Mosca, stop a voli in Egitto. Usa, più controllo negli scali

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

Aereo russo a Sharm

Aereo russo a Sharm

MOSCA. – Durerà “almeno diversi mesi” la sospensione dei voli russi in Egitto decisa da Putin alcuni giorni dopo la sciagura dell’Airbus nel Sinai: ad annunciarlo è lo stesso Cremlino proprio mentre gli Usa lanciano un nuovo allarme sicurezza per i propri aeroporti e decidono di rafforzare i controlli sul personale degli scali che ha accesso libero in zone senza sorveglianza.

L’iniziativa americana riguarderà oltre 900mila dipendenti in più di 450 aeroporti del Paese, ed è l’ennesimo segnale di come i timori di attentati siano aumentati dopo la catastrofe del 31 ottobre.

Dietro il disastro intanto si allunga l’ombra di “un tradimento nei servizi speciali egiziani”: lo scrive il quotidiano Kommersant, che cita fonti autorevoli delle strutture statali russe, e sostiene che si stanno verificando informazioni secondo cui, “prima del decollo” dall’aeroporto di Sharm el Sheikh, “per motivi ignoti, sconosciuti avevano accesso” all’A321 del disgraziato volo 92-68.

Molti governi hanno deciso di interrompere per motivi di sicurezza i voli in Egitto – dove nel Sinai le truppe regolari combattono i jihadisti affiliati all’Isis -, e Usa e Gran Bretagna ritengono probabile che a causare il disastro sia stato un ordigno nascosto a bordo dell’aereo.

Se questa ipotesi, sempre più accreditata, dovesse rivelarsi vera, si tratterebbe di uno schiaffo per il governo del Cairo, che non è riuscito a garantire la sicurezza dei tantissimi turisti che visitano ogni anno il Mar Rosso.

Proprio il settore turistico, che è una delle colonne dell’economia egiziana, rischia di essere profondamente danneggiato dalla sciagura in cui hanno perso la vita 224 persone, per lo più russi che tornavano a casa dopo una vacanza al mare.

Ed è principalmente per questo che il Cairo ha accolto a muso duro la possibilità di un attentato terroristico, pur avendo lanciato una propria inchiesta per verificare l’ipotesi bomba.

In Egitto dopo la catastrofe si denunciano “complotti” di ogni tipo e qualità contro il paese, a volte con parole che rasentano il delirio, come quelle di el Sayed el Badawi, presidente del partito Neo Wafd, che ha parlato di “una congiura sionista” architettata dagli Usa “per far cadere l’Egitto”.

Mentre il giornale governativo Gomhoria definisce i Paesi occidentali “colonialisti” e li accusa di tramare “per controllare la regione e privare il popolo dei suoi beni e delle sue risorse”.

Anche la Russia, che pure è in buoni rapporti col governo egiziano, non esclude però la pista terroristica e lunedì il premier Dmitri Medvedev ha sottolineato che “naturalmente” anche questa ipotesi “viene presa in considerazione”.

Mosca comunque non si sbilancia, e ieri il ministro dei Trasporti, Maksim Sokolov, ha precisato che al momento “non ci sono informazioni sicure” che si sia trattato di un atto terroristico.

La sospensione dei voli russi in Egitto in ogni caso durerà “a lungo” secondo il Cremlino, addirittura “anni” stando a una fonte citata dal Kommersant.

Ma il capo dell’amministrazione presidenziale russa, Serghiei Ivanov, sembra smentire un’altra indiscrezione di stampa, quella secondo cui il divieto di volo potrebbe essere esteso ad altri Paesi: i servizi di sicurezza russi – ha spiegato – non hanno avanzato raccomandazioni di questo tipo.

A consigliare la settimana scorsa lo ‘stop’ dei voli in Egitto erano invece stati proprio gli 007 dell’Fsb.

Prosegue nel frattempo il rimpatrio dei turisti in vacanza in Egitto: quelli russi erano 80.000 quando Putin ha congelato i collegamenti aerei con il paese nordafricano la scorsa settimana, e secondo Mosca quelli riportati a casa con i voli speciali sono già 35.000, quasi la metà.

