Italia e America latina, un nuovo approccio

Pubblicato il 09 novembre 2015 da Mauro Bafile

Cile, Colombia, Cuba, Brasile, Vietnam, Indonesia. Mentre il premier, Matteo Renzi, e il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, rilanciano la presenza italiana in questa parte del continente americano; il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, apre la via dell’Asia.
La crisi economica sembra ormai alle spalle. I numeri rivelano un’Italia ancora in affanno. E’ vero. Ma il Pil, seppur con una certa difficoltà, pare abbia ricominciato a crescere; la disoccupazione a scendere e la fiducia, anche se con titubanza, a fare capolino. Anche il Mezzogiorno, termometro dello stato di salute del Belpaese, manifesta sintomi di dinamismo economico. Insomma, come ha espresso recentemente il capo dello Stato, sembra sia arrivato il momento di tornare in campo all’estero.
La scelta dei paesi presi in considerazione per le missioni del premier, del ministro degli Esteri e del presidente della Repubblica non è frutto del caso. Sono nazioni emergenti alle quali l’Italia può offrire esperienza e tecnologia. Insomma, il “Made in Italy”. Il Belpaese scommette su continenti dalle enormi potenzialità e in nazioni che oggi si aprono agli investimenti stranieri coscienti che questi non sono né il “lupo feroce” né il “nemico da abbattere” ma strumenti per crescere; su paesi che hanno avuto il coraggio di dare un colpo di timone e di prendere decisioni storiche.
Il viaggio del presidente Mattarella in Vietnam e in Indonesia rappresenta lo sforzo per tracciare la rotta verso l’Asia. Il Vietnam, pur con un’architettura politica centralista, si è trasformato in un’economia dinamica e in crescita costante; un’economia in cui l’industria guadagna sempre più terreno sull’agricoltura. L’Europa vi guarda oramai come a un miraggio. E ragioni non mancano. Non si tratta solamente di un paese dall’economia in crescita. Hanoi, nel giro di pochissimi anni, grazie agli accordi di libero scambio con Italia, Asean, Unione Europea e Stati Uniti, potrebbe trasformarsi nel crocevia di merci e di risorse; in una piattaforma produttiva e distributiva nel mercato asiatico globale. L’obiettivo italiano, tracciato per il momento, è quello di portare l’interscambio dai 4 miliardi del 2014 a 6 miliardi nel 2016.
Stesso discorso per la tappa in Indonesia, dove il capo dello Stato ha cercato di fissare i tasselli per uno sviluppo articolato delle relazioni economiche e di incardinare un dialogo che possa condurre alla crescita dell’export del “Made in Italy”.
Il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, si è recato nei giorni scorsi in Brasile, paese in cui la presenza delle aziende italiane è sempre stata tradizionalmente importante. L’occasione è stata propizia per sottolineare che l’Italia ha ormai intrapreso il cammino delle riforme; un cammino lungo, difficile e impegnativo. Ma non solo, soprattutto, per ribadire la fiducia del Paese nel colosso sudamericano, nonostante la crisi istituzionale ed economica che lo affligge. Il Brasile, forte di un’industria moderna e all’avanguardia, rappresenta pur sempre un mercato di oltre 200 milioni di consumatori.
Nuovo e inatteso. Assai più rilevante il viaggio del presidente del Consiglio in Cile, in Colombia, in Messico e a Cuba. Rappresenta una svolta nelle strategie del governo. E, finalmente, dà contenuto alle espressioni di circostanza mille volte ripetute dai rappresentanti della Madrepatria, ma mai trasformate in realtà. La missione economica del premier Renzi, a capo di una folta delegazione di capitani d’industria, rappresenta, quindi, un contatto diverso, nuovo, verso uno spicchio del mondo che non appariva nel “radar” del Belpaese.
Particolarmente interessante l’approccio con due Paesi dalle grandi potenzialità che hanno avuto il coraggio di iniziare una svolta nelle loro relazioni internazionali (Cuba) e nazionali (Colombia). L’apertura di Cuba, e l’attesa abrogazione delle sanzioni nordamericane, aprono agli investitori un mercato nel quale c’è tanto da fare e da costruire: un terreno quasi vergine ove poter intervenire nel rispetto delle regole del gioco e dell’ambiente. Un’arena in cui la tecnologia e il disegno italiano possono aprirsi uno spazio assai interessante.
Il tentativo del presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, e delle Farc, la storica organizzazione guerrigliera nata nel lontano 1964, di dare un’opportunità alla pace, ripropone al mondo dell’imprenditorialità un Paese che, se finalmente riuscirà a lasciarsi alle spalle più di mezzo secolo di lotte fratricide e a restituire alla popolazione la tranquillità di una vita senza violenza, ha le condizioni per un decollo verso il consolidamento dello sviluppo economico.
In questo contesto, anche il Venezuela, se altre fossero state le circostanze politiche, sarebbe stato una tappa importante della tournée latinoamericana del Premier. Ma su quelle economiche sono prevalse certamente ragioni di carattere politico.
In effetti, con un delicato e complesso processo elettorale alle porte, qualunque fosse stato l’approccio di una visita ufficiale del premier, ma anche di delegazioni politiche ufficiali, sarebbe stato interpretato o come una presa di posizione a favore del Governo o come un contributo alle forze politiche che lo avversano. In ogni caso come una ingerenza che non avrebbe certo contribuito alle buone relazioni tra i due paesi.
Non si sa quali saranno i risultati elettorali. Ma, se i sondaggi delle agenzie demoscopiche non si riveleranno un bluff, il paese vivrà una svolta politica e, di conseguenza, l’inizio di una trasformazione economica. Vi saranno provvedimenti economici dolorosi e impopolari. Ma anche fiducia nella ripresa e rinnovato ottimismo. In quest’ottica, il Venezuela avrà bisogno di aiuto. E, la nostra Collettività, di un Governo capace di interloquire con le autorità; di un governo con prestigio e forza per spezzare lance a suo favore.
Indebolito e stremato. In Venezuela esiste ancora un tessuto industriale, certamente spossato e logorato dalle politiche economiche del governo e ormai obsoleto a causa dell’impossibilità di provvedere al suo ammodernamento, ma comunque interessante. Un tessuto industriale, quello che ancora resiste alla crisi, in cui la presenza italiana è sempre molto importante e costituita, oggi, dagli eredi dei pionieri: giovani imprenditori che si sono formati all’estero, nelle università più prestigiose del mondo. Fino ad oggi, hanno dato dimostrazione di saper affrontare le avversità, di non arrendersi alle difficoltà e di non essere disposti a soccombere alla complessa crisi che vive il Paese.
Se le aziende italiane riusciranno ad essere lungimiranti, allora sapranno valorizzare la presenza della nostra imprenditorialità. E di conseguenza sostenere e partecipare, insieme a loro alla ripresa economica del Venezuela. Una ripresa che sicuramente non sarà limitata al mercato nazionale, ma orientata verso l’export. D’altronde il Venezuela, non ci stancheremo mai di ripeterlo, offre una collocazione geopolitica invidiabile agli imprenditori capaci di rompere paradigmi e di proiettarsi oltre il “provincialismo economico”. Al nord del sud, quindi, ponte verso i mercati del Nordamerica, del Centroamerica, della regione andina e del Mercosur.

Ultima ora

11:04Banda del ‘padre della sposa’, contestate altre 5 rapine

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - Nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere per 'il padre della sposa' Vincenzo Cinquegranelli, il rapinatore di 55 anni arrestato nei mesi scorsi perché aveva finanziato il matrimonio della figlia con una rapina in banca. I carabinieri del Comando provinciale di Torino, che hanno condotto le indagini, lo accusano di altre cinque rapine ai danni di altrettanti istituti di credito della provincia di Torino. Analoghi provvedimenti sono stati notificati ai cinque complici. L'uomo, considerato dai militari dell'Arma la mente della banda che da Napoli si spostava a Torino per mettere a segno i colpi, era stato arrestato a poche ore dal fatidico sì della figlia. Sempre uguale il modus operandi: individuato l'obiettivo, entravano in banca utilizzando placche simili a quelle delle forze dell'ordine; poi, coltello alla mano, sequestravano i presenti e attendevano l'apertura della cassaforte. Il bottino delle rapine, secondo l'Arma, ammonta ad oltre 300 mila euro.(ANSA).

11:02Afghanistan: crolla tetto campo rifugiati

(ANSA) - KABUL, 23 GEN - Sei persone, quattro donne e due bambini, sono morte in Afghanistan quando il tetto della loro casa in un accampamento per rifugiati è crollato mentre dormivano. Lo ha reso noto oggi il governo della provincia orientale afghana di Nangarhar. Il portavoce del governo provinciale, Ataullah Khogyani, ha indicato che l'incidente in cui altri quattro membri della famiglia sono rimasti feriti, è avvenuto la notte scorsa nell'accampamento denominato Sheikh Mistari nel distretto di Surkh Rod. Negli ultimi mesi si sono intensificati i rientri dal Pakistan dei rifugiati afghani che vi si erano trasferiti all'epoca dell'invasione sovietica. Il governo di Kabul e le organizzazioni umanitarie cercano di offrire ai rifugiati che rientrano assistenza, ma spesso essi vengono alloggiati in case fatiscenti, come quella di cui oggi è crollato il tetto.

