Birmania, la partita per la democrazia inizia ora

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

aung-san-suu-kyi

RANGOON. – Solo un diluvio poteva interrompere (brevemente) la festa dei sostenitori di Aung San Suu Kyi: e così è successo, con un acquazzone monsonico a Rangoon proprio all’annuncio dei primi successi del suo partito. Dopo un’ora le strade erano completamente allagate e c’era un black out totale di Internet e segnali telefonici.

Certe cose, insomma, nella disastrata Birmania da mezzo secolo di mala gestione militare, non sono cambiate. Ma nell’assetto del potere, dopo il trionfo di Suu Kyi, per il regime sarà difficile mantenere tutto come prima.

L’esercito, al potere in un modo o nell’altro dal 1962, occupa di diritto un quarto dei seggi in ogni organo legislativo e ha un sostanziale potere di veto sui cambiamenti alla Costituzione che ne sancisce la posizione di enorme influenza.

Il problema è che sembra tramontata l’ipotesi di una vittoria della ‘Lega nazionale per la democrazia’ (Nld) non sufficiente per avere la maggioranza. Suu Kyi non può diventare presidente perché così recita una clausola della Carta. Ma potrebbe avere i numeri per piazzare un suo uomo di fiducia a capo di Stato, e prima del voto aveva dichiarato di voler essere “sopra il presidente”.

Si preannunciano mesi di trattative, dato che il nuovo capo di Stato entrerà in carica solo a fine marzo e uscirà da un terzetto di candidati: uno a testa dalle due Camere del Parlamento, che con ogni probabilità sarà controllato dall’Nld, e uno dall’esercito.

I due sconfitti faranno da vice al nuovo leader, quindi in un modo o nell’altro i militari faranno parte dell’esecutivo. Inoltre, sceglieranno tre ministri chiave – Difesa, Interni e Affari di confine – e potranno sopravanzare il governo in caso di non meglio definite “minacce alla sicurezza nazionale”.

Nel 1990, la vittoria a valanga di Suu Kyi fu semplicemente ignorata dalla dittatura, che tirò avanti per altri due decenni. Ma l’impressione è che l’esercito abbia imparato la lezione: quel sopruso portò ad oltre 15 anni di pesanti sanzioni economiche occidentali, e si crede che le aperture dal 2010 a oggi siano nate proprio dal desiderio di aprirsi agli investimenti stranieri, senza finire nell’abbraccio soffocante della Cina.

Un governo di Suu Kyi, o chi per lei, darebbe il via a un’ondata di denaro straniero, dopo che gli iniziali entusiasmi del 2011 si erano raffreddati man mano che gli investitori si scontravano con l’arretratezza delle infrastrutture e le opache regole degli affari nel Paese. Questi passano gioco forza da degli oligarchi che hanno fatto le fortune grazie alla vicinanza ai militari.

E ci sono già segnali che questi ‘cronies’ – come vengono chiamati – stiano cercando di ripulirsi l’immagine. Molto dipenderà dai nuovi equilibri che Suu Kyi e i suoi ex carcerieri sapranno trovare.

La fiducia tra le parti è stata tradizionalmente bassa, e lo stesso piglio decisionale della ‘Signora’ ha già fatto capire che è più brava a mantenere le sue posizioni che a negoziare. Se vorrà davvero cambiare il Paese, dovrà dirottare risorse che per decenni hanno arricchito loschi personaggi e destinarle allo sviluppo di tutto: educazione, sanità, infrastrutture, giustizia.

E’ un compito improbo, anche se glielo lasciassero portare avanti. Ma i semi sono stati gettati ieri. Se matureranno, si inizierà a vederlo già nei prossimi mesi.

(di Alessandro Ursic/ANSA)

Ultima ora

00:45Calcio: Barcellona-Eibar 6-1, Messi ne fa quattro

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il Barcellona ha travolto l'Eibar nel secondo anticipo della Liga, battendolo per 6-1. Un successo che, dopo cinque turni, proietta momentaneamente i blaugrana a 15 punti, +5 sul Siviglia. Protagonista della goleada al Camp Nou è stato Lionel Messi, autore di quattro reti (la prima su rigore). A segno anche Paulinho e Denis Suarez. Per l'Eibar gol della bandiera dell'Eibar con Sergi Enrich.

00:28Ucciso pregiudicato, partecipò a tentato furto salma Ferrari

(ANSA) - NUORO, 19 SET - Uno dei presunti componenti della banda che tentò di trafugare la salma di Enzo Ferrari, con un ruolo definito marginale dagli inquirenti, è stato ucciso questa sera nel suo paese, Orani, in provincia di Nuoro. L'uomo, Luca Carboni, operaio forestale di 45 anni, è stato freddato con alcuni colpi di arma da fuoco in via Delitala, nella periferia del paese, vicino al cimitero. Poco dopo gli spari, intorno alle 21.45, è arrivata sul posto un'ambulanza del 118, ma i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso: l'uomo è morto sul colpo. Sul posto, gli uomini della Squadra Mobile di Nuoro e il loro capo Paolo Guiso stanno tentando di ricostruire la dinamica dell'omicidio e di risalire al movente. Luca Carboni, pluripregiudicato, è un nome conosciuto alle forze dell'ordine. Varie le vicende giudiziarie che lo hanno riguardato: coltivazione di sostanze stupefacenti attentati e traffico di armi e droga. In passato l'uomo era stato coinvolto nell'inchiesta che aveva portato in carcere l'ex sindaco di Buddusò Giovanni Satta. In una telefonata intercorsa tra i due, Carboni aveva chiesto a Satta di procurargli dell'esplosivo. Più di recente nel marzo 2017 era stato coinvolto nell'inchiesta su un traffico di droga e armi fra la Sardegna ed il nord Italia. Secondo gli inquirenti, Luca Carboni faceva parte del sodalizio criminale che stava progettando tra l'altro il furto a scopo di estorsione della salma del costruttore automobilistico Enzo Ferrari. Quarantacinque complessivamente le persone indagate fra quelle arrestate, ai domiciliari, con obbligo di dimora e denunciate. Per l'operaio forestale gli inquirenti avevano applicato l'obbligo di dimora. (ANSA).

