Immigrazione e Guantanamo, doppio schiaffo a Obama

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

obama

NEW YORK. – Doppio schiaffo per Barack Obama. Nei giorni in cui sta cercando di consolidare la sua eredità, a poco più di un anno dall’addio alla Casa Bianca, il presidente americano deve subire l’ennesimo stop su due delle sue promesse della prima ora: la riforma dell’immigrazione e la chiusura di Guantanamo. Temi che ora rischiano di infuocare ulteriormente la campagna elettorale per le presidenziali del 2016.

Il decreto che punta a regolarizzare fino a cinque milioni di di immigrati senza documenti è stato bloccato da una corte d’appello federale, con una sentenza che contesta l’uso del potere esecutivo da parte di Obama e di fatto rinvia ancora una volta l’entrata in vigore di un provvedimento varato più di un anno fa. E che rappresentò una sfida del presidente ai repubblicani in Congresso che ostacolavano ogni progetto di riforma complessiva.

Ora la ‘sanatoria’, che eviterebbe a una generazione di immigrati il rimpatrio forzato, rischia di slittare al 2017, quando Obama non sarà più alla Casa Bianca. E quando oltre a un nuovo presiedente ci sarà un Congresso quasi completamente rinnovato.

Per questo il Dipartimento di giustizia ha deciso di giocare la carta finale: quella della Corte Suprema, a cui è stato presentato ricorso. Saranno i nove ‘saggi’ a pronunciarsi e a decidere se il decreto Obama e’ costituzionale o meno.

Ma per l’avvio dell’esame bisognerà comunque aspettare la prossima primavera, con il verdetto finale previsto per giugno 2016, proprio quando partirà il rush finale della campagna elettorale.

Capitolo Guantanamo. L’ultimo sgambetto ai progetti di Obama di smantellare definitivamente il supercarcere nato dopo gli attentati dell’11 settembre è opera del Congresso. Dopo la Camera, infatti, anche il Senato ha approvato il bilancio per la Difesa che prevede tra le sue pieghe anche un divieto al trasferimento degli ultimi detenuti in alcuni centri di detenzione negli Stati Uniti.

Un voto che rende difficile anche il ricorso all’arma del veto da parte di Obama, vista la schiacciante maggioranza con cui il provvedimento è passato. E mentre in un rapporto del Pentagono si individuano le prigioni americane in cui poter trasferire i detenuti, l’ultima possibilità per la Casa Bianca potrebbe essere quella di chiudere Guantanamo con un decreto esecutivo.

Il portavoce Josh Earnest non ha confermato ma nemmeno smentito. Sottolineando come, pur essendo Obama determinato a lavorare insieme al Congresso, sulla questione “tutte le opzioni restano sul tavolo”.

Sugli Usa è arrivato anche il pressing critico dell’Osce: l’organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa chiede agli Stati Uniti di trasferire, rilasciare o processare gli ultimi detenuti rimasti. Detenuti che – si sottolinea – sono stati trattati “in maniera inumana”.

(di Ugo Caltagirone) (ANSA) –

Ultima ora

00:24Mondiali 2018: Montenegro-Polonia 1-2

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Vittoria esterna delle Polonia che ha battuto 2-1 Montenegro in una partita giocata a Podgorica e valida per il gruppo E delle qualificazioni al Mondiale del 2018. Ha aperto le marcature Lewandowski al 40' per la Polonia, pari di Mugosa al 62'. La rete della vittoria porta la firma di Piszczek all'81'.

00:22Mondiali 2018: Scozia-Slovenia 1-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Scozia ha battuto 1-0 la Slovenia in una partita giocata a Glasgow e valida per il gruppo F delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La rete è stata segnata da Martin all'88'.

00:13Mondiali 2018: Irlanda del Nord-Norvegia 2-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - A Belfast l'Irlanda del Nord ha battuto 2-0 la Norvegia in una partita valida per il gruppo C delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Le reti sono state segnate da Ward al 2' e Washington al 32'.

23:28Calcio: Bari-Novara 0-0, pugliesi rallentano ancora

(ANSA) - BARI, 26 MAR - Il Bari, dopo la debacle di Trapani, rallenta ancora la sua marcia verso l'alta classifica pareggiando 0-0 con il Novara al San Nicola. Nonostante il sostegno dei 21mila sugli spalti, Floro Flores e Brienza non sono riusciti a scardinare l'ordinata difesa disposta da Boscaglia. Nella ripresa Floro Flores ha avuto due buone occasioni non concretizzate, mentre il Novara si è difeso con ordine. Nel finale c'è stato lo sterile forcing pugliese, ma l'innesto di Maniero per un attacco a due punte non ha accresciuto il potenziale balistico biancorosso e soprattutto non ha dato i risultati sperati. Il Bari sale a quota 47, mentre il Novara resta in scia con 46 punti.

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

21:40Atletica: Mondiali cross, il Kenya detta legge

(ANSA) - KAMPALA, 26 MAR - L'infinito dualismo tra Kenya ed Etiopia ha appena scritto un nuovo capitolo della sua storia ai Mondiali di corsa campestre. Oggi a Kampala, in Uganda, 12 sono le medaglie con la bandiera keniana (4 ori, 5 argenti e 3 bronzi), mentre 9 (4 ori, 4 argenti e 1 bronzo) quelle per i colori etiopi. I padroni di casa dell'Uganda festeggiano con tre podi (1 oro e 2 bronzi), poi Turchia, Eritrea e Bahrain si aggiudicano un bronzo a testa. Nella gara senior maschile si conferma il keniano Leonard Kamworor, mentre la connazionale Irene Cheptai vince il titolo fra le donne. Qui succede qualcosa mai verificatosi prima: 6 atlete ai primi 6 posti dell'ordine d'arrivo, tutte con la stessa bandiera, quella del Kenya che per il sesto anno consecutivo si aggiudica l'oro individuale Senior. La campionessa del mondo è Irene Cheptai, la meno pronosticata alla vigilia. Nell'Under 20, l'etiope Letesenbet Gidey ripete il successo femminile di due anni fa, invece l'ugandese Jacop Kiplimo conquista in casa l'oro juniores.

Archivio Ultima ora