Bomba quasi certa, allarme sicurezza scali Egitto

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

In this photo made available Monday, Nov. 2, 2015, and provided by Russian Emergency Situations Ministry, Egyptian Military on cars approach a plane's tail at the wreckage of a passenger jet bound for St. Petersburg in Russia that crashed in Hassana, Egypt, on Sunday, Nov. 1, 2015. (Maxim Grigoriev/Russian Ministry for Emergency Situations via AP)

In this photo made available Monday, Nov. 2, 2015, and provided by Russian Emergency Situations Ministry, Egyptian Military on cars approach a plane’s tail at the wreckage of a passenger jet bound for St. Petersburg in Russia that crashed in Hassana, Egypt, on Sunday, Nov. 1, 2015. (Maxim Grigoriev/Russian Ministry for Emergency Situations via AP)

IL CAIRO. – Ipotesi bomba sempre più certa. Si rafforza la tesi dell’attentato terrorista sulla sciagura dell’aereo russo precipitato in Sinai il 31 ottobre scorso, come sospettano Londra e Washington e adesso anche Israele dopo che ieri fonti anonime della Commissione si erano dette sicure al 90% della presenza di un ordigno.

E mentre procede l’inchiesta ufficiale sulla tragedia costata la vita a 224 persone, da Dubai funzionari dell’Airbus si dicono “certi della sicurezza degli aerei A321, incluso quello che si è schiantato in Egitto”.

La parola d’ordine è sicurezza. Le cancellerie occidentali chiedono più stretti controlli negli scali egiziani, inviando dei tecnici, ma sulle falle allo scalo di Sharm il Cairo contrattacca.

“L’Egitto è capace di gestire i propri aeroporti e coopera con i suoi partner nell’ambito della propria sovranità nazionale – ha affermato il ministro degli Esteri Sameh Shoukry -, e non ha bisogno di tutele o di supervisioni da parte di chiunque altro”.

Shoukri ha poi precisato che il Cairo ha “avviato una serie di contatti diplomatici con gli Stati colpiti dalla sciagura per fugare le loro perplessità sulle misure di sicurezza negli aeroporti egiziani”.

Sulla stessa linea fonti del ministero dell’Aviazione civile egiziano che hanno annunciato di avere “visionato le registrazioni delle telecamere dello scalo di Sharm che hanno ripreso le ore ed i momenti precedenti alla partenza dell’Airbus, confermando che gli agenti hanno svolto il loro compito controllando tutti i bagagli”.

Le stesse fonti hanno precisato che le “registrazioni mostrano che gli agenti hanno effettuato controlli sul piano tecnico e della sicurezza” e che “non è stato commesso alcun errore dai funzionari dell’aeroporto che possa spiegare la sciagura”.

Intanto il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, citato dalla Tass, fa sapere che la Gran Bretagna ha passato alla Russia “alcuni dati” sulla sciagura. Peskov non ha risposto a una domanda dei giornalisti sull’eventualità che queste informazioni abbiano pesato sulla decisione del Cremlino di sospendere i voli per motivi di sicurezza.

“Per garantire la sicurezza delle vacanze in Egitto ci vorrà del tempo”, ha aggiunto il premier Medvedev, aggiungendo che lo stop ai voli “è necessario per precisare definitivamente la causa della catastrofe”. E progressivamente si va esaurendo il numero di italiani che easyJet sta riportando in Italia dal Mar Rosso. Tra oggi e domani è previsto il rientro di altri 80 passeggeri.

Ultima ora

15:38Gentiloni, Ue deve prendere futuro in sue mani

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - L'Italia condivide il pensiero espresso dalla cancelliera Angela Merkel sul fatto che la Ue "deve prendere il futuro nella sue mani". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, in un incontro stampa con il premier canadese Trudeau. Il premier ha sottolineato che l'alleanza con gli Usa è molto importante, ma che "abbiamo obiettivi fondamentali ai quali non possiamo rinunciare, come l'ambiente".

