Ultra 64enni aiutano le famiglie. Timori per il futuro di figli e nipoti

Pubblicato il 12 novembre 2015 da redazione

sessantenni

RICCIONE (RIMINI). – Imprescindibili nel sostenere figli e nipoti, con un 70% di loro che li aiuta economicamente. Preoccupati per il futuro dei familiari più giovani e critici su servizi sociali e sanitari, tanto da chiedere un welfare a misura di famiglia. Questa la fotografia degli ultra 64enni italiani scattata dall’Istituto Demopolis nello studio “Gli over 64 oggi in Italia: focus su una generazione” presentato a Riccione, in occasione dell’Assemblea Nazionale della Federazione Pensionati della Cisl.

La ricerca, condotta su iniziativa di Ial Nazionale, Caf e Fnp-Cisl, mostra come quello degli ultra 64enni sia “un segmento di popolazione composito che vive una quotidianità piena ed una costante collaborazione alle dinamiche parentali: dal sostegno economico per le famiglie più giovani, alla cura dei più piccoli e dei familiari in condizioni di maggiore fragilità”.

In base ai numeri raccolti dall’istituto di ricerca su un campione di 860 intervistati, si legge in una nota, “il principale centro di soddisfazione della vita di chi ha superato i 64 anni è la famiglia” mentre la loro principale preoccupazione, “indicata da più 7 intervistati su 10, è il futuro di figli e nipoti, in dimensioni nettamente superiori a qualsiasi altra apprensione: dalla perdita di una persona cara (60%) alla malattia (57%)”.

Di fatto, gli over 64 sono molto più preoccupati “per i discendenti, che per la situazione economica personale (55%) o la propria sicurezza (46%)”.

Quattro anziani su dieci, intervistati da Demopolis, definiscono “fisco e burocrazia un problema preoccupante”, mentre solo un quarto teme la solitudine. Appagati sul fronte familiare e relazionale, con citazioni superiori al 70%, appaiono sostanzialmente soddisfatti dalla qualità del proprio tempo libero (67%) e un 40% pure del reddito (40%).

Piuttosto critici, invece, nella valutazione della qualità dei servizi pubblici con un 40% che ritiene peggiorati i servizi sanitari nell’ultimo triennio e il 71% che valuta come insufficienti i presìdi per gli anziani non-autosufficienti.

“Nella percezione dell’80% degli over 64 – spiega la ricercatrice dell’Istituto Demopolis, Maria Sabrina Titone – è proprio la famiglia, oggi, a tutelare in Italia lo status di anziano. Le istituzioni politiche nella valutazione degli intervistati, sono in coda fra i soggetti a tutela dei meno giovani, con citazioni inferiori a quelle registrate dai Sindacati, cui viene ancora riconosciuto un ruolo fondamentale nel salvaguardare i trattamenti pensionistici”.

Un terzo del campione infine cita, fra le forme di tutela dello status di anziano in Italia, volontariato ed associazionismo, con valutazioni che crescono nelle regioni del Nord mentre il 31% indica il supporto della Chiesa, soprattutto nel Mezzogiorno del Paese.

Ultima ora

01:14Calcio: Gasperini, partita che ci deve essere d’insegnamento

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Da questa partita dobbiamo prendere un insegnamento importante contro una squadra forte e che aveva voglia di riscatto. Non sono deluso. Deve essere un riferimento per noi, impariamo la lezione. Ci servirà a gennaio, quando affronteremo ancora la Juventus in Coppa Italia e per il ritorno in campionato. Nel frattempo speriamo di crescere". Gian Piero Gasperini, tecnico dell'Atalanta rivelazione in serie A, non si mostra abbattuto dopo il 3-1 incassato allo 'Juventus stadio', arrivato dopo sei successi consecutivi. "C'erano tutte le condizioni per non avere alcun tipo di impatto negativo - dice l'allenatore - indubbiamente c'era un certo divario, ma meno evidente di quello che ha mostrato il campo. Sarà compito nostro cercare di ridurlo. L'aspetto che mi dà fastidio è che contro squadre così non devi giocare individualmente ma coralmente. Siamo arrivati troppo spesso secondi sulla palla".

01:09Calcio: Allegri, siamo ripartiti dopo Genova

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Siamo ripartiti dopo Genova". Massimiliano Allegri è visibilmente soddisfatto di come la sua Juventus ha reagito contro l'Atalanta alla sconfitta sul terreno del Genoa. "Lavorare una settimana intera è stato importante, puoi dare idee nuove alla squadra, curare il recupero fisico. Da un mese avevo smesso di fare l'allenatore, giocando una partita ogni tre giorni" ha spiegato l'allenatore. "Contro l'Atalanta abbiamo fatto una bella partita e non era facile perché loro ci hanno impegnato molto fisicamente - ha aggiunto - ma i ragazzi sono stati bravi. Pjanic meglio da trequartista? Il trequartista è un giocatore che deve fare il centrocampista. Pjanic l'ha fatto discretamente bene e poi è stato importante sui calci piazzati in cui abbiamo fatto due gol". Quanto a Higuain "deve rimanere sereno, lui è abituato a segnare tutte le partite, ma nella Juve è normale che segnino anche altri. Ha avuto occasioni, ha fatto una buona partita e segnerà nei prossimi match".

