Immigrazione e Guantanamo, doppio schiaffo a Obama

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

obama

NEW YORK. – Doppio schiaffo per Barack Obama. Nei giorni in cui sta cercando di consolidare la sua eredità, a poco più di un anno dall’addio alla Casa Bianca, il presidente americano deve subire l’ennesimo stop su due delle sue promesse della prima ora: la riforma dell’immigrazione e la chiusura di Guantanamo. Temi che ora rischiano di infuocare ulteriormente la campagna elettorale per le presidenziali del 2016.

Il decreto che punta a regolarizzare fino a cinque milioni di di immigrati senza documenti è stato bloccato da una corte d’appello federale, con una sentenza che contesta l’uso del potere esecutivo da parte di Obama e di fatto rinvia ancora una volta l’entrata in vigore di un provvedimento varato più di un anno fa. E che rappresentò una sfida del presidente ai repubblicani in Congresso che ostacolavano ogni progetto di riforma complessiva.

Ora la ‘sanatoria’, che eviterebbe a una generazione di immigrati il rimpatrio forzato, rischia di slittare al 2017, quando Obama non sarà più alla Casa Bianca. E quando oltre a un nuovo presiedente ci sarà un Congresso quasi completamente rinnovato.

Per questo il Dipartimento di giustizia ha deciso di giocare la carta finale: quella della Corte Suprema, a cui è stato presentato ricorso. Saranno i nove ‘saggi’ a pronunciarsi e a decidere se il decreto Obama e’ costituzionale o meno.

Ma per l’avvio dell’esame bisognerà comunque aspettare la prossima primavera, con il verdetto finale previsto per giugno 2016, proprio quando partirà il rush finale della campagna elettorale.

Capitolo Guantanamo. L’ultimo sgambetto ai progetti di Obama di smantellare definitivamente il supercarcere nato dopo gli attentati dell’11 settembre è opera del Congresso. Dopo la Camera, infatti, anche il Senato ha approvato il bilancio per la Difesa che prevede tra le sue pieghe anche un divieto al trasferimento degli ultimi detenuti in alcuni centri di detenzione negli Stati Uniti.

Un voto che rende difficile anche il ricorso all’arma del veto da parte di Obama, vista la schiacciante maggioranza con cui il provvedimento è passato. E mentre in un rapporto del Pentagono si individuano le prigioni americane in cui poter trasferire i detenuti, l’ultima possibilità per la Casa Bianca potrebbe essere quella di chiudere Guantanamo con un decreto esecutivo.

Il portavoce Josh Earnest non ha confermato ma nemmeno smentito. Sottolineando come, pur essendo Obama determinato a lavorare insieme al Congresso, sulla questione “tutte le opzioni restano sul tavolo”.

Sugli Usa è arrivato anche il pressing critico dell’Osce: l’organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa chiede agli Stati Uniti di trasferire, rilasciare o processare gli ultimi detenuti rimasti. Detenuti che – si sottolinea – sono stati trattati “in maniera inumana”.

(di Ugo Caltagirone) (ANSA) –

Ultima ora

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

22:01Terremoto: Salvini, ho riportato voci dei sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:59Terremoto: domani in cdm estensione stati di emergenza

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l'estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell'eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

Archivio Ultima ora