Naufragio in Turchia, strage di bimbi. Slovenia alza il muro

Pubblicato il 11 novembre 2015 da redazione

A migrant and a child watches a dinghy of people travel from the Turkish coast to the Greek island of Chios, near Cesme, Turkey, Monday, Nov. 9, 2015. (ANSA/AP Photo/Emre Tazegul)

A migrant and a child watches a dinghy of people travel from the Turkish coast to the Greek island of Chios, near Cesme, Turkey, Monday, Nov. 9, 2015. (ANSA/AP Photo/Emre Tazegul)

LA VALLETTA.- Ancora una strage di bambini in mare, ancora un muro su un confine europeo. A poche ore dal vertice straordinario dei 28, l’Europa sembra sempre più divisa e incapace di prendere decisioni comuni in grado di gestire l’emergenza immigrazione. E così, mentre la Slovenia decide di recintare i confini con la Croazia, sulle coste della Turchia si rovescia l’ennesimo barcone carico di profughi e muoiono 14 persone, sette i bambini.

Mentre continua il flusso di migranti assiepati ai confini tra Grecia e Macedonia. E anche dalla Germania, paese forte dell’Europa, arrivano segnali contrastanti sul fronte immigrazione, ma chiari sulla perdita di leadership della ‘donna più potente del mondo’.

Angela Merkel, ha fatto sapere la portavoce del Governo, nulla sapeva della recente decisione tedesca di bloccare i profughi siriani e ripristinare gli accordi di Dublino. Decisione presa unilateralmente dal ministro dell’Interno.

“Non dobbiamo costruire un nuovo muro. I muri non sono una difesa ma una trappola. Il problema dei profughi dobbiamo risolverlo insieme in Europa ed essere anche chiari: durerà ancora molti anni”, ha messo in guardia il premier Matteo Renzi in un’intervista concessa alla Welt on line.

Il premier ha lanciato una stoccata ai paesi dell’est. L’Europa occidentale ha “pagato un prezzo politico” per l’estensione a est dell’Ue, “non va bene adesso che questi paesi ci dettino la morale”, ha commentato.

“Sui flussi migratori purtroppo l’Europa si sta dividendo”, gli ha fatto eco la presidente della Camera Laura Boldrini. “Ci sono paesi dell’Est che non vogliono prendere atto di una realtà, che questi processi si affrontano tutti insieme fa male vedere paesi dell’Est, che a casa loro hanno vissuto la dittatura e la repressione, generando milioni di rifugiati, che ora non vogliono fare la loro parte”.

Eppure i profughi potrebbero rappresentare anche un’opportunità per il vecchio continente. Ne è convinta il direttore generale del Fmi, Christine Lagarde. “I migranti – ha detto – possono incoraggiare investimenti e crescita” e aiutare i Paesi delle economie avanzate ad affrontare l’invecchiamento della popolazione. Non solo. “Nel medio termine possono aiutare a ridurre le pressioni sulla spesa pensionistica e sanitaria. Nel breve l’impatto sul bilancio tende a essere limitato”.

Resta indubbio che al momento la questione economica non è indifferente e tra le tante decisioni prese a rilento dall’Europa c’è anche quella sulla flessibilità, quel margine di 0,2 per cento che darebbe ossigeno ai paesi più impegnati nell’accoglienza, Italia compresa.

Ma Bruxelles ha fatto sapere che la prossima settimana arriverà una comunicazione ‘orizzontale’, cioè che riguarda tutti, su come sarà fatta la valutazione della flessibilità per le spese per i migranti. E solo successivamente la Commissione farà le sue valutazioni sulla concessione o meno di nuovi margini: “ora dobbiamo vedere esattamente quanta spesa in più è stata fatta”.

Mentre l’Europa riflette, la Slovenia srotola 80 chilometri di reticolato al confine con la Croazia. E la Svezia, in serata, annuncia il ripristino – per dieci giorni – dei controlli alle frontiere.

(dell’inviata Paola Tamborlini/ANSA)

Ultima ora

17:35Siria: offensiva Isis nell’est, 120 uccisi in 3 giorni

(ANSA) - BEIRUT, 17 GEN - Più di 120 persone, tra miliziani e civili, sono morti negli ultimi tre giorni di scontri armati nell'est della Siria, nel capoluogo di Dayr az Zor dove l'Isis ha attaccato posizioni governative nella zona ricca di giacimenti petroliferi e non lontana dal confine iracheno. L'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) riferiscono dell'uccisione da domenica scorsa di 122 persone, tra cui 27 civili compresi donne e minori, e 95 tra militari lealisti e miliziani dello Stato islamico. I civili, precisa l'Ondus, sono morti in raid aerei o di artiglieria sia nella zona controllata dall'Isis sia nell'area in mano alle forze di Damasco.

