Acciaio, battaglia a Bruxelles su invasione cinese

Pubblicato il 09 novembre 2015 da redazione

Un'immagine dello stabilimento Ilva a Taranto, 25 settembre 2013. ANSA / CIRO FUSCO

Un’immagine dello stabilimento Ilva a Taranto, 25 settembre 2013.
ANSA / CIRO FUSCO

BRUXELLES. – Un’invasione senza precedenti di acciaio cinese che negli ultimi tre mesi ha fatto crollare i prezzi e la produzione in Europa, con 5mila licenziamenti solo nell’ultimo mese. E l’Italia è il paese Ue più colpito.

E’ la nuova battaglia contro la Cina ingaggiata dall’industria europea a Bruxelles, dove una riunione straordinaria dei ministri dei 28 è stata convocata d’urgenza dalla presidenza lussemburghese di turno dell’Ue su pressione della Gran Bretagna per correre al capezzale del settore.

Dazi anti-dumping più veloci, sorveglianza del mercato e un chiaro ‘no’ alla concessione dello status di economia di mercato a Pechino le richieste dei ‘big’ dell’acciaio, da ThyssenKrupp ad Arvedi, rivolte a Commissione Ue e stati membri, che sembrano avere parzialmente aperto la porta.

L’Italia fa sponda: “Assicurare alla Cina lo status di economia di mercato è una cosa che non c’è”, è stato netto il viceministro allo sviluppo economico Carlo Calenda.

La sovraccapacità del settore siderurgico in questo momento è stimata dai produttori europei di Eurofer a 500 mln di tonnellate, di cui 300 solo in Cina. E questa da sola è superiore a più del doppio della semplice produzione europea.

In Italia negli ultimi 9 mesi, ha denunciato l’ad di Arvedi Mario Caldonazzo, “la produzione è diminuita dell’8,8% a fronte di un aumento della domanda del 7,7%”, mettendola nella situazione di “Paese più colpito” dal dumping delle esportazioni a basso prezzo dalla Cina ma anche da Bielorussia e Iran.

“E’ chiaro che c’è un problema quando costa meno comprare acciaio cinese in Europa che in Cina”, ha affermato l’ad di ThyssenKrupp Andreas Goss. E con le politiche su Ets e taglio delle emissioni attuate in modo parziale, ha messo in guardia l’ad di Celsa Francesc Rubio, “rischiamo di esportare posti di lavoro e di importare CO2, esattamente il contrario degli obiettivi Ue”.

La crisi del settore però non è nata oggi, e la Commissione Ue con l’allora commissario all’industria Antonio Tajani nel 2013 aveva adottato un Piano d’azione per l’acciaio. “Un’ottima iniziativa, purtroppo non implementata se non in modo parziale”, ha sottolineato Caldonazzo. Anche per Calenda questo “è rimasto un vuoto esercizio teorico”, quindi ora “non possiamo permetterci altre false partenze”.

Il crollo del mercato, e l’urgenza di affrontare la situazione prima che sia troppo tardi, sembrano però aver fatto almeno in parte presa. E’ stata infatti convocata una Conferenza di alto livello ad hoc anche con industria e parti sociali “possibilmente entro dicembre”, ha annunciato il ministro lussemburghese Etienne Schneider, dove si farà anche il punto sull’attuazione del Piano per l’acciaio.

E il vicepresidente della Commissione Ue Jyrki Katainen, pur “non promettendo” niente, ha dato la sua disponibilità a vedere cosa si può fare per accelerare i tempi sulle misure commerciali difensive. Con gli attuali nove mesi necessari potrebbe infatti essere troppo tardi, ha avvertito Eurofer. Katainen ha però ricordato che sono già in vigore ben 37 dazi a tutela dell’acciaio, di cui 21 che riguardano la Cina.

Silenzio, invece, sulla questione dello status di economia di mercato per la Cina: “I nostri servizi legali stanno guardando alla questione e non ci sono state nuove discussioni su questo”.

(di Lucia Sali/ANSA)

Ultima ora

18:22Mondiali: Rajoy, Spagna andrà in Russia e vincerà

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - La Spagna giocherà la Coppa del Mondo in Russia. "Non vedo altri scenari - ha detto il premier spagnolo, Mariano Rajoy, commentando le voci che potrebbero vedere escluse le Furie Rosse per ingerenze del Governo iberico sulle elezioni del presidente federale - sono assolutamente convinto che la Spagna andrà ai Mondiali in Russia e, inoltre, che vincerà", ha spiegato il premier aggiungendo di aver saputo che "il ministro dello Sport, Inigo Mendez de Vigo, non ha ricevuto alcun avviso dalla Fifa, solo una lettera di alcuni dirigenti della Federcalcio mondiale che chiedono di essere ascoltati", ha aggiunto Rajoy.