00:52Trovato morto in casa dopo furto nel Livornese

(ANSA) - SAN VINCENZO (LIVORNO), 3 DIC - Un uomo di 77 anni è stato trovato morto nella sua casa di San Vincenzo (Livorno) dopo aver subito un furto o una rapina. Il corpo dell'uomo non presenta ferite esterne o segni di violenza: tra le ipotesi, anche quella che il 77enne possa essere morto per un malore dovuto allo choc, anche se sarà l'autopsia a chiarire le cause del decesso. Ancora da chiarire anche la dinamica dell'accaduto nella casa dell'uomo, un ex imprenditore della zona, in una zona residenziale sulle colline di San Vincenzo nella quale sono intervenuti i carabinieri: l'abitazione è stata trovata a soqquadro e la cassaforte aperta, senza il suo contenuto. L'allarme è stato dato dalla figlia dell'anziano.(ANSA).

00:32Calcio: Rugani, sconfitta a Genova ci ha fatto crescere

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "Era importante far capire subito che quello di Genova è stato un tonfo che ci poteva stare, ma che ci ha fatto crescere e capire cosa avevamo sbagliato. E questo si è visto in campo, siamo entrati con il giusto approccio, siamo stati molto determinati ed il risultato è stato una conseguenza". Daniele Rugani, difensore-goleador della Juventus che ha battuto 3-1 l'Atalanta, commenta così il successo della sua squadra. "Sono contento di aver dato un buon contributo per mettere la partita nei binari giusti. A chi dedico il mio gol? A tutte le persone che mi stanno vicino, a tutti quelli che mi danno sempre una mano dentro e fuori dal campo" aggiunge.

00:13Calcio: un’ottima Juventus batte l’Atalanta 3-1

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Un'ottima Juventus ha vinto la sfida con l'Atalanta, squadra rivelazione della serie A, battendola 3-1. Per la formazione allenata da Gasperini non c'è stato scampo allo Juventus Stadium, contro l'11 bianconero affamato di riscatto dopo la sconfitta patita in casa del Genoa. Dopo 19 minuti il risultato era già 2-0, con le reti Alex Sandro (la prima in campionato del brasiliano, che ha poi reso omaggio ai connazionali della Chapecoense, decimati nell'incidente aereo in Colombia, con una maglietta dedicata) e Rugani. Nella ripresa Mandzukic, uno dei migliori in campo anche prima di entrare nel tabellino, ha segnato la terza rete. Freuler nel finale ha reso meno amaro il ko. I bianconeri allungano in testa alla classifica, salendo a 36 punti, +7 su Roma e Milan, la prima impegnata domani nel derby ed il secondo in casa con il Crotone. Atalanta ferma a 28.

23:45Termina a Santiago il viaggio di Fidel

(ANSA) - SANTIAGO DE CUBA, 3 DIC - Il viaggio di Fidel Castro nella sua Cuba termina a Santiago. Dopo aver percorso 900 chilometri, e aver attraversato l'isola sulle orme della 'Caravana de la Libertad' che segnò l'inizio dell'era del Comandante en Jefe, Fidel torna alla 'sua' base. Dove tutto iniziò. A Santiago de Cuba infatti il Lider Maximo ha mosso i primi passi della rivoluzione, che lo ha portato il primo gennaio 1959 a entrare trionfante a L'Avana. E Santiago è orgogliosa del suo ruolo nella storia, e si definisce 'culla della rivoluzione'. Il corteo funebre con le ceneri di Fidel entra trionfante in città e percorre 17 chilometri per le strade di Santiago, fra migliaia di persone in piazza per salutarlo e omaggiarlo. Un omaggio che si protrae l'intera giornata, con l'ultimo bagno di folla per il Comandante en Jefe nella Plaza Antonio Maceo, la Plaza de la Revolucion, alla presenza di Raul Castro. Per l'occasione diverse personalità sono giunte a Cuba.

23:40Usa: Fiamme al rave, molti stranieri alla festa

(ANSA) - NEW YORK, 3 DIC - Tra i partecipanti del rave party finito in tragedia ad Oakland, in California, anche tanti stranieri. Lo ha detto la polizia locale. Non e' ancora chiaro se vi siano cittadini non americani tra le vittime e i dispersi.

Archivio Ultima ora