Mattarella in Indonesia, l’Italia è cambiata

Pubblicato il 09 novembre 2015 da redazione

mattarella-indonesia

JAKARTA.- I mercati esteri tornano a fidarsi dell’Italia che dopo un periodo di stretta osservazione sembra poter tornare nel gioco del club che contano. Grazie anche alle riforme di questi anni, spiega Sergio Mattarella dall’Indonesia seconda tappa di una sua lunga missione nel sud-est asiatico.

Ma proprio dall’Indonesia, gigante musulmano dell’area con quasi 300 milioni di abitanti sparsi in oltre 17 mila isole, richiama al realismo ricordando che l’Italia “non è immune” al terrorismo fondamentalista.

Due messaggi di natura opposta che il capo dello Stato alterna e unisce nei suoi tanti incontri a Jakarta, passando dall’ufficialità dei colloqui con il presidente Joko Widodo a una interessante visita alla grande moschea di Jakarta collocata di fronte alla cattedrale cristiana. Simbolo di questa Indonesia che cerca la tolleranza e delle sue diversità ne ha fatto una forza. Ma anch’essa rimane nel mirino del fondamentalismo.

Ciò detto, la missione di Mattarella è nata con un obiettivo squisitamente economico. Il presidente della repubblica in questa lontana parte del mondo ascolta e rassicura pazientemente quanti – e non sono pochi – vorrebbero scommettere sulle aziende del “made in Italy” ma ancora non si fidano: l’Italia è cambiata, si sta rinnovando profondamente, garantisce il capo dello Stato in tutti i suoi incontri.

Aggredire l’Asia e al di là delle aree già esplorate come Cina e Corea, è il mantra del ministro per lo Sviluppo Federica Guidi che accompagna Mattarella firmando accordi doganali e commerciali che porteranno frutti.

Dopo tre giorni passati in Vietnam dove le imprese italiane sono già radicate, il presidente della repubblica è sbarcato in Indonesia dove la sua visita è stata accolta con una attenzione stupita, quasi a dire “finalmente le istituzioni del Belpaese si sono accorte di noi!”.

E Sergio Mattarella per la prima volta – mentre Renzi spendeva concetti analoghi in Arabia Saudita – ha lasciato da parte la prudenza istituzionale per promuovere senza esitazioni l’Italia riformata degli ultimi anni, quella che ha saputo cambiare la previdenza ben prima di Renzi e quella – assolutamente renziana – che ha rivoluzionato il mercato del lavoro. E che sta cercando di ripulire la Pubblica Amministrazione da vizi e inefficienze antichi.

“Un profondo rinnovamento” è in corso, spiega a tutti i suoi interlocutori ancora perplessi nel risolvere il “rebus” Italia. “A partire dal 2012, anche a seguito della crisi economico-finanziaria che ha colpito i Paesi partecipanti all’Euro, sono state impostate ed approvate – ha spiegato il capo dello Stato – alcune riforme importanti finalizzate a rendere l’Italia più competitiva. Ricordo alcuni passaggi di questo percorso: la riforma del sistema previdenziale, quella del mercato del lavoro e quella, più recente, della Pubblica Amministrazione”.

E su quest’ultima il monito del capo dello Stato è chiaro: la P.A. nasce per la gente, per aiutare i cittadini e deve “lottare contro la corruzione”, non esserne parte. Soprattutto deve essere “efficiente” se vuole aiutare il sistema Italia.

Ma non solo, per la prima volta Mattarella ha parlato dell’utilità della riforma Costituzionale del Senato che è in via di completamento alla Camera: “a queste riforme si affiancherà ora un’incisiva riforma istituzionale, tesa a differenziare le competenze della Camera dei Deputati dal Senato e quindi a rendere più rapide le procedure legislative”.

Ma la sfida “più grande dei prossimi anni” è quella del terrorismo internazionale, ribadisce in un incontro con il presidente indonesiano anch’egli assai preoccupato per la progressione dell’Isis in Medio Oriente e nord Africa.

“La minaccia del terrorismo internazionale è oggi una delle principali aggressioni al modello sociale e politico basato su tolleranza e libertà che i nostri due Paesi propongono”, aggiunge ancora il capo dello Stato senza nascondere la propria preoccupazione mentre il Giubileo si avvicina.

(Dell’inviato Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

01:02Senato respinge revoca Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON 27 LUG - Il Senato degli Stati Uniti ha bocciato il testo presentato dai repubblicani per la semplice revoca della maggior parte della riforma sanitaria detta Obamacare senza prevedere un testo che la sostituisca. Il Senato degli Stati Uniti ha respinto con 45 voti favorevoli e 55 voti contrari. Il senato ha già dato il via libera alla discussione su un nuovo testo da mettere a punto per sostituire la riforma sanitaria di Obama, visto che quello già elaborato non è andato avanti per le divisioni dei repubblicani.

