Scuola: protesta in piazza, scontri e feriti a Napoli

Pubblicato il 13 novembre 2015 da redazione

Police officers face students and school workers as they take part in a nation-wide protests against an Italian government's school reform, in Milan, Italy, Friday, Nov.13, 2015. (ANSA/AP Photo/Luca Bruno)

Police officers face students and school workers as they take part in a nation-wide protests against an Italian government’s school reform, in Milan, Italy, Friday, Nov.13, 2015. (ANSA/AP Photo/Luca Bruno)

ROMA. – Lezioni saltate, traffico in tilt, cortei; e tensioni a Milano, Torino e Napoli dove ci sono stati feriti tra i manifestanti e tra le forze dell’ordine. La protesta del mondo della scuola contro la riforma Renzi è tornata in piazza. A organizzare sciopero e mobilitazioni uno schieramento di sindacati di base – Cobas, Unicobas, Anief, Cub Scuola e Usi – a cui la Buona scuola proprio non va giù.

Al centro delle critiche i metodi di valutazione degli insegnanti, la figura del “preside-padrone”, il sistema scuola-lavoro così come concepito dalla riforma ma anche le disparità di trattamento tra i precari e il mancato rinnovo del contratto. Assieme agli insegnanti hanno sfilato pure gli studenti che hanno aggiunto al cahier de doleances la loro indignazione contro i contenuti della legge di stabilità.

A Torino alcune centinaia di studenti delle Superiori hanno manifestato nel centro cittadino contro la riforma Renzi-Giannini; accesi fumogeni, imbrattati i muri di una banca e bersagliata da uova la sede del Miur mentre in piazza Castello è stata bruciata una bandiera del Pd che i manifestanti avevano portato con sé: “Un atto grave al pari di altri gesti di violenza che si stanno registrando in queste ore nei vari cortei” ha commentato Lorenzo Guerini, vicesegretario del Pd.

A Milano la protesta si è accesa soltanto nel momento in cui un gruppo di manifestanti ha deviato dal percorso prestabilito e ha provato a forzare il cordone di agenti nel tentativo di raggiungere gli uffici del Miur. Durante una carica di alleggerimento sono rimasti contusi un professore di 50 anni e una ragazza di 18.

Nella Capitale doppio appuntamento, davanti al ministero dell’Istruzione e poi, a Montecitorio. “No all’applicazione della legge 107, al preside-padrone che valuta, assume e licenzia” recitava il lungo striscione srotolato sulla scalinata del Miur mentre il leader dei Cobas, Piero Bernocchi, microfono in mano, ribadiva i motivi della protesta. Gli insegnanti sono stati raggiunti dal corteo degli alunni delle medie auto organizzati partito da piazzale Ostiense per poi dirigersi insieme (7.000 in piazza secondo il conteggio degli organizzatori) davanti al Parlamento.

Clima più esasperato a Napoli. Momenti di tensione tra manifestanti e forze dell’ordine hanno fatto registrare un bilancio di quattro giovani e quattro poliziotti feriti. “È intollerabile che a fare le spese di un corteo non autorizzato, come affermano fonti di polizia, siano le nostre forze dell’ordine che sono lì per fare il loro lavoro e tutelare i cittadini. Sono le vittime della furia ideologica” ha commentato Gioacchino Alfano, sottosegretario alla Difesa e coordinatore regionale in Campania del Nuovo Centrodestra, esprimendo solidarietà alle forze dell’ordine rimaste ferite nel corso dei tafferugli.

Due ragazzi, di 18 e 22 anni, dopo essere stati sottoposti a fermo di polizia giudiziaria sono stati rilasciati e denunciati a piede libero per resistenza, violenza e manifestazione non autorizzata.

Ultima ora

16:07Calcio: Zeman, contento che campionato finisca

(ANSA) - PESCARA, 27 MAG - "Sono contento che finisca il campionato anche se in parte è anche un dispiacere non giocare più. Nel prossimo anno dovranno cambiare molte cose. Sono tornato qui a Pescara pensando già al torneo del prossimo anno, sperando di fare qualcosa di positivo anche per i tifosi". Lo ha detto il trainer biancazzurro Zdenek Zeman, presentando l'ultima gara di campionato che il Pescara giocherà domani sera a Firenze. Zeman, proiettato già alla prossima stagione ha poi aggiunto: "Spero che non finiamo il mercato a agosto ma molto prima. Vorrei una squadra che si alleni, lavori e giochi insieme. Ci sono giocatori che ho segnalato. Non siamo una società molto ricca e dobbiamo adeguarci. Non so quanti giocatori di questa rosa possano rimanere. Ero convinto quando sono arrivato che ci si poteva salvare, poi ho capito di aver sbagliato. Come organico non siamo inferiori, ma mentalmente non eravamo all'altezza".

