Attentato sala scommesse: morto attentatore ustionato

(ANSA) – IMPERIA, 8 NOV – L’attentato compiuto in una sala scommesse di Imperia il 2 novembre ha fatto la seconda vittima. Al Centro grandi ustionati di Genova è morto Aramit Ismajlukaj, 29 anni, albanese: nell’esplosione che aveva devastato il locale e ucciso un connazionale di 19 anni, aveva riportato ustioni sul 60% del corpo. Era rimasto illeso il terzo attentatore, il ‘palo’ Mretjev Ismajlukaj, 19 anni, cugino della seconda vittima, arrestato con l’accusa di incendio doloso aggravato. Gli attentatori avevano aperto con un “piede di porco” l’ingresso del locale, cospargendolo con liquido infiammabile, poi l’esplosione che ha sorpreso i due albanesi. Gli inquirenti non escludono che possa essere stato usato anche materiale esplosivo. Il sindaco di Imperia Carlo Capacci aveva definito l’episodio una azione mafiosa.

Condividi: