Il Papa conquista la Toscana e lancia la “riforma” della Chiesa

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

Pope Francis arrives at Artemio Franchi stadium to lead a Mass, Florence, Italy, 10 November 2015. ANSA/MAURIZIO DEGL INNOCENTI

Pope Francis arrives at Artemio Franchi stadium to lead a Mass, Florence, Italy, 10 November 2015.
ANSA/MAURIZIO DEGL INNOCENTI

FIRENZE. – Papa Francesco ha conquistato Firenze e la Toscana: poche ore per un viaggio intensissimo, dedicato agli ultimi, al lavoro, alla denuncia della corruzione, ma soprattutto ad una nuova “riforma”, quella della chiesa italiana invitata ad essere “inquieta” e non “ossessionata dal potere”, spinta ad innovare. Ma soprattutto indirizzata verso la fine della stagione del ruinismo.

E’ il messaggio dato da Bergoglio al V convegno della Chiesa italiana organizzato dalla Cei, alla quale ha chiesto di rinunciare al potere, alla fissazione per le strutture, al mito della rilevanza, e di essere “chiesa delle beatitudini”.

PRATO: Il Papa è arrivato di buon ora accolto da tantissima gente. “La sacralità di ogni essere umano – ha detto dal pulpito di Donatello e Michelozzo al duomo – richiede per ognuno rispetto, accoglienza e un lavoro degno; mi permetto qui di ricordare i 5 uomini e due donne di cittadinanza cinese morti due anni fa a causa di un incendio nella zona industriale di Prato, vivevano e dormivano all’interno dello stesso capannone in cui lavoravano, è una tragedia dello sfruttamento e delle condizioni disumane di vita e questo non è lavoro degno”.

E’ stato un richiamo forte, pronunciato in una città multietnica, a forte presenza cinese, dove, come ha ricordato il Pontefice, si può vivere negli stessi locali in cui si lavora, in ‘loculi’ ricavati sui soppalchi. E dove si può morire tra le fiamme, come accadde ai 7 operai, quasi tutti clandestini, nel Macrolotto di Prato, due anni fa.

L’ABBRACCIO DI FIRENZE: Una folla di persone lo ha atteso poi in piazza Duomo a Firenze. Nel resto della città fin dall’alba si è respirata un’aria di altri tempi: niente auto e motorini, pochissime biciclette, solo quale mezzo delle forze dell’ordine, molti invece coloro che si sono recati al lavoro a piedi.

DISCORSO ALLA CHIESA ITALIANA: “Mi piace una Chiesa italiana inquieta, sempre più vicina agli abbandonati, ai dimenticati, agli imperfetti. Desidero una Chiesa lieta col volto di mamma, che comprende, accompagna, accarezza. Sognate anche voi questa Chiesa, credete in essa, innovate con libertà”. Primate d’Italia, il Papa ha dedicato inoltre una parte significativa del discorso ai credenti che sono anche “cittadini”, impegnati a costruire la casa comune, giacché la nazione “non è un museo”.

CITA PEPPONE E DON CAMILLO: Bergoglio ha insistito sull’importanza di una Chiesa vicina al popolo, altrimenti aggiunge “non andiamo da nessuna parte”. E per spiegare meglio come “vivere la fede con umiltà, disinteresse e letizia” ha citato la semplicità di don Camillo “che fa coppia con Peppone”. “Un povero prete di campagna che conosce i suoi parrocchiani uno per uno, li ama, che ne sa i dolori e le gioie, che soffre e sa ridere con loro”.

SALUTA MALATI E GIANGRANDE: come sempre Papa Francesco ha dedicato tempo e attenzione ai malati e ne ha accolto un gruppo nella basilica della Santissima Annunziata. Tra loro anche il maresciallo Giuseppe Giangrande, il carabiniere rimasto gravemente ferito davanti a Palazzo Chigi il 28 aprile 2013. “Sono molto contenta – ha detto la figlia Martina – che mio padre abbia potuto stringere la mano al Papa, una cosa che gli ha fatto un immenso piacere”.

RIBOLLITA A MENSA CARITAS: Poi pranzo alla mensa della Caritas, con tanto di “tesserina” per entrare. Menù tipicamente toscano: ribollita, purè, insalata, formaggio e macedonia. Ma anche cantuccini di Prato accompagnati da una piccolissima quantità di vinsanto. Era la prima volta che il Papa mangiava la ribollita, come lui stesso ha detto ai presenti.

