Delude la crescita dell’Eurozona, vicina una nuova spinta della Bce

Pubblicato il 13 novembre 2015 da redazione

eurozona

ROMA. – Tutti i timori di un rallentamento della crescita nell’Eurozona si sono materializzati nel terzo trimestre, alimentando le aspettative di nuove mosse più aggressive da parte della Banca Centrale Europea per rilanciare l’anemica ripresa europea.

Nel periodo luglio-settembre il Pil dell’Eurozona rallenta allo 0,3% dallo 0,4% del secondo trimestre, deludendo anche le attese degli analisti, che avevano stimato un rialzo dello 0,4%.

Tra le maggiori economie del blocco euro segna il passo soprattutto l’Italia, con una crescita dello 0,2% contro attese di un +0,3%, mentre crescono secondo le previsioni Germania (+0,3%) e Francia (+0,3%), con quest’ultima che accelera dopo una crescita piatta nel secondo trimestre.

A pesare sull’intera Eurozona è il rallentamento dei Paesi emergenti ed in particolar modo della locomotiva cinese.

Ed in questo quadro, ed in una Eurozona senza un vero governo economico, toccherà ancora una volta alla Bce togliere le castagne dal fuoco ai governi nazionali, rimettendo mano al suo arsenale.

Infatti il presidente Mario Draghi al Parlamento europeo ha rassicurato che Francoforte “non esiterà ad agire se dovessimo giungere alla conclusione che si sono materializzati rischi per i nostri obiettivi di stabilità”.

L’attesa è così per l’ultimo board del 2015 dell’Istituto centrale il prossimo 3 dicembre quando dovrebbe essere riesaminata la portata del quantitative easing, aprendo la strada al potenziamento del piano di acquisti di titoli in termini di ampiezza, composizione e durata.

Al momento Francoforte attraverso il Qe sta rastrellando titoli al ritmo di 60 miliardi di euro al mese e lo farà almeno fino a settembre 2016 nel tentativo di spingere la crescita e l’inflazione, con quest’ultima ben lontana dall’obiettivo Bce di tenerla sotto ma vicino al 2%.

Inoltre, Draghi potrebbe annunciare un nuovo taglio sui depositi, portando da -0,20% a -0,30% il tasso per tenere parcheggiata la liquidità nei forzieri di Francoforte.

La politica monetaria della Bce andrebbe dunque nella direzione opposta a quella della Federal Reserve, che sempre il mese prossimo dovrebbe annunciare una stretta sui tassi, aumentando il costo del denaro negli Usa per la prima volta dal 2006.

In questo scenario l’euro sui mercati valutari è sceso fino a 1,0726 dollari, avvicinandosi ai minimi dello scorso aprile.

(di Alfonso Abagnale/ANSA)

Ultima ora

20:39Pd: Marcucci, Renzi vince, chi lo insegue si dia pace

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "Renzi è largamente in testa nelle preferenze dei militanti. Chi insegue a grande distanza se ne faccia una ragione, lavori per il proprio programma, senza denigrare. Allo stato attuale, Renzi è il candidato reputato più in grado di far vincere il Pd dagli iscritti che votano nei congressi". Così in una nota il senatore dem Andrea Marcucci replica ai sostenitori delle mozioni Orlando ed Emiliano.

20:37Turchia: scontri con feriti davanti consolato Bruxelles

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAR - Una serie di scontri tra pro-Erdogan e oppositori curdi sono avvenuti davanti al consolato turco a Bruxelles. Lo riferisce l'agenzia Belga, secondo cui si è sviluppata una rissa con diversi feriti. Non si sa ancora se ci siano stati fermi o arresti e quante persone siano state coinvolte. E' comunque stata aperta un'inchiesta.

20:33Calcio: Bari, audio presunta combine Trapani, club denuncia

(ANSA) - BARI, 30 MAR - Il presidente del Bari Cosmo Giancaspro ha presentato una querela contro ignoti per calunnia e diffamazione in seguito alla diffusione in rete di un file audio di una persona non identificata che descriveva la partita Trapani-Bari (persa dai pugliesi 4-0 il 18 marzo scorso) come una gara combinata. L'audio ha poi generato forti polemiche sui forum del tifo biancorosso ed è stato commentato con durezza dal tecnico Stefano Colantuono: "Tutte invenzioni e cazz...". Alla denuncia è stato allegato il file audio in questione.

20:28Pd: Emiliano, con Renzi segretario elezioni già perse

(ANSA) - BOLOGNA, 30 MAR - "Il punto chiave lo ha detto anche oggi Andrea Orlando: se Renzi sarà il nostro segretario noi abbiamo già perso le elezioni. Per vincere le elezioni ed evitare governi improbabili bisogna che il Pd cambi la sua guida". L'ha detto il candidato alla segreteria del Pd, Michele Emiliano, arrivando a un appuntamento con i suoi sostenitori a Bologna. "Gli ultimi sondaggi ci danno molti punti sotto il Movimento 5 Stelle - ha aggiunto il governatore - sia al sud che al nord il Pd è fuori dalla cornice della fotografia degli italiani".

20:25Avvocato uccide cliente in studio legale

(ANSA) - ORIA (BRINDISI), 30 MAR - Un avvocato, Fortunato Calò, ha sparato con una pistola e ucciso un suo cliente. E' accaduto questo pomeriggio all'interno di uno studio legale di Oria. La vittima è Arnaldo Carluccio di Torre Santa Susanna, di 45 anni. A quanto ricostruito, subito dopo il fatto Calò avrebbe chiesto ai suoi colleghi di chiamare i carabinieri per consegnare l'arma e costituirsi. Sono numerosi i bossoli della cal. 9x21 utilizzata che sono stati trovati dai carabinieri all'interno dello studio. Il medico legale sta facendo una prima ricognizione necroscopica sulla vittima. Non è ancora chiaro il movente. I colleghi dei Calò avrebbero sentito che, poco prima degli spari, avvocato e vittima stavano discutendo per una pratica legale.

20:21Ppe:Berlusconi, in campo contro spostamento verso populismi

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "Tutti i leader che sono qui" al congresso del Ppe "sono contenti che ci sia ancora in Italia la mia presenza in campo per garantire che non ci sia uno spostamento verso partiti populisti". Lo afferma Silvio Berlusconi parlando a margine del congresso del Ppe a Malta.

20:19Pisapia,fare come Ulivo ’96, si accordò anche con Bertinotti

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "L'impegno mio e di Campo Progressista, è fare di tutto per far dialogare tutti i soggetti e le persone che credono o possono credere in un centrosinistra, con la speranza che si trovi quel minimo comune denominatore che ci porti a essere uniti". Lo ha detto Giuliano Piasapia a Cartabianca su Rai3. "Il Primo Ulivo - ha ricordato Piasapia - è stato fatto con un atto di desistenza di Prc dopo un atto di scissione dal Pci. Poi alla fine si è capito che era l' unico modo non solo per vincere ma anche per governare". Pisapia a detto di mirare a "un accordo con il Pd che unisca tutto il centrosinistra. Il Pd finora è stato costretto a fare accordi e mediazioni a destra, ora gli chiediamo di farli a sinistra. Non c'è dubbio che destra e sinistra non abbiano gli stessi valori" ha concluso il leader di Campo Progressista.

Archivio Ultima ora