Sen. Micheloni (Pd): Legge di stabilità ed emendamenti a favore degli italiani all’estero

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

MICHELONI-CIV

ROMA. – A poche ore dall’inizio dell’iter in commissione della legge di stabilità, il senatore Claudio Micheloni fa un resoconto della prima fase dei lavori. Gli emendamenti presentati affrontano diversi temi a favore degli italiani residenti all’estero.

“Ci sono, innanzitutto, interventi che mirano al rafforzamento di due importanti organismi di rappresentanza, come il Comites e il CGIE, afferma il Senatore Micheloni. “Provvedimenti che si aggiungono all’approvazione in Commissione Affari esteri dell’OdG. G/2112/1/3/TAB.6 (TESTO2), in cui si impegna il Governo a presentare entro il 30 giugno 2016 una riforma organica dei Comites e del CGIE che, azzerando le attuali rappresentanze, costruisca un più moderno ed efficace sistema organico di rappresentanza delle comunità italiane nel mondo, capace di guardare ai comuni interessi degli italiani all’estero e dell’Italia”.

“Tra gli emendamenti presentati”, aggiunge il senatore Micheloni, “abbiamo ritenuto opportuno incrementare le risorse per gli Istituti Italiani di Cultura, per i corsi di lingua e cultura italiana nel mondo, per la rete delle Camere di Commercio Italiane all’estero nonché per la stampa italiana all’estero e le agenzie specializzate”.

“Anche nella legge di stabilità di quest’anno”, sottolinea il senatore Micheloni, “troviamo un attacco frontale ai Patronati con un taglio lineare di 48 milioni, che di fatto ne smantella la rete sia in Italia che all’estero. Più volte ho affermato che il sistema andava cambiato, ribadendo però l’importante ruolo svolto da queste organizzazioni nelle comunità degli italiani all’estero. Per questo motivo il mio emendamento, appoggiato da alcuni colleghi senatori, chiede una diminuzione del taglio da parte del Governo.

Da diversi mesi, il Comitato per le questioni degli Italiani all’estero sta svolgendo una serie di audizioni e missioni sul territorio per fare chiarezza sul lavoro, importantissimo, svolto dai Patronati e su alcune storture che in questi anni hanno penalizzato e svalutato il loro lavoro giustificando erroneamente i tagli”.

L’emendamento del senatore Micheloni sui Patronati riassume in sé alcune modifiche legislative che possono anticipare una riforma profonda del sistema e che il Comitato ha rilevato come indispensabili alla legge n. 152/01 (normativa generale sul patronato).

In particolare, si intende inquadrare correttamente il rapporto tra il Patronato italiano e le Associazioni di diritto locale con le quali gli stessi svolgono la loro attività all’estero, attraverso l’obbligo di controllo e di corresponsabilità da parte del Patronato sull’associazione.

Entrando più in dettaglio: 1) si introduce, rafforzando la scelta già operata lo scorso anno nella relativa legge di stabilità, l’obbligo per il patronato di redazione di un bilancio consolidato; 2) si estendono alle attività estere gli obblighi in tema di operatori già previsti per l’Italia; 3) si prevede la responsabilità sussidiaria e solidale alla associazione promotrice, in caso di danni patrimoniali procurati a terzi; 4) si introducono sanzioni in caso di violazione degli obblighi di bilancio introdotti con il presente emendamento.

Inoltre, al fine di semplificare e modernizzare un sistema di ispezione delle attività all’estero, si introduce una riforma delle stesse, che si fonda sulla certificazione delle attività da parte degli enti erogatori. L’insieme delle norme proposte, e in particolare quelle in materia di razionalizzazione del sistema ispettivo, è in grado di generare risparmi di non meno di 15 milioni di euro annui.

“Intendo porre l’attenzione anche sull’emendamento riguardante la rete consolare”, ribadisce il senatore Micheloni. “Una rimodulazione dei consolati sui vari territori va affrontata quanto prima secondo le esigenze delle nostre comunità.

Purtroppo in questi anni abbiamo assistito a interventi da parte dell’Amministrazione del MAECI che, sotto la dicitura Spending Rewiew, hanno giustificato l’irragionevole riduzione di servizi con risparmi davvero minimi.

Il Parlamento aveva invece più volte suggerito una riduzione di Consoli e Amministrativi, ma la risposta del MAECI è andata in senso opposto penalizzando i servizi ai nostri concittadini residenti all’estero e facendo di fatto un torto anche all’Italia”.

A tale proposito il senatore Micheloni afferma con forza: “per l’Europa chiedo meno consolati, meno diplomazia, e più sviluppo dei servizi telematici, nonché un’erogazione maggiore e più efficiente dei servizi ai cittadini attraverso l’istituzione di semplici uffici da avviare con personale a contratto assunto localmente, innanzitutto nelle sedi chiuse negli ultimi anni, dove le scelte operate dal MAECI hanno creato notevoli disagi e prodotto pochissimi risparmi.

Tutto questo può e deve avvenire attraverso un dialogo schietto tra Parlamento e Amministrazione del MAECI per potere finalmente trovare un punto di incontro, con un unico obiettivo: quello di migliorare i servizi per i nostri cittadini all’estero”.

“E’ necessario e non più derogabile il confronto e l’analisi, anche dal punto di vista economico, delle due tesi”, conclude il senatore Micheloni, “per potere individuare le scelte migliori da fare nell’interesse dell’Italia e della sua promozione nel Mondo”.

Infine, il senatore Micheloni ricorda il suo impegno nella richiesta di chiarimento al Governo dell’estraneità degli ex iscritti all’Aire e degli ex lavoratori transfrontalieri nell’ambito di applicazione delle disposizioni sulla Voluntary Disclosure (collaborazione volontaria) circa il loro patrimonio detenuto all’estero. In tal senso va l’emendamento presentato, che si presenta come la conseguenza dell’Ordine del Giorno della scorsa settimana”.

Ultima ora

18:34Tangenti Petruzzelli: ex direttore Longo pronto a risarcire

(ANSA) - BARI, 20 OTT - L'ex direttore amministrativo del teatro Petruzzelli di Bari, Vito Longo, coinvolto in un'inchiesta con l'accusa di aver intascato tangenti in cambio di appalti, ha manifestato alla Fondazione Petruzzelli la disponibilità a risarcire il danno arrecato all'ente. Il contenuto della lettera inviata da Longo al presidente della Fondazione, il sindaco di Bari Antonio Decaro, datata 14 ottobre, è stato reso noto oggi nell'udienza preliminare per il rinvio a giudizio chiesto dalla Procura per Longo e altre sette persone, vale a dire la moglie Antonella Rinella, ex capo di gabinetto del Comune di Bari, e sei imprenditori baresi. Alcuni imprenditori imputati, che nei mesi scorsi hanno collaborato con gli investigatori, sono in trattative con la Fondazione per risarcire. In attesa di formalizzare le transazioni, l'udienza è stata rinviata su richiesta di tutte le parti al 28 febbraio 2018. Le transazioni potrebbero consentire agli imputati di accedere a riti alternativi, abbreviato o patteggiamento.

18:30F1: Red Bull, Verstappen prolunga fino al 2020

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Il pilota olandese Max Verstappen ha firmato un prolungamento triennale del suo contratto con la Red Bull, dove resterà fino al 2020. Lo ha annunciato sul proprio sito ufficiale il team angloaustriaco, che anche nella prossima stagione lo affiancherà all'australiano Daniel Ricciardo. "La Red Bull ha sempre creduto in me e mi ha dato fiducia quando ancora ero giovanissimo - le parole del pilota diffuse dal team -, dandomi la chance di debuttare in Formula 1 a soli 17 anni (nel 2015 con la Toro Rosso, ndr) e di seguito l'opportunità di gareggiare con la Red Bull Racing dove ho avuto un avvio da sogno". Verstappen è il più giovane vincitore di una gara in Formula 1, col successo nel Gp di Spagna 2016 ottenuto a a 18 anni, 7 mesi e 15 giorni. All'inizio di questo mese, in Malesia, l'olandese ha conquistato la sua seconda vittoria in carriera. "E' un vero pilota, un innegabile talento del volante che ha un raro istinto per quel che serve a competere a questo livello", commenta il team principal, Christian Horner.

18:27Calcio: Argentina, Sampaoli convoca Perotti ma non Higuain

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - C'é la novità Diego Perotti tra i 22 convocati dal ct dell'Argentina Jorge Sampaoli per l'amichevole contro la Russia del 9 novembre. Nell'elenco ufficializzato oggi dall'AFA compaiono altri 6 'italiani' (l'altro giallorosso Fazio, l'atalantino Gomez, l'interista Icardi, il viola Pezzella, il milanista Biglia e lo juventino Dybala), mentre resta ancora fuori Gonzalo Higuain ("Higuain è un giocatore molto presente e con lui non c'è niente da dimostrare", ha tagliato corto il ct il conferenza stampa). Dopo la rocambolesca qualificazione al Mondiale, raggiunta solo in extremis, il test contro la Russia servirà a Sampaoli per cercare di meglio definire la rosa e il modulo, soprattutto la 'convivenza tra Messi e Dybala ("Non la vedo così difficile e penso possano essere complementari in campo", ha spiegato Sampaoli) in vista di Russia 2018. Tra i convocati torna anche il 'kun' Aguero, rimasto fuori nelle ultime partite per infortunio.

