Birmania, la partita per la democrazia inizia ora

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

aung-san-suu-kyi

RANGOON. – Solo un diluvio poteva interrompere (brevemente) la festa dei sostenitori di Aung San Suu Kyi: e così è successo, con un acquazzone monsonico a Rangoon proprio all’annuncio dei primi successi del suo partito. Dopo un’ora le strade erano completamente allagate e c’era un black out totale di Internet e segnali telefonici.

Certe cose, insomma, nella disastrata Birmania da mezzo secolo di mala gestione militare, non sono cambiate. Ma nell’assetto del potere, dopo il trionfo di Suu Kyi, per il regime sarà difficile mantenere tutto come prima.

L’esercito, al potere in un modo o nell’altro dal 1962, occupa di diritto un quarto dei seggi in ogni organo legislativo e ha un sostanziale potere di veto sui cambiamenti alla Costituzione che ne sancisce la posizione di enorme influenza.

Il problema è che sembra tramontata l’ipotesi di una vittoria della ‘Lega nazionale per la democrazia’ (Nld) non sufficiente per avere la maggioranza. Suu Kyi non può diventare presidente perché così recita una clausola della Carta. Ma potrebbe avere i numeri per piazzare un suo uomo di fiducia a capo di Stato, e prima del voto aveva dichiarato di voler essere “sopra il presidente”.

Si preannunciano mesi di trattative, dato che il nuovo capo di Stato entrerà in carica solo a fine marzo e uscirà da un terzetto di candidati: uno a testa dalle due Camere del Parlamento, che con ogni probabilità sarà controllato dall’Nld, e uno dall’esercito.

I due sconfitti faranno da vice al nuovo leader, quindi in un modo o nell’altro i militari faranno parte dell’esecutivo. Inoltre, sceglieranno tre ministri chiave – Difesa, Interni e Affari di confine – e potranno sopravanzare il governo in caso di non meglio definite “minacce alla sicurezza nazionale”.

Nel 1990, la vittoria a valanga di Suu Kyi fu semplicemente ignorata dalla dittatura, che tirò avanti per altri due decenni. Ma l’impressione è che l’esercito abbia imparato la lezione: quel sopruso portò ad oltre 15 anni di pesanti sanzioni economiche occidentali, e si crede che le aperture dal 2010 a oggi siano nate proprio dal desiderio di aprirsi agli investimenti stranieri, senza finire nell’abbraccio soffocante della Cina.

Un governo di Suu Kyi, o chi per lei, darebbe il via a un’ondata di denaro straniero, dopo che gli iniziali entusiasmi del 2011 si erano raffreddati man mano che gli investitori si scontravano con l’arretratezza delle infrastrutture e le opache regole degli affari nel Paese. Questi passano gioco forza da degli oligarchi che hanno fatto le fortune grazie alla vicinanza ai militari.

E ci sono già segnali che questi ‘cronies’ – come vengono chiamati – stiano cercando di ripulirsi l’immagine. Molto dipenderà dai nuovi equilibri che Suu Kyi e i suoi ex carcerieri sapranno trovare.

La fiducia tra le parti è stata tradizionalmente bassa, e lo stesso piglio decisionale della ‘Signora’ ha già fatto capire che è più brava a mantenere le sue posizioni che a negoziare. Se vorrà davvero cambiare il Paese, dovrà dirottare risorse che per decenni hanno arricchito loschi personaggi e destinarle allo sviluppo di tutto: educazione, sanità, infrastrutture, giustizia.

E’ un compito improbo, anche se glielo lasciassero portare avanti. Ma i semi sono stati gettati ieri. Se matureranno, si inizierà a vederlo già nei prossimi mesi.

(di Alessandro Ursic/ANSA)

Ultima ora

17:30L. elettorale: Di Maio, la cambiano per impedirci di vincere

(ANSA) - SIRACUSA, 26 MAG - "Non vogliono farci governare il Paese, ma non ci riusciranno. L'ultima legge elettorale, l'Italicum, era stata progettata contro di noi ed alla fine era diventata la legge che favoriva prima di tutto noi". Lo ha detto il vice presidente della Camera, Luigi Di Maio, dal palco di Floridia, in provincia di Siracusa, nel corso del suo mini tour elettorale in Sicilia alla vigilia delle elezioni amministrative. "Stanno provando a cambiare la legge elettorale perché sono sicuri che vinceremo le elezioni. In Sicilia, la maggioranza è diventata il 40% più uno - spiega - infatti il candidato a sindaco vince al primo turno se raggiunge questa quota. Ci dovremmo abituare a queste cose, perché questo è un chiaro segno di debolezza della classe politica che sta morendo e che cerca di raccattare gli ultimi spazi e soldi degli italiani prima di sparire dalla storia".

