La decima è sfumata, Rossi sconfitto e acclamato

Pubblicato il 08 novembre 2015 da redazione

MotoGP rider Valentino Rossi of Italy steers his motorcycle between Danilo Petrucci of Italy, left, and Bradley Smith of Britain, right, during the Valencia Motorcycle Grand Prix, the last race of the season, at the Ricardo Tormo circuit in Cheste near Valencia, Spain, Sunday, Nov. 8, 2015. (ANSA/AP Photo/Alberto Saiz)

MotoGP rider Valentino Rossi of Italy steers his motorcycle between Danilo Petrucci of Italy, left, and Bradley Smith of Britain, right, during the Valencia Motorcycle Grand Prix, the last race of the season, at the Ricardo Tormo circuit in Cheste near Valencia, Spain, Sunday, Nov. 8, 2015. (ANSA/AP Photo/Alberto Saiz)

VALENCIA (SPAGNA). – Il primo gran premio l’ha vinto a 17 anni, il primo titolo mondiale a 18 ed il primo nella classe regina a 22. Ma era oggi, a 36, che Valentino Rossi avrebbe voluto scrivere la storia. Invece, il modo in cui si è visto sfilare la ‘decima’ resterà per sempre nell’angolo più scuro della sua memoria.

Anche se da sconfitto è stato acclamato anche dalla spagnola Valencia come fosse lui il vincitore. La condanna all’ultimo posto sulla griglia del ‘Ricardo Tormo’ era già una mezza sentenza, ma non ha attenuato la convinzione di aver subito un’ingiustizia che gli ha impedito di giocarsi il titolo alla pari con Jorge Lorenzo.

Nella corrida di Valencia, in casa dei “nemici” Lorenzo e Marc Marquez, Rossi cercava il successo più inatteso, sudato, desiderato. Quello con cui festeggiare 20 stagioni di gare sul palcoscenico iridato.

Inatteso perché Valentino è arrivato in testa al Mondiale all’ultima gara senza partire favorito, nonostante gli ottimi risultati dei test in Malesia. Dopo la doppietta del 2013-2014, la Honda di Marquez sembrava ancora una moto marziana. E Lorenzo, compagno di box, ma sempre più agguerrito avversario in pista, era certo di non avere rivali in casa Yamaha. Due piloti rampanti, giovani, eppure già esperti di battaglie in pista.

Sarebbe stato il titolo più sudato perché mai Rossi c’era arrivato tanto vicino con un distacco così esiguo ed al termine di una battaglia mentalmente logorante come nel 2015. Non nelle stagioni dominate, quelle dal 2001 al 2005, quando aveva tenuto a -106 e -140 punti Max Biaggi, -80 e -47 Sete Gibernau, -147 Marco Melandri. E ancora, nel 2008, un solco di 93 punti scavato fra se e Casey Stoner. Prima di oggi proprio Lorenzo gli era arrivato più vicino, fermandosi a -45 nel 2009.

Il decimo mondiale resterà, per ora, il più desiderato. Valentino sa che in lui il sacro fuoco della velocità cova ancora. Non erano bastate a spegnerlo l’incidente del 2010, nelle prove del Mugello, con la frattura di tibia e perone.

O le sciagurate stagioni con la Ducati, 2011 e 2012, le uniche senza un straccio di vittoria in quattro lustri di onoratissima carriera. Aveva allora deciso di ripartire con la Yamaha, ridare gas, tornare a scommettere sulla capacità di saper rinascere. A costo di non piccoli sacrifici.

Negli anni ha dovuto imparare a confrontarsi con avversari di un’altra generazione motociclistica. Ha adattato lo stile di guida, continuando però a divertirsi. Scendere in pieghe sempre più ripide, risollevare la moto con maggiore sforzo e sottoporsi a più ore di palestra per riuscirci. Né l’hanno distratto la passione per i rally e la Formula 1, i primi un passatempo, la seconda rimasta un sogno.

Oggi esce battuto, fuori dalla pista prima che dentro e anche per colpa propria. Sono lontani i tempi del ragazzino scanzonato dei primi successi, un Gian Burrasca dei circuiti con i capelli lunghi ed un arco in mano sul podio di Donington – Gran Bretagna, 1997 – omaggio alla leggenda di Robin Hood.

Poi arriveranno la bambole gonfiabile per sfottere il detestato Biaggi (ma dopo Sepang in cima al libro nero c’è il nome di Marquez), le gag della multa per eccesso di velocità e della corsa a chiudersi in un bagno a bordo pista, Rossifumi ed il pollo Osvaldo, Biancaneve ed i sette nani per festeggiare il settimo titolo.

Correndo e rischiando in giro per il mondo, quel ragazzino è diventato un uomo, il Maradona delle due ruote. Che adesso ha conosciuto anche il lato oscuro della sua passione, la sensazione di impotenza di fronte a forze che non ha saputo dominare ed hanno preso il sopravvento, decidendo al posto suo, fino a far deragliare la stagione che appariva la più bella di sempre.

