La decima è sfumata, Rossi sconfitto e acclamato

Pubblicato il 08 novembre 2015 da redazione

MotoGP rider Valentino Rossi of Italy steers his motorcycle between Danilo Petrucci of Italy, left, and Bradley Smith of Britain, right, during the Valencia Motorcycle Grand Prix, the last race of the season, at the Ricardo Tormo circuit in Cheste near Valencia, Spain, Sunday, Nov. 8, 2015. (ANSA/AP Photo/Alberto Saiz)

MotoGP rider Valentino Rossi of Italy steers his motorcycle between Danilo Petrucci of Italy, left, and Bradley Smith of Britain, right, during the Valencia Motorcycle Grand Prix, the last race of the season, at the Ricardo Tormo circuit in Cheste near Valencia, Spain, Sunday, Nov. 8, 2015. (ANSA/AP Photo/Alberto Saiz)

VALENCIA (SPAGNA). – Il primo gran premio l’ha vinto a 17 anni, il primo titolo mondiale a 18 ed il primo nella classe regina a 22. Ma era oggi, a 36, che Valentino Rossi avrebbe voluto scrivere la storia. Invece, il modo in cui si è visto sfilare la ‘decima’ resterà per sempre nell’angolo più scuro della sua memoria.

Anche se da sconfitto è stato acclamato anche dalla spagnola Valencia come fosse lui il vincitore. La condanna all’ultimo posto sulla griglia del ‘Ricardo Tormo’ era già una mezza sentenza, ma non ha attenuato la convinzione di aver subito un’ingiustizia che gli ha impedito di giocarsi il titolo alla pari con Jorge Lorenzo.

Nella corrida di Valencia, in casa dei “nemici” Lorenzo e Marc Marquez, Rossi cercava il successo più inatteso, sudato, desiderato. Quello con cui festeggiare 20 stagioni di gare sul palcoscenico iridato.

Inatteso perché Valentino è arrivato in testa al Mondiale all’ultima gara senza partire favorito, nonostante gli ottimi risultati dei test in Malesia. Dopo la doppietta del 2013-2014, la Honda di Marquez sembrava ancora una moto marziana. E Lorenzo, compagno di box, ma sempre più agguerrito avversario in pista, era certo di non avere rivali in casa Yamaha. Due piloti rampanti, giovani, eppure già esperti di battaglie in pista.

Sarebbe stato il titolo più sudato perché mai Rossi c’era arrivato tanto vicino con un distacco così esiguo ed al termine di una battaglia mentalmente logorante come nel 2015. Non nelle stagioni dominate, quelle dal 2001 al 2005, quando aveva tenuto a -106 e -140 punti Max Biaggi, -80 e -47 Sete Gibernau, -147 Marco Melandri. E ancora, nel 2008, un solco di 93 punti scavato fra se e Casey Stoner. Prima di oggi proprio Lorenzo gli era arrivato più vicino, fermandosi a -45 nel 2009.

Il decimo mondiale resterà, per ora, il più desiderato. Valentino sa che in lui il sacro fuoco della velocità cova ancora. Non erano bastate a spegnerlo l’incidente del 2010, nelle prove del Mugello, con la frattura di tibia e perone.

O le sciagurate stagioni con la Ducati, 2011 e 2012, le uniche senza un straccio di vittoria in quattro lustri di onoratissima carriera. Aveva allora deciso di ripartire con la Yamaha, ridare gas, tornare a scommettere sulla capacità di saper rinascere. A costo di non piccoli sacrifici.

Negli anni ha dovuto imparare a confrontarsi con avversari di un’altra generazione motociclistica. Ha adattato lo stile di guida, continuando però a divertirsi. Scendere in pieghe sempre più ripide, risollevare la moto con maggiore sforzo e sottoporsi a più ore di palestra per riuscirci. Né l’hanno distratto la passione per i rally e la Formula 1, i primi un passatempo, la seconda rimasta un sogno.

