Carabinieri: ecco il Calendario 2016 con capolavori d’arte rivisitati

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

calendario carabinieri

ROMA. – Una rivisitazione di alcuni capolavori dei grandi rappresentanti della pittura italiana ed europea, da Modigliani a De Chirico, da Monet a Dalì, da Toulouse Lautrec a Van Gogh, attraverso l’inserimento nelle opere di carabinieri e simboli legati all’Arma: è il calendario dei Carabinieri 2016, nell’anno in cui la bandiera del corpo è stata decorata dalla Medaglia d’Oro ai benemeriti della cultura e dell’arte, per l’opera svolta a salvaguardia del patrimonio culturale italiano e internazionale”.

Il calendario, ispirato appunto al tema “I Carabinieri e le arti”, è stato presentato alla Scuola ufficiali carabinieri di Roma alla presenza del ministro della Difesa Roberta Pinotti e del comandante generale Tullio Del Sette.

Contestualmente al calendario, le cui tavole sono state ideate e realizzate sotto la direzione artistica di Silvia Di Paolo, è stata presentata anche l’Agenda del Carabiniere, dedicata quest’anno al centenario della Grande Guerra e al ruolo svolto dai Carabinieri nella Resistenza. Giunto alla 84esima edizione, il calendario avrà quest’anno una tiratura di un milione e 200mila copie, di cui ottomila in lingue straniere (inglese, francese, spagnolo e tedesco).

“L’Arma è una grande famiglia, per la qualità e l’intensità del legame che unisce i carabinieri” ha detto Del Sette ripercorrendo le varie edizioni storiche del calendario e ricordando le “tante immagini susseguitesi nel tempo sulle sue pagine: dalle opere d’arte recuperate alle imprese sportive dei carabinieri atleti; dai giovani alle donne; dalla bandiera dell’Arma alle missioni all’estero”.

“L’Arma – ha aggiunto il capo di Stato Maggiore della Difesa, Claudio Graziano – è parte integrante dello strumento militare, svolge una pluralità di compiti che vanno dall’impegno in patria per la sicurezza e il controllo dell’illegalità all’impegno all’estero con le altre forze armate, nelle operazioni di stabilizzazione. Al valore eroico della gente del passato si associa la consapevolezza dello straordinario e indispensabile contributo che l’Arma, attraverso semplici gesti, svolge nel quotidiano”.

Nel suo intervento, il ministro della Difesa Roberta Pinotti ha ricordato come non vi sia “libertà senza sicurezza” e ha parlato di un elemento che rende “unici” i carabinieri.

“C’è un elemento a cui i Carabinieri tengono moltissimo ed è la loro peculiarità – ha detto – Una peculiarità che è un tesoro e che va salvaguardata con molta attenzione”.

“Pur compiendo la maggior parte del loro servizio in Italia – ha aggiunto – hanno una proiezione internazionale in quanto forza armata. E questo li rende unici”.

Ultima ora

16:06Catalogna: Madrid prenderà controllo Mossos e Radio-Tv

(ANSA) - MADRID, 21 OTT - Madrid prevede di prendere il controllo fra l'altro dei Mossos d'Esquadra, la polizia regionale catalana, della Radio-Tv pubblica (Tv3 e Radio Catalunya), grazie all'art. 155. Lo precisa il documento con le misure previste dall'esecutivo spagnolo inviato al Senato, che lo approverà probabilmente il 27 ottobre. Il governo spagnolo, attraverso i delegati che nominerà in Catalogna, potrà destituire e sostituire i dirigenti di polizia e radio-tv catalane.

15:58Maltempo: in Toscana codice giallo per temporali e vento

(ANSA) - FIRENZE, 21 OTT - La Sala operativa della protezione civile della Toscana ha emesso un codice giallo per temporali e vento valida da stasera fino alla mezzanotte di domani, domenica 22 ottobre. Il codice giallo per vento (valido dalle 6 di domani mattina fino alla mezzanotte sempre di domani) interessa tutta la regione; quello per temporali forti e rischio idrogeologico del reticolo minore (valido dalla mezzanotte fino alle ore 13 di domani) riguarda invece la zona nord occidentale (Versilia, Lunigiana e bacino del Serchio). Codice giallo poi per mareggiate (dalle 14 fino alla mezzanotte di domani) per la parte centro-settentrionale della costa e per l'Arcipelago. (ANSA).