Ultima ora

23:47Nuoto:Mondiali, Settebello ko con Croazia, niente semifinale

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Niente semifinale per il Settebello ai Mondiali di nuoto in corso a Budapest. Nei quarti di finale, gli azzurri sono stati sconfitti dalla Croazia 12-9 (3-2, 5-5, 8-6). Per i croati c'è adesso la Serbia, mentre l'altra semifinale sarà tra Grecia e Ungheria.

21:29Incendi: certo il dolo in roghi sud Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 25 LUG - Il Corpo Forestale della Sardegna ha già avviato le indagini per risalire ai responsabili degli incendi dolosi appiccati nel sud dell'Isola, nei territori di Quartu Sant'Elena e di Muravera. Nel pomeriggio di oggi la linea spegnimento dell'apparato antincendi regionale è stata infatti messa a dura prova dai due pericolosi eventi in concomitanza. Nel primo erano sei i punti-incendio dolosamente appiccati in rapida sequenza in agro di Quartu, località San Martino e Frapponti. Il secondo incendio è divampato nelle campagne di Muravera e ha proseguito velocemente in direzione del villaggio turistico di Santa Giusta sino a lambirne il perimetro. Il Corpo Forestale ha coordinato le operazioni di spegnimento operando su entrambi gli eventi con sette squadre dello stesso Corpo, sette dell'Agenzia Forestas e 13 di associazioni di volontariato. Assegnati sui due eventi tre elicotteri regionali, uno dell'esercito e un Canadair. Le forze statali competenti in materia di soccorso pubblico e pubblica sicurezza hanno curato l'evacuazione del villaggio turistico. Il sistema antincendi sta continuando a contrastare il fuoco e a monitorare l'insorgere di ulteriori roghi nelle zone delle operazioni. (ANSA).

21:27Calcio: Ederson confessa, ‘ho tumore a testicolo’

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 25 LUG - Il centrocampista brasiliano Ederson Honorato Campos ha reso noto oggi di avere un tumore a un testicolo, scoperto al termine di un esame antidoping. Per potersi curare l'ex laziale, 31 anni, è stato così momentaneamente tolto dalla lista dei giocatori del Flamengo, dove è approdato due anni fa. "Sono triste ma anche tranquillo per il futuro che mi aspetta", ha detto il giocatore in una conferenza stampa a Rio de Janeiro.

21:11Johnny Zingaro, arrestato in appartamento in provincia Siena

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - E' stato arrestato in un appartamento di Taverne d'Arbia, in provincia di Siena, Johhny lo Zingaro. Assieme al latitante sono stati arrestati anche la compagna e alcuni fiancheggiatori. L'operazione è stata svolta da agenti dello Sco della Polizia, delle squadre mobili di Cuneo, Lucca e Siena e dagli uomini del Nucleo investigativo centrale della Polizia Penitenziaria.(ANSA).

20:59Travolta da un’onda, 15enne ungherese muore in Gallura

(ANSA) - OLBIA, 25 LUG - Una ragazza ungherese di 15 anni è morta annegata questo pomeriggio a Costa Paradiso, nel comune di Trinità d'Agultu, in Gallura. La giovane è stata travolta da un'onda mentre si trovava sopra uno scoglio, forse per ammirare lo spettacolo del mare in burrasca a causa del forte vento di maestrale. Il corpo è stato recuperato dall'elicottero dei vigili del fuoco di Sassari con a bordo una equipe medica del 118 che ha tentato di rianimare la 15enne per oltre mezz'ora. Purtroppo per l'adolescente non c'è stato nulla da fare. Sul posto è intervenuta anche una motovedetta della Capitaneria di Porto Torres.

20:53Sesso in cambio di favori, arrestato cc ispettorato lavoro

(ANSA) - LIVORNO, 25 LUG - I carabinieri del Nucleo investigativo di Livorno hanno eseguito, su ordine della Procura livornese, un'ordinanza di custodia cautelare a carico di un sottufficiale dell'Arma che ha comandato il nucleo carabinieri dell'ispettorato del lavoro livornese. Il cc è accusato di avere ottenuto prestazioni sessuali in cambio di favori. Le indagini, spiega una nota della procura, "hanno fatto emergere fatti per i quali viene ipotizzata la sistematica strumentalizzazione dei poteri connessi alla funzione di controllo dell'ispettorato del lavoro per ottenere favori di vario genere ed in particolare prestazioni personali". Il gip Antonio Del Forno ha perciò ritenuto sussistenti gravi indizi di concussione continuata, consumata e tentata e ha emesso l'ordinanza di arresto per il sottufficiale ora in servizio a Firenze: l'uomo si trova ai domiciliari, dopo il trasferimento fuori dalla Toscana. Le indagini proseguono: gli inquirenti non escludono che possano esserci altri casi non ancora venuti alla luce.

20:35Siccità: Regione Calabria chiede stato calamità naturale

(ANSA) - CATANZARO, 25 LUG - La Giunta regionale della Calabria, riunitasi sotto la presidenza di Mario Oliverio, ha chiesto al Governo il riconoscimento dello stato di calamità naturale per la siccità. La decisione dell'esecutivo é stata presa su proposta dello stesso presidente Oliverio. "La siccità - si afferma in una nota dell'ufficio stampa della Giunta - ha già fatto registrare centinaia di migliaia di euro di danni nel settore agricolo".

Archivio Ultima ora