Mattarella in Indonesia, l’Italia è cambiata

Pubblicato il 09 novembre 2015 da redazione

mattarella-indonesia

JAKARTA.- I mercati esteri tornano a fidarsi dell’Italia che dopo un periodo di stretta osservazione sembra poter tornare nel gioco del club che contano. Grazie anche alle riforme di questi anni, spiega Sergio Mattarella dall’Indonesia seconda tappa di una sua lunga missione nel sud-est asiatico.

Ma proprio dall’Indonesia, gigante musulmano dell’area con quasi 300 milioni di abitanti sparsi in oltre 17 mila isole, richiama al realismo ricordando che l’Italia “non è immune” al terrorismo fondamentalista.

Due messaggi di natura opposta che il capo dello Stato alterna e unisce nei suoi tanti incontri a Jakarta, passando dall’ufficialità dei colloqui con il presidente Joko Widodo a una interessante visita alla grande moschea di Jakarta collocata di fronte alla cattedrale cristiana. Simbolo di questa Indonesia che cerca la tolleranza e delle sue diversità ne ha fatto una forza. Ma anch’essa rimane nel mirino del fondamentalismo.

Ciò detto, la missione di Mattarella è nata con un obiettivo squisitamente economico. Il presidente della repubblica in questa lontana parte del mondo ascolta e rassicura pazientemente quanti – e non sono pochi – vorrebbero scommettere sulle aziende del “made in Italy” ma ancora non si fidano: l’Italia è cambiata, si sta rinnovando profondamente, garantisce il capo dello Stato in tutti i suoi incontri.

Aggredire l’Asia e al di là delle aree già esplorate come Cina e Corea, è il mantra del ministro per lo Sviluppo Federica Guidi che accompagna Mattarella firmando accordi doganali e commerciali che porteranno frutti.

Dopo tre giorni passati in Vietnam dove le imprese italiane sono già radicate, il presidente della repubblica è sbarcato in Indonesia dove la sua visita è stata accolta con una attenzione stupita, quasi a dire “finalmente le istituzioni del Belpaese si sono accorte di noi!”.

E Sergio Mattarella per la prima volta – mentre Renzi spendeva concetti analoghi in Arabia Saudita – ha lasciato da parte la prudenza istituzionale per promuovere senza esitazioni l’Italia riformata degli ultimi anni, quella che ha saputo cambiare la previdenza ben prima di Renzi e quella – assolutamente renziana – che ha rivoluzionato il mercato del lavoro. E che sta cercando di ripulire la Pubblica Amministrazione da vizi e inefficienze antichi.

“Un profondo rinnovamento” è in corso, spiega a tutti i suoi interlocutori ancora perplessi nel risolvere il “rebus” Italia. “A partire dal 2012, anche a seguito della crisi economico-finanziaria che ha colpito i Paesi partecipanti all’Euro, sono state impostate ed approvate – ha spiegato il capo dello Stato – alcune riforme importanti finalizzate a rendere l’Italia più competitiva. Ricordo alcuni passaggi di questo percorso: la riforma del sistema previdenziale, quella del mercato del lavoro e quella, più recente, della Pubblica Amministrazione”.

E su quest’ultima il monito del capo dello Stato è chiaro: la P.A. nasce per la gente, per aiutare i cittadini e deve “lottare contro la corruzione”, non esserne parte. Soprattutto deve essere “efficiente” se vuole aiutare il sistema Italia.

Ma non solo, per la prima volta Mattarella ha parlato dell’utilità della riforma Costituzionale del Senato che è in via di completamento alla Camera: “a queste riforme si affiancherà ora un’incisiva riforma istituzionale, tesa a differenziare le competenze della Camera dei Deputati dal Senato e quindi a rendere più rapide le procedure legislative”.

Ma la sfida “più grande dei prossimi anni” è quella del terrorismo internazionale, ribadisce in un incontro con il presidente indonesiano anch’egli assai preoccupato per la progressione dell’Isis in Medio Oriente e nord Africa.

“La minaccia del terrorismo internazionale è oggi una delle principali aggressioni al modello sociale e politico basato su tolleranza e libertà che i nostri due Paesi propongono”, aggiunge ancora il capo dello Stato senza nascondere la propria preoccupazione mentre il Giubileo si avvicina.

(Dell’inviato Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

10:47Arabia Saudita: Ministero Esteri nega contatti con Israele

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Il ministero degli Esteri dell'Arabia Saudita ha negato che nelle ultime settimane rappresentanti ufficiali del governo saudita si siano recati in Israele. Secondo quanto riportato da Al Arabiya English, in un comunicato si legge che le notizie su visite di ufficiali sauditi presso Israele "sono false e non hanno nessuna base di verità". Vengono inoltre invitati i media a verificare con accuratezza ciò che pubblicano. "Nessuna attenzione verrà data a dicerie e notizie con finalità altre ormai note", avrebbe aggiunto una fonte interna al ministero.

