Lega: processo rimborsi, da multe a laurea Bossi jr

Pubblicato il 09 novembre 2015 da redazione

bossi family

MILANO. – Soldi pubblici entrati nelle casse della Lega Nord come rimborsi elettorali e usciti senza giustificativi in quanto sarebbero serviti per le spese personali della famiglia Bossi: dalle multe per le violazioni al codice della strada e al conto del carrozziere per migliaia e migliaia di euro, fino all’acquisto in diverse rate della famosa laurea in Albania di Renzo ‘il Trota’.

E’ quanto è andato in scena in aula a Milano al processo in cui sono imputati il fondatore del Carroccio, Umberto Bossi, il figlio Renzo e l’ex tesoriere Francesco Belsito. I tre rispondono di appropriazione indebita per circa mezzo milione assieme al Riccardo Bossi che verrà invece giudicato con rito abbreviato.

A parlare delle spese del fondatore della Lega e dei suoi familiari è stato Stefano Martinazzo il consulente della Procura. Durante la sua deposizione, il commercialista, rispondendo alle domande del pm Paolo Filippini, e alle richieste di precisazioni del giudice monocratico dell’ottava sezione penale del Tribunale Luisa Balzarotti, ha spiegato che dall’analisi contabile da via Bellerio, tra il 2008 e il 2011, sono state individuati “più di due milioni di euro di uscite prive di supporto documentale”, come scontrini o fatture.

Secondo l’esperto, che ha analizzato la documentazione del Carroccio nel periodo preso in esame e 9 conti correnti, “la Lega ha incassato a titolo di rimborsi” elettorali circa 75 milioni e mezzo di euro, dai quali sono stati prelevati poco più di 3 milioni di euro “per alimentare la cassa” del partito.

Il “paradosso”, ha sottolineato, è che poi “le uscite sono risultate superiori alle entrate, per uno squilibrio di cassa di 307 mila euro”. Uscite giustificate solo in minima parte: nei bilanci del Carroccio ci sono infatti “3.900 voci di uscita in 4 anni”.

Questo quadro ha portato il commercialista a dire che la contabilità del Carroccio era stata tenuta “in spregio di qualsiasi principio valido nelle aziende e nelle attività commerciali” e in “modo non conforme alla legge sul finanziamento ai partiti”. Contabilità da cui è emersa una “incompletezza documentale imbarazzante” riguardo la movimentazione dei conti correnti del movimento politico.

Martinazzo ha poi parlato delle cartelline trovate nella cassaforte dell’ufficio romano di Belsito più di tre anni fa, in piena inchiesta, durante le perquisizioni della Gdf. “Una di queste – ha raccontato – sul frontespizio riportava la scritta ‘The family’ e dentro c’erano le presunte lauree in Albania di Renzo Bossi e Pierangelo Moscagiuro”, l’ex caposcorta dell’allora senatrice Rosi Mauro.

“Insieme a due fogli di formato A4 che rappresentavano gli attestati di laurea – ha proseguito – c’era anche il libretto con l’elenco dei voti. Inoltre, nella cartelletta c’erano le spese della famiglia Bossi. Ricordo anche tutta la documentazione medica sulla rinoplastica del figlio minorenne di Bossi, le cartelle di Equitalia, i documenti sui lavori di ristrutturazione delle case di famiglia, le spese per le multe”.

Secondo l’accusa tra il 2009 e il 2011, il Senatur avrebbe speso oltre 208 mila euro: l’assegno da 20 mila con la dicitura ‘Casa Capo Lavori’, cartelle esattoriali, ”lavori edilizi” per la casa di Gemonio (1.583 euro), assegni da 50 mila euro, 160 euro per ”acquisto regalo di nozze”, 27 mila euro per ”abbigliamento”, gioielli, 1.500 euro di dentista, 81 mila euro per lavori in una casa a Roma.

A Renzo sono stati addebitati, invece, più di 145mila: migliaia di euro in multe, tremila euro di assicurazione auto, 48mila euro per comprarsi una macchina e 77mila euro per la ”laurea albanese”. Riccardo, infine, ha speso quasi 158mila euro per pagare ”debiti personali”, ”noleggi auto”, le rate dell’Università dell’Insubria, l’affitto, il ”mantenimento dell’ex moglie”, l’abbonamento della pay-tv, ”luce e gas” e anche il ”veterinario per il cane”.

(di Francesca Brunati/ANSA)

Ultima ora

08:06Uragani: cinque ex presidenti Usa insieme per raccolta fondi

(ANSA) - WASHINGTON, 22 OTT - Cinque ex presidenti insieme per chiedere agli americani di fare donazioni per le vittime degli uragani che nelle ultime settimane hanno colpito Texas, Florida, Puerto Rico e le Isole Vergini. Jimmy Carter, Bill Clinton, Barack Obama, Bush padre e figlio sono comparsi al concerto di beneficienza al campus della Texas A&M University di Austin, dove ha fatto una apparizione a sorpresa anche Lady Gaga. Tutti hanno fatto brevi dichiarazioni, tranne il 93/enne George W. Bush, che soffre di una forma di Parkinson ed era su una sedia a rotelle. Nessuno ha fatto riferimenti a Donald Trump. Finora la raccolta fondi tramite l'iniziativa One America appeal for hurricane relief ha raggiunto i 31 milioni di dollari, con donazioni da oltre 80 mila persone.

