Birmania, la partita per la democrazia inizia ora

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

aung-san-suu-kyi

RANGOON. – Solo un diluvio poteva interrompere (brevemente) la festa dei sostenitori di Aung San Suu Kyi: e così è successo, con un acquazzone monsonico a Rangoon proprio all’annuncio dei primi successi del suo partito. Dopo un’ora le strade erano completamente allagate e c’era un black out totale di Internet e segnali telefonici.

Certe cose, insomma, nella disastrata Birmania da mezzo secolo di mala gestione militare, non sono cambiate. Ma nell’assetto del potere, dopo il trionfo di Suu Kyi, per il regime sarà difficile mantenere tutto come prima.

L’esercito, al potere in un modo o nell’altro dal 1962, occupa di diritto un quarto dei seggi in ogni organo legislativo e ha un sostanziale potere di veto sui cambiamenti alla Costituzione che ne sancisce la posizione di enorme influenza.

Il problema è che sembra tramontata l’ipotesi di una vittoria della ‘Lega nazionale per la democrazia’ (Nld) non sufficiente per avere la maggioranza. Suu Kyi non può diventare presidente perché così recita una clausola della Carta. Ma potrebbe avere i numeri per piazzare un suo uomo di fiducia a capo di Stato, e prima del voto aveva dichiarato di voler essere “sopra il presidente”.

Si preannunciano mesi di trattative, dato che il nuovo capo di Stato entrerà in carica solo a fine marzo e uscirà da un terzetto di candidati: uno a testa dalle due Camere del Parlamento, che con ogni probabilità sarà controllato dall’Nld, e uno dall’esercito.

I due sconfitti faranno da vice al nuovo leader, quindi in un modo o nell’altro i militari faranno parte dell’esecutivo. Inoltre, sceglieranno tre ministri chiave – Difesa, Interni e Affari di confine – e potranno sopravanzare il governo in caso di non meglio definite “minacce alla sicurezza nazionale”.

Nel 1990, la vittoria a valanga di Suu Kyi fu semplicemente ignorata dalla dittatura, che tirò avanti per altri due decenni. Ma l’impressione è che l’esercito abbia imparato la lezione: quel sopruso portò ad oltre 15 anni di pesanti sanzioni economiche occidentali, e si crede che le aperture dal 2010 a oggi siano nate proprio dal desiderio di aprirsi agli investimenti stranieri, senza finire nell’abbraccio soffocante della Cina.

Un governo di Suu Kyi, o chi per lei, darebbe il via a un’ondata di denaro straniero, dopo che gli iniziali entusiasmi del 2011 si erano raffreddati man mano che gli investitori si scontravano con l’arretratezza delle infrastrutture e le opache regole degli affari nel Paese. Questi passano gioco forza da degli oligarchi che hanno fatto le fortune grazie alla vicinanza ai militari.

E ci sono già segnali che questi ‘cronies’ – come vengono chiamati – stiano cercando di ripulirsi l’immagine. Molto dipenderà dai nuovi equilibri che Suu Kyi e i suoi ex carcerieri sapranno trovare.

La fiducia tra le parti è stata tradizionalmente bassa, e lo stesso piglio decisionale della ‘Signora’ ha già fatto capire che è più brava a mantenere le sue posizioni che a negoziare. Se vorrà davvero cambiare il Paese, dovrà dirottare risorse che per decenni hanno arricchito loschi personaggi e destinarle allo sviluppo di tutto: educazione, sanità, infrastrutture, giustizia.

E’ un compito improbo, anche se glielo lasciassero portare avanti. Ma i semi sono stati gettati ieri. Se matureranno, si inizierà a vederlo già nei prossimi mesi.

(di Alessandro Ursic/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora