Francia sotto attacco: l’anno orribile del Paese in prima linea contro il jihad

Pubblicato il 13 novembre 2015 da redazione

Police officers and rescue workers gather around a victim outside a Paris restaurant, Friday, Nov. 13, 2015. (ANSA/AP Photo/Thibault Camus)

Police officers and rescue workers gather around a victim outside a Paris restaurant, Friday, Nov. 13, 2015. (ANSA/AP Photo/Thibault Camus)

ROMA. – Torna l’incubo terrorismo a Parigi. Almeno 60 le vittime in 6 sparatorie e 3 esplosioni che hanno sconvolto la capitale. Ci sarebbero poi circa 100 persone prese in ostaggio nella sala concerti Bataclan nel XI arrondissement, vicino alla sede di Charlie Hebdo. Uno sparatore sarebbe stato colpito.

Gli assalitori “sono ancora in strada, tornate a casa”. Con queste parole la polizia francese sta evacuando le strade attorno ai luoghi dove si sono verificate le sparatorie di stasera. A Parigi, è stato attivato il piano “rosso alfa”, un piano d’urgenza destinato a portare soccorso in modo coordinato ad un numero elevato di vittime in caso di “attentati multipli”. Una nuova sparatoria è in corso a Les Halles, nel cuore di Parigi.

Tre granate contro lo Stade de France dove ci sono almeno 40 vittime e da dove è stato fatto evacuare il presidente Hollande. Panico allo Stade de France al termine della partita amichevole Francia-Germania: gli spettatori sono stati invitati a uscire dalle porte dell’impianto rimasto aperto, ma nella completa confusione diverse migliaia sono rimaste ferme sul terreno di gioco, impaurite dalle notizie sugli attentati attorno all’impianto.

Una sparatoria è avvenuta al Bataclan, una nota sala di concerti nell’XI arrondissement, non lontano dalla sede di Charlie Hebdo. Secondo testimonianze riportate da radio e tv almeno 50 colpi sono stati sparati nei pressi del teatro e 100 persone sono prese in ostaggio. Testimoni della presa di ostaggi alla sala da concerti Bataclan di Parigi ha parlato – in lacrime – di uno dei terroristi che gridava “Allah u Akbar”, “Allah è grande”. Lo riferiscono i media francesi.

Una sparatoria a colpi di kalashnikov a causato la morte di diverse persone in un ristorante del decimo arrondissement di Parigi. Almeno sette le persone che sono rimaste ferite. Una terza sparatoria ha avuto luogo sulla rue de Charonne, nell’XI arrondissement di Parigi. Dodici persone sono a terra: è quanto riferisce I-Télé parlando di vittime.

Continua l’annus horribilis della Francia nel mirino del terrorismo islamico: si è aperto con la strage di Charlie Hebdo ed è continuato con attentati sventati, chiese cattoliche nel mirino e l’episodio del Tgv. Ora le sparatorie coordinate nella capitale nonostante un dispositivo di massima allerta sempre dispiegato su tutto il territorio.

Come emerso nei mesi scorsi, ad operare sono cellule legate alla jihad ma anche “lupi solitari”, in una nebulosa che sembra di volta in volta sfuggire ai servizi segreti. In gennaio c’erano stati i 12 morti nella redazione del mensile satirico Charlie Hebdo e la presa di ostaggi nel supermercato kosher, entrambe concluse con l’uccisione degli attentatori (i fratelli Cherif e Said Kouachi e il loro fiancheggiatore Amedy Coulibaly che ha ucciso 4 persone prima di essere ucciso).

Il primo ministro Manuel Valls aveva parlato però di altri “cinque attentati” sventati annunciando l’arresto di Sid Ahmed Ghlam, studente parigino sospettato di un imminente attentato contro una chiesa della banlieue parigina, in nome dell’islam più radicale.

In febbraio, un altro allarme: tre militari di servizio davanti a un sito della comunità ebraica di Nizza vengono aggrediti con un coltello dal francese di origine africana Moussa Coulibaly. Poi l’attentato sventato con l’arresto dello studente di informatica Sid Ahmed Ghlam, trovato in possesso di un arsenale di guerra e pronto ad attaccare chiese di Villejuif, banlieue di Parigi.

Anche se poi si appurò che il movente era personale, in giugno la decapitazione di un imprenditore nella banlieue di Lione ha fatto salire ulteriormente la tensione nel Paese dato che a compiere l’azione era stato un uomo di origini arabe con messinscena tipica della jihad.

Lanciando l’allarme per tutti treni d’Europa, in agosto un marocchino aprì il fuoco su un Tgv: l’attentatore fu placcato da tre americani che col loro coraggio evitarono quella che poteva essere una strage. Secondo il ministero dell’Interno, poco meno di 2.000 francesi sono legati a organizzazioni coinvolte nella “guerra santa” islamica o nelle organizzazioni radicali in Siria o in Iraq.