15:38Migranti: Europarlamento, impronte anche a minori dai 6 anni

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAG - Prendere le impronte digitali anche ai richiedenti asilo dai sei anni in su, per facilitarne il ricongiungimento con i genitori: è una delle misure approvate dalla commissione libertà civili del Parlamento europeo, che ha votato degli emendamenti a una revisione del sistema 'Eurodac', il database con le impronte digitali dei richiedenti asilo istituito nel 2003. La detenzione di minori dovrebbe essere proibita. Gli emendamenti sono stati approvati con 35 sì, 10 no e 8 astensioni. Via libera anche all'apertura dei negoziati con il Consiglio per arrivare a un accordo definitivo.

15:34Italia-Canada: Trudeau, ‘ottima notizia’ avvio Ceta

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Tra qualche settimana l'accordo Ceta entrerà in vigore e questa e' un'ottima notizia per gli europei e anche per i canadesi": lo ha detto oggi il premier canadese Justin Trudeau durante una conferenza stampa con il primo ministro Paolo Gentiloni. Si tratta di "un accordo commerciale che ridurrà le barriere commerciali appunto tra il Canada ed i suoi partner europei rendendo più economico l'acquisto di prodotti europei per le famiglie canadesi e creando più opportunità per gli imprenditori per creare un giro d'affari più ampio", ha spiegato Trudeau.

15:32Nardella, contro bivacchi turisti acqua su sagrati

(ANSA) - FIRENZE, 30 MAG - Acqua sui sagrati delle chiese e sui marciapiedi per contrastare i bivacchi dei turisti: è la nuova norma a tutela del decoro del centro di Firenze annunciata dal sindaco Dario Nardella. Il sindaco ne ha parlato oggi in diretta a un'emittente radiofonica. "Passeremo nelle ore di pranzo sia sulle gradinate delle chiese che sui marciapiedi delle strade dove ci sono più alimentari per bagnare e pulire i marciapiedi", ha spiegato Nardella "se il turista vorrà sedersi si bagnerà, anche se forse avremo qualche turista in meno a bivaccare sui marciapiedi".

15:29Gentiloni,impegno Italia su accordo Parigi non arretra

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - Abbiamo preso atto della posizione diversa degli Usa sulla questione dell'ambiente e del cambiamento climatico, "ma mi auguro che questa posizione si sciolga in senso positivo. In ogni caso è chiaro per l'Italia che il nostro impegno per gli accordi di Parigi continua ed è un accordo dal quale non vogliamo arretrare". Così il premier Paolo Gentiloni in conferenza stampa con il collega canadese Justin Trudeau a Villa Madama.

15:21Bimba di 4 mesi muore in ospedale Bari, Pm apre indagine

(ANSA) - BARI, 30 MAG - La Procura di Bari ha aperto un'indagine sulla morte di una bambina di quattro mesi nell'ospedale pediatrico Giovanni XXIII. Il pm Baldo Pisani ipotizza il reato di omicidio colposo a carico di ignoti. Sulla base delle cartelle cliniche sequestrate dalla Polizia e della denuncia dei genitori della bambina, il magistrato sta identificando i sanitari che hanno avuto in cura la piccola per individuare eventuali responsabilità. La bambina è stata ricoverata due giorni fa nel reparto di malattie infettive con problemi respiratori e una diagnosi di bronchiolite. Fino a questa notte le sue condizioni sembravano stazionarie. Alle 2 c'è stata l'ultima poppata, poi la bambina è stata messa nella culla, dove si è addormentata. Intorno alle 5 è stata trovata morta. I genitori hanno chiamato la Polizia e sporto denuncia. Sarà l'autopsia ad accertare le cause della morte, se legate ai problemi respiratori di cui la bambina soffriva da alcuni giorni, oppure se si sia trattato di un rigurgito nel sonno.

15:14L. elettorale: Grasso, accelerazione? Noto rallentamento

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Noto un rallentamento invece che un'accelerazione". Così il presidente del Senato Pietro Grasso risponde sorridendo al cronista di "Repubblica.It" che gli chiede se non noti un'accelerazione sulla legge elettorale. "Qualcuno aveva detto che si andava in Aula ala Camera il 5 giugno e invece adesso vedo che dovrebbe andarci il 12 quindi vedo che un rallentamento c'è stato. C'è una settimana di...". Ma Grasso non dice altro su tempistica né su possibile voto anticipato. "Sono al Senato e aspetto la legge elettorale", ribatte

Archivio Ultima ora