18:22Truffe: tra falsi braccianti esponenti cosche, 1.464 denunce

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 20 OTT - I carabinieri della Compagnia di Locri hanno denunciato in stato di libertà 1.464 persone, tra cui alcuni esponenti di cosche di 'ndrangheta, con l'accusa, a vario titolo, di concorso in peculato, falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico e truffa aggravata e continuata. I militari, dopo avere esaminato gli ultimi sei anni di attività di 31 aziende agricole, compresi documenti e dichiarazioni rilasciate dai presunti dipendenti, hanno scoperto come tutti i rapporti di lavoro erano attuati al solo fine di far percepire indebite prestazioni assistenziali e previdenziali erogate dall'Inps, oltre che per ottenere risorse Ue, con un danno erariale accertato di oltre 11 milioni di euro. Le indagini, condotte con il coordinamento della Procura di Locri, hanno evidenziato numerose incongruenze come terreni agricoli e allevamenti "fantasma", documentazione imprenditoriale inesistente e terreni incolti che, sulla carta, risultavano floridi vigneti e uliveti.(ANSA).

18:10Violenze sessuali su modelle, pm chiede 6 anni per fotografo

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - Il pm di Milano Cristian Barilli ha chiesto una condanna a 6 anni di carcere nel processo con rito abbreviato a carico di un fotografo franco-algerino di 50 anni, che lavorava nel campo della moda, arrestato dai carabinieri lo scorso dicembre per aver molestato cinque modelle, costrette a subire atti sessuali, e per aver sfruttato la prostituzione di altre due giovani. Le indagini erano scattate nell' aprile del 2015, quando due amiche, una studentessa serba di 26 anni e una hostess croata 30enne, che nel tempo libero lavoravano come indossatrici, avevano denunciato agli investigatori di essere state più volte molestate dal fotografo. In particolare, secondo l'imputazione, in più occasioni l'uomo, tra marzo e aprile del 2015, con la scusa della realizzazione di servizi fotografici nella sua abitazione-studio in zona Niguarda, dopo aver stordito le modelle facendo bere loro "ingenti quantitativi" di alcol, le avrebbe costrette a subire palpeggiamenti, toccamenti e altri abusi.

18:05Brasile: 20 chef italiani al festival della gastronomia

(ANSA) - SAN PAOLO, 20 OTT - Considerata la città con il maggior numero di discendenti italiani di tutto il Paese, San Paolo del Brasile ospiterà dal 23 al 29 ottobre la sesta edizione della Settimana della cucina regionale italiana. Per sette giorni le cucine dei principali ristoranti della città brasiliana saranno guidate da chef provenienti da 20 regioni italiane, che prepareranno le loro ricette con i prodotti tipici delle loro località. Quest'anno l'evento vedrà la presenza di 18 chef uomini e due donne, per un "interscambio" colturale e gastronomico tra i due Paesi. "Non è solo un festival gastronomico, ma anche un'occasione per i brasiliani di sperimentare lo stile di vita italiano, godendo del valore e della genuinità della dieta mediterranea, dell'alto livello della cucina e della qualità degli ingredienti di origine controllata", ha detto Erica Di Giovancarlo, direttrice generale per il Brasile dell'Italia Trade Agency, promotrice dell'evento.

18:04Esplosione in fabbrica fuochi artificio nel Foggiano

(ANSA) - SAN SEVERO (FOGGIA), 20 OTT - Una esplosione si è verificata in una fabbrica di fuochi d'artificio vicino San Severo, nel Foggiano. Sul posto stanno intervenendo i vigili del fuoco e le forze dell'ordine. Non si sa al momento se ci siano feriti.L'esplosione si è verificata nella fabbrica di fuochi d'artificio 'Piro Daunia', tra i territori di San Severo e San Paolo di Civitate. Carabinieri e vigili del fuoco stanno cercando di fare luce sulle cause dell'esplosione mentre si sta lavorando tra le macerie per capire se ci siano feriti o vittime. Sul posto ci sono due squadre dei vigili del fuoco con tre mezzi, carabinieri e personale del '118'.

Archivio Ultima ora