00:29Tunisia: passa la legge contro la violenza sulle donne

(ANSAmed) - TUNISI, 26 LUG - Voto storico a Tunisi. Dopo un iter parlamentare accidentato e ostacolato da rinvii che avevano fatto temere un fallimento, il parlamento tunisino ha approvato all'unanimità con 146 voti a favore la legge organica contro la violenza e i maltrattamenti sulle donne e per la parità di genere. Quarantatrè articoli divisi in 5 capitoli per fornire misure efficaci per lottare contro ogni forma di violenza o sopruso basato sul genere. Il testo ha l'obiettivo di garantire alla donna il rispetto della dignità e assicurare l'uguaglianza tra i sessi, garantita dalla Costituzione, attraverso un approccio globale basato sulla prevenzione, la punizione dei colpevoli e la protezione delle vittime. La legge punta inoltre ad eliminare ogni forma di disuguaglianza tra i sessi anche sul lavoro.

00:27Calcio: Champions League, Nizza-Ajax 1-1

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Mario Balotelli a segno, ma il Nizza non riesce ad imporsi sull'Ajax che dalla Costa Azzurra porta via un prezioso 1-1 nell'andata di una delle gare del terzo turno preliminare di Champions League. Al vantaggio rossonero al 32' grazie all'attaccante italiano, infatti, i Lancieri hanno risposto al 4' della ripresa con van de Beek. Mercoledì prossimo la gara di ritorno che varrà l'accesso ai playoff. Tra gli altri risultati delle gare di oggi, da segnalare lo 0-0 fra gli scozzesi del Celtic e i norvegesi del Rosenborg e il 3-1 degli ucraini della Dynamo Kiev sugli svizzeri dello Young Boys.

00:03Sci: Italia Team, operata l’azzurra Marsaglia

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Francesca Marsaglia è stata operata presso la clinica La Madonnina, a Milano, per una sindrome pubico-inguinale che le impediva di allenarsi con regolarità. Lo rende noto la Federsci precisando che l'operazione è stata effettuata dal dottor Gianpiero Campanelli, sotto la supervisione della Commissione medica della Fisi. La 27enne sciatrice azzurra dovrà ora osservare una decina di giorni di riposo assoluto e ricominciare gradualmente la preparazione: l'obiettivo, conclude la Fisi, è quello di presentarsi regolarmente alla partenza del viaggio sudamericano con destinazione Ushuaia (Argentina), ad inizio settembre.

23:28Calcio: 1-0 al Lille di Bielsa, il “Bortolotti” all’Atalanta

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - L'Atalanta di Gian Piero Gasperini ha vinto la ventitreesima edizione del trofeo "Achille e Cesare Bortolotti", intitolato alla memoria dei due presidenti scomparsi, battendo per 1-0 il Lille di Marcelo Bielsa davanti a poco meno di diecimila spettatori. A segno nel primo tempo Cristante (14') che controlla e di esterno destro piazza sotto la traversa l'assist con scavetto di Gomez. Nella ripresa, Gollini salva il risultato parando a Benzia un rigore concesso per un contatto fra Palomino e Ponce. Per i nerazzurri una prova discreta in attesa delle altre sgambate internazionali: quella con il Borussia Dortmund del primo agosto ad Altach (19.30) e quella a Valencia l'11 dello stesso mese. Da giovedì, intanto, squadra a San Gallo per la seconda fase della preparazione.

23:24Calcio: Marotta, offerta a Lotito per Keita Baldé

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Abbiamo parlato con Lotito per Keita Baldé. Abbiamo fatto la nostra proposta, ora sta a lui valutarla". L'ad della Juventus Beppe Marotta esce allo scoperto e annuncia di voler acquistare l'esterno della Lazio. Non nega neppure una trattativa per Matuidi: "È un'ipotesi. Stiamo valutando alcune situazioni, non nascondiamo che cerchiamo un centrocampista d'esperienza". Poi, su Schick chiarisce: "Mi spiace che sia andata così e che non si sia arrivati alla conclusione per impedimenti oggettivi. È un talento emergente, ma per il momento è un'operazione chiusa". Quindi, esclude la cessione di Dybala, nonostante piaccia al Barcellona: "Abbiamo rifiutato tante offerte. Quando un giocatore è contento di rimanere alla Juve, ci resta finché vuole". Infine, sulla possibilità di affidare la maglia n.10 al neoarrivato Bernardeschi: "È una maglia pesante nella storia della Juventus e del calcio in generale, valuteremo. È anche una forma di protezione per non esporlo a troppe responsabilità. Bisogna essere molto cauti".

23:00Calcio: Tavecchio, col Var ci aspettiamo meno polemiche

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Con il Var ci aspettiamo molte meno polemiche. Sono stato fra i primi a chiederlo ai tempi di Blatter e sono felice che quest'anno entri in vigore. All'inizio bisognerà abituarsi, ma è una novità sicuramente positiva. Garantirà maggiore sicurezza nelle analisi degli arbitri". Il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A, parla dell'introduzione del Var.

Archivio Ultima ora