La sfida di Barcellona, Repubblica Catalana in 18 mesi

Pubblicato il 09 novembre 2015 da redazione

pancarta

BARCELLONA. – Scoppia la ‘guerra di indipendenza’ della Catalogna: dopo mesi di scaramucce politiche il Parlament di Barcellona ha formalmente dichiarato con 72 voti a favore e 63 contrari “l’inizio del processo per la creazione dello stato catalano indipendente, sotto forma di repubblica”.

Una dichiarazione di guerra a Madrid, cui ha immediatamente risposto il capo del governo spagnolo Mariano Rajoy: mercoledì mattina ci sarà un consiglio dei ministri straordinario, che presenterà un ricorso alla Corte costituzionale. La mozione, ha tuonato Rajoy, “è anti-costituzionale”, “non ha alcun valore, non può avere alcuna conseguenza”.

La Consulta già mercoledì pomeriggio potrebbe sospendere in forma cautelare il pronunciamento del Parlament, aprendo un braccio di ferro senza precedenti con le istituzioni democratiche catalane. La maggioranza secessionista del Parlament è pronta a ‘disobbedire’: la situazione da giovedì rischia di diventare incandescente. E le cruciali politiche spagnole del 20 dicembre sono alle porte.

“E’ iniziata una settimana storica, isterica e decisiva” per la Spagna e per la Catalogna, avverte la Vanguardia. E anche per il presidente secessionista catalano Artur Mas, “l’uomo che vuole rompere la Spagna”.

Nessuno al momento può prevedere come andrà a finire. La mozione votata dai 62 deputati secessionisti di Junts Pel Si di Mas e dai 10 radicali della Cup decide che entro 30 giorni inizierà la preparazione delle leggi costituenti del nuovo stato, e precisa che il processo dell’indipendenza non può essere “sottoposto” alle decisioni delle istituzioni spagnole e in particolare della Corte costituzionale, “delegittimata”.

Il risultato del voto è stato salutato da un lungo applauso dei deputati indipendentisti, scattati in piedi, mentre i popolari di Rajoy esponevano per protesta la bandiera spagnola. Mas, che nel pomeriggio si è candidato alla rielezione davanti al Parlament, ha promesso l’indipendenza nel 2017 ed ha chiesto un mandato “costituente” di 18 mesi al termine del quale il popolo sarà chiamato a pronunciarsi sul nuovo stato.

Il President ha bisogno però di almeno una parte dei voti della Cup per essere rieletto. E i radicali per ora si rifiutano di appoggiarlo, perchè ideologicamente troppo lontano. Ai primi turni ci vuole la maggioranza assoluta, di cui Mas per ora non dispone. Lo scontro fra Madrid e Barcellona nei prossimi giorni e nelle prossime settimane si preannuncia durissimo.

Alla probabile ‘disobbedienza’ delle istituzioni catalane il potere spagnolo può rispondere decretando la sospensione di Mas e dei suoi ministri, come pure della presidente del Parlament Carme Forcadell. Rajoy, che si appella alla costituzione, ha detto che userà tutti i mezzi dello stato per bloccare la secessione, fino al commissariamento della Catalogna.

La costituzione adottata nel 1978 durante la transizione fra la dittatura franchista e la democrazia, e influenzata dal nazionalismo centralista del regime del Caudillo, non prevede che un pezzo dello stato spagnolo possa fare secessione.

La linea del muro contro muro di Rajoy e del Partido Popular è appoggiata da altri due grandi partiti spagnoli, Psoe e Ciudadanos, mentre Podemos propone che la questione sia risolta da un referendum ufficiale sulla indipendenza come in Scozia o in Quebec.

La Catalogna, ha avvertito Mas, è a un crocevia: deve scegliere se “assumere il costo della subordinazione o il prezzo della libertà”: “vogliamo creare un paese nuovo, migliore di quello che abbiamo, trasformare la autonomia catalana nella Repubblica catalana. E’ una sfida enorme”.

(di Francesco Cerri/ANSA)

Ultima ora

10:19Esplosione bombola gas: muore paziente ricoverato

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - E' morto il più grave dei tre pazienti ricoverati nel Cardarelli di Napoli in seguito all'esplosione lunedì scorso di una bombola di gas in una piscina. L'uomo, colpito da ustioni profonde su più del 90% del corpo, è deceduto nelle prime ore di questa mattina. Le sue condizioni era apparse subito gravissime. Lo si apprende da fonti della Direzione sanitaria.

10:18Meningite: Napoli, muore in Pronto soccorso Cardarelli

(ANSA) - NAPOLI, 18 GEN - Un uomo di 36 anni è morto a causa della meningite la notte scorsa nel pronto soccorso dell'ospedale Cardarelli di Napoli. Lo si apprende dal direttore generale Ciro Verdoliva il quale fa sapere che l'uomo è giunto in pronto soccorso ''in stato di coma e in imminente pericolo di vita'. Verdoliva sottolinea che sono state attivate, come da protocollo, tutte le profilassi necessarie. ''Non esiste nel Cardarelli alcuna emergenza a seguito di questo caso'' ribadisce per non alimentare ''una psicosi ingiustificata''.

10:16Parigi: identificato kamikaze 13 novembre, era iracheno

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - Gli inquirenti francesi hanno identificato formalmente uno dei due kamikaze che il 13 novembre 2015 si fecero esplodere allo Stade de France di Saint-Denis. Si trattava, si apprende questa mattina, di un iracheno con falso passaporto siriano, proveniente da Mosul. L'Isis, aggiungono gli inquirenti, indennizzò la famiglia del ventenne Ammar Ramadan Mansour Mohamad al Sabaawi con un risarcimento di 5.000 dollari americani e con un gregge di pecore.

08:22Contrabbando carburante in Sicilia, 14 arresti

(ANSA) - CATANIA, 18 GEN - Oltre 150 finanzieri del Comando provinciale di Catania, a conclusione di un'indagine coordinata dalla locale Procura distrettuale, stanno eseguendo 29 misure cautelari personali, di cui 14 arresti domiciliari e 15 provvedimenti di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e il sequestro preventivo di 25 impianti di distribuzione stradale di carburante nelle province di Catania, Ragusa, Siracusa ed Enna. Agli indagati è contestata l'associazione a delinquere finalizzata al contrabbando di prodotti petroliferi immessi nel mercato nazionale in evasione d'imposta (accise e iva), utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti, falso ideologico, frode in commercio e turbata libertà del commercio. I particolari dell'operazione saranno resi noti durante una conferenza stampa che si terrà alle 10.30 nella sede del Comando provinciale della Guardia di finanza di Catania. (ANSA).

03:26Terremoti, scossa magnitudo 3.4 in provincia di Messina

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 è stata registrata alle 22:20 di ieri sulla costa nordest della Sicilia, in provincia di Messina. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 6 km di profondità ed epicentro tra Longi e Frazzanò. Non si segnalano danni a persone o cose. Un'altra scossa, di magnitudo 3, è stata poi registrata alle 23:50 al largo delle isole Eolie, con ipocentro a 14 km di profondità ed epicentro 13 km a sudovest di Leni (isola di Salina). Anche in questo caso non si segnalano danni.

01:19Calcio: 3-2 al Bologna, Inter ai quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - L'Inter vola ai quarti di finale di Coppa Italia, battendo il Bologna 3-2 a San Siro. Ma la squadra di Pioli ha avuto bisogno dei tempi supplementari per eliminare i rossoblù che, sotto 2-0, erano riusciti a mettere a segno la rimonta: l'Inter passa in vantaggio al 34' grazie al gol-capolavoro di Murillo. Il colombiano, sul corner di Joao Mario, batte Da Costa con una rovesciata spettacolare. Cinque minuti più tardi arriva il raddoppio con Palacio. Ma il Bologna trova la forza per reagire e al 43' riapre il match con il gol di Dzemaili. Nella ripresa arriva il pari, grazie alla rete di Donsah al 28'. Rimonta completata per la squadra di Donadoni che costringe così Pioli ai tempi supplementari. All'8 del primo extra time però l'Inter si riporta in vantaggio con Candreva che decide così la sfida e manda i nerazzurri avanti.

23:43Calcio: Coppa d’Africa, Mali-Egitto 0-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Esordio in Coppa d'Africa senza reti per l'Egitto di Hector Cuper e del giallorosso Salah. I Faraoni infatti sono stati fermati sullo 0-0 dal Mali, in un match valido per il girone D del torneo.

Archivio Ultima ora