08:01Corea Nord: ex presidente Carter disposto andare a Pyongyang

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - L'ex presidente americano Jimmy Carter, 93 anni, si é detto disposto ad andare in missione diplomatica in Corea del Nord per conto del presidente Donald Trump in un momento di crescenti tensioni tra i due Paesi sulla questione delle armi nucleari. "Sì, io ci andrei", ha detto Carter alla giornalista Maureen Dowd del New York Times - riporta Fox News - rispondendo a una domanda su una sua eventuale disponibilità a recarsi a Pyongyang in missione diplomatica. Carter, che in passato ha già incontrato i leader nordcoreani, ha ammesso di essere "spaventato" dalla "situazione" attuale: "Non so cosa faranno", ha commentato, "perche' vogliono salvare il loro regime. E noi sovrastimiamo notevolmente l'influenza della Cina sulla Corea del Nord. In particolare su Kim Jong-un, che per quanto ne so non é mai stato in Cina". Carter ha poi definito Kim "imprevedibile".

01:37Razzismo:Sarri,noi non tutelati quando ci gridano ‘terroni’

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - ''Ci sono forme di razzismo che vengono tutelate e a noi, quando ci gridano 'terroni' oppure 'Vesuvio lavali col fuoco' non ci viene concessa la stessa tutela: questo mi fa arrabbiare''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri risponde così ad una domanda sulla sua protesta nei confronti dell'arbitro Irrati nel corso del match del san Paolo contro l'Inter.

00:45F1: Usa, Hamilton in pole, seconda Ferrari Vettel

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - La Mercedes di Lewis Hamilton ha conquistato la pole position del Gran Premio degli Stati Uniti. Sulla pista di Austin in Texas, il leader del Mondiale ha preceduto la Ferrari di Sebastian Vettel e il compagno di scuderia Valtteri Bottas. Quinta l'altra Ferrari di Kimi Raikkonen. Quarta posizione per la Red Bull di Daniel Ricciardo (stesso tempo di Raikkonen ma stabilito prima), mentre sesto tempo per il compagno di scuderia Max Verstappen che dovrà scontare una penalità di 15 posizioni in griglia per aver sostituito la Power Unit. Settimo crono per la Force India di Ocon davanti alla Renault di Sainz ed alla McLaren di Alonso. Decima l'altra Force India di Perez davanti alla Williams di Massa.

00:30Calcio:Sarri’se io ministro Economia,Spalletti della Difesa’

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Handanovic è straordinario, forse il più forte portiere del mondo in questo momento, ma in generale abbiamo trovato di fronte un'intera squadra molto solida. Sono soddisfatto di quello che ha fatto il Napoli: avere il 75% di supremazia territoriale senza concedere tanto agli avversari sono segnali che il match l'abbiamo giocato su buoni livelli''. Ai microfoni di Premium Sport, l'allenatore del Napoli Maurizio Sarri valuta così lo 0-0 del San Paolo contro l'Inter: ''Dal punto di vista delle palle gol sono due punti persi, ma se continuiamo con questo genere di prestazioni sarà difficile non fare risultato pieno''. Spalletti mi ha definito Ministro dell'Economia? Allora lui è il Ministro della Difesa".

00:28Csm:Davigo non scende in politica e critica politici e toghe

(ANSA) - SIENA, 21 OTT - Piercamillo Davigo non sarà candidato alle prossime elezioni politiche, né intende "assumere incarichi di governo". Lo ha detto oggi zittendo le voci che lo davano in lizza con i 5 stelle. "I magistrati - ha detto non sono capaci di fare politica, tantomeno lo sarei io". Davigo pero' è poi passato a dure critiche sia per i politici che il Csm. Al Parlamento contesta "di non prendere decisioni nemmeno quando per legge dovrebbe allontanare persone condannate per reati anche gravi come l'abuso d'ufficio, incidendo negativamente sulla fiducia dei cittadini".Poi del Csm critica le corsie preferenziali nell'occupare posti dirigenziali per magistrati che hanno avuto incarichi in ministeri o sono rientrati dalla politica. "Fate passare davanti quelli che hanno fatto politica. Non voglio delegittimare il Csm - ha aggiunto - ma quando sono stati arrestati i docenti che si spartivano nelle università incarichi ho sentito colleghi dire in mail che questa cosa la fa il Csm tutti i giorni, 'uno a me e uno a te'".

23:54Calcio: Spalletti, vera fortuna è allenare questi ragazzi

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "A questi calciatori vanno fatti i complimenti: continuate a dirci che siamo fortunati, ma la mia vera fortuna è allenare questi ragazzi. Sanno fare il loro mestiere, sanno dove vogliono andare e oggi sono venuti qui a giocare una buonissima partita''. Ai microfoni di Premium Sport, l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti, risponde così a chi continua a definire la sua squadra fortunata. ''Che poteva anche essere giocata anche meglio. A volte i giocatori del Napoli sembrano i figli di Goldrake, per le cose quasi incredibili che fanno, e giocare contro di loro non è facile. Dobbiamo ancora imparare tanto, perché in alcune situazioni potevamo anche fare gol, ma abbiamo anche fatto dei passi in avanti importanti''. ''Ci vuole del tempo - aggiunge Spalletti -e noi dobbiamo essere bravi ad accorciarlo. Se poi mi continuate a chiedere se lotteremo per lo Scudetto, vi rispondo di sì, lo vinceremo (ironico, ndr)".

Archivio Ultima ora