Mosca, stop a voli in Egitto. Usa, più controllo negli scali

Pubblicato il 10 novembre 2015 da redazione

Aereo russo a Sharm

Aereo russo a Sharm

MOSCA. – Durerà “almeno diversi mesi” la sospensione dei voli russi in Egitto decisa da Putin alcuni giorni dopo la sciagura dell’Airbus nel Sinai: ad annunciarlo è lo stesso Cremlino proprio mentre gli Usa lanciano un nuovo allarme sicurezza per i propri aeroporti e decidono di rafforzare i controlli sul personale degli scali che ha accesso libero in zone senza sorveglianza.

L’iniziativa americana riguarderà oltre 900mila dipendenti in più di 450 aeroporti del Paese, ed è l’ennesimo segnale di come i timori di attentati siano aumentati dopo la catastrofe del 31 ottobre.

Dietro il disastro intanto si allunga l’ombra di “un tradimento nei servizi speciali egiziani”: lo scrive il quotidiano Kommersant, che cita fonti autorevoli delle strutture statali russe, e sostiene che si stanno verificando informazioni secondo cui, “prima del decollo” dall’aeroporto di Sharm el Sheikh, “per motivi ignoti, sconosciuti avevano accesso” all’A321 del disgraziato volo 92-68.

Molti governi hanno deciso di interrompere per motivi di sicurezza i voli in Egitto – dove nel Sinai le truppe regolari combattono i jihadisti affiliati all’Isis -, e Usa e Gran Bretagna ritengono probabile che a causare il disastro sia stato un ordigno nascosto a bordo dell’aereo.

Se questa ipotesi, sempre più accreditata, dovesse rivelarsi vera, si tratterebbe di uno schiaffo per il governo del Cairo, che non è riuscito a garantire la sicurezza dei tantissimi turisti che visitano ogni anno il Mar Rosso.

Proprio il settore turistico, che è una delle colonne dell’economia egiziana, rischia di essere profondamente danneggiato dalla sciagura in cui hanno perso la vita 224 persone, per lo più russi che tornavano a casa dopo una vacanza al mare.

Ed è principalmente per questo che il Cairo ha accolto a muso duro la possibilità di un attentato terroristico, pur avendo lanciato una propria inchiesta per verificare l’ipotesi bomba.

In Egitto dopo la catastrofe si denunciano “complotti” di ogni tipo e qualità contro il paese, a volte con parole che rasentano il delirio, come quelle di el Sayed el Badawi, presidente del partito Neo Wafd, che ha parlato di “una congiura sionista” architettata dagli Usa “per far cadere l’Egitto”.

Mentre il giornale governativo Gomhoria definisce i Paesi occidentali “colonialisti” e li accusa di tramare “per controllare la regione e privare il popolo dei suoi beni e delle sue risorse”.

Anche la Russia, che pure è in buoni rapporti col governo egiziano, non esclude però la pista terroristica e lunedì il premier Dmitri Medvedev ha sottolineato che “naturalmente” anche questa ipotesi “viene presa in considerazione”.

Mosca comunque non si sbilancia, e ieri il ministro dei Trasporti, Maksim Sokolov, ha precisato che al momento “non ci sono informazioni sicure” che si sia trattato di un atto terroristico.

La sospensione dei voli russi in Egitto in ogni caso durerà “a lungo” secondo il Cremlino, addirittura “anni” stando a una fonte citata dal Kommersant.

Ma il capo dell’amministrazione presidenziale russa, Serghiei Ivanov, sembra smentire un’altra indiscrezione di stampa, quella secondo cui il divieto di volo potrebbe essere esteso ad altri Paesi: i servizi di sicurezza russi – ha spiegato – non hanno avanzato raccomandazioni di questo tipo.

A consigliare la settimana scorsa lo ‘stop’ dei voli in Egitto erano invece stati proprio gli 007 dell’Fsb.

Prosegue nel frattempo il rimpatrio dei turisti in vacanza in Egitto: quelli russi erano 80.000 quando Putin ha congelato i collegamenti aerei con il paese nordafricano la scorsa settimana, e secondo Mosca quelli riportati a casa con i voli speciali sono già 35.000, quasi la metà.

Le autorità egiziane intanto registrano un piccolo successo nel settore sicurezza: l’uccisione, annunciata lunedì, di Ashraf Gharabli, uno dei leader degli estremisti della “Provincia del Sinai”, lo stesso gruppo affiliato all’Isis che ha rivendicato la tragedia dell’Airbus.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

15:30Marra:riserva tribunale su questioni preliminari,rinvio 30/5

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Udienza dedicata alla questioni preliminari, con riserva di pronunciamento da parte del tribunale, quella di oggi al processo che vede imputati l'ex capo di Gabinetto del Campidoglio Raffaele Marra e l' immobiliarista Sergio Scarpellini per corruzione. Il collegio della II sezione penale non ha autorizzato riprese tv e audio, previo parere negativo espresso dagli avvocati di Marra e Scarpellini, ritenendo che non sussista un rilevante interesse sociale. La riserva dei giudici sulle questioni preliminari sarà sciolta nell'udienza del 30 maggio e in quell'occasione ci sarà anche l'esame delle liste testi. In quella di Marra compare anche il nome della sindaca di Roma Virginia Raggi. Marra e Scarpellini, ai domiciliari, devono rispondere di corruzione per la vicenda dei 370mila euro dati, nel 2013, dall'immobiliarista al dirigente comunale per l'acquisto di un appartamento. Secondo la procura la dazione di Scarpellini era finalizzata a ottenere favori alla luce della posizione occupata in Campidoglio da Marra.

