Usa studiano mossa anti-Russia, più truppe in Europa

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

usa-russia

NEW YORK.- Gli Usa vogliono potenziare la loro presenza militare in Europa per contrastare l’attivismo russo. In un incontro ai massimi livelli nel fine settimana, riferisce il Wall Street Journal, militari di alto rango delle forze armate Usa avrebbero suggerito al Pentagono di inviare più soldati a rotazione nei Paesi europei per rafforzare la presenza americana in caso di una crisi con Mosca.

Secondo Philip Breedlove, comandante americano delle forze Nato in Europa, la decisione verrà infatti presa “entro i prossimi 2 mesi”. La mossa consentirà l’invio di truppe per dislocarle temporaneamente, aumentando il numero oltre i limiti attuali.

Ad oggi, l’esercito ha due brigate in Europa, ognuna composta da 3.500 soldati; a queste verrebbero aggiunte altre unità, oltre a elicotteri d’attacco, task force di tecnici e brigate di artiglieria.

La proposta al Pentagono è stata avanzata all’annuale incontro del Reagan National Defense Forum in California, durante il quale gli Usa hanno condannato l’aggressione e le minacce del presidente russo, Vladimir Putin, avvertendo che Washington non deve permettere che la cooperazione tra Mosca e Occidente nel conflitto in Siria possa distrarre l’attenzione dalla crisi in Ucraina.

“Le aggressioni lasciate senza riposta portano a nuove aggressioni”, ha detto il capo di Stato Maggiore dell’Esercito Usa, Mark Milley, sottolineando che la mossa è necessaria per evitare altri conflitti in Europa.

Secondo Milley, l’esercito Usa sta perfezionando l’addestramento in modo da potersi opporre a diverse minacce da parte della Russia, tra cui la guerra ibrida, che include strategie non convenzionali.

Un monito sull’aggressione russa è stato lanciato anche dal segretario alla Difesa, Ash Carter, che ha criticato le “minacce da guerra nucleare” russe.

Anche se la proposta per nuove forze Usa nel Vecchio Continente deve ancora essere sviluppata in un eventuale nuovo piano del Pentagono e poi approvata dall’amministrazione Obama, è evidente che gli Usa cercano un’altra via per contrastare il dominio russo, pur volendo mantenere la linea del dialogo con Mosca, fa notare il Wsj.

Ma – avverte il generale Breedlove – cooperando con la Russia in Siria, l’Occidente finirà per accettare l’annessione della Crimea e il sostegno ai separatisti nella regione di Donbas.

I vertici Usa hanno anche fatto notare che la Russia sta modernizzando la forza militare per rendere più difficile agli americani potenziare le difese in Europa. A questo proposito, Carter ha detto che gli Usa stanno investendo in tecnologie destinate a contrastare questi investimenti russi, inclusi i laser, un nuovo bombardiere e droni aggiornati.

Ultima ora

21:05Morto a Santa Croce: procura sequestra area decesso

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - La procura di Firenze ha deciso di porre sotto sequestro l'area della basilica di Santa Croce dove oggi si è verificato l'incidente mortale a un turista spagnolo per il distacco di un frammento che lo ha colpito. La decisione è stata presa nell'ambito dell'inchiesta per omicidio colposo aperta sul fatto. Sul caso è stata aperta un'inchiesta per omicidio colposo. L'Opera di santa Croce ha spiegato, attraverso il segretario generale Giuseppe De Micheli, che controlli erano stati effettuati una settimana fa in occasione della pulitura delle vetrate.

20:27Campo Progressista: Capelli, impegno Pisapia va avanti

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "L'impegno di Campo Progressista, e quindi anche di Giuliano Pisapia, nel progetto politico per un centrosinistra di governo radicalmente innovativo, ampio e inclusivo prosegue". Lo chiarisce il portavoce Cp Alessandro Capelli, smentendo le affermazioni di Bruno Tabacci. "Vogliamo contribuire a cambiare e migliorare questo paese, e non possiamo certo fermarci adesso", conclude Capelli.

20:27Bankitalia: Lotti, nessun timore di frizioni Renzi-Gentiloni

(ANSA) - PRATO, 19 OTT - Il ministro dello Sport Luca Lotti non teme frizioni fra il premier Paolo Gentiloni e il segretario Pd, Matteo Renzi, sulla vicenda Bankitalia. Rispondendo alle domande dei cronisti sul tema, a margine dell'evento del Pd organizzato a Prato, ha detto: "Io credo che si stia parlando molto di questo, si sia discusso tanto, perchè è un argomento complesso. Continueremo a discutere, vedremo in Consiglio dei ministri fra qualche giorno quale decisione verrà presa pero' non ho nessun timore da questo punto di vista".

20:26Berlusconi, io ottimista, Salvini ragionevole

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - "Salvini si pone con irruenza nel fare politica ma quando ci sediamo al tavolo è estremamente aperto e ragionevole e positivo. Questo mi dà l'assoluta sicurezza su come possa funzionare da qui in avanti la coalizione". Lo ha detto il leader di Fi, Silvio Berlusconi conversando con i giornalisti a Bruxelles. "Con la Lega e Meloni - ha aggiunto - abbiamo parlato di un governo con 20 membri, 12 della società civile e solo 8 politici, tre di Forza Italia, tre della Lega e due Fratelli d'Italia".

20:26Bankitalia: Renzi, nessuno scheletro nell’armadio

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Non abbiamo nessuno scheletro nell'armadio. Siamo i primi a essere interessati al fatto che la Commissione sulle banche lavori e faccia chiarezza". Lo ha detto il leader del Pd, Matteo Renzi, in collegamento con Otto e Mezzo su La7.

20:26Bankitalia: Renzi, Commissione ci riserverà sorpresine

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "La vicenda di Banca Etruria andava avanti da anni, non solo negli ultimi mesi. E mi aspetto che la Commissione sulle banche ci riserverà qualche sorpresina". Lo ha detto il leader del Pd, Matteo Renzi, in collegamento con Otto e Mezzo su La7.

19:54Migranti: fonti Ue, pressing Juncker-Tusk per aumento fondi

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - Pressing dei presidenti del Consiglio europeo, Donald Tusk, e della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, affinché gli Stati membri aumentino i finanziamenti destinati alla dimensione esterna della crisi migratoria per gli anni prossimi. Secondo quanto si apprende da fonti Ue, nel primo giro di tavolo del vertice europeo sul tema migrazioni, Tusk ha elogiato l'impegno dell'Italia, con la situazione dei flussi che sta migliorando. "L'Italia ci aiuta, dobbiamo fare altrettanto con l'Italia", ha detto il presidente ribadendo la richiesta per un maggiore impegno di fondi, a cui si è unito anche Juncker.

Archivio Ultima ora