Doping in Russia: “Vogliono escluderci da Rio 2016”

Pubblicato il 11 novembre 2015 da redazione

A man walks outside the Russian Olympic Committee headquarters and Russian Athletics Federation office in Moscow, Russia, 10 November 2015. EPA/MAXIM SHIPENKOV

A man walks outside the Russian Olympic Committee headquarters and Russian Athletics Federation office in Moscow, Russia, 10 November 2015. EPA/MAXIM SHIPENKOV

ROMA. – La possibilità di un’esclusione della Russia dalle Olimpiadi di Rio 2016 “esiste perché a qualcuno conviene togliere di mezzo un concorrente diretto e ad altri conviene danneggiare l’immagine del paese”: lo ha dichiarato il ministro dello Sport russo Vitali Mutko a Rsport.ru. Mutko ha però aggiunto di escludere un provvedimento del genere “se nelle organizzazioni internazionali c’è almeno una certa percentuale di impegno nell’interesse dello sport e degli atleti”.

L’ex presidente della federazione internazionale di atletica leggera (Iaaf), Lamine Diack, si è dimesso dal ruolo di membro onorario del Comitato olimpico internazionale (Cio). Già il Comitato esecutivo aveva sospeso Diack, sotto inchiesta con l’accusa di aver intascato soldi per insabbiare i casi di doping di atleti russi.

“Accuse infondate”, almeno finchè non saranno provate: il Cremlino reagisce così alle pesanti accuse di doping di Stato da parte di una commissione della Wada, l’agenzia mondiale anti doping, che ha scatenato un caso internazionale oscurato solo da gran parte dei media russi. Gli Usa ribattono subito, in un clima da guerra fredda sportiva: “non ritengo ci siano motivi per mettere in dubbio” i risultati dell’indagine della Wada, afferma il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest.

Ma di fronte allo spettro di una sospensione della Russia per due anni da tutte le competizioni, a partire dalle Olimpiadi brasiliane – come raccomanda il rapporto alla Iaaf – Putin risponde convocando a Sochi i capi di tutte le federazioni sportive (incontro poi saltato per il maltempo, ndr) per discutere lo stato attuale della loro preparazione in vista di Rio 2016: un appuntamento che non ha alcuna intenzione di perdere perché sarebbe un vulnus senza precedenti non solo per la storia dello sport russo ma anche per l’immagine vincente del suo leader e di un Paese tornato al centro dell’arena internazionale.

Ma nel frattempo Mosca è costretta a chiudere i battenti del suo laboratorio anti doping dopo che la Wada gli ha revocato immediatamente l’accredito ordinando che i campioni per i test siano affidati a laboratori stranieri. Cadono anche le prime teste, con le dimissioni del suo direttore, Grigori Rodchenkov, accusato di occultare il doping, di estorcere soldi agli atleti e di aver distrutto 1417 campioni sospetti: la commissione della Wada aveva chiesto per lui il bando a vita.

La chiusura del laboratorio potrebbe essere un brutto colpo anche per i Mondiali di calcio che la Russia ospiterà nel 2018, peraltro già finiti nello scandalo Fifa tra sospetti di corruzione per la loro assegnazione: nel 2014, durante la Coppa del mondo in Brasile, la Wada aveva già chiuso il laboratorio anti doping di Rio inviando le provette in Svizzera. Intanto, per 19 mesi, sarà la Fifa a gestire il programma anti doping per la Confederation Cup, in programma sempre in Russia nel 2017.

Ultima ora

11:40Londra: altri 2 arresti per attentato metro, totale a 5

(ANSA) - LONDRA, 20 SET - Altre due persone sono state arrestate nelle ultime ore dalla polizia britannica nel'ambito delle indagini sull'attentato di Parsons Green, nella metropolitana di Londra, di venerdì scorso, portando il totale dei fermati a 5. Lo riportano fonti investigative, precisando che un 48enne e un 30enne sono finiti in manette durante un blitz condotto in un edificio della località di Newport, in Galles dove ieri sera era stato compiuto un altro arresto, e sono sospettate sulla base del Terrorism Act, la legge sul terrorismo.

11:38Promoter uccisa: Ris al lavoro nella villa del reo confesso

(ANSA) - MILANO, 20 SET - I carabinieri del Ris di Parma sono al lavoro nella villetta di Vito Clericó, il 65enne che ha confessato l'omicidio di Marilena Rosa Re, promoter di 58 anni di Castellanza (Varese). Il cadavere decapitato era stato trovato sepolto il 12 settembre scorso nell'orto del 65enne, a Garbagnate Milanese (Milano). Era stato lo stesso Clericò a indicare agli investigatori dove scavare. Sul posto è presente anche l'avvocato dell'uomo, Daniela D'Emilio. Inquirenti e investigatori proseguono le indagini anche perché l'uomo ha cambiato più volte versione. Accertamenti e sopralluoghi andranno quindi avanti sia nella sua villa di Garbagnate sia nell' abitazione di Marilena Re, a Castellanza. "Ha reso una nuova versione dei fatti, ancora diversa rispetto a quelle precedenti. Ora dobbiamo attendere l'esito degli accertamenti dei Ris". È il commento dell'avvocato Daniela D'Emilio, a margine del sopralluogo dei carabinieri a casa di Vito Clericó (che lei difende).