“Lei è la papessa, avete la papessa”: così Papa Francesco alla mensa dei poveri della Caritas di Firenze appellando, con divertimento, la responsabile che stava redarguendo gli ospiti affinché si disponessero seduti nel refettorio per il pranzo con il pontefice.

BAGNO DI FOLLA ALLA MESSA: in uno stadio Artemio Franchi pieno in ogni ordine di posti, Bergoglio ha parlato della “sapienza di San Leone Magno”, “che ci ricorda che non può esserci vera sapienza se non nel legame a Cristo e nel servizio alla Chiesa”.

“Mantenere un sano contatto con la realtà, con ciò che la gente vive, con le sue lacrime e le sue gioie – ha detto nell’omelia – è l’unico modo per poterla aiutare, formare e comunicare. È l’unico modo per parlare ai cuori delle persone toccando la loro esperienza quotidiana: il lavoro, la famiglia, i problemi di salute, il traffico, la scuola, i servizi sanitari”.

AGNESE ALLO STADIO CON I FIGLI: Il Premier non ha potuto essere presente alla visita del Papa nella sua Firenze ma allo stadio oggi era presente tutta la sua famiglia. “Sono qui come mamma, volevo che i bambini partecipassero a un evento storico”, ha detto Agnese Renzi. “Questa – ha aggiunto – è una festa meravigliosa, con bambini, mamme, nonni, padri per una grande accoglienza”.

Il Papa “è un esempio grandissimo per tutti noi”. E chiude sulle polemiche legate all’assenza di Matteo Renzi: “Nessun retroscena. È a Milano, per impegni di governo, altrimenti avrebbe partecipato anche lui. È a fare il suo lavoro”.

Ultima ora

17:44Calcio: Bruno Peres, spero che la Juve perda la Champions

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - "La Juventus è una bella squadra, ha fatto bene, sbagliando poco, quindi ha meritato di vincere. Però noi tifiamo affinché non riescano a fare il Triplete. così siamo contenti". Un presente alla Roma, un passato al Torino, un'antipatia mai nascosta per i colori bianconeri. Così si spiegano le parole di Bruno Peres che si augura apertamente un ko della squadra di Allegri nella finale di Champions League a Cardiff col Real Madrid Il terzino, a margine della presentazione del progetto "Briswa - The Ball Rolls in the Same Way for All" che ha come finalità quella di affrontare il problema del razzismo nel mondo calcio e nello sport, si è poi soffermato anche sulle ultime esclusioni dalla formazione titolare: "Come me lo spiego? Dovreste chiedere a Spalletti. Ha deciso di cambiare modulo, io lo rispetto e resto a disposizione continuando a lavorare per essere sempre pronto per aiutare i compagni e dare una mano alla squadra".

17:32Calcio: Bruno Peres, spero che la Juve perda la Champions

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - "La Juventus è una bella squadra, ha fatto bene, sbagliando poco, quindi ha meritato di vincere. Però noi tifiamo affinché non riescano a fare il Triplete. così siamo contenti". Un presente alla Roma, un passato al Torino, un'antipatia mai nascosta per i colori bianconeri. Così si spiegano le parole di Bruno Peres che si augura apertamente un ko della squadra di Allegri nella finale di Champions League a Cardiff col Real Madrid Il terzino, a margine della presentazione del progetto "Briswa - The Ball Rolls in the Same Way for All" che ha come finalità quella di affrontare il problema del razzismo nel mondo calcio e nello sport, si è poi soffermato anche sulle ultime esclusioni dalla formazione titolare: "Come me lo spiego? Dovreste chiedere a Spalletti. Ha deciso di cambiare modulo, io lo rispetto e resto a disposizione continuando a lavorare per essere sempre pronto per aiutare i compagni e dare una mano alla squadra".

