Ultra 64enni aiutano le famiglie. Timori per il futuro di figli e nipoti

Pubblicato il 12 novembre 2015 da redazione

sessantenni

RICCIONE (RIMINI). – Imprescindibili nel sostenere figli e nipoti, con un 70% di loro che li aiuta economicamente. Preoccupati per il futuro dei familiari più giovani e critici su servizi sociali e sanitari, tanto da chiedere un welfare a misura di famiglia. Questa la fotografia degli ultra 64enni italiani scattata dall’Istituto Demopolis nello studio “Gli over 64 oggi in Italia: focus su una generazione” presentato a Riccione, in occasione dell’Assemblea Nazionale della Federazione Pensionati della Cisl.

La ricerca, condotta su iniziativa di Ial Nazionale, Caf e Fnp-Cisl, mostra come quello degli ultra 64enni sia “un segmento di popolazione composito che vive una quotidianità piena ed una costante collaborazione alle dinamiche parentali: dal sostegno economico per le famiglie più giovani, alla cura dei più piccoli e dei familiari in condizioni di maggiore fragilità”.

In base ai numeri raccolti dall’istituto di ricerca su un campione di 860 intervistati, si legge in una nota, “il principale centro di soddisfazione della vita di chi ha superato i 64 anni è la famiglia” mentre la loro principale preoccupazione, “indicata da più 7 intervistati su 10, è il futuro di figli e nipoti, in dimensioni nettamente superiori a qualsiasi altra apprensione: dalla perdita di una persona cara (60%) alla malattia (57%)”.

Di fatto, gli over 64 sono molto più preoccupati “per i discendenti, che per la situazione economica personale (55%) o la propria sicurezza (46%)”.

Quattro anziani su dieci, intervistati da Demopolis, definiscono “fisco e burocrazia un problema preoccupante”, mentre solo un quarto teme la solitudine. Appagati sul fronte familiare e relazionale, con citazioni superiori al 70%, appaiono sostanzialmente soddisfatti dalla qualità del proprio tempo libero (67%) e un 40% pure del reddito (40%).

Piuttosto critici, invece, nella valutazione della qualità dei servizi pubblici con un 40% che ritiene peggiorati i servizi sanitari nell’ultimo triennio e il 71% che valuta come insufficienti i presìdi per gli anziani non-autosufficienti.

“Nella percezione dell’80% degli over 64 – spiega la ricercatrice dell’Istituto Demopolis, Maria Sabrina Titone – è proprio la famiglia, oggi, a tutelare in Italia lo status di anziano. Le istituzioni politiche nella valutazione degli intervistati, sono in coda fra i soggetti a tutela dei meno giovani, con citazioni inferiori a quelle registrate dai Sindacati, cui viene ancora riconosciuto un ruolo fondamentale nel salvaguardare i trattamenti pensionistici”.

Un terzo del campione infine cita, fra le forme di tutela dello status di anziano in Italia, volontariato ed associazionismo, con valutazioni che crescono nelle regioni del Nord mentre il 31% indica il supporto della Chiesa, soprattutto nel Mezzogiorno del Paese.

Ultima ora

10:37Libano: stato di allerta esercito a confine Israele

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il capo delle Forze armate libanesi, generale Joseph Aoun, ha disposto il "pieno stato di allerta" dei militari lungo il confine orientale per "fronteggiare le minacce del nemico Israele e delle sue violazioni". Lo annuncia l'esercito su Twitter. Aoun ha chiesto ai soldati di "vigilare" per la "corretta implementazione" della risoluzione 1701 dell'Onu e di "garantire la stabilità" al confine con Israele.

10:08Usa: migranti,nuovo no giudice a stop fondi città-santuario

(ANSA) - SAN FRANCISCO, 21 NOV - Nuova battuta d'arresto per Donald Trump nella sua battaglia per tagliare fondi alle 'citta' santuario', quelle che non collaborano con gli uffici per il controllo dell'immigrazione. Un giudice distrettuale di San Francisco, William Orrick, ha rigettato l'argomentazione dell'amministrazione secondo la quale l'ordine esecutivo si applica solo a una somma di denaro relativamente piccola, e ha stabilito che il presidente non puo' imporre nuove condizioni sulle spese approvate dal Congresso. Il giudice aveva in precedenza argomentato allo stesso modo in una sentenza che aveva sospeso in via solo temporanea l'ordine esecutivo che colpisce le citta'-santuario. L'amministrazione Trump si era appellata contro quella decisione alla nona Corte d'Appello. La sentenza di Orrick era arrivata nella cause proposte da due contee della California, San Francisco e Santa Clara. Il procuratore di San Francisco ha commentato che la sentenza e' ''una vittoria per il popolo americano e per le norme di legge''.

10:00Zimbabwe: vicepresidente a Mugabe, dimettiti

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il vicepresidente dimissionato dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, intima a Robert Mugabe di dimettersi in un comunicato reso noto dalla Cnn. "Mugabe ha sempre detto che se il popolo lo avesse voluto avrebbe lasciato l'incarico. Ora che la gente ha parlato deve accettare la volontà del popolo e dimettersi", ha detto Mnangagwa, sottolineando che non tornerà nel Paese fin quando "non verrà garantita" la sua sicurezza.

09:04Putin incontra Assad

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - La "lotta al terrorismo in Siria è prossima alla fine": così il presidente russo Vladimir Putin incontrando ieri a Sochi Bashar al Assad. Lo riferisce Russia Today. Nel corso dell'incontro a sorpresa, il leader del Cremlino ha auspicato che il processo politico in Siria sia "sotto l'egida dell'Onu" auspicando che le Nazioni Unite abbiano "parte attiva". Assad ha sottolineato che Damasco accoglie con favore "coloro realmente interessati a una soluzione politica in Siria, con i quali siamo pronti al dialogo".

04:57Usa:stop Trump a piano residenza temporanea 60.000 haitiani

NEW YORK - L'amministrazione Trump mette fine al programma di residenza temporanea concesso a 60.000 haitiani dopo il terremoto. Lo stop entrera' in vigore nel luglio del 2019 alla luce del fatto che Haiti - spiega l'amministrazione - ha compiuto significativi progressi dal terremoto del 2010.

04:50Kosovo: ballottaggi municipali, Pristina a nazionalisti

PRISTINA - Sara' con ogni probabilita' Shpend Ahmeti, rappresentante del movimento nazionalista 'Autodeterminazione', il nuovo sindaco di Pristina, la capitale del Kosovo che e' stata una delle 19 citta' dove domenica si e' votato per i ballottaggi delle municipali. Lo ha reso noto la commissione elettorale, che ha diffuso i dati ancora preliminari del secondo turno delle amministrative. I risultati definitivi si avranno solo dopo l'arrivo per posta delle schede dall'estero e il conteggio di quelle relative a elettori autorizzati a votare in Comuni diversi da quello di residenza.

04:47Argentina: rumore rilevato non di sommergibile, Marina

BUENOS AIRES - Il rumore rilevato nella zona dell'Atlantico sud dove si svolgono le ricerche del sottomarino San Juan disperso ''non corrisponde a quello di un sommergibile''. Lo ha reso noto il portavoce della marina argentina, Enrique Balbi.

Archivio Ultima ora