10:39Calcio:Nicchi,tempo effettivo gioco forse in futuro, ora no

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - ''Non è escluso che si arrivi al tempo effettivo di gioco, ma ora no''. Il presidente dell'associazione italiana arbitri, Marcello Nicchi, apre al 'cronometro in campo' anche se solo in futuro: ''Oggi non serve il cronometrista per il tempo effettivo - aggiunge Nicchi ai microfoni di Radio Anch'io lo sport - può darsi in futuro. C'e' anche un problema di risorse. Con i primi risultati di questa sperimentazione (la Var, ndr) perdiamo un minuto e mezzo - aggiunge Nicchi - non a vedere il monitor si perde tempo ma con altri episodi''.

10:37A Napoli cadavere extracomunitario,ha colpo pistola in testa

(ANSA) - NAPOLI, 23 OTT - Il cadavere di un cittadino extracomunitario è stato ritrovato in un appartamento di Napoli, in via Giovanni Tappia. Sul corpo dell'uomo, di circa 35-40 anni, è stato individuato un colpo di pistola alla testa. In casa è stata anche trovata la pistola, vicino al corpo. Potrebbe trattarsi di un suicidio ma la Polizia di Stato indaga per non escludere alcuna pista. Ieri sera sono stati i Vigili del Fuoco e gli agenti del commissariato Vicaria-Mercato ad accedere nell'appartamento trovato completamente a soqquadro; il corpo era già in avanzato stato di decomposizione.

10:26Turchia: 859 arresti per terrorismo in una settimana

(ANSA) - ISTANBUL, 23 OTT - Ancora arresti di massa in Turchia con accuse di "terrorismo". Sono 859 le persone finite in manette nell'ultima settimana, secondo un bollettino del ministero degli Interni. La maggior parte (643) sono sospettate di legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. Altre 131 sono state arrestate in operazioni contro il Pkk curdo, durante le quali sono anche stati "neutralizzati" 64 militanti, di cui 45 uccisi. Detenuti dall'antiterrorismo anche 69 sospetti affiliati all'Isis e 16 a gruppi illegali di estrema sinistra. Dal tentativo di putsch del 15 luglio 2016, gli arresti per presunti reati di terrorismo in Turchia sono stati più di 50 mila.

10:03Vittima incidente a terra, lui filma e fa la diretta su Fb

(ANSA) - BOLOGNA, 23 OTT - Mentre la vittima di un incidente stradale era a terra, lui con il telefonino si è connesso a Facebook e ha iniziato a trasmettere la diretta dell'agonia, scrivendo: "Chi mi segue chiami aiuto!" e "C'è sangue, speriamo si salvi". E' successo a Riccione (Rimini), dove nella notte tra sabato e domenica è morto in viale Veneto un ragazzo di 24 anni, Simone Ugolini, dopo un schianto in motorino contro un albero. L'autore del video, come riportano quotidiani locali, si chiama Andrea Speziali, ha 29 anni, esperto d'arte e candidato alle ultime elezioni comunali. Sui social è stato bersagliato di critiche e insulti. "Mi hanno detto che avevano già chiamato i soccorsi", ha detto poi - riferisce Il Resto del Carlino - spiegando di essere rimasto "sconvolto, sotto choc" e di aver voluto "far qualcosa per quel giovane a terra". "Mi sono messo a filmarlo e volevo fare una diretta, volevo condividere il mio dolore. Non cercavo lo scoop - ha aggiunto - ora ho capito di aver sbagliato e chiedo scusa a tutti". (ANSA).

09:59Calcio: Nicchi ‘Montella si dovrà adeguare alla Var’

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - ''Io non rispondo a Montella in senso lato, dico soltanto che anche lui si dovrà adeguare a questa tecnologia. La carriera non se la gioca solo lui ma tutti''. Il presidente dell'Aia (l'associazione italiana arbitri), Marcello Nicchi, risponde alle polemiche sulla Var del tecnico del Milan Vincenzo Montella dopo il pari con il Genoa ed il rosso a Bonucci. ''Lui - aggiunge Nicchi ai microfoni di Radio Anch'io lo sport - sa come bisogna contenersi, se la sua squadra girasse come si deve non saremmo qui a commentare''.

09:59Esplode bombola di gas a Palermo, 4 pompieri feriti

(ANSA) - PALERMO, 23 OTT - Quattro vigili del fuoco sono rimasti feriti, la notte scorsa, uno in modo più grave, a causa dell'esplosione di una bombola di gas, che era sistemata in un camper nella zona di Cruilas a Palermo, alle spalle dell'ex centro commerciale Grande migliore. La squadra era intervenuta dopo la segnalazione di un incendio, intorno alle 3. Durante le operazioni la bombola è scoppiata e i quattro pompieri sono stati travolti dalle fiamme. Il caposquadra è ricoverato al centro grandi ustioni del Civico. Ha ustioni al viso e alle mani. La prognosi riservata.

Archivio Ultima ora