Il trionfo di Suu Kyi in Birmania: “Abbiamo il 70%”

Pubblicato il 09 novembre 2015 da redazione

Myanmar opposition leader Aung San Suu Kyi (C), chairperson of National League for Democracy (NLD) party, leaves NLD headquarters to deliver a speech, Yangon, Myanmar, 09 November 2015.   EPA/LYNN BO BO

Myanmar opposition leader Aung San Suu Kyi (C), chairperson of National League for Democracy (NLD) party, leaves NLD headquarters to deliver a speech, Yangon, Myanmar, 09 November 2015. EPA/LYNN BO BO

RANGOON. – I risultati arrivano col contagocce, ma hanno una direzione precisa: un trionfo per la ‘Lega nazionale per la democrazia’ (Nld) di Suu Kyi, con percentuali addirittura al di là della vittoria attesa alla vigilia. “Almeno il 70 per cento”, diceva il partito già in mattinata.

Con il passare della giornata sono arrivate solo buone notizie: 56 seggi su 57 della Camera bassa nell’ex capitale Rangoon e tutti i 12 della Camera alta, un dominio nelle pianure centrali, vittorie persino nei seggi delle aree etniche dove in teoria il consenso per Suu Kyi è minore. Per il quadro complessivo ci vorrà più di una settimana, e sarà probabilmente più sfumato.

Ma la quota del 67 per cento, necessaria per conquistare una maggioranza semplice in Parlamento come conseguenza del 25 per cento garantito ai militari, appare più che mai alla portata. Il ‘Partito di unione, solidarietà e sviluppo’ (Usdp) del presidente Thein Sein ha ammesso la sconfitta. Il capo del partito, Htay Oo, ha detto di “aver collezionato più sconfitte che vittorie”.

In attesa dei dati definitivi, l’entità della valanga ha portato la stessa Suu Kyi a esortare i suoi sostenitori a non provocare gli sconfitti, ossia l’Usdp. Nonostante gli appelli, migliaia di sostenitori di “mamma Suu” sono in festa da ieri sera davanti alla sede dell’Nld, in un’atmosfera da concerto rock.

I megaschermi informano la folla in diretta sullo spoglio, scatenando boati di gioia a ogni successo. Dagli autobus e dalle auto che faticano a farsi strada tra la massa, molti passeggeri partecipano alla festa unendosi ai cori, stringendo mani e scattando foto con gli smartphone. Per l’Usdp è una Caporetto.

Ha perso su tutta la linea: sconfitto il leader del partito Htay Oo, non rieletti altri alti quadri. Persino l’ex capo del partito Shwe Mann, purgato in agosto per essersi avvicinato troppo a Suu Kyi tanto da essere dato come papabile presidente, ha perso nel suo feudo. Tra le fila dell’Nld, invece, è stato eletto Naing Ngan Lynn, un candidato che poche settimane fa era stato ferito a colpi di spada alla periferia di Rangoon.

I timori iniziali sulla possibilità di brogli tramite il voto anticipato – massicciamente utilizzato per aggiustare numeri scomodi nel 2010 – sembrano essere fugati. Se dagli osservatori dell’Unione Europea giungono forti segnali sulla complessiva regolarità del voto, alcune potenziali fonti di tensione – come l’arrivo di 11 mila voti ieri in un seggio chiuso da ore – sono state presto messo a tacere dalla Commissione elettorale, che ha dichiarato invalido qualsiasi voto consegnato al seggio a urne chiuse.

In un Paese che cinque anni fa in pratica non aveva Internet e la telefonia mobile, la tecnologia aiuta i cittadini a monitorare passo per passo lo sviluppo degli eventi, anche segnalando eventuali brogli.

L’Usdp e l’esercito, di fatto contigui in Parlamento, sembrano rassegnati alla sconfitta. Già alla vigilia, Thein Sein aveva dichiarato che il risultato sarebbe stato accettato.

Ma in un Paese che nel 1990 vide un simile trionfo elettorale di Suu Kyi, poi mai onorato, in molti rimanevano diffidenti. Tale sensazione non è completamente scomparsa neanche ora, dato che la Costituzione impedisce alla ‘Signora’ di diventare capo di Stato, e da qui all’elezione del presidente passeranno oltre due mesi di intense trattative.

Intanto, per milioni di birmani è il momento dell’insperata gioia. Queste elezioni “marcano una storica pietra miliare sulla strada del Paese verso la democrazia”, dichiara l’Alto rappresentante per la politica estera europea Federica Mogherini.

In Italia, il sindaco di Torino Piero Fassino – inviato speciale dell’Ue per la Birmania dal 2007 al 2011 – parla di “vittoria plebiscitaria che premia la tenacia e il coraggio di Aung San Suu Kyi”.

(di Alessandro Ursic/ANSA)

Ultima ora

01:51Rigopiano:da hotel solo morti,altri 3.Bilancio sale a 9

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 24 GEN - Continuano senza sosta le ricerche di superstiti tra le macerie dell'hotel Rigopiano a Farindola che ieri in tarda serata ha restituito 4 cadaveri: uno é della vittima individuata ieri, due sono un uomo e una donna ancora da identificare e l'ultimo é quello di Linda Salzetta, l'estetista del Rigopiano e sorella di Fabio, il tuttofare dell'hotel. Ormai i morti sono nove. E i dispersi sono ancora 20.

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

Archivio Ultima ora