15:52Migranti:accoglienza diffusa,Minniti a sigla intesa Calabria

(ANSA) - TAVERNA (CATANZARO), 21 OTT - Migliorare il sistema di accoglienza dei richiedenti protezione internazionale attraverso l'adesione dei Comuni alla rete Sprar (Sistema di protezione per i richiedenti asilo rifugiati): è l'obiettivo di un protocollo d'intesa sottoscritto a Villaggio Mancuso di Taverna, alla presenza del ministro dell'Interno Marco Minniti, da Anci, dalle cinque Prefetture e dalla Regione Calabria. L'atto, che è stato siglato dal prefetto di Catanzaro Luisa Latella, nella qualità di coordinatrice delle Prefetture regionali, dal presidente regionale dell'Associazione dei Comuni italiani Gianluca Callipo e dal presidente della Regione Mario Oliverio, rappresenta il passaggio finale di un'attività di sensibilizzazione sulla tematica dell'accoglienza diffusa che ha portato all'adesione di un numero notevole di enti locali, circa 120. "Oggi - ha detto Minniti - facciamo un passo straordinariamente importante nella direzione della cooperazione tra lo Stato nazionale e i poteri locali". (ANSA).

15:51Calcio: Lopez ‘con la Lazio velocità e fiducia’

(ANSA) - CAGLIARI, 21 OTT - "La Lazio è forte ma anche il Cagliari ha un tasso tecnico alto e può far male. Inutile chiudersi in difesa: prima o poi il gol lo prendi. Credo molto in questa squadra, non appena ritroverà fiducia dimostrerà sul campo tutte le sue qualità". Così il neoallenatore del Cagliari, Diego Lopez, alla vigilia del posticipo contro i biancocelesti all'Olimpico. "La formazione ce l'ho in testa, ma preferisco darla ai ragazzi. Non è importante il modulo ma l'atteggiamento: voglio vedere una squadra coraggiosa, compatta, aggressiva non solo quando hanno palla gli altri". Lopez, subentrato in settimana all'esonerato Rastelli, dovrà probabilmente schierare il terzo portiere Crosta perché Cragno è infortunato e Rafael ha ancora dolore al polso. Il brasiliano è comunque convocato: sarà un test domani mattina a stabilire se potrà stare tra i pali.

15:50Calcio: controlli per Belotti, si tenta recupero per l’Inter

(ANSA) - TORINO, 21 OTT - Nuovi controlli per Andrea Belotti, attaccante del Torino e della Nazionale alle prese con un infortunio al ginocchio. Il giocatore si sta recando a Perugia, per un controllo dal professor Giuliano Cerulli, celebre chirurgo ortopedico. Il controllo, spiega il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic, in conferenza stampa, "per capire se l'infortunio si è cicatrizzato". Il ginocchio, aggiunge, "gli fa ancora un po' male al tatto. Per questo gli ho detto di non toccarlo. Vedremo oggi quello che ci diranno, speriamo di recuperarlo per l'Inter", cosa che consentirebbe all'attaccante anche di essere convocato in Nazionale per gli spareggi Mondiali.

15:48Calcio: Mihajlovic, smog? Ci siamo allenati con maschera…

(ANSA) - TORINO, 21 OTT - "Lo smog? Ci siamo allenati con la maschera...". Sinisa Mihajlovic risponde con una battuta ai giornalisti che, alla vigilia di Torino-Roma, gli chiedono se l'emergenza smog abbia influenzato gli allenamenti dei granata. "E' strano che non abbiano bloccato il traffico, visto che giochiamo in casa", aggiunge ricordando la polemica sul fatto che le recenti domeniche ecologiche sono coincise sempre con le gare casalinghe dei granata. "Col Milan andai a fare un torneo in Cina - ricorda l'allenatore - e bloccarono il pullman perché c'era lo smog. Abbiamo dovuto fare un chilometro a piedi, in mezzo ai tifosi, con tutta la roba. A proposito - conclude con un'altra battuta -: il nostro pullman è diesel?".

15:47Calcio: Mihajlovic “Roma fa paura, dobbiamo giocare da Toro”

(ANSA) - TORINO, 21 OTT - "La Roma vista col Chelsea fa paura. Noi dobbiamo giocare da Toro e speriamo che basti". Ha voglia d'impresa Sinisa Mihajlovic, che aspetta i giallorossi dopo i due pareggi contro Verona e Crotone. "Con una vittoria in più saremmo quinti, ma non siamo in crisi", sottolinea il tecnico granata che nonostante i numerosi infortuni si dice intenzionato ad andare avanti con il 4-2-3-1. "Dovrei mettere un centrocampo a tre avendone tre fuori? O giocare con il falso nove perché non c'è Belotti? Al momento non mi sembra giusto - sostiene in conferenza stampa -. Durante una partita fare dei cambi di sistema ci sta, ma al momento le soluzioni sono poche. Abbiamo fuori Lyanco, Obi, Acquah, Barreca e Belotti, tutti giocatori che considero titolari". Domani dovrebbe essere confermata la formazione che ha pareggiato a Crotone, con Sadiq - giallorosso in prestito - al posto di Belotti. Sembra escluso l'impiego di Ansaldi, l'altra possibile novità: "Negli ultimi due giorni non si è allenato per un problema muscolare".

Archivio Ultima ora