Oggi esce battuto, fuori dalla pista prima che dentro e anche per colpa propria. Sono lontani i tempi del ragazzino scanzonato dei primi successi, un Gian Burrasca dei circuiti con i capelli lunghi ed un arco in mano sul podio di Donington – Gran Bretagna, 1997 – omaggio alla leggenda di Robin Hood.

Poi arriveranno la bambole gonfiabile per sfottere il detestato Biaggi (ma dopo Sepang in cima al libro nero c’è il nome di Marquez), le gag della multa per eccesso di velocità e della corsa a chiudersi in un bagno a bordo pista, Rossifumi ed il pollo Osvaldo, Biancaneve ed i sette nani per festeggiare il settimo titolo.

Correndo e rischiando in giro per il mondo, quel ragazzino è diventato un uomo, il Maradona delle due ruote. Che adesso ha conosciuto anche il lato oscuro della sua passione, la sensazione di impotenza di fronte a forze che non ha saputo dominare ed hanno preso il sopravvento, decidendo al posto suo, fino a far deragliare la stagione che appariva la più bella di sempre.

Ultima ora

02:29Rigopiano: lutto nel Salernitano per morte Feniello

(ANSA) - VALVA (SALERNO), 25 GEN - Stefano Feniello, il 28enne originario di Valva (Salerno), non ce l'ha fatta. Il suo corpo privo di vita è stato estratto ieri dalle macerie dell'hotel Rigopiano. "E' una notizia che non avrei mai voluto ricevere - dice il sindaco, Vito Falcone - eravamo consci che con il passare dei giorni le possibilità di ritrovarlo in vita diminuivano sempre più, ma la speranza di un miracolo c'è sempre stata. Purtroppo non abbiamo potuto festeggiare il suo ritorno a Valva". Il piccolo comune del Salernitano in questi giorni si è stretto attorno alla famiglia Feniello. Una famiglia numerosa, ben sette fratelli, molti dei quali in questi giorni sono andati a Pescara per dare sostegno ad Alessio, il papà di Stefano. Ora dovrà essere fissata la data dei funerali. "Quel giorno - dice il sindaco - proclamerò il lutto cittadino. Non faremo mancare la nostra vicinanza alla famiglia, dimostrata in questi giorni drammatici dalla nostra comunità".

01:23Vela: Coppa del Mondo a Miami, italiani subito protagonisti

(ANSA) - MIAMI (USA), 24 GEN - È subito grande spettacolo a Miami dove, in condizioni praticamente perfette - tra gli 8 e i 15 nodi di vento e con un sole sempre presente - sono cominciate le regate della Coppa del Mondo di Vela, circuito itinerante riservato alle Classi Olimpiche che proprio in Florida, con oltre 400 velisti di 44 Nazioni in acqua, ha fatto il suo esordio stagionale. Se la Baia di Biscayne ha sfoderato il suo miglior azzurro, anche gli italiani non sono stati da meno, partendo subito bene in alcune classi: nel Catamarano per equipaggi misti Nacra 17, con Lorenzo Bressani e Caterina Marianna Banti, e nel Doppio 470 maschile con Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò. Bressani-Banti hanno dominato la flotta chiudendo con due vittorie e un secondo posto, risultati che li hanno proiettati subito al comando con 3 punti di vantaggio sugli inglesi Phipps-Boniface, mentre i due romani, vincitori la settimana scorsa del Campionato Nord Americano 470, sono secondi in classifica a tre punti dai giapponesi Doi-Kimura.

00:16Calcio: Coppa Italia, Napoli in semifinale

(ANSA) - NAPOLI, 24 GEN - Il Napoli si è qualificato per le semifinali di Coppa Italia grazie al successo per 1-0 sulla Fiorentina. Partita molto vivace con occasioni da entrambe le parti e decisa al 71' da un colpo di testa di Callejon su cross dalla sinistra di Hamsik. Le squadre hanno finito l'incontro in 10 per le espulsioni nel finale di Hysaj e Maxi Olivera. In semifinale il Napoli incontrerà la vincente di Juventus-Milan, in programma domani.

