Acciaio, battaglia a Bruxelles su invasione cinese

Pubblicato il 09 novembre 2015 da redazione

Un'immagine dello stabilimento Ilva a Taranto, 25 settembre 2013. ANSA / CIRO FUSCO

Un’immagine dello stabilimento Ilva a Taranto, 25 settembre 2013.
ANSA / CIRO FUSCO

BRUXELLES. – Un’invasione senza precedenti di acciaio cinese che negli ultimi tre mesi ha fatto crollare i prezzi e la produzione in Europa, con 5mila licenziamenti solo nell’ultimo mese. E l’Italia è il paese Ue più colpito.

E’ la nuova battaglia contro la Cina ingaggiata dall’industria europea a Bruxelles, dove una riunione straordinaria dei ministri dei 28 è stata convocata d’urgenza dalla presidenza lussemburghese di turno dell’Ue su pressione della Gran Bretagna per correre al capezzale del settore.

Dazi anti-dumping più veloci, sorveglianza del mercato e un chiaro ‘no’ alla concessione dello status di economia di mercato a Pechino le richieste dei ‘big’ dell’acciaio, da ThyssenKrupp ad Arvedi, rivolte a Commissione Ue e stati membri, che sembrano avere parzialmente aperto la porta.

L’Italia fa sponda: “Assicurare alla Cina lo status di economia di mercato è una cosa che non c’è”, è stato netto il viceministro allo sviluppo economico Carlo Calenda.

La sovraccapacità del settore siderurgico in questo momento è stimata dai produttori europei di Eurofer a 500 mln di tonnellate, di cui 300 solo in Cina. E questa da sola è superiore a più del doppio della semplice produzione europea.

In Italia negli ultimi 9 mesi, ha denunciato l’ad di Arvedi Mario Caldonazzo, “la produzione è diminuita dell’8,8% a fronte di un aumento della domanda del 7,7%”, mettendola nella situazione di “Paese più colpito” dal dumping delle esportazioni a basso prezzo dalla Cina ma anche da Bielorussia e Iran.

“E’ chiaro che c’è un problema quando costa meno comprare acciaio cinese in Europa che in Cina”, ha affermato l’ad di ThyssenKrupp Andreas Goss. E con le politiche su Ets e taglio delle emissioni attuate in modo parziale, ha messo in guardia l’ad di Celsa Francesc Rubio, “rischiamo di esportare posti di lavoro e di importare CO2, esattamente il contrario degli obiettivi Ue”.

La crisi del settore però non è nata oggi, e la Commissione Ue con l’allora commissario all’industria Antonio Tajani nel 2013 aveva adottato un Piano d’azione per l’acciaio. “Un’ottima iniziativa, purtroppo non implementata se non in modo parziale”, ha sottolineato Caldonazzo. Anche per Calenda questo “è rimasto un vuoto esercizio teorico”, quindi ora “non possiamo permetterci altre false partenze”.

Il crollo del mercato, e l’urgenza di affrontare la situazione prima che sia troppo tardi, sembrano però aver fatto almeno in parte presa. E’ stata infatti convocata una Conferenza di alto livello ad hoc anche con industria e parti sociali “possibilmente entro dicembre”, ha annunciato il ministro lussemburghese Etienne Schneider, dove si farà anche il punto sull’attuazione del Piano per l’acciaio.

E il vicepresidente della Commissione Ue Jyrki Katainen, pur “non promettendo” niente, ha dato la sua disponibilità a vedere cosa si può fare per accelerare i tempi sulle misure commerciali difensive. Con gli attuali nove mesi necessari potrebbe infatti essere troppo tardi, ha avvertito Eurofer. Katainen ha però ricordato che sono già in vigore ben 37 dazi a tutela dell’acciaio, di cui 21 che riguardano la Cina.

Silenzio, invece, sulla questione dello status di economia di mercato per la Cina: “I nostri servizi legali stanno guardando alla questione e non ci sono state nuove discussioni su questo”.

(di Lucia Sali/ANSA)

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora