Il trionfo di Suu Kyi in Birmania: “Abbiamo il 70%”

Pubblicato il 09 novembre 2015 da redazione

Myanmar opposition leader Aung San Suu Kyi (C), chairperson of National League for Democracy (NLD) party, leaves NLD headquarters to deliver a speech, Yangon, Myanmar, 09 November 2015.   EPA/LYNN BO BO

Myanmar opposition leader Aung San Suu Kyi (C), chairperson of National League for Democracy (NLD) party, leaves NLD headquarters to deliver a speech, Yangon, Myanmar, 09 November 2015. EPA/LYNN BO BO

RANGOON. – I risultati arrivano col contagocce, ma hanno una direzione precisa: un trionfo per la ‘Lega nazionale per la democrazia’ (Nld) di Suu Kyi, con percentuali addirittura al di là della vittoria attesa alla vigilia. “Almeno il 70 per cento”, diceva il partito già in mattinata.

Con il passare della giornata sono arrivate solo buone notizie: 56 seggi su 57 della Camera bassa nell’ex capitale Rangoon e tutti i 12 della Camera alta, un dominio nelle pianure centrali, vittorie persino nei seggi delle aree etniche dove in teoria il consenso per Suu Kyi è minore. Per il quadro complessivo ci vorrà più di una settimana, e sarà probabilmente più sfumato.

Ma la quota del 67 per cento, necessaria per conquistare una maggioranza semplice in Parlamento come conseguenza del 25 per cento garantito ai militari, appare più che mai alla portata. Il ‘Partito di unione, solidarietà e sviluppo’ (Usdp) del presidente Thein Sein ha ammesso la sconfitta. Il capo del partito, Htay Oo, ha detto di “aver collezionato più sconfitte che vittorie”.

In attesa dei dati definitivi, l’entità della valanga ha portato la stessa Suu Kyi a esortare i suoi sostenitori a non provocare gli sconfitti, ossia l’Usdp. Nonostante gli appelli, migliaia di sostenitori di “mamma Suu” sono in festa da ieri sera davanti alla sede dell’Nld, in un’atmosfera da concerto rock.

I megaschermi informano la folla in diretta sullo spoglio, scatenando boati di gioia a ogni successo. Dagli autobus e dalle auto che faticano a farsi strada tra la massa, molti passeggeri partecipano alla festa unendosi ai cori, stringendo mani e scattando foto con gli smartphone. Per l’Usdp è una Caporetto.

Ha perso su tutta la linea: sconfitto il leader del partito Htay Oo, non rieletti altri alti quadri. Persino l’ex capo del partito Shwe Mann, purgato in agosto per essersi avvicinato troppo a Suu Kyi tanto da essere dato come papabile presidente, ha perso nel suo feudo. Tra le fila dell’Nld, invece, è stato eletto Naing Ngan Lynn, un candidato che poche settimane fa era stato ferito a colpi di spada alla periferia di Rangoon.

I timori iniziali sulla possibilità di brogli tramite il voto anticipato – massicciamente utilizzato per aggiustare numeri scomodi nel 2010 – sembrano essere fugati. Se dagli osservatori dell’Unione Europea giungono forti segnali sulla complessiva regolarità del voto, alcune potenziali fonti di tensione – come l’arrivo di 11 mila voti ieri in un seggio chiuso da ore – sono state presto messo a tacere dalla Commissione elettorale, che ha dichiarato invalido qualsiasi voto consegnato al seggio a urne chiuse.

In un Paese che cinque anni fa in pratica non aveva Internet e la telefonia mobile, la tecnologia aiuta i cittadini a monitorare passo per passo lo sviluppo degli eventi, anche segnalando eventuali brogli.

L’Usdp e l’esercito, di fatto contigui in Parlamento, sembrano rassegnati alla sconfitta. Già alla vigilia, Thein Sein aveva dichiarato che il risultato sarebbe stato accettato.

Ma in un Paese che nel 1990 vide un simile trionfo elettorale di Suu Kyi, poi mai onorato, in molti rimanevano diffidenti. Tale sensazione non è completamente scomparsa neanche ora, dato che la Costituzione impedisce alla ‘Signora’ di diventare capo di Stato, e da qui all’elezione del presidente passeranno oltre due mesi di intense trattative.

Intanto, per milioni di birmani è il momento dell’insperata gioia. Queste elezioni “marcano una storica pietra miliare sulla strada del Paese verso la democrazia”, dichiara l’Alto rappresentante per la politica estera europea Federica Mogherini.

In Italia, il sindaco di Torino Piero Fassino – inviato speciale dell’Ue per la Birmania dal 2007 al 2011 – parla di “vittoria plebiscitaria che premia la tenacia e il coraggio di Aung San Suu Kyi”.

(di Alessandro Ursic/ANSA)

Ultima ora

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

20:41Tusk, con Trump non abbiamo visione comune su Russia

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Con Donald Trump "abbiamo fatto progressi soprattutto sull'antiterrorismo ma altre questioni restano aperte, come il clima ed il commercio. E non sono al 100% sicuro che abbiamo una posizione comune sulla Russia, anche se sul conflitto in Ucraina siamo sulla stessa linea". Lo ha detto Donald Tusk in una breve dichiarazione fatta al termine dell'incontro con Donald Trump.

20:35Maestre d’asilo arrestate per maltrattamenti a Piacenza

(ANSA) - PIACENZA, 25 MAG - Due educatrici di un asilo nido di Piacenza sono state arrestate con l'accusa di maltrattamenti nei confronti dei bambini della struttura. I carabinieri della stazione di Piacenza Levante si sono presentati con due pattuglie prelevando le due donne piacentine e portandole in caserma. Riserbo assoluto sull'indagine, ma pare che i carabinieri abbiano eseguito un arresto in flagranza di reato, probabilmente grazie a telecamere nascoste nell'asilo, e che avrebbero filmato settimane di presunti maltrattamenti. Sulla vicenda è intervenuto con una nota anche il sindaco di Piacenza Paolo Dosi: "il Comune di Piacenza è parte lesa in questa vicenda e per questo confidiamo in un'azione degli organi inquirenti quanto più rapida e approfondita possibile. È un vero fulmine a ciel sereno, privo del benché minimo campanello di allarme, sia in termini di segnalazioni delle famiglie, che di risultanza dei costanti monitoraggi". (ANSA).

20:15Catalogna: ministro difesa Madrid, impediremo referendum

(ANSA) - MADRID, 25 MAG - Il ministro della difesa spagnolo Maria Dolores de Cospedal ha affermato che il governo di Madrid impedirà lo svolgimento di un referendum sull'indipendenza della Catalogna. "Faremo quello che dovremo fare" ha detto alla radio Cadena Cope. Il presidente secessionista catalano Carles Puigdemont ha promesso che convocherà un referendum sull'indipendenza entro fine settembre nonostante il veto di Madrid. El Pais scrive oggi, citando fonti autorevoli del governo di Madrid, che il premier conservatore Mariano Rajoy "userà tutti i mezzi a sua disposizione" per evitare lo svolgimento del referendum catalano. Secondo il quotidiano l'esecutivo spagnolo ha pronto già da mesi "un memorandum segreto". Il vicepresidente catalano Oriol Junqueras ha indicato di recente che "tutto è pronto" per la tenuta del referendum, e ai primi di maggio il governo di Barcellona ha avviato le procedure per l'acquisto delle urne. La data in cui potrebbe svolgersi ancora non è stata resa nota.

Archivio Ultima ora