Dopo gli attentati di quest’anno, la Francia ha disposto la massima allerta sul territorio, con il dispiegamento del piano di prevenzione del terrorismo Vigipirate al suo massimo grado. Proprio mercoledì era stato annunciato l’arresto di un uomo a Tolone, nel sud della Francia, prima che sferrasse un attacco contro militari francesi in nome della jihad.

Del resto esperti di geopolitica e 007 sono d’accordo che con l’operazione lanciata in Siria la Francia non mirava ad arginare l’esodo di profughi né a rafforzare la coalizione anti-Isis: il motivo è quello di neutralizzare un gruppo preciso di combattenti che starebbe preparando attentati devastanti sul territorio francese. Pare siano stati confermati nelle loro analisi.

Ultima ora

17:40Calcio: Buffon “Juve-Napoli spot, guai perdersi in miserie”

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - "Il Napoli è una delle migliori espressioni di calcio a livello internazionale". Capitan Buffon parla così dei partenopei alla vigilia della doppia sfida del San Paolo. "Grandi meriti vanno all'allenatore e ai giocatori - dice il capitano bianconero ai microfoni di Sky Sport - credo però che la consacrazione possa arrivare coniugando bel gioco a risultati concreti". "Affronteremo un Napoli temibile con il giusto entusiasmo e con l'attenzione che merita una grande squadra", aggiunge il portiere. Dopo le polemiche delle ultime settimane, i toni si stanno abbassando, grazie anche alle parole concilianti di Sarri nei confronti di Higuain: "Quelle parole gli fanno onore, ma poi c'è una partita da giocare, un dopo-partita da gestire. Napoli-Juventus è uno spot troppo importante per perderci in questioni misere o piccole, che non fanno il bene di nessuno".

17:36Migranti: Boschi, orgogliosa per legge su minori

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Un'altra legge giusta, la legge sui minori non accompagnati. Giusta e umana. Orgogliosa del lavoro che stiamo facendo". Così il sottosegretario alla Presidenza, Maria Elena Boschi, commenta su Twitter l'approvazione della legge sui minori stranieri non accompagnati.

17:29Brexit: Alfano, diritti assicurati per italiani in Gb

(ANSA) - LONDRA, 29 MAR - "Ho avuto dal collega Boris Johnson l'assicurazione piena per i diritti degli italiani residenti nel Regno Unito e che non avranno nulla da temere sul tema dei diritti, della permanenza e delle modalità di vivere". Lo ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano dopo un incontro a Londra con Johnson. "E' una buona notizia nel giorno in cui parte un negoziato (sulla Brexit) che sarà comunque su altro" rispetto al tema dei diritti degli italiani.

17:27Segretario Ps scomunica Valls, fuori chi sta con Macron

(ANSA) - PARIGI, 29 MAR - "Chi sta con Macron non è più nel Partito socialista": Jean-Christophe Cambadelis, segretario del Ps francese, lacerato fra chi vota Benoit Hamon, e chi gli volta le spalle a favore di Emmanuel Macron, lancia la "scomunica". In una lettera ai militanti del partito, citata da Bfm Tv, Cambadelis ha messo in guardia tutti coloro che volessero seguire l'esempio dell'ex premier Manuel Valls: "La nostra posizione è semplice: Hamon è il candidato uscito dalle primarie, legittimato da una convention unanime. Quelli che sono andati con En Marche (il il movimento creato da Macron) non sono quindi più nel Partito socialista".

17:22Terremoto: sindaco Norcia, tutto mondo veda fioritura

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 29 MAR - "Se il problema della semina è stato risolto, adesso dobbiamo porci l'obiettivo di far vedere a tutto il mondo lo spettacolo della fioritura di Castelluccio di Norcia": a dirlo è il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno. "Siamo soddisfatti per la soluzione individuata che consente agli agricoltori di seminare la lenticchia e permette loro di salire e scendere quotidianamente per una ventina di giorni a Castelluccio. Ora dobbiamo fare di tutto perché la viabilità per il borgo venga riaperta al più presto a tutti", ha aggiunto il sindaco che si pone la "metà di giugno come data utile per riportare migliaia di turisti nella piana tanto famosa". (ANSA).

17:07Editoria: Grasso, si trovi soluzione su agenzie

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "C'è stata tensione tra le agenzie di stampa e il Governo sul rinnovo dei contratti dei servizi di abbonamento della P.A, una tensione che ha condotto sabato scorso allo sciopero generale dei sindacati dei giornalisti dell'informazione primaria. È necessario trovare una soluzione soddisfacente". Lo ha detto il presidente del Senato Grasso intervenendo alla presentazione dell'Osservatorio sul giornalismo a palazzo Giustiniani.

17:06Valanga: slavina sopra Courmayeur, due in ospedale

(ANSA) - AOSTA, 29 MAR - Sette freerider francesi sono stati travolti da una valanga nella zona del Toula, lungo un itinerario in fuoripista sopra Courmayeur. Due di loro sono stati trasportati in ospedale ad Aosta con l'elicottero, gli altri cinque risultano illesi. Sul posto è intervenuto il soccorso alpino valdostano. Non risultano dispersi. (ANSA).

Archivio Ultima ora