Mattarella in Indonesia, l’Italia è cambiata

Pubblicato il 09 novembre 2015 da redazione

mattarella-indonesia

JAKARTA.- I mercati esteri tornano a fidarsi dell’Italia che dopo un periodo di stretta osservazione sembra poter tornare nel gioco del club che contano. Grazie anche alle riforme di questi anni, spiega Sergio Mattarella dall’Indonesia seconda tappa di una sua lunga missione nel sud-est asiatico.

Ma proprio dall’Indonesia, gigante musulmano dell’area con quasi 300 milioni di abitanti sparsi in oltre 17 mila isole, richiama al realismo ricordando che l’Italia “non è immune” al terrorismo fondamentalista.

Due messaggi di natura opposta che il capo dello Stato alterna e unisce nei suoi tanti incontri a Jakarta, passando dall’ufficialità dei colloqui con il presidente Joko Widodo a una interessante visita alla grande moschea di Jakarta collocata di fronte alla cattedrale cristiana. Simbolo di questa Indonesia che cerca la tolleranza e delle sue diversità ne ha fatto una forza. Ma anch’essa rimane nel mirino del fondamentalismo.

Ciò detto, la missione di Mattarella è nata con un obiettivo squisitamente economico. Il presidente della repubblica in questa lontana parte del mondo ascolta e rassicura pazientemente quanti – e non sono pochi – vorrebbero scommettere sulle aziende del “made in Italy” ma ancora non si fidano: l’Italia è cambiata, si sta rinnovando profondamente, garantisce il capo dello Stato in tutti i suoi incontri.

Aggredire l’Asia e al di là delle aree già esplorate come Cina e Corea, è il mantra del ministro per lo Sviluppo Federica Guidi che accompagna Mattarella firmando accordi doganali e commerciali che porteranno frutti.

Dopo tre giorni passati in Vietnam dove le imprese italiane sono già radicate, il presidente della repubblica è sbarcato in Indonesia dove la sua visita è stata accolta con una attenzione stupita, quasi a dire “finalmente le istituzioni del Belpaese si sono accorte di noi!”.

E Sergio Mattarella per la prima volta – mentre Renzi spendeva concetti analoghi in Arabia Saudita – ha lasciato da parte la prudenza istituzionale per promuovere senza esitazioni l’Italia riformata degli ultimi anni, quella che ha saputo cambiare la previdenza ben prima di Renzi e quella – assolutamente renziana – che ha rivoluzionato il mercato del lavoro. E che sta cercando di ripulire la Pubblica Amministrazione da vizi e inefficienze antichi.

“Un profondo rinnovamento” è in corso, spiega a tutti i suoi interlocutori ancora perplessi nel risolvere il “rebus” Italia. “A partire dal 2012, anche a seguito della crisi economico-finanziaria che ha colpito i Paesi partecipanti all’Euro, sono state impostate ed approvate – ha spiegato il capo dello Stato – alcune riforme importanti finalizzate a rendere l’Italia più competitiva. Ricordo alcuni passaggi di questo percorso: la riforma del sistema previdenziale, quella del mercato del lavoro e quella, più recente, della Pubblica Amministrazione”.

E su quest’ultima il monito del capo dello Stato è chiaro: la P.A. nasce per la gente, per aiutare i cittadini e deve “lottare contro la corruzione”, non esserne parte. Soprattutto deve essere “efficiente” se vuole aiutare il sistema Italia.

Ma non solo, per la prima volta Mattarella ha parlato dell’utilità della riforma Costituzionale del Senato che è in via di completamento alla Camera: “a queste riforme si affiancherà ora un’incisiva riforma istituzionale, tesa a differenziare le competenze della Camera dei Deputati dal Senato e quindi a rendere più rapide le procedure legislative”.

Ma la sfida “più grande dei prossimi anni” è quella del terrorismo internazionale, ribadisce in un incontro con il presidente indonesiano anch’egli assai preoccupato per la progressione dell’Isis in Medio Oriente e nord Africa.

“La minaccia del terrorismo internazionale è oggi una delle principali aggressioni al modello sociale e politico basato su tolleranza e libertà che i nostri due Paesi propongono”, aggiunge ancora il capo dello Stato senza nascondere la propria preoccupazione mentre il Giubileo si avvicina.

