Immigrazione e Guantanamo, doppio schiaffo a Obama

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

obama

NEW YORK. – Doppio schiaffo per Barack Obama. Nei giorni in cui sta cercando di consolidare la sua eredità, a poco più di un anno dall’addio alla Casa Bianca, il presidente americano deve subire l’ennesimo stop su due delle sue promesse della prima ora: la riforma dell’immigrazione e la chiusura di Guantanamo. Temi che ora rischiano di infuocare ulteriormente la campagna elettorale per le presidenziali del 2016.

Il decreto che punta a regolarizzare fino a cinque milioni di di immigrati senza documenti è stato bloccato da una corte d’appello federale, con una sentenza che contesta l’uso del potere esecutivo da parte di Obama e di fatto rinvia ancora una volta l’entrata in vigore di un provvedimento varato più di un anno fa. E che rappresentò una sfida del presidente ai repubblicani in Congresso che ostacolavano ogni progetto di riforma complessiva.

Ora la ‘sanatoria’, che eviterebbe a una generazione di immigrati il rimpatrio forzato, rischia di slittare al 2017, quando Obama non sarà più alla Casa Bianca. E quando oltre a un nuovo presiedente ci sarà un Congresso quasi completamente rinnovato.

Per questo il Dipartimento di giustizia ha deciso di giocare la carta finale: quella della Corte Suprema, a cui è stato presentato ricorso. Saranno i nove ‘saggi’ a pronunciarsi e a decidere se il decreto Obama e’ costituzionale o meno.

Ma per l’avvio dell’esame bisognerà comunque aspettare la prossima primavera, con il verdetto finale previsto per giugno 2016, proprio quando partirà il rush finale della campagna elettorale.

Capitolo Guantanamo. L’ultimo sgambetto ai progetti di Obama di smantellare definitivamente il supercarcere nato dopo gli attentati dell’11 settembre è opera del Congresso. Dopo la Camera, infatti, anche il Senato ha approvato il bilancio per la Difesa che prevede tra le sue pieghe anche un divieto al trasferimento degli ultimi detenuti in alcuni centri di detenzione negli Stati Uniti.

Un voto che rende difficile anche il ricorso all’arma del veto da parte di Obama, vista la schiacciante maggioranza con cui il provvedimento è passato. E mentre in un rapporto del Pentagono si individuano le prigioni americane in cui poter trasferire i detenuti, l’ultima possibilità per la Casa Bianca potrebbe essere quella di chiudere Guantanamo con un decreto esecutivo.

Il portavoce Josh Earnest non ha confermato ma nemmeno smentito. Sottolineando come, pur essendo Obama determinato a lavorare insieme al Congresso, sulla questione “tutte le opzioni restano sul tavolo”.

Sugli Usa è arrivato anche il pressing critico dell’Osce: l’organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa chiede agli Stati Uniti di trasferire, rilasciare o processare gli ultimi detenuti rimasti. Detenuti che – si sottolinea – sono stati trattati “in maniera inumana”.

(di Ugo Caltagirone) (ANSA) –

Ultima ora

09:21Terremoto Ischia: Marini, Umbria vicina a gente Ischia

(ANSA) - PERUGIA, 22 AGO - L'Umbria ferita dal terremoto di un anno è solidale con Ischia colpita dal sisma. Lo ha sottolineato la presidente della Regione Catiuscia Marini con un post su Facebook dopo la scossa che ha provocato vittime e crolli. "Vicini alla popolazione di Ischia, comprendendo profondamente la paura che ti avvolge e lo smarrimento che ti assale, solidarietà dalla nostra Umbria provata e consapevole" ha scritto Marini. Oltre che alla popolazione, la presidente si è detta "vicina alle istituzioni e a tutti i corpi dello stato che in queste prime ore si occupano del salvataggio e della messa in sicurezza dei cittadini". "Comprendo bene - ha concluso Marini - lo sforzo a cui si è sottoposti". (ANSA).

08:41Afghanistan:Trump, mio istinto per ritiro ma creerebbe vuoto

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Donald Trump ha illustrato in diretta tv la sua nuova strategia per l'Afghanistan senza fornire numeri sull'aumento delle truppe, "per non favorire il nemico". Tuttavia, secondo Fox news che cita un alto dirigente della Casa Bianca, Trump ha autorizzato l'invio di altri 4.000 soldati nel Paese. I nuovi pilastri sono carta bianca ai comandanti sul terreno senza fissare termini temporali, più sanzioni contro i network terroristici, monito al Pakistan perchè cessi di proteggere gli estremisti e al governo di Kabul per fare le riforme perchè "il nostro sostegno non è un assegno in bianco". Il presidente ha sostenuto che un ritiro rapido creerebbe un vuoto che verrebbe riempito subito dai terroristi, come prima dell'11 settembre.

05:09Terremoto Ischia: estratto vivo bimbo sette mesi

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 22 AGO - E' stato estratto vivo il neonato di sette mesi rimasto intrappolato sotto le macerie di una casa crollata a Casamicciola, ad Ischia, in seguito al terremoto. Lunghissimo applauso dei soccorritori che dicono 'sta benissimo'. La mamma è corsa sulle macerie per andargli incontro. Ora si scava per estrarre i suoi fratellini.

04:06Terremoto Ischia: ultimo bilancio, due donne le vittime

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 22 AGO - Al momento sale a due morti, quattro persone tratte in salvo e tre bimbi ancora sotto le macerie il bilancio del terremoto che ieri sera ha colpito il comune di Casamicciola, sull'isola di Ischia. Poco dopo mezzanotte un uomo ed una donna sono stati estratti vivi dalle macerie, poi è stata salvata un'anziana risultata ferita. Poco fa, tratto in salvo anche il papà dei bimbi che sono ancora sotto le macerie.

01:33Barcellona: a Ciampino bare italiani avvolte da tricolore

(ANSA) - CIAMPINO, 22 AGO - I feretri di Luca Russo e Bruno Gulotta, vittime dell'attentato di Barcellona, sono sbarcati all'aeroporto militare di Ciampino avvolti dal tricolore. dal Boeing dell'Aeronautica sono scesi prima 13 familiari che hanno viaggiato con le salme dei propri congiunti, accompagnati dal sottosegretario agli Esteri, Vincenzo Amendola, e dal Capo dell'Unità di crisi della Farnesina, Stefano Verrecchia, assieme ad alcuni funzionari del ministero degli Esteri che hanno seguito tutte le fasi del rientro delle due salme in Italia. I due carri funebri si sono poi stati benedetti dal cappellano militare, don Salvo Nicotra. Quindi si è avvicinato il capo dello Stato, Sergio Mattarella, rimanendo in piedi a qualche metro di distanza in raccoglimento. In un clima di profondo ma composto dolore, è stata la volta, a turno, dei familiari di Russo e Gulotta. Alcuni si sono avvicinati ai feretri e li hanno accarezzati. I carri funebri hanno poi lasciato lo scalo per il policlinico Gemelli per lo svolgimento dell'autopsia.

01:19Terremoto a Ischia: Ingv, 4.0 nuova stima magnitudo

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Al momento il valore di 4.0 è la stima più attendibile della magnitudo terremoto avvenuto a Ischia. Il valore è riportato sul sito dell'Ingv e si riferisce alla magnitudo calcolata sulla base della durata dell'evento (MD). Il precedente valore di 3.6 si riferiva invece alla magnitudo locale (ML). I sismologi del Centro Nazionale Terremoti dell'Ingv sono al lavoro per calcolare il valore definitivo. Il primo valore della magnitudo, pari a 3.6, è stato calcolato in modo automatico, come sempre quando si verifica un terremoto. Il nuovo valore di 4.0 si è basato sui dati rilevati dalla rete simica dell'Osservatorio Vesuviano dell'Ingv, che ha quattro stazioni a Ischia. Il valore definitivo della magnitudo, chiamato magnitudo momento, viene calcolato dai ricercatori e si basa sulla stima del momento sismico, ossia su una durata più ampia del sismogramma. Insieme alla nuova stima, la rete sismica dell'Osservatorio Vesuviano ha permesso di ricalcolare la profondità dell'evento da dieci a cinque chilometri.

01:09Terremoto Ischia: 25 feriti, tre dispersi, un morto

(ANSA) - NAPOLI, 22 AGO - Venticinque feriti (dei quali due in pericolo di vita), tre persone disperse, una donna deceduta: è l'ultimo bilancio delle conseguenze del terremoto registrato poco prima delle 21 nell'isola di Ischia secondo quanto riferiscono fonti del Comando provinciale dei carabinieri.

Archivio Ultima ora