10:56Maltempo:allerta valanghe Marche ma per ora solo smottamenti

(ANSA) - ANCONA, 23 GEN - Continua a essere attentamente monitorato nelle Marche il rischio di valanghe o slavine ma al momento, fa sapere la Protezione civile, ci sono solo piccoli fronti che si staccano lungo le scarpate e bisogna fare molta attenzione alla viabilità. Per quanto riguarda le dighe, erano già state 'attenzionate' a seguito del terremoto dal Servizio del ministero delle Infrastrutture che ha competenza in materia e dagli enti gestori. I livelli degli invasi erano già stati abbassati per le verifiche sismiche e si sono mantenuti bassi. Continuano intanto, soprattutto nell'Ascolano, gli interventi di vigili del fuoco, carabinieri forestali, esercito e soccorso alpino per prestare soccorso a famiglie e persone rimaste isolate a causa della neve nelle frazioni, che peraltro sono state tutte raggiunte. Diverse strade, però, devono essere ancora liberate. Continui gli interventi per togliere la neve dai tetti ed evitare crolli.

10:46Maltempo: identificato anziano morto nel Palermitano

(ANSA) - PALERMO, 23 GEN - E' Giovanni Mazzara, 67 anni, un pensionato di Campofranco (Cl), l'anziano morto ieri dopo essere stato travolto dal torrente Morello nella zona di Castronovo di Sicilia. La vittima è stata identificata dopo alcune ore dall'incidente avvenuto ieri al chilometro 15 della statale 189 Palermo-Agrigento. A causa delle forti piogge un'ondata di acqua e fango ha investito l'Audi Q5 sulla quale il pensionato viaggiava insieme ad altre tre persone che sono riuscite a mettersi in salvo. Giovanni Mazzara è stato invece trascinato e ritrovato dopo un'ora sommerso dall'acqua e dal fango. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, i vigili del fuoco, i sanitari del 118 e gli uomini della Polstrada che hanno partecipato alle ricerche. Il medico legale dopo l'ispezione sul corpo del pensionato, che era sposato, ha confermato la causa della morte per annegamento. La statale è stata riaperta alle 2 di notte. Sull'incidente indaga la Procura di Termini Imerese.

10:01Kuwait: perdita in giacimento petrolio, stato d’emergenza

(ANSA) - KUWAIT CITY, 23 GEN - L'ente del petrolio kuwaitiano ha dichiarato lo stato d'emergenza a causa di una perdita presso un giacimento nel sud ovest. Lo comunica l'ente in una nota ufficiale precisando che non sono fuoriusciti gas tossici ma senza fornire dettagli su quanti barili di petrolio siano andati perduti. La Kuwait Oil Co. non da' il nome del campo, secondo l'agenzia ufficiale Kuna si tratta di quello di Al Maqwa. Il Kuwait è uno dei maggiori produttori di petrolio con un totale di 2,7 milioni di barili di greggio al giorno ed è il sesto paese al mondo per riserve. E' già la terza volta in pochi mesi che nei giacimenti del paese si verificano delle perdite: lo scorso agosto fu la volta del campo di Ahmadi, mentre a febbraio un incendio scoppiò in seguito a una fuoriuscita di petrolio.

09:58Tunisia: riaperto il valico di Ras Jedir verso la Libia

(ANSAmed) - TUNISI, 23 GEN - Da ieri pomeriggio è tornato ad essere operativo al 100% il valico di frontiera tra Tunisia e Libia di Ras Jedir, dopo l'accordo raggiunto tra autorità tunisine e libiche la scorsa settimana. Lo ha confermato ai media locali il governatore della delegazione tunisina di Médenine, Tahar Matmati, che ha sottolineato tuttavia come la situazione sia da tenere sotto osservazione. Il valico era stato al centro di manifestazioni indette dai commercianti della regione di Ben Guerdane, ultima città tunisina prima della frontiera con la Libia, che ne chiedevano la riapertura permanente dopo alcuni blocchi da parte libica dovuti a questioni di tasse doganali. L'intera regione di Ben Guerdane vive principalmente di scambi commerciali con la Libia.

09:48Siria: oggi iniziano i negoziati di Astana

(ANSA) - MOSCA, 23 GEN - Iniziano oggi i colloqui di Astana sulla crisi siriana, a cui partecipano rappresentanti del governo di Damasco e di 15 gruppi dell'opposizione. Ieri, alla vigilia dell'incontro, esperti di Russia, Turchia e Iran, hanno discusso della situazione per oltre cinque ore. L'inviato speciale dell'Onu per la Siria Staffan de Mistura ha incontrato ieri una delegazione russa e stamane una del governo siriano. Gli Stati Uniti sono rappresentati dall'ambasciatore in Kazakistan, George Krol. L'inizio di nuove trattative sulla Siria a Ginevra sotto l'egida dell'Onu è previsto per l'8 febbraio.

Archivio Ultima ora