Berlino in pressing su Vw, modifiche per 540.000 auto

Pubblicato il 09 novembre 2015 da redazione

A picture made available on 10 March 2015 shows a worker at a factory of the Volkswagen AG assembling a dashboard of a car in Wolfsburg, Germany, 03 March 2015. Volkswagen will present its results for 2014 in Berlin, Germany on 12 March 2015.  EPA/Jochen Luke

A picture made available on 10 March 2015 shows a worker at a factory of the Volkswagen AG assembling a dashboard of a car in Wolfsburg, Germany, 03 March 2015. Volkswagen will present its results for 2014 in Berlin, Germany on 12 March 2015. EPA/Jochen Luke

BERLINO. – Mentre si aspettano i numeri del temuto impatto sulle vendite di ottobre, nuove cifre sul dieselgate che ha travolto Volkswagen emergono dal ministero dei Trasporti tedesco: sono 540 mila le auto, che avranno bisogno di modifiche ben al di là di una semplice sostituzione di un software.

Ma a Wolfsburg, sul punto, non emergono altri dettagli. È il giorno in cui il colosso dell’auto tedesca, alle prese col più grande scandalo della sua storia, è stato declassato ancora una volta da un’agenzia di rating americana: si tratta di Fitch, che da A ha portato a BBB+ con outlook negativo la sua valutazione sulla compagnia.

“Il downgrade riflette i problemi di corporate, governance, management e controlli interni, emersi con la crisi dei test delle emissioni su 11 milioni di auto diesel”, ha scritto. Fitch aggiunge di attendersi che il costo finale dello scandalo sarà “sostanziale”, anche se ancora non quantificabile, sottolineando che i “danni reputazionali di Vw potrebbero avere effetto anche sulla sua capacità di finanziamento”.

Per discutere delle rivelazioni della settimana scorsa, sull’estensione dello scandalo ai valori dei Co2, col coinvolgimento di circa 100 mila motori a benzina, si sono tenute nella sede centrale una riunione del presidio e una seduta, a seguire, del consiglio di sorveglianza. Iniziato con due ore e mezzo di ritardo, l’incontro è stato segnato da un clima glaciale. C’è anche un fronte italiano: surriscaldato dalle indiscrezioni di stampa circa una possibile cessione delle aziende italiane del gruppo. Qui è stato però il ceo di Audi Rupert Stadler ad affermare che “Ducati, Lamborghini e Italdesign Gungiaro non sono in vendita”. Nelle stesse ore gli attivisti di Greenpeace si sono a arrampicati sul tetto della fabbrica di Wolfsburg per sostituire il logo “Das auto”, con un manifesto su cui si leggeva invece “das Problem”, il problema. A Bruxelles, gli ambientalisti hanno poi rivendicato un’indagine europea sul caso, chiedendo inoltre che Vw sia sospesa dai gruppi di esperti e lobbisti che la Commissione Ue consulta. In questo scenario generale Volkswagen lancia, fra le misure per correre ai ripari, l’annuncio di voucher, buoni acquisto da 1.000 dollari e assistenza stradale gratis per i proprietari delle auto diesel coinvolte nello scandalo begli Usa. Ma attualmente sembra una goccia nel mare.

Ultima ora

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

03:24Trump: Usa valutano ruolo maggiore in conflitto in Yemen

NEW YORK - Gli Stati Uniti valutano la possibilita' di rafforzare il loro ruolo nel conflitto in Yemen aiutando direttamente gli alleati del Golfo nella battaglia contro i ribelli sciiti Houthi. Lo riporta la stampa americana citando alcune fonti. La maggiore assistenza americana potrebbe includere anche un sostegno dal punta di vista dell'intellingence.

03:21Trump: Giuliani legale turco che ha violato sanzioni Iran

NEW YORK - Rudolph Giuliani, l'ex sindaco di New York e alleato di Donald Trump, entra nella squadra legale di Reza Zarrab, il trader di oro turco arrestato per aver violato le sanzioni americane contro l'Iran. Un caso gia' al centro delle relazioni fra Turchia e Stati Uniti. Lo riporta il New York Times, sottolineando che Giuliani e un altro legale, Michael Mukasey, hanno incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan nell'ambito degli sforzi per difendere Zarrab.

03:15Trump: chiesti 1 mld dollari per primi 99,7 km muro

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha chiesto formalmente 1 miliardo di dollari per i primi 99,7 chilometri di muro con il Messico. Lo riporta la Cnn citando documenti del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale. I fondi serviranno per le riparazioni di alcune infrastrutture di confine gia' esistenti e per la costruzione di 77,2 chilometri di muro nuovo.

Archivio Ultima ora