Kamikaze Isis in roccaforte Hezbollah a Beirut, è strage

Pubblicato il 12 novembre 2015 da redazione

Lebanese policemen and citizens inspect the site where two suicide bombers blow themselves up in Bourj al-Barajneh, southern Beirut, Lebanon, 12 November 2015.   EPA/NABIL MOUNZER

Lebanese policemen and citizens inspect the site where two suicide bombers blow themselves up in Bourj al-Barajneh, southern Beirut, Lebanon, 12 November 2015. EPA/NABIL MOUNZER

BEIRUT. – Lo Stato islamico sbarca ufficialmente a Beirut con la rivendicazione del più sanguinoso attacco compiuto in Libano negli ultimi otto anni: due esplosioni causate da altrettanti kamikaze hanno scosso la periferia meridionale della città, roccaforte del movimento sciita Hezbollah da tre anni coinvolto nella mattanza siriana.

Almeno 41 persone sono rimaste uccise, in larga parte civili, tra queste si contano anche diverse donne. I feriti, secondo la Croce rossa libanese sono circa 200. Il già drammatico bilancio potrebbe aumentare a causa della gravità delle condizioni di molte vittime.

Il governo libanese ha decretato un giorno di lutto nazionale e la chiusura delle scuole “in solidarietà con le vittime del terrorismo”. Nella rivendicazione dell’Isis, rilanciata dal Site, il sito di monitoraggio dell’estremismo islamico, il gruppo jihadista afferma che “soldati del Califfato” hanno compiuto l’attentato a Beirut contro un “raggruppamento di sciiti” e “apostati”.

La prima esplosione si è registrata poco dopo le 18 (le 17 in Italia) in un affollato vicolo del quartiere di Burj al Barajne, tra l’omonimo campo profughi palestinese e la zona controllata dalle milizie sciite filo-iraniane. Nel comunicato pubblicato dal Site, l’Isis afferma che il primo kamikaze era a bordo di una moto bomba.

La seconda esplosione – causata da un attentatore suicida a piedi secondo le parole dei jihadisti – è avvenuta dopo circa due minuti, a meno di cento metri di distanza, in via Hussayinia, all’incrocio di Ayn Sikke, poco lontano da un affollato caffè popolare e il retro dell’ospedale Rasul al Aaazam, gestito da Hezbollah.

L’esercito libanese ha confermato che si è trattato di due attentatori suicidi e che è stato ritrovato il corpo di un terzo kamikaze che non è riuscito a farsi saltare in aria. Del terzo attentatore non fa riferimento il comunicato attribuito all’Isis.

Le immagini diffuse dalla tv al Manar del movimento sciita, la prima a raggiungere il luogo della strage, hanno mostrato edifici in fiamme, facciate dei fatiscenti palazzi sventrate, gente nel panico, corpi a terra e soccorritori con in braccio vittime sanguinanti. Sui social network è stata persino pubblicata la foto, la cui autenticità non è stata confermata dalle autorità, della testa staccata dal corpo di “uno degli attentatori”.

Bisogna risalire al maggio 2007 per rintracciare un bilancio altrettanto grave consumatosi però a causa di un duplice attentato a Beirut e Tripoli, nel nord, nel giro di poche ore. A terra rimasero allora 48 persone. Persino l’attentato che a Beirut costò la vita all’ex premier Rafik Hariri, nel febbraio 2005 e che segnò l’apice di un’escalation su scala regionale, aveva mietuto meno vittime di quest’ultimo.

Da quando Hezbollah nel 2012 aveva deciso di partecipare direttamente alla sanguinosa repressione governativa della rivolta in Siria, si sono registrati due sanguinosi attacchi dinamitardi e kamikaze contro la sua roccaforte nella periferia sud di Beirut.

In un clima di crescente polarizzazione confessionale e politica, il 15 agosto 2013 ventisette persone erano rimaste uccise a Beirut sud da un’esplosione di un’autobomba. L’attentato era stato poi rivendicato da un’oscura sigla. Più noto era invece il nome di un gruppo qaedista che aveva rivendicato il duplice attacco suicida contro l’ambasciata iraniana a Beirut il 19 novembre dello stesso anno e nel quale morirono 23 persone.

(di Lorenzo Trombetta/ANSA)

Ultima ora

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

Archivio Ultima ora