Kamikaze Isis in roccaforte Hezbollah a Beirut, è strage

Pubblicato il 12 novembre 2015 da redazione

Lebanese policemen and citizens inspect the site where two suicide bombers blow themselves up in Bourj al-Barajneh, southern Beirut, Lebanon, 12 November 2015.   EPA/NABIL MOUNZER

Lebanese policemen and citizens inspect the site where two suicide bombers blow themselves up in Bourj al-Barajneh, southern Beirut, Lebanon, 12 November 2015. EPA/NABIL MOUNZER

BEIRUT. – Lo Stato islamico sbarca ufficialmente a Beirut con la rivendicazione del più sanguinoso attacco compiuto in Libano negli ultimi otto anni: due esplosioni causate da altrettanti kamikaze hanno scosso la periferia meridionale della città, roccaforte del movimento sciita Hezbollah da tre anni coinvolto nella mattanza siriana.

Almeno 41 persone sono rimaste uccise, in larga parte civili, tra queste si contano anche diverse donne. I feriti, secondo la Croce rossa libanese sono circa 200. Il già drammatico bilancio potrebbe aumentare a causa della gravità delle condizioni di molte vittime.

Il governo libanese ha decretato un giorno di lutto nazionale e la chiusura delle scuole “in solidarietà con le vittime del terrorismo”. Nella rivendicazione dell’Isis, rilanciata dal Site, il sito di monitoraggio dell’estremismo islamico, il gruppo jihadista afferma che “soldati del Califfato” hanno compiuto l’attentato a Beirut contro un “raggruppamento di sciiti” e “apostati”.

La prima esplosione si è registrata poco dopo le 18 (le 17 in Italia) in un affollato vicolo del quartiere di Burj al Barajne, tra l’omonimo campo profughi palestinese e la zona controllata dalle milizie sciite filo-iraniane. Nel comunicato pubblicato dal Site, l’Isis afferma che il primo kamikaze era a bordo di una moto bomba.

La seconda esplosione – causata da un attentatore suicida a piedi secondo le parole dei jihadisti – è avvenuta dopo circa due minuti, a meno di cento metri di distanza, in via Hussayinia, all’incrocio di Ayn Sikke, poco lontano da un affollato caffè popolare e il retro dell’ospedale Rasul al Aaazam, gestito da Hezbollah.

L’esercito libanese ha confermato che si è trattato di due attentatori suicidi e che è stato ritrovato il corpo di un terzo kamikaze che non è riuscito a farsi saltare in aria. Del terzo attentatore non fa riferimento il comunicato attribuito all’Isis.

Le immagini diffuse dalla tv al Manar del movimento sciita, la prima a raggiungere il luogo della strage, hanno mostrato edifici in fiamme, facciate dei fatiscenti palazzi sventrate, gente nel panico, corpi a terra e soccorritori con in braccio vittime sanguinanti. Sui social network è stata persino pubblicata la foto, la cui autenticità non è stata confermata dalle autorità, della testa staccata dal corpo di “uno degli attentatori”.

Bisogna risalire al maggio 2007 per rintracciare un bilancio altrettanto grave consumatosi però a causa di un duplice attentato a Beirut e Tripoli, nel nord, nel giro di poche ore. A terra rimasero allora 48 persone. Persino l’attentato che a Beirut costò la vita all’ex premier Rafik Hariri, nel febbraio 2005 e che segnò l’apice di un’escalation su scala regionale, aveva mietuto meno vittime di quest’ultimo.

Da quando Hezbollah nel 2012 aveva deciso di partecipare direttamente alla sanguinosa repressione governativa della rivolta in Siria, si sono registrati due sanguinosi attacchi dinamitardi e kamikaze contro la sua roccaforte nella periferia sud di Beirut.

In un clima di crescente polarizzazione confessionale e politica, il 15 agosto 2013 ventisette persone erano rimaste uccise a Beirut sud da un’esplosione di un’autobomba. L’attentato era stato poi rivendicato da un’oscura sigla. Più noto era invece il nome di un gruppo qaedista che aveva rivendicato il duplice attacco suicida contro l’ambasciata iraniana a Beirut il 19 novembre dello stesso anno e nel quale morirono 23 persone.

(di Lorenzo Trombetta/ANSA)

Ultima ora

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

23:05Moglie uccisa a bastonate,rinvio a giudizio per Cagnoni

(ANSA) - RAVENNA, 25 MAG - E' stata depositata la richiesta di rinvio a giudizio per Matteo Cagnoni, il dermatologo 52enne di Ravenna, accusato di aver ucciso a bastonate la moglie Giulia Ballestri,di 39 anni. Le ipotesi di reato formulate dalla procura sono omicidio pluriaggravato da premeditazione, crudeltà e dall'avere agito nei confronti del coniuge, e l'occultamento di cadavere nella cantina della villa dove è stato compiuto il delitto. Matteo Cagnoni é in carcere dal 19 settembre scorso, giorno del fermo a Firenze, con l'accusa di avere ucciso tre giorni prima a bastonate in una villa di famiglia di Ravenna, da tempo disabitata, la moglie. Secondo quanto contestato dai Pm Alessandro Mancini e Cristina D'Aniello sulla base delle indagini della polizia, la premeditazione sul delitto la si può dedurre in particolare da due elementi: sin dal 14 settembre Cagnoni aveva dato disposizione alla segreteria della clinica di Bologna dove prestava attività ambulatoriale, di annullare tutti gli appuntamenti per il 16, giorno del delitto.

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

Archivio Ultima ora