00:16Calcio: Donadoni, Bologna superiore all’Inter

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "I ragazzi hanno fatto una gara di grande qualità e di grande intensità. Dal punto di vista del risultato ci sentiamo 'derubati' ma questa è la strada giusta e se interpreteremo le gare così arriveranno i tre punti". Roberto Donadoni non nasconde il rammarico per non aver trovato la vittoria contro l'Inter, nonostante il vantaggio del Bologna con il gol di Verdi. "Siamo stati superiori all'Inter che è una grandissima squadra, li abbiamo costretti a difendersi perché siamo stati molto aggressivi. Sono soddisfatto della prova dei ragazzi: l'unica amarezza è non aver conquistato i tre punti". Sul rigore fischiato ad Eder Donadoni è stato polemico: "Mi auguro che queste circostanze capiteranno anche noi contro la Juve, la Roma, il Milan, il Napoli o le altre grandi squadre. Perché a parti invertite mi viene sempre il dubbio, se dovesse capitarci a noi devono darcelo. All'inizio dell'azione Mbaye viene sbilanciato, poi cade, la palla stava andando da un'altra parte e dare un rigore così mi sembra ingiusto".

00:11Calcio: Spalletti, subita la pressione del Bologna

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "Queste partite bisogna provare a giocarle, non a subirle, come è successo nel primo tempo. Loro sono stati bravi a pressarci, non abbiamo trovato sbocchi ed insistito troppo con il palleggio centrale. Se la palla gira così lentamente diventa difficile. Bisogna avere più qualità nello stretto". Luciano Spalletti legge così l'1-1 in casa del Bologna. "La partita precedente non fa acquisire meriti per quella che segue - ha detto il tecnico, riferendosi ai quattro successi di fila da cui venivano i nerazzurri - Noi siamo l'Inter e dobbiamo giocare un calcio di intenzioni coraggiose. Siamo andati meglio nel secondo tempo, anche se la qualità sulla trequarti è mancata lo stesso. E loro avevano sempre tempo di ricomporsi. Però almeno le intenzioni sono state diverse".

23:45Bambini intrappolati in scuola crollata

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 19 SET - "Per favore, silenzio! Stiamo lavorando per salvare i piccoli!": questo il grido dei responsabili della protezione civile messicana mentre, circondati dalla folla, tentano di trarre in salvo bambini rimasti sepolti sotto le macerie di una scuola di Città del Messico. I media locali trasmettono in diretta dall'esterno della scuola Enrique Rebsamen, nella zona di Coyoacan, completamente crollata per il terremoto. Almeno uno dei piccoli è stato tratto in salvo ma non si sa quanti altri siano ancora intrappolati sotto le macerie.

23:32Calcio: serie B, Frosinone solo in testa

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Risultati della quinta giornata del campionato di calcio di Serie B: Ascoli-Frosinone 0-1; Avellino-Venezia 1-1 (giocata ieri); Bari-Cremonese 1-0; Carpi-Foggia 1-3; Cittadella-Cesena 4-0; Palermo-Perugia 1-0; Parma-Empoli 1-2; Pescara-Entella 2-2; Pro Vercelli-Salernitana 1-1; Spezia-Novara 1-0; Ternana-Brescia 0-0 rinviata. Classifica: Frosinone 13; Empoli 11; Perugia e Carpi 10; Palermo 9; Cittadella, Cremonese, Venezia, Avellino e Spezia 7; Pescara, Bari, Novara e Parma; Brescia, Ternana, Entella e Foggia 5; Salernitana e Cesena 4; Ascoli 3; Pro Vercelli 1.

23:30Calcio: Eder, col Bologna due punti persi

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "Su questi campi è sempre difficile, il Bologna ha messo in difficoltà il Napoli per 70 minuti, ma noi siamo l'Inter e questi sono due punti persi. Dovevamo vincere, ma quando non si vince è importante non perdere". Eder a fine partita ha espresso il rammarico per l'1-1 che ha interrotto la strisce vincente dei nerazzurri. "Dovevamo partire meglio anche se nel secondo tempo abbiamo fatto bene. Juventus e Napoli hanno qualcosa in più? Non lo so, noi dobbiamo guardare il nostro obiettivo - ha aggiunto l'attaccante - che è quello della Champions. Dobbiamo dare il massimo per questo". Quanto al rigore conquistato "sì, quando è passato mi ha toccato sulla caviglia, era rigore".

Archivio Ultima ora