Governo conferma Pil +0,9%, il dato dell’Istat sarà rivisto

Pubblicato il 13 novembre 2015 da redazione

PIL

ROMA. – Nessuno lo nasconde. Il dato dell’Istat ha deluso le aspettative. Ma il governo conferma le previsioni di una crescita annuale allo 0,9%. E il ministero dell’Economia spiega, dati alla mano, che il Pil trimestrale è probabilmente sottostimato. Non coglie ancora, ad esempio, l’andamento dei ”servizi”, che nei mesi estivi ha visto il turismo e i trasporti segnare decisi incrementi.

”Il dato del Pil diffuso dall’Istat è un po’ deludente ma non pregiudica gli obiettivi annuali del Tesoro”, sintetizza all’Ansa il direttore generale del dipartimento di Analisi Economica e Finanziaria del ministero dell’Economia, Riccardo Barbieri. E’ il capo economista del Tesoro e passano per la sua scrivania tutti i dati che poi si concretizzano nelle stime del Def.

Dopo i dati dell’Istat ha preso un semplice foglio di calcolo e verificato che, per centrare il target, servirà ”un robusto quarto trimestre, con una crescita dello 0,43% congiunturale”. Un risultato a portata di mano visto ”lo stupefacente” dato della fiducia dei consumatori e delle imprese a tutto ottobre, che potrebbe ripetersi nei due ultimi mesi dell’anno.

Il Tesoro è convinto che il dato Istat, che è destagionalizzato, non colga alcuni aspetti della ripresa. Il primo è un dato tecnico. Tra luglio e settembre ci sono stati quattro giorni festivi. Il dato trimestrale li considera, ma – poichè cadono in un periodo di ferie – Barbieri si attende che questo emergerà, con un impatto positivo, sul dato annuale ”grezzo” che arriva a febbraio e che è quello su cui il governo fa le stime.

Ci sono poi i segnali di ripresa, forti, che arrivano dal settore servizi e dei quali la stima del Pil Istat non ha ancora potuto tener conto. ”E’ il fatturato dei servizi – spiega Barbieri – che viene diffuso a fine mese”.

In questo settore il tesoro ha visto gli andamenti ”più dinamici”. Si parla di turismo e trasporti. Gli ultimi dati di Federalberghi ha registrato un +3,5% di presenze estive, i caselli autostradali hanno visto passare più vetture e anche l’Expo, soprattutto nelle ultime settimane, ha visto crescere esponenzialmente i visitatori.

”Crediamo che la prima stima sarà aumentata a +0,3%, come è avvenuto nei due precedenti trimestri”, si spinge a prevedere l’ economista del Tesoro.

E’ il concetto che ripete poco dopo anche Renzi che però, è noto, appare allergico agli zero virgola. ”Sono tre trimestri che cresciamo ma dobbiamo fare molto di più. Saremo felici quando il Pil è al 2%”. Le insidie alla felicità da ripresa potrebbero solo arrivare dall’esterno perchè, un po’ ovunque, ”la ripresa economica è lenta”.

C’è l’impatto della frenata della Cina e del Brasile ma anche la caduta delle esportazioni in Russia (per l’embargo su molti prodotti), il rallentamento dei paesi Opec. Ma i consumi interni vanno bene e cosi, anche se il dato Istat non è stato entusiasmante ”non pregiudica gli obiettivi contenuti nelle stime annuali del governo”.

Anche sui conti pubblici: ”anche su questo fronte – spiega Barbieri – siamo on track, sulla strada, per raggiungere gli obiettivi prefissati”.

(di Corrado Chiominto/ANSA)

Ultima ora

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

15:16Calcio: Torino, Ansaldi operato a Monaco,intervento riuscito

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - E' "perfettamente riuscito" l'intervento di sports Hernia, l'ernia dello sportivo, a cui è stato sottoposto Cristian Ansaldi. Il difensore del Torino, che ha anticipato l'intervento già previsto per giugno approfittando dalla lesione muscolare alla lesione destra che comunque l'avrebbe tenuto fuori fino al 2018, è stato operato dalla professoressa Ulrike Mushawech alla Atos Klinik di Monaco di Baviera. Era presente anche il responsabile sanitari del club granata, Rodolfo Tavana. Nei prossimi giorni, informa il club, Ansaldi verrà dimesso e tornerà a Torino dove lavorerà con lo staff medico granata per riprendere l'attività sportiva. I tempi per il recupero all'attività agonistica non sono stati resi noti.

15:15Calcio: Udinese, Oddo “a Napoli per passare il turno”

(ANSA) - UDINE, 18 DIC - "Non sottovalutiamo l'impegno di Coppa, andiamo a Napoli per vincere, per passare il turno. Se poi saranno più bravi di noi...". Il proclama arriva dal tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, nella conferenza stampa della vigilia in vista della gara degli ottavi di coppa Italia a Napoli, che riporta i bianconeri di fronte alla capolista, dopo il successo di sabato con l'Inter. Una gara preparata "questa mattina", con un occhio al prossimo impegno di campionato sabato con l'Hellas Verona che porterà un inevitabile turnover: "Ci sono due partite in una settimana, quindi è normale provare a gestirle, con i pro e i contro, a prescindere contro chi giochi. Qualcuno ha bisogno a livello fisico di recuperare, chi va in campo va a cogliere una opportunità importante", ha aggiunto annunciando che in porta giocherà Scuffet e con gli uomini contati in difesa ne confermerà "due su tre".

15:13Romania: migliaia in piazza contro riforma giustizia

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 DIC - In Romania migliaia di persone hanno nuovamente manifestato ieri sera in varie città del Paese contro la riforma del sistema giudiziario varata dal governo del premier socialdemocratico Mihai Tudose, accusata di minare lo stato di diritto e vanificare la lotta alla corruzione dilagante. Nella capitale Bucarest circa 5 mila persone hanno percorso in corteo il centro della città partendo dalla sede del governo e raggiungendo il parlamento, dove oggi è in programma una seduta dedicata all'esame della legge contestata. "Vogliamo giustizia, non corruzione", "Governo covo di ladri", hanno scandito i manifestanti che hanno sfidato il maltempo e il freddo intenso. Proteste popolari si sono registrare in diverse altre città quali Timisoara, Cluj, Brasov.

15:10Germania: parenti vittime Amri da Merkel, assenti Di Lorenzo

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I parenti delle vittime dell'attentato del mercatino di Natale di Berlino incontrano stamattina la cancelliera Angela Merkel, a un anno dalla tragedia che li ha colpiti. Non ci saranno, però, i parenti di Fabrizia Di Lorenzo, che non verranno nella capitale tedesca neppure domani per la commemorazione ufficiale, nella data del primo anniversario. I Di Lorenzo, come i familiari delle altre 11 vittime di Anis Amri, il tunisino che travolse la folla nella Breitscheidplatz con un camion, hanno firmato una lettera aperta alla Merkel, criticando la gestione complessiva dell'accaduto e rimproverandole, fra l'altro, di non aver porto loro le condoglianze personalmente, in un anno. La settimana scorsa, il delegato per i familiari delle vittime Kurt Beck ha reso pubblico un rapporto in cui con le denunce dei parenti delle vittime sulle tante mancanze del sistema, si faceva autocritica.

15:05Di Maio, se si farà referendum sull’Euro voto per l’uscita

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Se si dovesse arrivare al referendum, che però io considero una 'extrema ratio', è chiaro che io voterei per l'uscita, perché significherebbe che l'Europa non ci ha ascoltato. Ma io vedo oggi una opportunità dall'Europa". Lo ha detto a L'aria che tira, su La7, il candidato premier di M5s Luigi Di Maio, rispondendo alla domanda su come voterebbe in caso di referendum per l'uscita dell'Italia dall'Euro.

Archivio Ultima ora