(Dell’inviato Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

02:02Iraq: autobomba a Baghdad, almeno 10 morti

(ANSA) - BAGHDAD, 30 MAG - Almeno 10 persone sono morte e altre 22 rimaste ferite per l'esplosione ieri sera di una autobomba fuori da una popolare gelateria di Baghdad. L'attentato è avvenuto pochi giorni dopo l'inizio del Ramadan, mese sacro durante il quale i musulmani digiunano durante le ore diurne: al tramonto bar e ristoranti si riempiono rapidamente di avventori, tra cui molte famiglie. L'attacco ha colpito un locale nel centro della capitale irachena ed è stato effettuato con dell'esplosivo piazzato in una macchina lasciata parcheggiata. Al momento non c'è stata alcuna rivendicazione ma nel passato l'Isis ha rivendicato attentanti simili, come quello con un camion bomba esploso durante il Ramadan dello scorso anno che ha ucciso centinaia di persone.

00:35Voto Gb:May su Brexit, non pagheremo qualunque prezzo

(ANSA) - LONDRA, 30 MAG - "Nessun accordo sulla Brexit è meglio di uno cattivo". La premier britannica ha ribadito in modo chiaro, nel corso del dibattito televisivo a distanza col leader laburista Jeremy Corbyn, che è pronta ad abbandonare i negoziati sull'uscita dall'Europa nel caso in cui non si riesca a trovare una intesa con l'Ue, a partire dalla questione del cosiddetto 'conto del divorzio'. Il primo ministro conservatore ha sottolineato che non è intenzionata a "pagare ogni prezzo" per ottenere un accordo.

22:56Voto Gb: Corbyn, ‘con noi non ci sarà Brexit senza accordo’

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - La Brexit ci sarà, ma non avverrà "senza un accordo" con l'Ue se al governo in Gran Bretagna andrà il Labour. Lo ha detto il leader laburista, Jeremy Corbyn, nel dibattito televisivo elettorale a distanza di stasera, assicurando di voler "rispettare il risultato del referendum", ma di voler negoziare anche "un accordo di libero scambio con Bruxelles" e mantenere rapporti stretti con l'Europa. Il leader laburista si è poi detto pronto a pagare all'Ue "quanto legalmente dovuto" per il divorzio. Quanto all'immigrazione, Corbyn ha infine detto di ritenere "probabile" una leggera riduzione dell'immigrazione, ma senza fare alcuna promessa di limitarla. Secondo Corbyn, l'attentato di Manchester è stato un gesto orribile e non ci sono giustificazioni per chi la commesso, ma deve suggerire anche una revisione della politica estera, che "non significa una politica estera più soft", bensì una politica che punti a stabilizzare i Paesi devastati da guerre e interventi militari, come la Siria e la Libia.

21:29Auto ‘impazzita’ travolge 5 persone a Roma, 2 gravi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Un'auto ha travolto 5 pedoni stasera a Roma. E' accaduto in via dei Colli Portuensi. I 5 feriti sono stati trasportati in ospedale dal 118 di Roma. Secondo quanto si è appreso, il più grave è un ragazzo di circa 30 anni rimasto incastrato sotto le ruote della macchina. Trasportata in ospedale in codice rosso anche una donna con vari traumi alla schiena. Gli altri tre sembrerebbero meno gravi. Sul posto polizia e polizia locale per i rilievi. Alla guida della Smart c'era una donna. Non si esclude che possa aver avuto un malore.

21:20Tennis: Roland Garros, Fognini al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Anche Fabio Fognini si aggiunge alla piccola pattuglia di azzurri che ha raggiunto il secondo turno al Roland Garros. Il tennista ligure e' riuscito solo al quinto set ad avere ragione del giovane statunitense Frances Tiafoe, col punteggio di 6-4, 6-3, 3-6, 1-6, 6-0, in due ore e 45 minuti di gioco. L'incrocio del tabellone lo porta ad affrontare un altro italiano, Andreas Seppi.

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

20:47Migranti: sbarchi 2017 a quota 60mila, +48% rispetto a 2016

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Con i quasi diecimila arrivi negli ultimi tre giorni il conto degli sbarchi nel 2017 ha superato quota 60mila, il 48% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando erano stati 40mila. Lo indicano i dati del Viminale. I nigeriani sono testa tra le nazionalità delle persone sbarcate (8.120), seguiti da bengalesi (7.567) e guineani (6.144). I minori non accompagnati sono 6.242, ma non sono ancora stati conteggiati i numerosi arrivati degli ultimi giorni. La Lombardia è sempre in testa tra le regioni per la quota di migranti8 ospitati (il 14% del totale), seguita da Campania e Lazio (9%).(ANSA).

Archivio Ultima ora