11:3315enne ferita al volto con colpo pistola, uomo in fuga

(ANSA) - ISCHITELLA (FOGGIA), 20 SET - Una ragazzina di 15 anni è stata ferita al volto da un colpo di arma da fuoco sparato a distanza ravvicinata da un uomo non ancora identificato mentre la giovane percorreva via Zuppetta, a Ischitella, per andare a scuola. Le condizioni della ragazza sono disperate. E' stata trasportata tramite elisoccorso agli ospedali Riuniti di Foggia. A quanto si è saputo, la ragazza era uscita di casa intorno alle 7,30 e stava attraversando il centro storico del paese per raggiungere la scuola che frequenta. In via Zuppetta è stata raggiunta alle spalle da una persona che poi le ha sparato un colpo di pistola in faccia. Indagini sono in corso da parte dei carabinieri del Comando provincia di Foggia. La ragazzina è stata trasportata in elisoccorso agli Ospedali Riuniti di Foggia dove la stanno sottoponendo ad un delicato intervento chirurgico. La vittima era seguita dai servizi sociali ed era stata affidata ai nonni.

11:32Gioielleria Capri truffata da due turisti per 125 mila euro

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 20 SET - Una coppia di turisti inglesi è stata scoperta a Capri (Napoli) dalla Polizia dopo aver truffato una gioielleria di una nota strada dello shopping dell'isola effettuando, a più riprese, acquisti con una carta di credito clonata intestata ad una terza persona del tutto ignara, per circa 125mila euro. La ragazza, 23 anni, è stata bloccata dai poliziotti del commissariato guidati dal vicequestore Maria Edvige Strina all'uscita dalla gioielleria, mentre il compagno, che ha 35 anni, è stato fermato sul porto di Capri mentre si apprestava a lasciare l'isola. Addosso avevano cinque orologi Rolex, orecchini, anelli e un bracciale. Le transazioni erano in un primo momento andate a buon fine consentendo alla coppia di lasciare il negozio con il sostanzioso bottino, ma successivamente il gestore della carta di credito ha contattato il negoziante bloccando l'avvenuto pagamento in quanto il reale titolare della carta si era reso conto che era stata oggetto di clonazione.

11:03Violenza sessuale: abusava di figlia, condannato a 12 anni

(ANSA) - BOLZANO, 20 SET - Il tribunale di Bolzano ha condannato un uomo a 12 anni di reclusione, per aver abusato ripetutamente della propria figlia. Gli abusi, secondo l'accusa, erano iniziati nel 2009, quando la bimba aveva appena 5 anni e sono andati avanti per tre anni. I genitori all'epoca dei fatti erano già separati e il padre approfittava dei giorni nei quali si occupava della figlia. I fatti sono venuti alla luce, quando la bambina ha iniziato a rifiutare di andare da sua padre e ha raccontato tutto al tribunale dei minori, in presenza di una psicologa. La dichiarazione è stata ritenuta credibile. L'imputato, che ha invece sempre respinto ogni addebito, affermando di essere vittima di una vendetta dell'ex compagna, dovrà pagare una provvisionale di 50.000 euro a favore della figlia e di 10.000 euro a favore della donna. L'accusa aveva chiesto 20 anni di pena.

11:03Turchia: 2 agenti servizi segreti rapiti dal Pkk in Iraq

(ANSA) - ISTANBUL, 20 SET - Due agenti dei servizi segreti turchi sono stati rapiti da militanti del Pkk curdo in nord Iraq. A confermarlo, dopo diverse indiscrezioni apparse su media locali, è stato il ministro degli Esteri di Ankara, Mevlut Cavusoglu. La Turchia sta lavorando per il rilascio di "tutti i suoi cittadini che il Pkk ha rapito", ha spiegato Cavusoglu, negando tuttavia trattative dirette con il gruppo ribelle, che Ankara considera "terrorista". Secondo la stampa curda, gli 007 sarebbero finiti nelle mani della guerriglia il mese scorso durante un'operazione oltreconfine.

11:00Catalogna: Rajoy, unica risposta possibile

(ANSA) - MADRID, 20 SET - Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha detto davanti al Congresso dei deputati dopo il blitz della Guardia Civil contro il governo catalano che la risposta alla sfida indipendentista di Barcellona "non può essere diversa da quella decisa". "A nessuno piace questa situazione, e a me neppure" ha aggiunto.

Archivio Ultima ora