18:21Corea Nord: Tillerson, ‘inazione inaccettabile’

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - La Corea del Nord continua a rappresentare la piu' grande minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e del mondo. Lo ha detto il segretario di Stato americano Rex Tillerson: "L'inazione e' inaccettabile", ha detto Tillerson in Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

18:13Natale: paese-palcoscenico per Natività a Casole d’Elsa

(ANSA) - CASOLE D'ELSA (SIENA), 15 DIC - Un piccolo comune trasformato in un palcoscenico per una rappresentazione della Natività open air che coinvolgerà il paese: 350 le persone impegnate tra attori e comparse - altre 60 saranno invece 'dietro' le quinte' - e 100 gli animali impiegati tra cui cammelli, asini, pecore, galline. E' 'Praesepium', natività in forma di spettacolo, che andrà in scena, dalle 15 alle 19, del 26 e 30 dicembre e dell'1, 6 e 7 gennaio a Casole d'Elsa, nel Senese, che già dal 1998 ospitava, con cadenza biennale, un presepe vivente: 12mila i visitatori nel 2015. Promosso dall'Associazione 'CasoleEventi', la rappresentazione teatrale all'aria aperta si svolgerà per le vie del centro storico di Casole: su una superficie di 30.000 metri quadrati si svolgeranno in contemporanea 30 scene, da quelle classiche della Natività a quelle di un villaggio dell'epoca. Ci sarà cibo cucinato sul momento, compreso il pane e frutta fresca ad arricchire i banchetti. Sarà anche realizzata una 'via dei profumi'", con incensi, candele ed erbe aromatiche. Il pubblico attraverserà la rappresentazione senza dover interagire.(ANSA).

18:12Maltempo: forte mareggiata a Capri, collegamenti sospesi

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 15 DIC - Sono di nuovo sospesi da oggi pomeriggio i collegamenti marittimi con l'isola di Capri colpita da una forte mareggiata. Il maltempo ha portato all'interruzione totale dei collegamenti di linea con la terraferma. Questa mattina le prime interruzioni, poi nel pomeriggio il peggioramento delle condizioni meteomarine ha portato alla soppressione totale delle corse di traghetti e aliscafi.

18:08Calcio: Spalletti, Pordenone non è stato sottovalutato

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 15 DIC - "Facendo giocare tutto un reparto nuovo non li ho agevolati. La differenza l'ha fatta la mia scelta. Non è vero che i calciatori non si sono impegnati o che abbiano preso sottogamba la partita contro il Pordenone": lo dice l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti sulla partita di Coppa Italia di martedì scorso contro il Pordenone, alla vigilia di quella di campionato con l'Udinese. "Se metto Karamoh - che era dispiaciutissimo per le occasioni che non ha concretizzato - per 30 minuti in una squadra che per 8/11 è sempre la stessa, vi farà vedere le sue qualità, così come Cancelo". Spalletti spiega anche motiva la squadra nerazzurra prima delle partite: "Io riporto spesso un esempio prima delle partite: vengo dalla campagna vera, dalla natura, so quale è il comportamento di un predatore con la sua preda: non valuta mai la stazza della sua vittima, ci mette sempre la stessa forza".

17:42Etruria:Di Battista,Boschi da due anni prende per culo gente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Banalizzare le proprie immense responsabilità politiche chiudendosi nel guscio del sessismo lo considero volgare e stucchevole. Oltretutto, questo atteggiamento rafforza le discriminazioni già presenti nel nostro Paese. Se un domani rinunciassi ad attaccare politicamente un Ministro solo perché donna mi macchierei io stesso di un atto discriminatorio. Noi attacchiamo con forza la Boschi non in quanto donna (difesa ridicola) ma in quanto Maria Elena Boschi, un politico che da due anni prende per il culo gli italiani, tutti gli italiani: uomini e donne!". Lo scrive su facebook Alessandro di Battista, deputato M5s

17:36Gerusalemme: proteste in Giordania, bruciate bandiere Usa

(ANSAmed) - AMMAN, 15 DIC - Migliaia di persone sono tornate oggi in piazza ad Amman e in altre città della Giordania dopo la preghiera islamica del venerdì per manifestare contro la decisione del presidente americano Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele. Durante i raduni, autorizzati dalle autorità, i manifestanti hanno bruciato bandiere americane e hanno scandito slogan chiedendo di interrompere le relazioni diplomatiche con Israele. Nell'ovest di Amman un gruppo di attivisti continua intanto un sit-in davanti all'ambasciata statunitense, intorno alla quale sono state rafforzate le misure di sicurezza, così come intorno a quella israeliana.

Archivio Ultima ora