17:32Sviluppo sostenibile: flash mob, “nessuno resti indietro”

(ANSA) - NAPOLI, 22 MAG - Studenti e sostenitori del Festival dello Sviluppo Sostenibile, in corso nel Palazzo Reale di Napoli, hanno inscenato davanti allo storico edificio di piazza del Plebiscito, un flash mob a tema "Nessuno resti indietro", lo stesso slogan usato dagli organizzatori dell'evento. Un centinaio di ragazzi ha teso una corda che simboleggiava l'unione tra tutti i partecipando e gridato le tre date che stabiliscono le scadenze degli obiettivi fissati dall'agenda dell'Onu per lo sviluppo sostenibile: 2017, cioè oggi; 2025, termine intermedio per il raggiungimento di alcuni degli obiettivi e 2030 che dovrebbe vedere completati gli obiettivi delle Nazioni Unite. (ANSA).

17:17Calcio: Real in festa ricevuto da sindaca Madrid

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - Dopo una notte di festa in piazza Cibeles, il Real Madrid è impegnato oggi nelle celebrazioni per il 33/o titolo in Liga. La squadra è stata ricevuta in municipio dalla sindaca della capitale, Manuela Carmena, davanti alla quale il presidente Florentino Pere, ha elogiato i giocatori ma soprattutto l'allenatore Zinedine Zidane: "Zizou sei uno dei simboli della nostra storia - ha affermato - e ti ringrazio per quanto hai dato e stai dando. Sei stato il miglior giocatore del mondo e ora semplicemente dei il miglior allenatore del mondo". "Questa squadra - ha detto ancora Perez - ha dimostrato ancora una volta i valori che fanno parte della nostra leggenda. Il sogno è tornare qui a festeggiare il 4 giugno. So che questo gruppo darà l'anima per conquistare la dodicesima Champions League. Abbiamo vinto il campionato più difficile e competitivo di tutto il mondo, con fatica e umiltà. Abbiano segnato in tutte le partite giocate, e questo dimostra la filosofia di questa squadra".

17:15Giro: Quintana, posso prendere la maglia rosa

(ANSA) - BERGAMO, 22 MAG - "In altre occasioni mi sono trovato in una situazione di classifica analoga e, qualche volta, sono riuscito a ribaltare la situazione a mio favore. Anche quando non ci sono riuscito ho cercato sempre di dare il massimo. Lo farò anche questa volta. Dumoulin sta bene, ma non sappiamo come potrà reagire a una terza settimana così difficile". Lo ha detto Nairo Quintana, nel terzo e ultimo giorno di riposo del 100/o Giro d'Italia di ciclismo. "Io e la squadra stiamo bene, siamo convinti di poter recuperare terreno. Spero solo che i postumi della caduta non si facciano sentire e non intacchino la mia condizione, che è ottimale", conclude il colombiano, alla vigilia del tappone alpino.

17:06Calcio: Tavecchio, Totti in Figc? Se vuole valuteremo

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - "Totti in futuro nei quadri dirigenziali della Federcalcio? Ancora non conosco le sue intenzioni, qualora si manifestassero, valuteremo". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, sul futuro professionale del capitano della Roma che chiuderà la sua carriera in giallorosso domenica all'Olimpico in occasione dell'ultima di campionato col Genoa. "A Francesco ho dato solo il consiglio di decidere lui del suo destino" ha aggiunto Tavecchio, a margine di un evento organizzato presso l'Aula Magna di Economia dell'Università Tor Vergata di Roma, sottolineando poi che "ho sempre detto che bisogna ringraziare un grande del calcio, una persona sempre mite e gentile, che ha rappresentato il pallone italiano nel miglior modo possibile".

17:03Canoa: da rifare elezioni presidenza Fick

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - La Corte federale d'appello della Federazione italiana canoa e kayak (Fick) ha accolto i ricorsi presentati da Antonio Rossi e Daniele Scarpa e ha annullato oggi gli esiti delle ultime elezioni presidenziali, svolte a Ostia il 22 ottobre 2016, che avevano visto la conferma di Luciano Buonfiglio alla guida della federazione. All'interno del dispositivo pubblicato oggi dalla Corte d'appello federale, i giudici rilevano "la violazione delle regole minime ed essenziali tese a garantire la genuinità della espressione della volontà degli elettori nella scelta, e così ad assicurare la segretezza e la correttezza delle operazioni di voto". In conseguenza del disposto annullamento, la federazione è invitata a indire nuove elezioni nella "loro segretezza per l'intero corso del procedimento", precisano i giudici federali.

Archivio Ultima ora