17:27Calcio: diritti tv, cinque pacchetti da almeno 1 miliardo

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Punta a incassare almeno un miliardo di euro a stagione la Lega di Serie A con la vendita nazionale dei diritti tv del triennio 2018/'21. Il bando prevede 5 pacchetti, nessuno dei quali ha tutte le partite. Gli operatori (digitale terrestre, satellitare, internet) possono concorrere per il più ricco, il D: vale minimo 400 milioni di euro, copre le gare di 12 squadre (fra cui Roma, Lazio, Torino e Fiorentina), 324 eventi di cui 132 in esclusiva. I match delle altre 8 (fra cui Juventus, Napoli, Milan e Inter, per 248 eventi) sono nei pacchetti A (satellitare) e B (digitale), che valgono 200 milioni. I pacchetti C1 e C2 per internet si dividono a metà le squadre dei pacchetti A-B: milanesi da una parte, Juve e Napoli dall'altra. Ai pacchetti principali (con un prezzo minimo superiore di circa 50 milioni rispetto al 2015/'18), Lega A e l'advisor Infront ne hanno aggiunti 7 opzionali di tipo Gold (esclusivi) e Silver (non esclusivi), con alcuni diritti tv accessori utili per integrare le dirette degli eventi.

17:18‘Ndrangheta: ‘Alto Piemonte’, chieste condanne per 112 anni

(ANSA) - TORINO, 26 MAG - Centododici anni di carcere: è il totale delle pene richieste, in Tribunale a Torino, dai pm Paolo Toso e Monica Abbatecola, per 15 dei 23 imputati nel processo 'Alto Piemonte', sulle infiltrazioni della 'Ndrangheta nel torinese. La pena più alta, 17 anni, 1 mese e 16 giorni di carcere, è chiesta per Diego Raso, esponente della locale di Santhià. Tra gli imputati compaiono Saverio Dominello e suo figlio Rocco, capo ultrà della Juve, accusati di associazione mafiosa e tentato omicidio, per i quali la Procura ha chiesto rispettivamente 12 e 8 anni di reclusione. Alla sbarra, con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, anche il tifoso bianconero Fabio Germani: per lui la pena richiesta è di 5 anni di carcere. Un filone dell'inchiesta, infatti, riguarda il tentativo della criminalità organizzata calabrese di 'infilarsi' nella curva bianconera, tramite il bagarinaggio dei biglietti delle partite della Juventus. Per uno degli imputati, i pm hanno chiesto l'assoluzione. (ANSA).

17:15Calcio: nessuna offerta per il Lecco, destinato a scomparire

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - La società Calcio Lecco 1912 scomparirà. Ad annunciarlo è stato il curatore fallimentare Mario Motta, a cui il giudice del Tribunale di Lecco, Dario Colasanti, aveva affidato la società dopo il fallimento del 6 dicembre scorso. Per lunedì 29 maggio era fissata l'asta, con una base di 30mila euro, e oggi a mezzogiorno scadevano i termini per la presentazione delle offerte. Ma alla cancelleria del Tribunale di Lecco non ne è pervenuta nessuna. Il curatore fallimentare cederà quindi il titolo sportivo e poi chiuderà la società. Sul campo, la squadra aveva conquistato domenica scorsa la salvezza nel derby-playout di Serie D contro l'Olginatese.

17:06Banche: Quagliariello, subito audizione Ghizzoni al Senato

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Come primo atto da capogruppo chiederò l'immediata calendarizzazione della mozione per l' azzeramento dei vertici Consip, promossa da "Idea" su iniziativa del collega Andrea Augello e sottoscritta da oltre 70 senatori, per la quale sono già abbondantemente decorsi i termini per la procedura d'urgenza, e solleciterò una risposta alla richiesta di audizione del dottor Ghizzoni e alla richiesta di indagine conoscitiva sul caso Etruria-Unicredit presentate in Commissione Finanze dalla senatrice Cinzia Bonfrisco, vicecapogruppo vicario di "Federazione della Libertà". Tutto ciò non ha niente a che vedere con il piano giudiziario, del quale si occupa la magistratura, ma attiene alla correttezza dei comportamenti politico-istituzionali". Lo dichiara il senatore Gaetano Quagliariello, leader di "Idea" e capogruppo di "Federazione della Libertà".

17:05Calcio: processo Juve, l’udienza slitta al dopo Champions

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Dopo due ore di confronto si è chiuso con una sospensione la prima udienza del processo sportivo a carico della Juventus e del presidente Andrea Agnelli per la vicenda legata alla vendita di biglietti e ai rapporti con gli ultras. Lo slittamento, a questo punto, potrebbe portare le due parti a rivedersi innanzi al Tribunale nazionale della Figc dopo la finale di Champions del 3 giugno.

16:58Sport: doping, la Nado Italia si associa all’Inado

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - La Nado Italia è il 68/o membro dell'Institute of National Anti-Doping Organisations-Inado, associazione internazionale che riunisce le principali organizzazioni nazionali antidoping. Lo annuncia con un comunicato la stessa Nado, nel quale viene precisato che nelle prossime settimane è in programma una visita del ceo di Inado Joseph de Pencier presso la sede della Nado "per iniziare a sviluppare reciproche collaborazioni e progettualità nell'ambito della lotta al doping". La Nado Italia, si legge nel suo sito internet, è l'organizzazione nazionale antidoping, derivazione funzionale dell'Agenzia mondiale antidoping (Wada), ed ha la responsabilità esclusiva in materia di adozione e applicazione delle norme in conformità al Codice mondiale antidoping (Codice Wada), del quale è parte firmataria.

Archivio Ultima ora