Acciaio, battaglia a Bruxelles su invasione cinese

Pubblicato il 09 novembre 2015 da redazione

Un'immagine dello stabilimento Ilva a Taranto, 25 settembre 2013. ANSA / CIRO FUSCO

Un’immagine dello stabilimento Ilva a Taranto, 25 settembre 2013.
ANSA / CIRO FUSCO

BRUXELLES. – Un’invasione senza precedenti di acciaio cinese che negli ultimi tre mesi ha fatto crollare i prezzi e la produzione in Europa, con 5mila licenziamenti solo nell’ultimo mese. E l’Italia è il paese Ue più colpito.

E’ la nuova battaglia contro la Cina ingaggiata dall’industria europea a Bruxelles, dove una riunione straordinaria dei ministri dei 28 è stata convocata d’urgenza dalla presidenza lussemburghese di turno dell’Ue su pressione della Gran Bretagna per correre al capezzale del settore.

Dazi anti-dumping più veloci, sorveglianza del mercato e un chiaro ‘no’ alla concessione dello status di economia di mercato a Pechino le richieste dei ‘big’ dell’acciaio, da ThyssenKrupp ad Arvedi, rivolte a Commissione Ue e stati membri, che sembrano avere parzialmente aperto la porta.

L’Italia fa sponda: “Assicurare alla Cina lo status di economia di mercato è una cosa che non c’è”, è stato netto il viceministro allo sviluppo economico Carlo Calenda.

La sovraccapacità del settore siderurgico in questo momento è stimata dai produttori europei di Eurofer a 500 mln di tonnellate, di cui 300 solo in Cina. E questa da sola è superiore a più del doppio della semplice produzione europea.

In Italia negli ultimi 9 mesi, ha denunciato l’ad di Arvedi Mario Caldonazzo, “la produzione è diminuita dell’8,8% a fronte di un aumento della domanda del 7,7%”, mettendola nella situazione di “Paese più colpito” dal dumping delle esportazioni a basso prezzo dalla Cina ma anche da Bielorussia e Iran.

“E’ chiaro che c’è un problema quando costa meno comprare acciaio cinese in Europa che in Cina”, ha affermato l’ad di ThyssenKrupp Andreas Goss. E con le politiche su Ets e taglio delle emissioni attuate in modo parziale, ha messo in guardia l’ad di Celsa Francesc Rubio, “rischiamo di esportare posti di lavoro e di importare CO2, esattamente il contrario degli obiettivi Ue”.

La crisi del settore però non è nata oggi, e la Commissione Ue con l’allora commissario all’industria Antonio Tajani nel 2013 aveva adottato un Piano d’azione per l’acciaio. “Un’ottima iniziativa, purtroppo non implementata se non in modo parziale”, ha sottolineato Caldonazzo. Anche per Calenda questo “è rimasto un vuoto esercizio teorico”, quindi ora “non possiamo permetterci altre false partenze”.

Il crollo del mercato, e l’urgenza di affrontare la situazione prima che sia troppo tardi, sembrano però aver fatto almeno in parte presa. E’ stata infatti convocata una Conferenza di alto livello ad hoc anche con industria e parti sociali “possibilmente entro dicembre”, ha annunciato il ministro lussemburghese Etienne Schneider, dove si farà anche il punto sull’attuazione del Piano per l’acciaio.

E il vicepresidente della Commissione Ue Jyrki Katainen, pur “non promettendo” niente, ha dato la sua disponibilità a vedere cosa si può fare per accelerare i tempi sulle misure commerciali difensive. Con gli attuali nove mesi necessari potrebbe infatti essere troppo tardi, ha avvertito Eurofer. Katainen ha però ricordato che sono già in vigore ben 37 dazi a tutela dell’acciaio, di cui 21 che riguardano la Cina.

Silenzio, invece, sulla questione dello status di economia di mercato per la Cina: “I nostri servizi legali stanno guardando alla questione e non ci sono state nuove discussioni su questo”.

(di Lucia Sali/ANSA)

Ultima ora

06:15Manchester: media Gb, ancora liberi alcuni complici

LONDRA - Gli arresti delle scorse ore, pur definiti ''importanti'' dalla polizia nelle indagini sull'attacco kamikaze di lunedi' alla Manchester Arena, non significano che l'intera cellula che si presume abbia assistito l'attentatore Salman Abedi sia stata sgominata. Lo scrive il Guardian citando fonti investigative e svelando che alcuni complici ''sono ancora a piede libero''. Mentre il Telegraph riferisce che il materiale ritrovato nel 'covo' del terrorista a Manchester conferma i timori di piani gia' pronti per ''una seconda bomba''.

06:12Manchester: Times, attentatore si preparava da un anno

LONDRA - Salman Abedi, l'attentatore suicida di Manchester, si preparava ad agire da almeno ''un anno''. Lo scrive oggi il Times, sulla base di notizie investigative stando alle quali il 22enne figlio di ex rifugiati politici libici avrebbe creato mesi fa un fondo bancario inattivo, da utilizzare per acquistare il materiale necessario a confezionare l'ordigno della strage.

06:08Russiagate: Nbc, Kushner d’interesse in inchiesta Fbi

WASHINGTON - Jared Kushner, il genero e stretto consigliere del presidente Usa Donald Trump, e' oggetto di interesse dell'Fbi nell'ambito dell'inchiesta sul Russiagate. Lo riferisce la Nbc citando diverse fonti ufficiali. Gli inquirenti ritengono che Kushner abbia informazioni rilevanti per l'inchiesta. Cio' non vuol dire che e' sospettato di alcun crimine.

06:04Afghanistan: 21 Paesi il 6 giugno a Kabul per la pace

KABUL - Il governo dell'Afghanistan ha invitato i rappresentanti di 21 Paesi del mondo ad un incontro denominato 'Processo di Kabul', che si svolgerà il 6 giugno prossimo nella capitale afghana, per tentare di mettere fine al conflitto in corso. Lo ha reso noto oggi il vice portavoce del governo, Javid Faisal. Al riguardo il portavoce ha voluto sottolineare che "qualsiasi sforzo per raggiungere la pace in Afghanistan deve essere per iniziativa, guida e gestione del governo afghano". Fra i Paesi invitati vi sono quelli dell'Asia centrale insieme a Arabia Saudita, Iran, Pakistan, India, Cina, Stati Uniti e Norvegia. E' è prevista inoltre la partecipazione di rappresentanti dell'Onu e dell'Unione europea (Ue).

05:33Manchester: Gb torna a condividere informazioni con Usa

ROMA - Le autorità britanniche hanno ripreso a condividere le informazioni con gli Stati Uniti sull'attacco terroristico di Manchester. Lo ha annunciato Mark Rowley, numero 2 di Scotland Yard, responsabile dell'unità nazionale antiterrorismo citato dall''Huffington Post.

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

Archivio Ultima ora