Il Papa conquista la Toscana e lancia la “riforma” della Chiesa

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

Pope Francis arrives at Artemio Franchi stadium to lead a Mass, Florence, Italy, 10 November 2015. ANSA/MAURIZIO DEGL INNOCENTI

Pope Francis arrives at Artemio Franchi stadium to lead a Mass, Florence, Italy, 10 November 2015.
ANSA/MAURIZIO DEGL INNOCENTI

FIRENZE. – Papa Francesco ha conquistato Firenze e la Toscana: poche ore per un viaggio intensissimo, dedicato agli ultimi, al lavoro, alla denuncia della corruzione, ma soprattutto ad una nuova “riforma”, quella della chiesa italiana invitata ad essere “inquieta” e non “ossessionata dal potere”, spinta ad innovare. Ma soprattutto indirizzata verso la fine della stagione del ruinismo.

E’ il messaggio dato da Bergoglio al V convegno della Chiesa italiana organizzato dalla Cei, alla quale ha chiesto di rinunciare al potere, alla fissazione per le strutture, al mito della rilevanza, e di essere “chiesa delle beatitudini”.

PRATO: Il Papa è arrivato di buon ora accolto da tantissima gente. “La sacralità di ogni essere umano – ha detto dal pulpito di Donatello e Michelozzo al duomo – richiede per ognuno rispetto, accoglienza e un lavoro degno; mi permetto qui di ricordare i 5 uomini e due donne di cittadinanza cinese morti due anni fa a causa di un incendio nella zona industriale di Prato, vivevano e dormivano all’interno dello stesso capannone in cui lavoravano, è una tragedia dello sfruttamento e delle condizioni disumane di vita e questo non è lavoro degno”.

E’ stato un richiamo forte, pronunciato in una città multietnica, a forte presenza cinese, dove, come ha ricordato il Pontefice, si può vivere negli stessi locali in cui si lavora, in ‘loculi’ ricavati sui soppalchi. E dove si può morire tra le fiamme, come accadde ai 7 operai, quasi tutti clandestini, nel Macrolotto di Prato, due anni fa.

L’ABBRACCIO DI FIRENZE: Una folla di persone lo ha atteso poi in piazza Duomo a Firenze. Nel resto della città fin dall’alba si è respirata un’aria di altri tempi: niente auto e motorini, pochissime biciclette, solo quale mezzo delle forze dell’ordine, molti invece coloro che si sono recati al lavoro a piedi.

DISCORSO ALLA CHIESA ITALIANA: “Mi piace una Chiesa italiana inquieta, sempre più vicina agli abbandonati, ai dimenticati, agli imperfetti. Desidero una Chiesa lieta col volto di mamma, che comprende, accompagna, accarezza. Sognate anche voi questa Chiesa, credete in essa, innovate con libertà”. Primate d’Italia, il Papa ha dedicato inoltre una parte significativa del discorso ai credenti che sono anche “cittadini”, impegnati a costruire la casa comune, giacché la nazione “non è un museo”.

CITA PEPPONE E DON CAMILLO: Bergoglio ha insistito sull’importanza di una Chiesa vicina al popolo, altrimenti aggiunge “non andiamo da nessuna parte”. E per spiegare meglio come “vivere la fede con umiltà, disinteresse e letizia” ha citato la semplicità di don Camillo “che fa coppia con Peppone”. “Un povero prete di campagna che conosce i suoi parrocchiani uno per uno, li ama, che ne sa i dolori e le gioie, che soffre e sa ridere con loro”.

SALUTA MALATI E GIANGRANDE: come sempre Papa Francesco ha dedicato tempo e attenzione ai malati e ne ha accolto un gruppo nella basilica della Santissima Annunziata. Tra loro anche il maresciallo Giuseppe Giangrande, il carabiniere rimasto gravemente ferito davanti a Palazzo Chigi il 28 aprile 2013. “Sono molto contenta – ha detto la figlia Martina – che mio padre abbia potuto stringere la mano al Papa, una cosa che gli ha fatto un immenso piacere”.

RIBOLLITA A MENSA CARITAS: Poi pranzo alla mensa della Caritas, con tanto di “tesserina” per entrare. Menù tipicamente toscano: ribollita, purè, insalata, formaggio e macedonia. Ma anche cantuccini di Prato accompagnati da una piccolissima quantità di vinsanto. Era la prima volta che il Papa mangiava la ribollita, come lui stesso ha detto ai presenti.

“Lei è la papessa, avete la papessa”: così Papa Francesco alla mensa dei poveri della Caritas di Firenze appellando, con divertimento, la responsabile che stava redarguendo gli ospiti affinché si disponessero seduti nel refettorio per il pranzo con il pontefice.

BAGNO DI FOLLA ALLA MESSA: in uno stadio Artemio Franchi pieno in ogni ordine di posti, Bergoglio ha parlato della “sapienza di San Leone Magno”, “che ci ricorda che non può esserci vera sapienza se non nel legame a Cristo e nel servizio alla Chiesa”.

“Mantenere un sano contatto con la realtà, con ciò che la gente vive, con le sue lacrime e le sue gioie – ha detto nell’omelia – è l’unico modo per poterla aiutare, formare e comunicare. È l’unico modo per parlare ai cuori delle persone toccando la loro esperienza quotidiana: il lavoro, la famiglia, i problemi di salute, il traffico, la scuola, i servizi sanitari”.

AGNESE ALLO STADIO CON I FIGLI: Il Premier non ha potuto essere presente alla visita del Papa nella sua Firenze ma allo stadio oggi era presente tutta la sua famiglia. “Sono qui come mamma, volevo che i bambini partecipassero a un evento storico”, ha detto Agnese Renzi. “Questa – ha aggiunto – è una festa meravigliosa, con bambini, mamme, nonni, padri per una grande accoglienza”.

Il Papa “è un esempio grandissimo per tutti noi”. E chiude sulle polemiche legate all’assenza di Matteo Renzi: “Nessun retroscena. È a Milano, per impegni di governo, altrimenti avrebbe partecipato anche lui. È a fare il suo lavoro”.

Ultima ora

12:58Gerusalemme: appello Papa, ‘moderazione e dialogo’

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 23 LUG - Il Papa segue "con trepidazione le gravi tensioni e le violenze di questi giorni a Gerusalemme". Lo ha detto lo stesso Francesco oggi dopo l'Angelus. "Sento il bisogno di esprimere un accorato appello alla moderazione e al dialogo. Vi invito ad unirvi a me nella preghiera, affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace" ha aggiunto il pontefice.

12:35Incendiari arrestati in flagrante a Viterbo e nel messinese

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Cinque incendiari sono stati bloccati dai Carabinieri nel messinese e a Montalto di Castro, in provincia di Viterbo, mentre davano fuoco a delle sterpaglie. Sui monti Peloritani, a ridosso della strada Asi, i militari dell'Arma che stavano perlustrando la zona dopo i diversi incendi dei giorni scorsi, hanno arrestato un uomo di 28 anni: hanno visto un bagliore e, dopo essersi nascosti dietro un cespuglio, hanno sorpreso il giovane mentre si allontanava. "E' stata una bravata": così, invece, si sono giustificati 4 ragazzi, un 21enne e tre 16enni che sono stati sorpresi dai Carabinieri ad appiccare il fuoco ad un bosco di pini e cerri lungo la litoranea a Montalto di Castro. I militari hanno sorpreso i quattro amici, tutti provenienti da Roma, mentre davano alle fiamme il terzo rogo dopo averne appiccato altri due a poca distanza. Il maggiorenne è stato arrestato mentre i tre 16enni sono stati deferiti alla Procura di Roma, tutti per il reato di incendio doloso.

12:10Migranti: Usa, almeno 8 morti a San Antonio in Texas

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - E' di almeno otto morti, tra cui due bambini, il primo bilancio di un dramma dell'immigrazione clandestina a San Antonio, in Texas. Secondo FoxNews, in un camion con rimorchio, parcheggiato nei pressi di un Wal-Mart della città texana, la polizia ha trovato, oltre agli otto cadaveri, altre 30 persone, tra cui 20 in gravi condizioni. L'autista è stato arrestato. Il capo della Polizia di San Antonio, William McManus, ha detto che i corpi sono stati scoperti dopo una telefonata nella serata di sabato, riferisce la Cnn. "Abbiamo ricevuto una telefonata da un impiegato di Walmart per effettuare un controllo a un rimorchio parcheggiato lì davanti", ha detto McManus durante una conferenza stampa. "L'impiegato era stato avvicinato da qualcuno del camion che gli aveva chiesto dell'acqua. Dopo avergli dato una bottiglia ci ha chiamato e al nostro arrivo abbiamo trovato 8 cadaveri nel retro del rimorchio", ha aggiunto.

12:10Calcio: Cuadrado, “Barca è grande squadra ma anche la Juve”

(ANSA) - TORINO, 23 LUG - La Juventus "è una grande squadra e non è cambiata molto rispetto all'anno scorso". La sconfitta col Barcellona, nella prima amichevole della tournee americana, non fa cambiare idea sulla Juventus a Cuadrado. "Gli spagnoli sono un grandi avversari - aggiunge sul sito internet del club bianconero - sempre molto difficili da affrontare". Per lo juventino l'importante ora è continuare a "lavorare per trovare la migliore condizione e per conoscere il più in fretta possibile i nuovi compagni. Ora - conclude - dobbiamo prepararci bene, per arrivare pronti alla Supercoppa".

11:49Brexit: ministro Gb, deve verificarsi entro marzo 2019

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Due anni di negoziati al massimo per la Brexit, da chiudere possibilmente entro il marzo 2019, e comunque prima di elezioni politiche in Gran Bretagna. Lo suggerisce Liam Fox, un euroscettico, attualmente ministro per il commercio con l'estero. Lo stesso Fox lo ha detto oggi all'Andrew Marr Show della Bbc. Il ministro si trova attualmente negli Stati Uniti, per una serie di colloqui sulle future relazioni commerciali tra Gb e Usa.

11:32Incendi: in Sicilia continua rogo in riserva dello Zingaro

(ANSA) - PALERMO, 23 LUG - Brucia ormai da quasi 24 ore la parte sud della Riserva naturale dello Zingaro, in provincia di Trapani, dopo l'incendio scoppiato nel pomeriggio di ieri. Sul posto stanno operando forestali, vigili del fuoco e 3 Canadair, uno dei quali arrivato in supporto questa mattina ai due che già da ieri erano in azione. La parte sud della riserva è in cenere e non si possono ancora valutare i danni del resto del'area. La riserva, che si estende dal mare verso la collina, aveva già subito un incendio devastante nel 2012. Nella zona è arrivato anche l'assessore regionale all'Agricoltura, Antonello Cracolici, insieme al direttore della riserva. Il sindaco di Castellammare del Golfo, Nicolò Coppola, ha spiegato che stanotte sono stati evacuati per prudenza anche alcuni alberghi e villette, mentre gruppi di volontari hanno operato nel tentativo di creare barriere naturali alle fiamme, diserbando alcune aree.

11:31Donna seminuda trovata morta per strada a Palermo

(ANSA) - PALERMO, 23 LUG - Una donna è stata trovata morta a Palermo in corso dei Mille, una strada molto trafficata alla periferia orientale della città. A notare il cadavere, che era adagiato tra due auto, è stato un passante che ha chiamato la polizia. La donna era seminuda e con i vestiti strappati. È il secondo caso a Palermo in pochi giorni: lo scorso nove luglio il cadavere di un'altra donna era stato scoperto sempre nella zona di Corso dei Mille. La vittima, tra i 25 e i 35 anni, era stata trovata priva di documenti accanto ad alcuni cassonetti dei rifiuti; non presentava segni di violenza sul corpo. Sui due ritrovamenti indaga la squadra mobile.

Archivio Ultima ora