Birmania in massa al voto, San Suu Kyi pregusta trionfo

Pubblicato il 08 novembre 2015 da redazione

birmania

RANGOON. – Per i primi risultati bisognerà attendere domani, ma è chiaro che i sostenitori di Aung San Suu Kyi si aspettano una vittoria a valanga. Al termine di una storica giornata elettorale, il primo voto nazionale libero dopo il mai onorato trionfo del partito della “Signora” nel 1990, migliaia di persone festeggiano già stasera davanti alla sede della “Lega nazionale per la democrazia” (Nld), che sogna di conquistare la maggioranza assoluta nelle due Camere del Parlamento.

“Credo che vinceremo”, ha detto alla folla festante il fondatore Tin Oo (88 anni), braccio destro di Suu Kyi. Prima e dopo il breve discorso dell’ex generale, i fan del premio Nobel per la Pace si sono radunati davanti al megaschermo che aggiornava in diretta sullo spoglio delle schede, tra boati per ogni scheda assegnata all’Nld e mugugni di delusione per quelle andate all’Usdp (‘Partito di unione, solidarietà e sviluppo’) del presidente Thein Sein.

Nonostante alcuni disguidi con le liste elettorali, e degli aspiranti votanti impossibilitati a depositare la propria scheda, nell’ex capitale Rangoon e in altre città del Paese le operazioni di voto si sono svolte in linea di massima con regolarità, come certificato anche dagli osservatori Ue.

Lunghe code, in alcuni casi quasi di 100 metri, si sono formate fin da prima dell’apertura dei seggi alle 6: alcuni elettori hanno dovuto aspettare ore in piedi, ma tutto si è svolto in un’atmosfera di composta pazienza, per poi mostrare con orgoglio il dito mignolo intinto nell’inchiostro viola come prova del voto.

Vanno ricordati però anche i punti oscuri noti già da prima di oggi: come le centinaia di migliaia di musulmani di etnia Rohingya, già vittima di ripetuti pogrom dal 2012, a cui è stato tolto il diritto di voto perché considerati “bengalesi clandestini”.

C’è poi preoccupazione per il possibile effetto del voto anticipato, che offre maggiori possibilità di brogli.

I primi risultati ufficiali saranno annunciati domattina dalla Commissione elettorale, probabilmente con i numeri relativi ai grandi centri urbani. Per mettere insieme i dati completi di un Paese da 51 milioni di abitanti, con infrastrutture e vie di comunicazione ancora molto arretrate, servirà però almeno una settimana.

Il voto deciderà la composizione della Camera alta, della Camera bassa e dei vari consigli regionali. Dato che in ogni organo legislativo un quarto dei seggi è assegnato dalla Costituzione ai militari (di fatto alleati con l’Usdp), l’Nld dovrà conquistare il 67 per cento dei seggi per avere una maggioranza in Parlamento.

Un compito difficile ma non impossibile, dato il sistema elettorale maggioritario. Va tenuto conto, però, che nelle aree etniche dove vive un terzo della popolazione, Suu Kyi è molto meno popolare rispetto alle pianure centrali dove vive la maggioranza Bamar.

Dalle elezioni, in ogni caso, non uscirà immediatamente un governo. Si preannunciano mesi di trattative dietro le quinte, dato che le due Camere del Parlamento e l’esercito nomineranno – uno a testa – un tris di candidati per la carica di capo di stato.

Il futuro presidente (che non potrà essere Suu Kyi, in quanto vedova e madre di cittadini stranieri) si sceglierà poi un governo, nel quale alcuni ministeri chiave – Difesa, Interni, Aree di confine – saranno comunque scelti dall’esercito.

La probabile rivincita di Suu Kyi sui generali che l’hanno tenuta prigioniera in casa per 15 anni potrà quindi essere annacquata da un sistema concepito proprio per tenere a freno le sue ambizioni. In una giornata storica per la Birmania, dopo mezzo secolo di dittatura, per milioni di elettori sognare è tuttavia lecito.