00:12Rigopiano, estratta la diciottesima vittima

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - E' un uomo non ancora identificato la diciottesima vittima estratta dai Vigili del fuoco dall' hotel Rigopiano di Farindola (Pescara), travolto da una valanga mercoledì scorso. Lo ha fatto sapere la Prefettura di Pescara. Il numero delle vittime sale così a 18; scende a 11 il numero dei dispersi.

23:59Calcio: Coppa d’Africa, Costa d’Avorio eliminata

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Fuori i campioni in carica della Costa d'Avorio, vanno ai quarti la Repubblica Democratica del Congo e Marocco. Questo il responso della Coppa d'Africa dopo l'ultimo turno del gruppo C, le cui partite sono state giocate oggi. I Simba del Congo hanno battuto il Togo per 3-1, vincendo il girone. Reti di Kabananga (29' pt), Mubele (9' st) e M'Poku (35' st). A segno Laba (24' st) per gli Sparvieri togolesi, tra le cui file il portiere Agassa ha mantenuto il proposito di non giocare dopo che, in patria, dei teppisti gli avevano devastato la casa. Nell'altro match di oggi sconfitta degli Elefanti ivoriani contro il Marocco di capitan Benatia. è finita 1-0 con rete di Alioui. Questa la classifica finale del girone: RD Congo 7; Marocco 6; Costa d'Avorio 2; Togo 1.

23:56Calcio: Sampdoria, rescisso contratto Cassano

(ANSA) - GENOVA, 24 GEN - "La rescissione con Cassano è un epilogo amaro, il suo ritorno poteva essere diverso, ma alla fine dirsi addio è la soluzione migliore per entrambi visto che le posizioni sono differenti ma tutte e due legittime". Con queste parole all'emittente Primocanale, il braccio destro del presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, l'avvocato Antonio Romei, ha confermato il divorzio tra la Sampdoria e Antonio Cassano. La rescissione del contratto che legava il giocatore alla Sampdoria sino a giugno, verrà ufficializzata probabilmente giovedì ma oggi a Bogliasco c'è stato l'incontro decisivo. Cassano, già in blucerchiato dal 2007 al gennaio 2011, era tornato alla Sampdoria nell'agosto 2015 ma dalla scorsa estate non rientrava più nei piani societari e dopo essere stato messo fuori rosa, solo a novembre aveva avuto il via libera per allenarsi con la Primavera. Ora per lui, che non vorrebbe lasciare la Liguria, c'è già l'offerta dell'Entella. Non verranno prese in considerazione le proposte dalla Cina.

23:35Sci: slalom Schladming, vittoria Kristoffersen

(ANSA) - SCHLADMING (AUSTRIA), 24 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen ha vinto la 20/a edizione dello slalom speciale notturno di Schladming bissando il successo dello scorso anno. Al secondo posto l'austriaco Marcel Hirscher in 1.39.92 davanti al russo Alexander Khoroshilov in 1.40.46. Migliore degli italiani il trentino Stefano Gross, quinto in 1.41.37 Gli altri azzurri in classifica sono Manfred Moelgg, 12/o in 1.42.36, il giovane Tommaso Sala 20/o in 1.43.08 e Giuliano Razzoli 22/o in 1.43.37, mentre Patrick Thaler ha inforcato con dolorosa torsione al ginocchio destro. Dopo questa gara in classifica generale di Coppa l'austriaco Marcel Hirscher e' saldamente al comando con 1.160 punti davanti a Kristoffersen a quota 792. La coppa maschile si trasferisce ora in Germania, a Garmisch-Partenkirchen: venerdì una prima discesa recupero di Wengen, sabato un'altra discesa e domenica slalom gigante. Sono le ultime gare in queste discipline prima dei Mondiali di St.Moritz.

Archivio Ultima ora