Terrorismo: Ros stronca la rete del mullah Krekar, 17 arresti

Pubblicato il 12 novembre 2015 da redazione

Najumuddin Faraj Ahmad (front), better known as Mullah Krekar, pictured praying on an icy road after he was released from Kongsvinger prison 25 January 2015, Kongsvinger, Norway.  EPA/AUDUN BRAASTAD NORWAY OUT

Najumuddin Faraj Ahmad (front), better known as Mullah Krekar, pictured praying on an icy road after he was released from Kongsvinger prison 25 January 2015, Kongsvinger, Norway.
EPA/AUDUN BRAASTAD NORWAY OUT

ROMA. – Dal carcere di Kongsvinger, a Oslo, il mullah Krekar impartiva ordini, incitava aspiranti ‘martiri’, dispensava pillole di odio jihadista. “Direttive” raccolte dai familiari ammessi ai colloqui e che poi, via chat, venivano smistate ad una rete virtuale – diffusa in mezza Europa, Italia compresa, con una cellula basata in un anonimo condominio di Merano – ma pronta a passare ai fatti: attentati in Norvegia e rapimento di diplomatici, come ritorsione per l’arresto del leader; proselitismo, reclutamento e sostegno logistico di aspiranti terroristi, disposti anche a “saltare in aria”, da inviare in Siria e in Iraq.

E’ quello che hanno scoperto i carabinieri del Ros, al termine di cinque anni di indagini: 17 le ordinanze di custodia cautelare emesse dalla magistratura di Roma ed eseguite in Italia, Gran Bretagna, Norvegia, Finlandia e Svizzera. Tra i destinatari – 16 curdi e un kosovaro – lo stesso mullah Krekar e alcuni terroristi morti all’estero combattendo con l’Isis. L’accusa, per tutti, è quella di associazione con finalità di terrorismo internazionale.

Perquisizioni sono state compiute nelle province di Bolzano, Parma e Brescia, oltre che nei Paesi dove sono stati eseguiti gli arresti e in Germania. La maxi-inchiesta del Ros parte nel 2010, dal monitoraggio del sito ww.jarchive.com di connotazione jihadista.

Tra i ‘navigatori’ i carabinieri individuano due utenze dall’Italia: una riconducibile ad Abderrahim El Khalfi, marocchino arrestato lo scorso luglio, e quella del curdo iracheno Nauroz Abdul Rahman. Proprio quest’ultimo, residente a Merano, si rivelerà il capo – sostengono gli investigatori – di una “cellula italiana dedita al reclutamento e alla radicalizzazione dei militanti, soprattutto attraverso il web”.

Insieme a lui, altri cinque curdi iracheni e un kosovaro – tutti residenti tra Bolzano (due), Renon (uno) e Merano (quattro) – avrebbero fatto parte della cellula, considerata un’articolazione di ‘Rawti Shax’, l’organizzazione facente capo al mullah Krekar.

Il mullah, fondatore nel 2001 di Ansar al Islam, il gruppo terroristico attivo in Iraq e stroncato dalle forze della Coalizione, è la figura-chiave dell’inchiesta. Fuggito dall’Iraq, ha ottenuto asilo politico in Norvegia, dove però è stato arrestato nel 2012 e condannato per istigazione all’odio e alla violenza.

Ma ad Oslo, dentro e fuori dal carcere, Krekar progetta una nuova organizzazione: più impenetrabile di Ansar al-Islam, distribuita in vari Paesi e finalizzata a “sostenere una rivolta violenta contro i regimi infedeli che governano nelle aree curde”. Tutto questo grazie al web e ad un uso accorto degli strumenti informatici, che hanno “consentito – affermano i carabinieri – di annullare le distanze tra gli associati, mantenere una forte coesione, rimanere in contatto con la loro guida spirituale”.

Il mullah Krekar, infatti, anche dal carcere (dove è stato intercettato dal Ros), manteneva la direzione ideologica e strategica dell’organizzazione, ormai allineatasi all’Isis. “Rawti Shax” è diventata ben presto una rete di arruolamento di volontari per l’Iraq e per la Siria.

In questa attività è risultato “particolarmente attivo”, affermano i carabinieri, proprio Nauroz Abdul Rahman, sia attraverso internet sia attraverso “lezioni” che teneva nel suo appartamento di Merano, “luogo di riunioni segrete e crocevia di aspiranti jihadisti”.

Lo scopo era quello di convincere i suoi allievi a partecipare ad azioni terroristiche, anche suicide: è il caso di Jalal Hasan Saman, la cui intenzione non si è però mai concretizzata. Ma non è stato così per altri membri di “Rawti Shax”, che hanno raggiunto le zone di guerra, dove alcuni sono stati uccisi. Secondo gli inquirenti, sono almeno cinque i membri dell’organizzazione partiti per la Siria, due dei quali morti.

Per quanto riguarda l’Italia, l’inchiesta ha ricostruito la vicenda del kosovaro Eldin Hodza (arrestato): Nauroz Abdul Rahman lo aiuta a partire per la Siria (due membri dell’organizzazione gli forniscono i 780 euro del biglietto aereo per Istanbul). Il kosovaro riesce quindi a passare il confine e viene accolto in un campo di addestramento “sotto la bandiera nera” dell’Isis.

A metà febbraio 2014, un mese e mezzo dopo la partenza, Hodza rientra però precipitosamente in Italia: qui matura l’intenzione di partire nuovamente e condivide con la cellula italiana la sua “esperienza terroristica sul campo” e diventa, annotano gli investigatori, “esempio da seguire”.

Plauso per l’operazione antiterrorismo da parte del ministro dell’Interno: “siamo un Paese esposto al rischio, ma la prevenzione funziona”, ha detto Angelino Alfano.

(di Vincenzo Sinapi/ANSA)

Ultima ora

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

21:42Calcio: Ranieri, vorrei meno premi e più punti

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Vorrei meno premi e più punti". Claudio Ranieri accetta con piacere l'ennesimo riconoscimento per la cavalcata vincente dell'anno scorso in Premier League, ma oggi il suo Leicester deve pensare a evitare la retrocessione. "L'anno scorso è stato incredibile, la squadra ha dato il 120% per un risultato insperato e lo stiamo pagando - ha notato l'allenatore degli inglesi a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' -. La vittoria dell'anno scorso è stata possibile anche per l'unione fra i ragazzi e per le difficoltà delle grandi squadre, che non sono state continue. Se capita ai grandi campioni, figuriamoci a dei ragazzi che hanno giocato in serie B e lottato per non retrocedere. Ora le big sono continue e noi siamo tornati nella normalità: dobbiamo essere concentrati per raggiungere al più presto i 40 punti della salvezza".

21:39Cina: stretta sul golf, chiusi 111 campi ‘illegali’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - La Cina ha dichiarato guerra ai campi da golf "illegali", chiudendone 111 su 683 per violazioni che variano dall'utilizzo improprio di terreni agricoli o aree protette e fino all'eccessivo sfruttamento delle falde per l'irrigazione, senza dimenticare il peso che le strutture hanno come strumento di corruzione per i membri del Partito comunista. L'agenzia Nuova Cina, nell'annunciare il giro di vite deciso dalla National Development and Reform Commission (l'agenzia di programmazione economica), ha precisato che su altri 65 campi sono state imposte diverse restrizioni. La Cina ha formalmente lanciato lo stop ai nuovi green nel 2004 quando nel Paese ce ne erano meno di 200 che, al contrario, sono più che triplicati. Il golf è finito nel mirino della campagna anti-corruzione del presidente Xi Jinping al punto che il Partito comunista ha "invitato" nel 2015 i 88 milioni di iscritti a non calpestare il green, paragonando lo sport a cattive abitudini non conformi ai principi di condotta e morali del Pcc.

Archivio Ultima ora