16:03Calcio: Sarri, Roma 8 rigori in più statisticamente illogico

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "La Roma ha avuto otto rigori più di noi. Noi e i giallorossi siamo le squadre che giocano più palloni nelle aree avversarie, quindi statisticamente questo dato è incomprensibile". Lo ha detto l'allenatore del Napoli Maurizio Sarri rispondendo in conferenza stampa ai cronisti che gli chiedevano se sul terzo posto avessero pesato di più gli infortuni o i 14 rigori fischiati alla Roma. "Alcuni di quei rigori - ha aggiunto Sarri - sono stati ininfluenti, altri invece hanno portato punti. Bisognerebbe vedere episodio per episodio e magari può essere giusto, ma statisticamente mi sembra illogico".

16:03Per sbaglio spara al figlio, gravissimo

(ANSA) - BERGAMO, 27 MAG - Ha sparato accidentalmente al figlio, ferito alla testa e ora in fin di vita, durante una battuta di caccia al tasso. L'episodio questa mattina sulle colline di Villa d'Adda, nel Bergamasco: il genitore, 58 anni, imbracciava una carabina e si trovava da ieri sera in una zona di vigneti con i due figli. All'improvviso gli è partito il colpo, che ha centrato uno dei figli, di 34 anni, alla testa. Immediato l'allarme: sul posto l'elisoccorso del 118, con il quale il giovane è stato trasferito all'ospedale Manzoni di Lecco. Le sue condizioni sono gravi.

15:48Papa a Genova: 3000 in festa al santuario della Guardia

(ANSA) - GENOVA, 27 MAG - Circa 3000 giovani festanti hanno accolto Papa Francesco al santuario della Madonna della Guardia sulle alture di Genova. Sono giovani delle parrocchie e dei gruppi scout di tutta la provincia di Genova e hanno marciato per circa 4 km per raggiungere il santuario. Tra loro anche 135 persone che parteciperanno a un pranzo privato col Papa nella sala del Caminetto al santuario. Tra loro rifugiati, tra i quali i nove residenti della casa famiglia 'papa Giovanni' che sorge presso il santuario, una ventina di detenuti e un gruppo di senza tetto assistiti da associazioni di volontari. I ragazzi hanno accolto il Papa con 22 cartelli a comporre la scritta 'ti vogliamo un mare di bene'. Al pranzo anche una bimba di otto mesi, Agnese, con la madre, una migrante. Per la piccola predisposto un seggiolone. Ai giovani il Papa ha parlato creando un neologismo: Ha detto 'Non siate turisti, andate a missionare". E parlando dei migranti ha detto: "L'italia è generosa con loro, altri no".

15:44Calcio: Vecchi, Spalletti è uno dei migliori sulla piazza

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "Spalletti ha iniziato benissimo vincendo in C e in B, ha fatto bene ovunque e ha dimostrato chi è anche a Roma: è uno dei migliori sulla piazza". Lo afferma Stefano Vecchi, il tecnico della Primavera dell'Inter promosso in prima squadra fino al termine della stagione per il dopo-Pioli, sposa la scelta del club nerazzurro, ma mette in guardia il suo successore: "Chiunque arriverà, dovrà ridare entusiasmo e certezze a dei giocatori che hanno preso delle bastonate, trasmettendo la cultura del lavoro, fondamentale per i risultati". Vecchi, alla vigilia dell'ultima partita di campionato contro l'Udinese, ammette che alcuni giocatori non meritano di vestire la maglia dell'Inter, ma non fa nomi perché "sono valutazioni che farà il nuovo allenatore". Poi spiega: "Qualcuno si è tirato un po' indietro rispetto ad altri, ma non mi posso lamentare del gruppo per le gare con Sassuolo e Lazio. Joao Mario e Gabigol? Ho condiviso i provvedimenti della società: quanto accaduto a Roma non era mai successo prima".

15:43Calcio: Sarri, sorpasso difficile ma obbligati a provarci

(ANSA) NAPOLI, 26 MAG - "Il sorpasso sulla Roma? Abbiamo l'obbligo di provarci, dobbiamo andare a vincere e poi aspettare. Le possibilità non sono molte ma noi ci proviamo". Lo ha detto Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro la Sampdoria che chiude la stagione del Napoli "Stiamo bene mentalmente e fisicamente - ha detto Sarri - i dati dell'ultima partita sono in linea con migliori dati stagionali e questo raramente succede a fine maggio. Credo che se ci fossero altre cinque-sei partite le nostre chances sarebbero tante".

15:40F1: Monaco, pole Ferrari, prima Raikkonen poi Vettel

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Sarà una prima fila tutta Ferrari quella del Gp di Monaco a Montecarlo. La pole position è stata ottenuta dai finlandese Kimi Raikkonen, il secondo miglior tempo è stato invece quello del tedesco Sebastian Vettel. Terzo tempo, e quindi seconda fila, per il finlandese della Mercedes Valtteri Bottas, quarto l'olandese Max Verstappen su Red Bull.

Archivio Ultima ora