Le autorità egiziane intanto registrano un piccolo successo nel settore sicurezza: l’uccisione, annunciata lunedì, di Ashraf Gharabli, uno dei leader degli estremisti della “Provincia del Sinai”, lo stesso gruppo affiliato all’Isis che ha rivendicato la tragedia dell’Airbus.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

00:30Roma ufficializza Kolarov dal City

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Roma ha perfezionto l'ingaggio di Aleksandar Kolarov. La società, attraverso una nota, ha comunicato di aver sottoscritto con il Manchester City il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo del calciatore serbo a fronte di un corrispettivo di 5 milioni. Il calciatore 31enne, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 30 giugno 2020. "Sono molto contento di essere qui", ha dichiarato il serbo. "Darò più del 100% alla Roma, il mio obiettivo è sempre uno: vincere". "Aleksandar è un calciatore con grande esperienza e che può dare da subito il suo contributo per il club", ha dichiarato il direttore sportivo Monchi. "Penso che con lui cresceremo sia dentro sia fuori dal campo. Desidero ringraziarlo per il suo entusiasmo e per la volontà dimostrata di venire alla Roma".

23:55Consip: gen. Maruccia sentito da pm come testimone

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il generale di Divisione Gaetano Maruccia, capo di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, è stato ascoltato dai pm di Roma in qualità di persona informata sui fatti nell'inchiesta Consip. L'ufficiale, si apprende dallo stesso comando generale dei Carabinieri, si è detto "lieto di aver potuto contribuire alla ricerca della verità nella contorta vicenda".

23:46Calcio: amichevoli, Napoli-Chievo 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Napoli non è riuscito ad andare oltre l'1-1 con il Chievo, nell'ultima amichevole nel ritiro di Dimaro, in Trentino. I gialloblù di Maran si erano portati in vantaggio con un gol di Inglese, dopo 26' di gioco, ma sono stati raggiunti dal neoacquisto Ounas (13' st), giocatore di origine algerina, ma proveniente dal Bordeaux. Finora la squadra partenopea aveva sempre vinto: 17-0 contro la Bassa Anaunia, 70 contro il Trento e 4-1 contro il Carpi. Prima di lasciare il ritiro di Dimaro, domani sera la squadra allenata da Maurizio Sarri verrà presentata ufficialmente. L'allenatore stasera ha schierato Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Jorginho, Hamsik; Callejón, Mertens, Insigne, come formazione di partenza. Nella ripresa cambio di formazione, sempre con il 4-3-3: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Zielinski; Ounas, Milik, Mertens.

23:26Terremoto Kos, in serata due forti scosse di assestamento

(ANSA) - KOS (GRECIA), 22 LUG - Questa sera due forti scosse di assestamento di magnitudo 4.4 e 4.6, alla distanza di 16 minuti l'una dall'altra, hanno colpito l'isola greca di Kos, costringendo residenti e turisti a lasciare le case e i ristoranti. Lo riporta l'Istituto di Geodinamica di Atene. La prima scossa, avvenuta più vicina all'isola, è stata ad una profondità di 10 km. L'aeroporto è stato fatto evacuare. Poco di 24 ore fa una potente scossa di terremoto con epicentro a Bodrum, in Turchia, ha colpito sempre l'isola di Kos causando la morte di due turisti ed il ferimento di 500 persone.

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

22:33Venezuela: ferito giovane violinista simbolo delle proteste

(ANSA) - CARACAS, 21 LUG - Wuilly Arteaga, il 23/enne violinista venezuelano simbolo delle proteste anti-Maduro, è stato ferito oggi durante una marcia dell'opposizione a Caracas. Arteaga è stato raggiunto da un pallettone di gomma sparato dagli uomini della 'guardia nazionale bolivariana' e subito dopo, ha precisato la stampa locale, è stato portato in un ospedale. Stava suonando il violino durante una manifestazione di piazza nella capitale per raggiungere la sede del Tribunale supremo di giustizia. Il giovane è spesso al centro dell'interesse dei media venezuelani e internazionali perchè durante le manifestazioni suona l'inno nazionale e canzoni tradizionali con il suo violino. E' stato fotografato e filmato decine di volte durante le proteste contro il 'chavismo'. Lo scorso 15 giugno aveva incontrato quattro membri del congresso Usa ai quali aveva chiesto di far pressione contro i paesi che vendono gas lacrimogeni e blindati al governo del presidente Nicolas Maduro.

Archivio Ultima ora