Viteliù, un viaggio alla scoperta della Prima Italia

Pubblicato il 11 novembre 2015 da redazione

foto 1

NEW YORK – Continuano senza pausa le iniziative culturali e gastronomiche al “Westchester Italian Cultural Center” di New York (www.wiccny.org), nell’ambito dell’Exhibit “Abruzzo&Molise, Yesterday and Today”, che hanno preso avvio l’8 ottobre e si concluderanno il 20 novembre, mettendo in mostra il meglio delle due regioni italiane: dall’arte alla letteratura, dalla storia alle tradizioni, dalla musica al cinema, dalle bellezze ambientali alle eccellenze gastronomiche.

Oggi, alle ore 14:00, nuovo appuntamento nel salone conferenze del WICCNY, a Tuckahoe, la presentazione del romanzo “Viteliù – Il nome della libertà”, di Nicola Mastronardi (Ed. Itaca). Il volume di Mastronardi è un intrigante viaggio tra gli antichi popoli italici che abitarono quei territori montani al centro della penisola, che oggi sono l’Abruzzo e il Molise.

Gente forte e coraggiosa, orgogliosa della propria libertà, che diede filo da torcere ai Romani tra il 90 e l’88 a.C.nel corso della Guerra Sociale, prima d’essere vinti e poi di diventarne importanti alleati.

“Viteliú”, termine osco da cui derivò la parola latina Italia, è un viaggio nel mondo nascosto dei popoli italici. E sono proprio gli Italici i protagonisti di questo sorprendente romanzo d’esordio: Sanniti, Marsi, Peligni, Piceni, Vestini, Marrucini, Frentani, Pretuzi ed altri, insomma i dodici valorosi popoli dell’Appennino centrale che si unirono per costruire il loro sogno di libertà contro la prepotenza romana. Un sogno temporaneamente infranto da Lucio Cornelio Silla che operò un vero massacro dell’etnia sannita.

Il romanzo inizia diciassette anni dopo quei tragici eventi. Un incubo del passato spinge un vecchio cieco – l’embratur sannita Papio Mutilo che su di sé sente tutta la responsabilità del genocidio subìto dal suo popolo – a riprendere in mano il proprio destino e quello del nipote Marzio, salvato dalle stragi dei sicari di Silla.

Il loro avventuroso viaggio porterà Marzio, e con lui il lettore, a conoscere la storia e le terre delle genti che costruirono la prima nazione cui fu dato il nome di Italia. E’ dunque un viaggio alla scoperta della Prima Italia, una storia mai raccontata in un romanzo; un viaggio avvincente ed emozionante alle radici stesse della nostra identità nazionale.

Così ha recentemente dichiarato l’autore del romanzo, Nicola Mastronardi, appassionato studioso molisano che dirige la Biblioteca “Baldassarre Labanca” di Agnone (Isernia):

– Con questo volume mi propongo di scoperchiare il velo dal periodo preromano che la storia sembra aver dimenticato, secoli che sconfinano nella protostoria, l’età del bronzo, prima che romani e sanniti si scontrassero. Un periodo altamente evocativo. Di quei secoli non si sa nulla ma è lì che risiedono le fondamenta dell’italianità, che spiega chi siamo oggi, tutto ciò che Roma ha appreso dagli italici, cosa le popolazioni italiche hanno dato all’Italia preromana.

Dal punto di vista antropologico, linguistico, culturale i popoli italici hanno dato l’impronta a gran parte della Penisola. Un incontro-scontro con Roma durato secoli, con le guerre sannitiche, la Guerra sociale, vera cerniera nella storia di Roma. I fieri sanniti non si arrendevano mai, mai smettevano di battersi per la propria libertà, per avere la stessa dignità dei romani. Questo ha segnato profondamente la stessa Roma antica.

Un appuntamento, dunque, davvero significativo, alla scoperta delle radici della nostra Italia.

Un altro magnifico tassello del caleidoscopio d’iniziative sull’Abruzzo e Molise proposte dal direttore dei programmi del WICCNY, Patrizia Calce, con il sostegno del dinamico presidente Francis A. Nicolai.

L’interessante evento sarà preceduto, dalle ore 11:30, da uno Show Cooking sul come fare i “maccheroni alla chitarra”, seguito da una degustazione di piatti tipici della cucina abruzzese, presentati dall’azienda Rustichella d’Abruzzo, accompagnati da Vini Novelli, recentissima produzione dell’azienda vinicola abruzzese Dora Sarchese. Enjoy!

