un solco di 93 punti scavato fra se e Casey Stoner. Prima di oggi proprio Lorenzo gli era arrivato più vicino, fermandosi a -45 nel 2009.

Il decimo mondiale resterà, per ora, il più desiderato. Valentino sa che in lui il sacro fuoco della velocità cova ancora. Non erano bastate a spegnerlo l’incidente del 2010, nelle prove del Mugello, con la frattura di tibia e perone.

O le sciagurate stagioni con la Ducati, 2011 e 2012, le uniche senza un straccio di vittoria in quattro lustri di onoratissima carriera. Aveva allora deciso di ripartire con la Yamaha, ridare gas, tornare a scommettere sulla capacità di saper rinascere. A costo di non piccoli sacrifici.

Negli anni ha dovuto imparare a confrontarsi con avversari di un’altra generazione motociclistica. Ha adattato lo stile di guida, continuando però a divertirsi. Scendere in pieghe sempre più ripide, risollevare la moto con maggiore sforzo e sottoporsi a più ore di palestra per riuscirci. Né l’hanno distratto la passione per i rally e la Formula 1, i primi un passatempo, la seconda rimasta un sogno.

Oggi esce battuto, fuori dalla pista prima che dentro e anche per colpa propria. Sono lontani i tempi del ragazzino scanzonato dei primi successi, un Gian Burrasca dei circuiti con i capelli lunghi ed un arco in mano sul podio di Donington – Gran Bretagna, 1997 – omaggio alla leggenda di Robin Hood.

Poi arriveranno la bambole gonfiabile per sfottere il detestato Biaggi (ma dopo Sepang in cima al libro nero c’è il nome di Marquez), le gag della multa per eccesso di velocità e della corsa a chiudersi in un bagno a bordo pista, Rossifumi ed il pollo Osvaldo, Biancaneve ed i sette nani per festeggiare il settimo titolo.

Correndo e rischiando in giro per il mondo, quel ragazzino è diventato un uomo, il Maradona delle due ruote. Che adesso ha conosciuto anche il lato oscuro della sua passione, la sensazione di impotenza di fronte a forze che non ha saputo dominare ed hanno preso il sopravvento, decidendo al posto suo, fino a far deragliare la stagione che appariva la più bella di sempre.

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora