Da petrolio ad autostrade, gli sbocchi italiani in Iran

Pubblicato il 12 novembre 2015 da redazione

expo-iran

ROMA. – L’obiettivo è tornare ai 7 miliardi di interscambio con l’Iran raggiunti prima che scattassero le sanzioni e, per riuscire nell’impresa, l’Italia cerca di non farsi sfuggire le occasioni.

Prima i viaggi dei ministri degli Esteri, Paolo Gentiloni, e dello Sviluppo, Federica Guidi, quest’anno a Teheran, poi sabato e domenica prossimi la visita del presidente iraniano Hassan Rohani a Roma e, infine, alla fine di questo mese, la missione economica con il viceministro Carlo Calenda e Confindustria nella Repubblica islamica.

Ognuna di queste occasioni di incontro ufficiale fa da cornice a prese di contatto da parte delle aziende interessate a sbarcare, e in qualche caso a tornare, nel Paese asiatico, che con l’addio alle sanzioni si candida a diventare un mercato di grande interesse, forte dei suoi quasi 80 milioni di abitanti che hanno bisogno non solo di beni di consumo, ma anche di infrastrutture di ogni genere.

Il settore economicamente più rilevante è ovviamente quello del petrolio, dove il soggetto coinvolto al massimo livello è l’Eni. Il Cane a sei zampe sbarcò in Iran nel lontano 1957 e, da allora, ha messo a segno colpi importanti, ma le sanzioni hanno di fatto bloccato ogni sviluppo.

Per tornare, l’ad Claudio Descalzi aspetta la revisione del sistema contrattuale e l’effettiva uscita del Paese dalle sanzioni, nonché una soluzione, che appare ormai vicina, in merito agli 800 milioni di arretrati dovuti dalla compagnia statale Nioc.

In ogni caso, recentemente sarebbe già stato firmata una bozza di memorandum di intesa per l’espansione della cooperazione bilaterale nel campo delle perforazioni petrolifere con la National Iranian Drilling Company.

Tra gli altri settori di sicuro interesse, come è emerso nella missione di agosto scorso, spiccano le autostrade, l’alta velocità, l’ambiente, le rinnovabili, la meccanica, i materiali edili, l’automotive, il medicale, ma anche elicotteri, navi, servizi finanziari, gioielleria, pelletteria, food.

Un occhio particolare è riservato alle infrastrutture, come dimostra l’incontro tra il ministro Graziano Delrio e l’ambasciatore iraniano Jahanbakhsh Mozaffari, in previsione della visita che lo stesso Delrio farà a Teheran.

In ogni caso non sono solo le big, da Finmeccanica ad Ansaldo, da Fincantieri a Tecnimont, a dimostrare interesse per il Paese asiatico. Fortissimo è anche il coinvolgimento delle pmi: a 300 piccole e medie aziende, non a caso, sarà riservato un incontro specifico con Rohani domenica prossima a Roma.

Ultima ora

19:20Atalanta: a Clusone, 3-1 alla Giana

(ANSA) - BERGAMO, 23 LUG - L'Atalanta vince 3-1 a Clusone contro la Giana Erminio (Serie C), nella seconda e ultima amichevole in Valseriana, dopo i 15 gol al Brusaporto di mercoledì scorso a Rovetta, sede degli allenamenti nerazzurri. Nel primo tempo vantaggio ospite con Bonalumi (13') che insacca un angolo di Chiarello deviato da Perna, pari di Cornelius di testa (14') su cross di Orsolini e autogol di Sosio su un retropassaggio sbagliato al portiere (35'); nella ripresa chiude Vido, incornando l'assist di Spinazzola. A riposo Berisha, Rossi, Petagna, Schmidt, Eguelfi, Melegoni e Caldara, arrivato in ritiro solo ieri. Mercoledì 26 luglio alle 20,30 a Bergamo si disputerà il Trofeo Bortolotti contro il Lilla, l'indomani il trasferimento a San Gallo in Svizzera per la seconda fase della preparazione che culminerà con il test del primo agosto ad Altach (Austria) alle 19,30 contro il Bortussia Dortmund. Il 2 agosto (18) a Zingonia c'è il Novara, venerdì 11 il Trofeo Naranja al Mestalla di Valencia contro i padroni di casa.

19:15Russiagate: Kislyak esce di scena,concluso il mandato in Usa

(ANSA) - MOSCA, 23 LUG - Fine del mandato come ambasciatore russo negli Usa per Serghiei Kislyak, uno dei personaggi più implicati nel Russiagate. L'ambasciata russa con un tweet ha confermato che il suo lavoro è finito ieri. Il suo successore non è stato ancora nominato ufficialmente anche se ci si aspetta che sia Anatoly Antonov, vice ministro degli Esteri ed ex vice ministro della Difesa, considerato uno dell'ala dura rispetto agli Stati Uniti. Il primo consigliere della sicurezza nazionale del presidente Donald Trump, Michael Flynn, ha dato le dimissioni perché aveva mentito sui suoi contatti con Kilsyak. Le possibili interferenze della Russia nella campagna elettorale americana dello scorso anno sono al centro dell'inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller.

19:14Calcio: Fiorentina ufficializza, Milic all’Olimpiakos

(ANSA) - FIRENZE, 23 LUG - La Fiorentina ha ufficializzato la cessione a titolo definitivo di Hrovje Milic, classe '89, all'Olimpiakos. L'esterno croato lascia la squadra viola dopo una sola stagione, il suo addio frutterà circa 1,5 milioni di euro. In partenza anche Vecino (Inter), Kalinic (Milan) e Tatarusanu (Nantes) mentre tra martedì e mercoledì arriveranno i due acquisti francesi, il mediano Veretout dell'Aston Villa e il centrocampista offensivo del Nizza Eysseric. Per l'attacco i nomi più gettonati sono quelli di Zapata, Simeone, Nestorovski. Intanto la Fiorentina ha concluso la preparazione a Moena da cui è rientrata nel pomeriggio. Pioli ha concesso due giorni di riposo fissando la ripresa per mercoledì. Prossima amichevole sabato a Lisbona contro lo Sporting cui seguirà la tournée in Germania dove i viola affronteranno il 1° agosto l'Eintracht e il 6 il Wolfsburg dell'ex Mario Gomez.

19:12Libia: inviato Onu, martedì all’Eliseo Haftar e Sarraj

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - La riconciliazione della Libia passa per Parigi: martedì, a tre mesi dal primo faccia a faccia ad Abu Dhabi, i protagonisti della crisi libica il primo ministro Fayez Al Sarraj il generale Khalifa Haftar, su invito del presidente Emanuelle Macron, si incontreranno all'Eliseo alla presenza dell'inviato dell'Onu per la Libia Ghassan Salamè. E' lo stesso Salamè a confermarlo al Journal du Dimanache. L'indiscrezione sull'iniziativa libica del presidente francese era già circolata nei giorni scorsi su diversi quotidiani arabi, nonostante l'appuntamento non figuri sull'agenda ufficiale dell'Eliseo. "E' un nuovo tentativo perchè queste persone si parlino ed uniscano le loro forze per impedire che le metastasi dell'Daesh si ricostituiscano in Libia", ha dichiarato al Jdd un responsabile francese che si occupa del dossier libico.

19:04Gerusalemme: Alfano, appello alla moderazione e al dialogo

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Seguo con grande preoccupazione la spirale di tensione e violenza in atto a Gerusalemme e in tutta la Cisgiordania", ha dichiarato il ministro degli Esteri Angelino Alfano. "La morte di due poliziotti nella Città vecchia, quella di tre cittadini israeliani in Cisgiordania, così come l'uccisione di giovani palestinesi negli scontri - ha aggiunto il ministro - sono eventi tragici. Non esiste alcuna giustificazione per gli assassini né per la glorificazione della violenza. Ogni attacco terroristico, a prescindere da dove è compiuto, deve essere condannato. Pertanto, lancio un appello alla moderazione e al dialogo ed esorto tutte le parti coinvolte a collaborare e ad agire con responsabilità nella gestione della difficile situazione nella Città vecchia e ad adoperarsi per un'immediata riduzione delle violenze e per scongiurare ulteriori vittime".

18:50Calcio: Gold Cup, morsi a rivali,squalificati 2 salvadoregni

(ANSA) - MIAMI (USA), 23 LUG - Henry Romero e Darwin Ceren, come Luis Suarez, il bomber dell'Uruguay. I due difensori della nazionale di El Salvador sono stati squalificati dalla Concacaf per aver morso degli avversari durante la partita dei quarti di finale di Gold Cup di mercoledì scorso persa contro gli Usa, come fece il Pistolero con Chiellini nel match del Mondiale brasiliano. Il provvedimento è stato preso dalla commissione disciplinare della confederazione nord e centro americana dopo aver preso visione dei filmati. Così Romero ha preso 6 turni di squalifica, mentre 3 sono state date a Ceren. Il tutto per "comportamento antisportivo". Romero ha preso pena doppia perchè ha morso lo statunitense Altidore sia ad una spalle che sul petto, mentre Ceren ha fatto lo stesso a spese di Gonzalez, limitandosi a una spalla. "Sono sicuro che non sarà fiero di ciò che ha fatto", ha commentato Altidore dopo aver appreso della squalifica di Romero.

18:32Calcio: Vecino a un passo dall’Inter, domani attese visite

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - Matias Vecino è a un passo dall'Inter, tanto che il centrocampista potrebbe svolgere le visite mediche per il club nerazzurro già domani. L'Inter è decisa a versare i 24 milioni della clausola imposta dalla Fiorentina per regalare a Luciano Spalletti il secondo rinforzo, dopo Borja Valero a centrocampo. Vecino è il terzo acquisto per l'Inter in questo mercato, dopo il difensore Milan Skriniar e, appunto, Borja Valero.

Archivio Ultima ora