(Goffredo Palmerini)

Ultima ora

11:17Moto: Australia, Petrucci “aiutare Dovizioso? non necessario

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Aiutare Dovizioso ? non penso che ne abbia bisogno. Io farò la mia gara e spero sempre di stare davanti": Danilo Petrucci reduce dal brillante terzo posto nel motogp di Motegi in Giappone in sella alla sua Ducati Pramac, rilancia le sue quotazioni e speranze in vista del motogp di Phillip island in Australia, che si correrà domenica. Petrucci è stato a lungo in testa alla gara domenica scorsa, prima di cedere le armi al duello finale che ha visto protagonisti Marc Marquez e Andrea Dovisioso, con quest'ultimo poi vincitore. "A Motegi -dice il pilota italiano in conferenza stampa- avevo una linea diversa, non è che mi sia fatto sorpassare da Dovizioso. E' stato un sorpasso normale. Aiutarlo? Non penso che abbia davvero bisogno del mio aiuto, nel 99% delle volte è più veloce, sia in gara sia nelle qualifiche e non abbiamo delle indicazioni particolari dal team". (ANSA).

11:12Bankitalia: P.Chigi, Gentiloni tutelerà autonomia

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Fonti di Palazzo Chigi smentiscono le ricostruzioni "di vario segno" apparse oggi sui quotidiani in merito alla vicenda Bankitalia. Le stesse fonti sottolineano che sul tema della Banca d'Italia le decisioni del Presidente del Consiglio "saranno basate sulle prerogative a lui attribuite dalla legge ed ispirate esclusivamente al criterio di salvaguardia dell'autonomia dell'Istituto".

11:12Cannabis: Camera, ok pdl su uso medico, passa al Senato

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Sì dell'Aula della Camera alla proposta di legge sulla coltivazione e la somministrazione della cannabis ad uso medico. I voti a favore sono stati 317, 40 i contrari, 13 gli astenuti. Il testo passa al Senato. Contro hanno votato i deputati di Fi e Lega. Direzione Italia si è astenuta.

11:11Don Pallù a Firenze, all’aeroporto accolto da canti

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - Ha ringraziato il Signore appena arrivato all'aeroporto di Firenze don Maurizio Pallù, il missionario di origine fiorentine rapito e poi liberato in Nigeria nei giorni scorsi. Ad accoglierlo una folla di fedeli, molti dei quali condividono con lui il cammino neocatecumenale, amici ed un gruppo di giovani che l'hanno salutato cantando canzoni religiosi accompagnandosi con la chitarra. Don Pallù ha abbracciato tutti. Ad attenderlo anche il sindaco di Firenze Dario Nardella che ha incontrato il sacerdote in forma privata appena è sceso dall'aereo. "Il Signore ci ha aiutato": sono state le prime parole del sacerdote, appena atterrato: "Cristo è risorto, è il Signore della vita e della morte - ha poi aggiunto - Evangelizzeremo la Nigeria, l'Africa, il mondo".

11:06Moto: Australia, Rossi “dolori a spalla dopo ultima caduta”

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Ancora problemi e problemini fisici per Valentino Rossi, in quest'anno davvero sfortunato pe rlui. "Sono sofferente alla spalla per la caduta in Giappone, ma sembra che non sia rotto niente" ha detto oggi il Dottore a Phillip Island, dove domenica si correrà il motogp. "Mi fa un po' male, spero che non mi dia fastidio mentre guido. E' importante continuare a lavorare al box per l'anno prossimo ma anche per il finale di quest'anno, a cominciare da questo weekend. Spero che si corra sull'asciutto, sul bagnato siamo in grande difficoltà". (ANSA).

11:04Traffico di migranti: operazione Gdf, arresti nel Salento

(ANSA) - LECCE, 19 OTT - I finanzieri del Nucleo di Polizia tributaria di Lecce, dello Scico di Roma e della Sezione Operativa navale di Otranto (Lecce) stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare restrittiva della libertà personale nei confronti di sette persone ritenute appartenenti ad un gruppo criminale trans-nazionale dedito al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina via mare. L'inchiesta è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Lecce.

11:00Usuraio e falso cieco arrestato dai finanzieri a Taranto

(ANSA) - TARANTO, 19 OTT - Usuraio e falso cieco: sono le accuse contestate a un 63enne di Taranto, ex dipendente di banca, ora in pensione, arrestato e posto ai domiciliari dai militari del Nucleo di polizia tributaria in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Giuseppe Tommasino su richiesta del sostituto procuratore Lucia Isceri. Su disposizione dell'autorità giudiziaria è stato eseguito nei confronti del 63enne un sequestro preventivo per equivalente di beni e disponibilità finanziarie, fino alla concorrenza della somma di 100mila euro. Le indagini sono partite nel settembre 2016 in seguito alla denuncia presentata da una persona che si era rivolta all'uomo per ottenere un prestito e aveva dovuto pagare interessi a tassi da usura. Ma le vittime dello 'strozzinaggio' sarebbero state numerose, tra le quali persone in stato di bisogno e piccoli imprenditori, come il titolare di uno storico esercizio commerciale della città vecchia di Taranto, costretto alla chiusura.

Archivio Ultima ora