17:07Regeni: Alfano, prosegue impegno su ricerca verità

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Un pensiero commosso a Giulio Regeni a pochi giorni dall'anniversario della sua scomparsa. Un pensiero che si unisce alla prosecuzione di un impegno alla ricerca della verità". Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano.

17:04Tenta di adescare bimba 10 anni su social, arrestato

(ANSA) - IMPERIA, 17 GEN - Un uomo di 40 anni, magazziniere e speaker per una una radio privata accusato di adescare ragazzine su internet è stato arrestato a Padova dalla Polizia postale della Liguria in flagranza di detenzione e scambio di materiale pedopornografico. L'indagine, conclusa in collaborazione con il compartimento Polposta Veneto, ha preso le mosse da un'attività della Polizia postale di Imperia che ha messo sotto intercettazione informatica e telefonica l'uomo quando aveva tentato di sedurre su Instagram una bambina di 10 anni della provincia di Imperia. A suo carico, la procura di Genova ha emesso un decreto di perquisizione che ha portato al sequestro di un ingente quantitativo di supporti informatici oltre che del profilo social utilizzato dall'uomo. Sono ancora in corso accertamenti volti alla ricerca di altri eventuali minori potenziali vittime dell'arrestato.

17:02Calcio: Vicenza, arriva Gucher dal Frosinone

(ANSA) - VICENZA, 17 GEN - Colpo sul mercato del Vicenza che ha ufficializzato l'acquisizione a titolo definitivo del centrocampista austriaco Robert Gucher, classe 1991. Il neo-acquisto proviene dal Frosinone dove è stato protagonista dell'ultima promozione in serie A e il cui contratto era in scadenza nel prossimo mese di giugno. Gucher, che fa parte della nazionale austriaca, ha firmato con il club veneto un contratto di due anni e mezzo, sino al 30 giugno 2019. Oggi si allenerà con i nuovi compagni agli ordini del tecnico Bisoli e sabato alla ripresa del campionato a Carpi potrebbe esordire in biancorosso.

16:59Calcio: Inter, vertice di mercato tra Thohir e Zhang

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Vertice di mercato tra il presidente dell'Inter Erick Thohir e Steven Zhang, figlio del numero uno di Suning. Questa mattina, nella sede del club nerazzurro, faccia a faccia tra i due massimi dirigenti che hanno parlato delle possibili cessioni per sfoltire una rosa ancora troppo ampia e rispettare i parametri del Fair Play Finanziario. Dopo gli addii di Jovetic e Felipe Melo, potrebbe partire anche il difensore Andrea Ranocchia che e' seguito da alcuni club di Premier League. Il giovane centrocampista Miangue, classe 1997, potrebbe accasarsi al Cagliari e Gnoukouri piace al Crotone. Anche Biabiany e' in uscita, su di lui si e' mosso il Bologna ma non e' da escludere una cessione in Cina.

16:50Coni: Malagò, troppi contenziosi, dovremo uniformare regole

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - "Se sarò ancora io il prossimo presidente del Coni porterò sicuramente in giunta un argomento importante: la necessità di uniformare le regole degli statuti e dei regolamenti all'interno del nostro mondo, dalle federazioni ai comitati regionali, agli enti di disciplina, che hanno generato una serie di strascichi, contenziosi, ricorsi che sono oggettivamente complicati da gestire". Lo ha annunciato il presidente del Coni Giovanni Malagò a margine della giunta nazionale riunita in via straordinaria a Genova. "Tutti i ricorsi hanno una caratteristica: sono figli del momento storico che viviamo - ha aggiunto Malagò - e vanno anche oltre i confini del mondo sportivo stesso. Spesso gli stessi avvocati e i giuristi si prestano a interpretazioni diverse. Credo che sia una cosa di buonsenso che il Coni, magari con il pieno mandato delle massime autorità, anche di chi ha la delega al consiglio dei ministri, debba impegnarsi per uniformare gli statuti, anche per ciò che riguarda le future competizioni elettorali".

16:47Calcio: Maradona, qui mi sento dentro al calcio

(ANSA) - FIRENZE, 17 GEN - "Qui mi sento dentro al calcio, mi sento a casa". Lo ha detto Diego Armando Maradona, a Firenze per la Hall of Fame del calcio italiano. L'ex 'Pibe de oro' ha confermato di aver parlato con il presidente del Napoli, Aurelio de Laurentiis, dal quale è stato invitato per la sfida contro il Real Madrid.

Archivio Ultima ora