Terrorismo: Ros stronca la rete del mullah Krekar, 17 arresti

Pubblicato il 12 novembre 2015 da redazione

Najumuddin Faraj Ahmad (front), better known as Mullah Krekar, pictured praying on an icy road after he was released from Kongsvinger prison 25 January 2015, Kongsvinger, Norway.  EPA/AUDUN BRAASTAD NORWAY OUT

Najumuddin Faraj Ahmad (front), better known as Mullah Krekar, pictured praying on an icy road after he was released from Kongsvinger prison 25 January 2015, Kongsvinger, Norway.
EPA/AUDUN BRAASTAD NORWAY OUT

ROMA. – Dal carcere di Kongsvinger, a Oslo, il mullah Krekar impartiva ordini, incitava aspiranti ‘martiri’, dispensava pillole di odio jihadista. “Direttive” raccolte dai familiari ammessi ai colloqui e che poi, via chat, venivano smistate ad una rete virtuale – diffusa in mezza Europa, Italia compresa, con una cellula basata in un anonimo condominio di Merano – ma pronta a passare ai fatti: attentati in Norvegia e rapimento di diplomatici, come ritorsione per l’arresto del leader; proselitismo, reclutamento e sostegno logistico di aspiranti terroristi, disposti anche a “saltare in aria”, da inviare in Siria e in Iraq.

E’ quello che hanno scoperto i carabinieri del Ros, al termine di cinque anni di indagini: 17 le ordinanze di custodia cautelare emesse dalla magistratura di Roma ed eseguite in Italia, Gran Bretagna, Norvegia, Finlandia e Svizzera. Tra i destinatari – 16 curdi e un kosovaro – lo stesso mullah Krekar e alcuni terroristi morti all’estero combattendo con l’Isis. L’accusa, per tutti, è quella di associazione con finalità di terrorismo internazionale.

Perquisizioni sono state compiute nelle province di Bolzano, Parma e Brescia, oltre che nei Paesi dove sono stati eseguiti gli arresti e in Germania. La maxi-inchiesta del Ros parte nel 2010, dal monitoraggio del sito ww.jarchive.com di connotazione jihadista.

Tra i ‘navigatori’ i carabinieri individuano due utenze dall’Italia: una riconducibile ad Abderrahim El Khalfi, marocchino arrestato lo scorso luglio, e quella del curdo iracheno Nauroz Abdul Rahman. Proprio quest’ultimo, residente a Merano, si rivelerà il capo – sostengono gli investigatori – di una “cellula italiana dedita al reclutamento e alla radicalizzazione dei militanti, soprattutto attraverso il web”.

Insieme a lui, altri cinque curdi iracheni e un kosovaro – tutti residenti tra Bolzano (due), Renon (uno) e Merano (quattro) – avrebbero fatto parte della cellula, considerata un’articolazione di ‘Rawti Shax’, l’organizzazione facente capo al mullah Krekar.

Il mullah, fondatore nel 2001 di Ansar al Islam, il gruppo terroristico attivo in Iraq e stroncato dalle forze della Coalizione, è la figura-chiave dell’inchiesta. Fuggito dall’Iraq, ha ottenuto asilo politico in Norvegia, dove però è stato arrestato nel 2012 e condannato per istigazione all’odio e alla violenza.

Ma ad Oslo, dentro e fuori dal carcere, Krekar progetta una nuova organizzazione: più impenetrabile di Ansar al-Islam, distribuita in vari Paesi e finalizzata a “sostenere una rivolta violenta contro i regimi infedeli che governano nelle aree curde”. Tutto questo grazie al web e ad un uso accorto degli strumenti informatici, che hanno “consentito – affermano i carabinieri – di annullare le distanze tra gli associati, mantenere una forte coesione, rimanere in contatto con la loro guida spirituale”.

Il mullah Krekar, infatti, anche dal carcere (dove è stato intercettato dal Ros), manteneva la direzione ideologica e strategica dell’organizzazione, ormai allineatasi all’Isis. “Rawti Shax” è diventata ben presto una rete di arruolamento di volontari per l’Iraq e per la Siria.

In questa attività è risultato “particolarmente attivo”, affermano i carabinieri, proprio Nauroz Abdul Rahman, sia attraverso internet sia attraverso “lezioni” che teneva nel suo appartamento di Merano, “luogo di riunioni segrete e crocevia di aspiranti jihadisti”.

Lo scopo era quello di convincere i suoi allievi a partecipare ad azioni terroristiche, anche suicide: è il caso di Jalal Hasan Saman, la cui intenzione non si è però mai concretizzata. Ma non è stato così per altri membri di “Rawti Shax”, che hanno raggiunto le zone di guerra, dove alcuni sono stati uccisi. Secondo gli inquirenti, sono almeno cinque i membri dell’organizzazione partiti per la Siria, due dei quali morti.

Per quanto riguarda l’Italia, l’inchiesta ha ricostruito la vicenda del kosovaro Eldin Hodza (arrestato): Nauroz Abdul Rahman lo aiuta a partire per la Siria (due membri dell’organizzazione gli forniscono i 780 euro del biglietto aereo per Istanbul). Il kosovaro riesce quindi a passare il confine e viene accolto in un campo di addestramento “sotto la bandiera nera” dell’Isis.

A metà febbraio 2014, un mese e mezzo dopo la partenza, Hodza rientra però precipitosamente in Italia: qui matura l’intenzione di partire nuovamente e condivide con la cellula italiana la sua “esperienza terroristica sul campo” e diventa, annotano gli investigatori, “esempio da seguire”.

Plauso per l’operazione antiterrorismo da parte del ministro dell’Interno: “siamo un Paese esposto al rischio, ma la prevenzione funziona”, ha detto Angelino Alfano.

(di Vincenzo Sinapi/ANSA)

Ultima ora

00:30Roma ufficializza Kolarov dal City

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Roma ha perfezionto l'ingaggio di Aleksandar Kolarov. La società, attraverso una nota, ha comunicato di aver sottoscritto con il Manchester City il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo del calciatore serbo a fronte di un corrispettivo di 5 milioni. Il calciatore 31enne, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 30 giugno 2020. "Sono molto contento di essere qui", ha dichiarato il serbo. "Darò più del 100% alla Roma, il mio obiettivo è sempre uno: vincere". "Aleksandar è un calciatore con grande esperienza e che può dare da subito il suo contributo per il club", ha dichiarato il direttore sportivo Monchi. "Penso che con lui cresceremo sia dentro sia fuori dal campo. Desidero ringraziarlo per il suo entusiasmo e per la volontà dimostrata di venire alla Roma".

23:55Consip: gen. Maruccia sentito da pm come testimone

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il generale di Divisione Gaetano Maruccia, capo di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, è stato ascoltato dai pm di Roma in qualità di persona informata sui fatti nell'inchiesta Consip. L'ufficiale, si apprende dallo stesso comando generale dei Carabinieri, si è detto "lieto di aver potuto contribuire alla ricerca della verità nella contorta vicenda".

23:46Calcio: amichevoli, Napoli-Chievo 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Napoli non è riuscito ad andare oltre l'1-1 con il Chievo, nell'ultima amichevole nel ritiro di Dimaro, in Trentino. I gialloblù di Maran si erano portati in vantaggio con un gol di Inglese, dopo 26' di gioco, ma sono stati raggiunti dal neoacquisto Ounas (13' st), giocatore di origine algerina, ma proveniente dal Bordeaux. Finora la squadra partenopea aveva sempre vinto: 17-0 contro la Bassa Anaunia, 70 contro il Trento e 4-1 contro il Carpi. Prima di lasciare il ritiro di Dimaro, domani sera la squadra allenata da Maurizio Sarri verrà presentata ufficialmente. L'allenatore stasera ha schierato Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Jorginho, Hamsik; Callejón, Mertens, Insigne, come formazione di partenza. Nella ripresa cambio di formazione, sempre con il 4-3-3: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Zielinski; Ounas, Milik, Mertens.

23:26Terremoto Kos, in serata due forti scosse di assestamento

(ANSA) - KOS (GRECIA), 22 LUG - Questa sera due forti scosse di assestamento di magnitudo 4.4 e 4.6, alla distanza di 16 minuti l'una dall'altra, hanno colpito l'isola greca di Kos, costringendo residenti e turisti a lasciare le case e i ristoranti. Lo riporta l'Istituto di Geodinamica di Atene. La prima scossa, avvenuta più vicina all'isola, è stata ad una profondità di 10 km. L'aeroporto è stato fatto evacuare. Poco di 24 ore fa una potente scossa di terremoto con epicentro a Bodrum, in Turchia, ha colpito sempre l'isola di Kos causando la morte di due turisti ed il ferimento di 500 persone.

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

22:33Venezuela: ferito giovane violinista simbolo delle proteste

(ANSA) - CARACAS, 21 LUG - Wuilly Arteaga, il 23/enne violinista venezuelano simbolo delle proteste anti-Maduro, è stato ferito oggi durante una marcia dell'opposizione a Caracas. Arteaga è stato raggiunto da un pallettone di gomma sparato dagli uomini della 'guardia nazionale bolivariana' e subito dopo, ha precisato la stampa locale, è stato portato in un ospedale. Stava suonando il violino durante una manifestazione di piazza nella capitale per raggiungere la sede del Tribunale supremo di giustizia. Il giovane è spesso al centro dell'interesse dei media venezuelani e internazionali perchè durante le manifestazioni suona l'inno nazionale e canzoni tradizionali con il suo violino. E' stato fotografato e filmato decine di volte durante le proteste contro il 'chavismo'. Lo scorso 15 giugno aveva incontrato quattro membri del congresso Usa ai quali aveva chiesto di far pressione contro i paesi che vendono gas lacrimogeni e blindati al governo del presidente Nicolas Maduro.

Archivio Ultima ora