(di Alessandro Ursic/ANSA)

Ultima ora

00:30Roma ufficializza Kolarov dal City

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Roma ha perfezionto l'ingaggio di Aleksandar Kolarov. La società, attraverso una nota, ha comunicato di aver sottoscritto con il Manchester City il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo del calciatore serbo a fronte di un corrispettivo di 5 milioni. Il calciatore 31enne, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 30 giugno 2020. "Sono molto contento di essere qui", ha dichiarato il serbo. "Darò più del 100% alla Roma, il mio obiettivo è sempre uno: vincere". "Aleksandar è un calciatore con grande esperienza e che può dare da subito il suo contributo per il club", ha dichiarato il direttore sportivo Monchi. "Penso che con lui cresceremo sia dentro sia fuori dal campo. Desidero ringraziarlo per il suo entusiasmo e per la volontà dimostrata di venire alla Roma".

23:55Consip: gen. Maruccia sentito da pm come testimone

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il generale di Divisione Gaetano Maruccia, capo di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, è stato ascoltato dai pm di Roma in qualità di persona informata sui fatti nell'inchiesta Consip. L'ufficiale, si apprende dallo stesso comando generale dei Carabinieri, si è detto "lieto di aver potuto contribuire alla ricerca della verità nella contorta vicenda".

23:46Calcio: amichevoli, Napoli-Chievo 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Napoli non è riuscito ad andare oltre l'1-1 con il Chievo, nell'ultima amichevole nel ritiro di Dimaro, in Trentino. I gialloblù di Maran si erano portati in vantaggio con un gol di Inglese, dopo 26' di gioco, ma sono stati raggiunti dal neoacquisto Ounas (13' st), giocatore di origine algerina, ma proveniente dal Bordeaux. Finora la squadra partenopea aveva sempre vinto: 17-0 contro la Bassa Anaunia, 70 contro il Trento e 4-1 contro il Carpi. Prima di lasciare il ritiro di Dimaro, domani sera la squadra allenata da Maurizio Sarri verrà presentata ufficialmente. L'allenatore stasera ha schierato Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Jorginho, Hamsik; Callejón, Mertens, Insigne, come formazione di partenza. Nella ripresa cambio di formazione, sempre con il 4-3-3: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Zielinski; Ounas, Milik, Mertens.

23:26Terremoto Kos, in serata due forti scosse di assestamento

(ANSA) - KOS (GRECIA), 22 LUG - Questa sera due forti scosse di assestamento di magnitudo 4.4 e 4.6, alla distanza di 16 minuti l'una dall'altra, hanno colpito l'isola greca di Kos, costringendo residenti e turisti a lasciare le case e i ristoranti. Lo riporta l'Istituto di Geodinamica di Atene. La prima scossa, avvenuta più vicina all'isola, è stata ad una profondità di 10 km. L'aeroporto è stato fatto evacuare. Poco di 24 ore fa una potente scossa di terremoto con epicentro a Bodrum, in Turchia, ha colpito sempre l'isola di Kos causando la morte di due turisti ed il ferimento di 500 persone.

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

22:33Venezuela: ferito giovane violinista simbolo delle proteste

(ANSA) - CARACAS, 21 LUG - Wuilly Arteaga, il 23/enne violinista venezuelano simbolo delle proteste anti-Maduro, è stato ferito oggi durante una marcia dell'opposizione a Caracas. Arteaga è stato raggiunto da un pallettone di gomma sparato dagli uomini della 'guardia nazionale bolivariana' e subito dopo, ha precisato la stampa locale, è stato portato in un ospedale. Stava suonando il violino durante una manifestazione di piazza nella capitale per raggiungere la sede del Tribunale supremo di giustizia. Il giovane è spesso al centro dell'interesse dei media venezuelani e internazionali perchè durante le manifestazioni suona l'inno nazionale e canzoni tradizionali con il suo violino. E' stato fotografato e filmato decine di volte durante le proteste contro il 'chavismo'. Lo scorso 15 giugno aveva incontrato quattro membri del congresso Usa ai quali aveva chiesto di far pressione contro i paesi che vendono gas lacrimogeni e blindati al governo del presidente Nicolas Maduro.

Archivio Ultima ora