Terrorismo: Ros stronca la rete del mullah Krekar, 17 arresti

Pubblicato il 12 novembre 2015 da redazione

Najumuddin Faraj Ahmad (front), better known as Mullah Krekar, pictured praying on an icy road after he was released from Kongsvinger prison 25 January 2015, Kongsvinger, Norway.  EPA/AUDUN BRAASTAD NORWAY OUT

Najumuddin Faraj Ahmad (front), better known as Mullah Krekar, pictured praying on an icy road after he was released from Kongsvinger prison 25 January 2015, Kongsvinger, Norway.
EPA/AUDUN BRAASTAD NORWAY OUT

ROMA. – Dal carcere di Kongsvinger, a Oslo, il mullah Krekar impartiva ordini, incitava aspiranti ‘martiri’, dispensava pillole di odio jihadista. “Direttive” raccolte dai familiari ammessi ai colloqui e che poi, via chat, venivano smistate ad una rete virtuale – diffusa in mezza Europa, Italia compresa, con una cellula basata in un anonimo condominio di Merano – ma pronta a passare ai fatti: attentati in Norvegia e rapimento di diplomatici, come ritorsione per l’arresto del leader; proselitismo, reclutamento e sostegno logistico di aspiranti terroristi, disposti anche a “saltare in aria”, da inviare in Siria e in Iraq.

E’ quello che hanno scoperto i carabinieri del Ros, al termine di cinque anni di indagini: 17 le ordinanze di custodia cautelare emesse dalla magistratura di Roma ed eseguite in Italia, Gran Bretagna, Norvegia, Finlandia e Svizzera. Tra i destinatari – 16 curdi e un kosovaro – lo stesso mullah Krekar e alcuni terroristi morti all’estero combattendo con l’Isis. L’accusa, per tutti, è quella di associazione con finalità di terrorismo internazionale.

Perquisizioni sono state compiute nelle province di Bolzano, Parma e Brescia, oltre che nei Paesi dove sono stati eseguiti gli arresti e in Germania. La maxi-inchiesta del Ros parte nel 2010, dal monitoraggio del sito ww.jarchive.com di connotazione jihadista.

Tra i ‘navigatori’ i carabinieri individuano due utenze dall’Italia: una riconducibile ad Abderrahim El Khalfi, marocchino arrestato lo scorso luglio, e quella del curdo iracheno Nauroz Abdul Rahman. Proprio quest’ultimo, residente a Merano, si rivelerà il capo – sostengono gli investigatori – di una “cellula italiana dedita al reclutamento e alla radicalizzazione dei militanti, soprattutto attraverso il web”.

Insieme a lui, altri cinque curdi iracheni e un kosovaro – tutti residenti tra Bolzano (due), Renon (uno) e Merano (quattro) – avrebbero fatto parte della cellula, considerata un’articolazione di ‘Rawti Shax’, l’organizzazione facente capo al mullah Krekar.

Il mullah, fondatore nel 2001 di Ansar al Islam, il gruppo terroristico attivo in Iraq e stroncato dalle forze della Coalizione, è la figura-chiave dell’inchiesta. Fuggito dall’Iraq, ha ottenuto asilo politico in Norvegia, dove però è stato arrestato nel 2012 e condannato per istigazione all’odio e alla violenza.

Ma ad Oslo, dentro e fuori dal carcere, Krekar progetta una nuova organizzazione: più impenetrabile di Ansar al-Islam, distribuita in vari Paesi e finalizzata a “sostenere una rivolta violenta contro i regimi infedeli che governano nelle aree curde”. Tutto questo grazie al web e ad un uso accorto degli strumenti informatici, che hanno “consentito – affermano i carabinieri – di annullare le distanze tra gli associati, mantenere una forte coesione, rimanere in contatto con la loro guida spirituale”.

Il mullah Krekar, infatti, anche dal carcere (dove è stato intercettato dal Ros), manteneva la direzione ideologica e strategica dell’organizzazione, ormai allineatasi all’Isis. “Rawti Shax” è diventata ben presto una rete di arruolamento di volontari per l’Iraq e per la Siria.

In questa attività è risultato “particolarmente attivo”, affermano i carabinieri, proprio Nauroz Abdul Rahman, sia attraverso internet sia attraverso “lezioni” che teneva nel suo appartamento di Merano, “luogo di riunioni segrete e crocevia di aspiranti jihadisti”.

Lo scopo era quello di convincere i suoi allievi a partecipare ad azioni terroristiche, anche suicide: è il caso di Jalal Hasan Saman, la cui intenzione non si è però mai concretizzata. Ma non è stato così per altri membri di “Rawti Shax”, che hanno raggiunto le zone di guerra, dove alcuni sono stati uccisi. Secondo gli inquirenti, sono almeno cinque i membri dell’organizzazione partiti per la Siria, due dei quali morti.

Per quanto riguarda l’Italia, l’inchiesta ha ricostruito la vicenda del kosovaro Eldin Hodza (arrestato): Nauroz Abdul Rahman lo aiuta a partire per la Siria (due membri dell’organizzazione gli forniscono i 780 euro del biglietto aereo per Istanbul). Il kosovaro riesce quindi a passare il confine e viene accolto in un campo di addestramento “sotto la bandiera nera” dell’Isis.

A metà febbraio 2014, un mese e mezzo dopo la partenza, Hodza rientra però precipitosamente in Italia: qui matura l’intenzione di partire nuovamente e condivide con la cellula italiana la sua “esperienza terroristica sul campo” e diventa, annotano gli investigatori, “esempio da seguire”.

Plauso per l’operazione antiterrorismo da parte del ministro dell’Interno: “siamo un Paese esposto al rischio, ma la prevenzione funziona”, ha detto Angelino Alfano.

(di Vincenzo Sinapi/ANSA)

Ultima ora

09:38Mondiali 2018: squalifica Messi, interviene anche Macri

(ANSA) - BUENOS AIRES, 29 MAR - Sulla pesante squalifica di Lio Messi da parte della Fifa si muove anche il presidente argentino Mauricio Macri, che ha definito ''esagerata'' la misura. ''Avergli dato il massimo, tra una e quattro gare... un'esagerazione, speriamo si possa appellare e ridurre questa condanna. E' terribile'', ha commentato il presidente dall'Olanda, dove si trova in visita.

09:38Morti marito e moglie, forse omicidio-suicidio

(ANSA) - NAPOLI, 29 MAR - Un probabile caso di omicidio-suicidio è avvenuto a Santa Maria Capua Vetere (Caserta), in via Della Valle, dove i carabinieri nella notte sono intervenuti rinvenendo sul selciato il corpo senza vita dell'80enne Gennaro Merola: si sarebbe lanciato dal balcone dell'abitazione al primo piano in cui risiedeva. In casa, é stato invece trovato nel letto, il cadavere della moglie, Gerarda Di Pietro di 77 anni. La donna aveva evidenti lesioni al volto causate da un probabile corpo contundente.

09:36Calcio: Mondiali 2018, Ecuador-Colombia 0-2, in gol Cuadrado

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - La Colombia ha battuto l'Ecuador a Quito per 2-0 in una partita del girone sudamericano di qualificazione ai Mondiali del 2018. Le reti sono state segnate dal madridista James Rodriguez al 19' e dallo juventino Juan Cuadrado al 33'. I 'cafeteros' sono così tornati a vincere a Quito, a 2.850 metri di altitudine, dopo oltre 20 anni. L'ultimo successo risaliva infatti all'ottobre 1996 nelle qualificazioni ai Mondiali di Francia 1998 e la nazionale dell'allora ct Francisco 'Pacho' Maturana si era imposta per 1-0 grazie ad un gol di Faustino Asprilla, che vestiva la maglia del Parma.

05:58Trump: Melania padrona di casa a cena con senatori

WASHINGTON - Rara apparizione della first lady Melania Trump in una occasione ufficiale alla Casa Bianca ospitando da padrona di casa una cena con i senatori, sia repubblicani sia democratici. ''E' stato un grande piacere aprire le porte della Casa Bianca agli stImati membri del Senato degli Stati Uniti, insieme con consorti e ospiti'', ha detto intervenendo in apertura dell'evento.

05:54Trump: Clinton rompe silenzio,”su sanita’ vittoria di tutti”

WASHINGTON - ''Una vittoria per tutti gli americani''. Cosi' la ex candidata presidenziale Hillary Clinton ha descritto la mancata approvazione della legge sulla Sanita' dopo che i repubblicani non hanno trovato il consenso e quindi i voti necessari al Congresso provocando cosi' il fallimento della proposta appoggiata dalla Casa Bianca, e si tratta del commento 'piu' politico' che la ex segretario di Stato si e' concessa fino ad ora dopo la sconfitta di novembre con l'elezione di Donald Trump presidente.

05:49Trump a senatori a Casa Bianca, ‘spero in lavoro bipartisan’

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump riceve i senatori per una cena alla Casa Bianca e sembra lanciare un appello per un ''lavoro bipartisan'', su diversi temi, a partire dalla legge sulla Sanita'. ''So che troveremo presto un accordo sulla Sanita''', ha detto. ''Faremo un ottimo lavoro e speriamo comincera' ad essere anche bipartisan visto che vogliamo tutti la stessa cosa''.

05:28Trump, “perche’ fake news non su legami Podesta con Russia?”

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump torna su Twitter e, in quella che appare come una reazione agli sviluppi circa il 'Russiagate', scrive: ''Perche' le Fake News non parlano dei legami di Podesta con la Russia come riferito da @FoxNews o del denaro dalla Russia a Clinton - vendita di uranio?''.

Archivio Ultima ora