Gian Paolo Polito Sculco: Tutta la vita ho sentito la voglia di dipingere

Pubblicato il 11 novembre 2015 da redazione

Foto 2

CARACAS.- Lo afferma con una voce dai toni teneri, sommessi, come percorrendo con il pensiero una sua opera d’arte, quella che lo ha condotto per la prima volta, ad una esposizione Internazionale; la stessa che gli ha aperto le braccia di Firenze, magnifica culla della nostra secolare cultura.

Gian Paolo Polito Sculco, ha iniziato a dipingere dieci anni fa e, da tre ormai, lavora scolpendo desideri, pensieri, nostalgie a volte così profonde da trasformarsi in “quadri reali di vita”…Si, una vita “dolce”, come quel “Toronto” ormai famoso, con il quale s’è guadagnato un posto nell’Albo d’Oro” delle manifestazioni artistiche indette nella “Città” di Dante Alighieri.

La “Decima Biennale Internazionale di Firenze”, quindi, lo ha accolto sottolineandone la bravura, l’intensa esperienza di vita vissuta in Venezuela, come un altro dei degni figli della nostra emigrazione nel Tropico.

– Quando ho esposto la mia opera, (in occasione della Decima Biennale), ho sentito una emozione profonda, assoluta. La prima cosa che mi è venuta in mente, è stata: “non mi muovo più dalla Galleria degli Uffizi”.

– Così, sei diventato famoso raccontando proprio nella “Città di Dante” la “dolcezza del toronto”?

Ci pensa un po’, Gian Pablo, poi, sorride, abbinando “chiaroscuri toscani “ con “prelibatezze tropicali”….

La sua, è una felicità contagiosa, lo riflettono gli occhi della sua simpatica moglie, che lo ha seguito passo passo attraverso la Galleria degli Uffizi, le stradine e le piazze di Firenze. Gli indimenticabili panorami di “Forte Belvedere”, l’acqua dell’Arno dove si specchia Ponte Vecchio, la forza della storia medicea….

– Sai?….mi sarei voluto fermare “per sempre” nella Galleria degli Uffizi-afferma convinto e con nostalgia, Gian Paolo.

Gli crediamo, davvero, senza riserve…. Chi non lo vorrebbe? Ancora, un venezuelano nato da genitori italiani (Padula), ha regalato la propria arte al “nuovo mondo”.

– Prossimi progetti?

– Tantissimi – è la pronta risposta, mentre la moglie Nena, lo guarda con ammirazione e dolcezza, approvandone il desiderio appena espresso e raccontandoci, come, Wendy Miller: nipote del fondatore di “Savoy de Venezuela” lo ha chiamato, ringraziandolo con calorose frasi per la “raffigurazione” del “Toronto” (squisito notissimo dolce venezuelano).

È stato un incontro che ci porterà ad altri piacevoli “appuntamenti con l’Arte”. Il “percorso” di Gian Paolo, iniziato a Firenze, ispirato da una “dolcezza” tipicamente venezuelana, lo seguiremo con passione e simpatia.

(Anna Maria Tiziano/Voce)

Ultima ora

09:39Tennis: Serena Williams,mia madre insegnato forza donna nera

(ANSA) - NEW YORK, 20 SET - Serena Williams ringrazia la madre per averle insegnato la forza di essere una donna nera. In una lettera pubblicata su Reddit, la campionessa di tennis ricorda di essere stata definita un ''uomo per la sua apparenza. E' stato detto che ho usato droghe, che non appartengo allo sport femminile ma a quello maschile''. ''Non so come sei riuscita a non prendertela con coloro che sono stati troppo ignoranti per capire il potere di una donna nera. Sono orgogliosa di aver mostrato loro che non tutte le donne sono uguali'', mette in evidenza Williams, che ha da poco avuto la sua prima figlia.

09:09Attentato Londra, terzo arresto

(ANSA) - LONDRA, 19 SET - La polizia britannica ha arrestato un terzo sospetto in connessione all'attentato alla stazione di metropolitana di Parsons Green a Londra. L'uomo, 25 anni, scrive il Guardian online, è stato arrestato dall'antiterrorismo londinese e le polizie locali a Newport, nel Galles del sud.

09:04Brexit, May lavora a offerta da 20 miliardi

(ANSA) - NEW YORK, 19 SET - Theresa May lavora alla sua offerta all'Unione Europea per la Brexit. E sarebbe pronta a mettere sul piatto 20 miliardi di euro, in quello che è il primo tentativo di Londra di andare incontro alle richieste europee. Lo riporta il Financial Times citando alcune fonti, secondo le quali May presenterà la sua offerta venerdì. La speranza del primo ministro è quella di spezzare l'impasse sulle trattative, facendole così progredire fino a entrare nella seconda fase con oggetto i futuri rapporti commerciali fra l'Ue e la Gran Bretagna.

08:57Messico: i morti sono almeno 248, la metà nella capitale

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il coordinatore nazionale della Protezione civile messicana ha rivisto al rialzo il bilancio dei morti provocati finora dal terremoto in Messico rispetto alla stima fatta pochi minuti fa dal ministero dell'Interno. Secondo quanto ha reso noto in un tweet Luis Felipe Puente, le vittime accertate del sisma sono 248, di cui circa la metà nella capitale: 72 nello Stato di Morelos, 117 a Città del Messico, 43 nello Stato di Puebla, 12 nello stato del Messico, 3 in quello di Guerrero e uno in quello di Oaxaca.

06:56Messico: terremoto, 20 i bimbi morti in crollo scuola

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 20 SET - Sono 20 i bambini e due gli adulti morti nel crollo della scuola a Città del Messico per il terremoto di ieri. A riferirlo è stato il presidente messicano Enrique Pena Nieto, che nella notte ha visitato il collegio 'Enrique Rebasamen' della capitale. "Sfortunatamente sono morti dei bambini. Sono stati trovati 22 corpi", due dei quali di "adulti", ha detto il presidente, ricordando d'altra parte che ci sono 30 bambini e otto adulti "dispersi".

05:34Messico, almeno 150 le vittime del terremoto

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 20 SET - E' di circa 150 morti il bilancio del violento terremoto di magnitudo 7.1 che ha colpito ieri il centro del Messico. Otto bambini e la loro maestra sono rimasti vittime del crollo di una scuola nella capitale. Altri 14 bimbi sono stati tratti in salvo. Sotto le macerie della 'Enrique Rebsamen' ci sono ancora almeno due bambini. nello stato di Morelos hanno perso la vita 55 persone, 49 a Città del Messico, 32 a Puebla, 10 nello stato del Messico e tre in quello di Guerrero.

00:45Calcio: Barcellona-Eibar 6-1, Messi ne fa quattro

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il Barcellona ha travolto l'Eibar nel secondo anticipo della Liga, battendolo per 6-1. Un successo che, dopo cinque turni, proietta momentaneamente i blaugrana a 15 punti, +5 sul Siviglia. Protagonista della goleada al Camp Nou è stato Lionel Messi, autore di quattro reti (la prima su rigore). A segno anche Paulinho e Denis Suarez. Per l'Eibar gol della bandiera dell'Eibar con Sergi Enrich.

Archivio Ultima ora