15:24Sisma: lunedì visita Presidente Mattarella in Emilia

(ANSA) - BOLOGNA, 26 MAG - Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sarà in Emilia lunedì 29 maggio, a cinque anni dalla seconda scossa che inferse un ennesimo, duro colpo a un territorio già ferito dal sisma del 20 maggio. Lo ricorda un comunicato della Regione Emilia-Romagna. Il filo rosso della visita del capo dello Stato sarà la ricostruzione dei luoghi del sapere e toccherà Mirandola nel modenese e Pieve di Cento nel bolognese, due luoghi fortemente colpiti dalla devastazione del sisma, ma anche simbolo della ricostruzione e della rinascita. Nella stessa giornata sarà in Emilia anche il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che visiterà la "Casa della salute Terre d'Acqua Barberini" a Crevalcore (Bologna), anch'essa ricostruita dopo il terremoto del 2012. (ANSA).

15:16Bullismo: estorcono soldi a compagno scuola, 5 indagati

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 26 MAG - All'inizio la cifra 'pattuita' settimanalmente era di 20 euro ma poi con il trascorrere del tempo le richieste sono aumentate, passando a 40, 50 e fino ad arrivare a 500 euro. Vittima delle richieste estorsive uno studente, minorenne, di un istituto superiore di Empoli che in cinque mesi è stato costretto a versare 1300 euro ai suoi 'aguzzini', cinque ragazzi, anche loro minori, che frequentano il suo stesso istituto e che ora risultano indagati. L'ultima richiesta è stata di 500 euro. La banconota è stata notata da un suo compagno di scuola che insospettito si è rivolto ad un professore che a sua volta ha ascoltato la vittima che, in lacrime, ha raccontato quello che stava accadendo. L'insegnante ha allertato la polizia che ha iniziato le indagini. Gli agenti del commissariato di Empoli, diretti dal Francesco Zunino e coordinati dalla Procura della Repubblica, Tribunale per i minorenni, sono riusciti a risalire ai cinque ora indagati per estorsione continuata aggravata in concorso tra loro.

15:08Calcio: Agnelli-ultras, al via il processo in Figc

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Al via in Figc il processo sportivo alla Juventus e al suo presidente Andrea Agnelli per il caso dei rapporti con gli ultrà. Agnelli è giunto al Tribunale federale nazionale alle 13:30 per il procedimento di fronte alla Sezione disciplinare presieduta da Cesare Mastrocola. Agnelli è stato deferito dalla Procura federale per la presunta violazione degli articoli 1 bis (lealtà sportiva) e 12 (rapporti con i tifosi); la Juventus per responsabilità diretta. Secondo il procuratore Giuseppe Pecoraro, il presidente della Juventus avrebbe autorizzato la fornitura di abbonamenti e biglietti in numero superiore al consentito, favorendo così il bagarinaggio, e partecipato ad incontri con ultras, tra cui Rocco Dominello, imputato al processo "Alto Piemonte" per legami con la criminalità organizzata. Con il n.1 bianconero sono a processo Francesco Calvo, all'epoca direttore commerciale della Juventus, Alessandro Nicola D'Angelo, security manager bianconero, e Stefano Merulla, responsabile del ticket office del club.

15:05Kushner e Ivanka non sono al G7

(ANSA) - TAORMINA, 26 MAG - Ivanka Trump con il marito Jared Kushner non sono a Taormina ma sono già rientrati a Washington. Lo riferiscono fonti della Casa Bianca, spiegando come genero e figlia del presidente hanno lasciato la delegazione Usa subito dopo la visita a Roma. Su Kushner nelle ultime ore si è abbattuta la tempesta del Russiagate.

15:00G7: centri sociali da Napoli verso Taormina

(ANSA) - NAPOLI, 26 MAG - Partiranno questa sera per Catania circa 150 appartenenti a Centri sociali di Napoli per unirsi a Taormina alle manifestazioni contro il G7. Si tratta degli appartenenti al Centro sociale Insurgencia, che saranno accompagnati dai consiglieri comunali Eleonora di Majo e Rosario Andreozzi, del Movimento Dema del sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che stamattina ha salutato i manifestanti in partenza. L'imbarco per Catania è previsto per le ore 21.

14:56Moto: Valentino Rossi, meno dolore al petto e all’addome

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Secondo il comunicato sulle condizioni di salute del pilota di Tavullia pubblicato sul proprio sito dalla scuderia Yamaha, Valentino Rossi "ha passato serenamente la notte all'ospedale Infermi di Rimini ed è stato visitato questa mattina dai dottori. Valentino ha spiegato di sentire minore dolore sia al petto, sia all'addome rispetto alla scorsa notte. Il dolore è il risultato di lievi lesioni al fegato e al rene che non si sono sviluppate in ulteriori complicazioni". Sempre secondo il comunicato emesso dal team per cui corre in MotoGp, "Valentino continuerà a ricevere il sostegno per il dolore per le prossime 12 ore e, nel corso della giornata, sosterrà test diagnostici di routine. Se i risultati saranno positivi - conclude il comunicato - potrebbe essere dimesso dall'ospedale entro la giornata".

Archivio Ultima ora