Italia cresce sotto le attese. Renzi, bisogna fare molto di più

Pubblicato il 13 novembre 2015 da redazione

Operai a lavoro in una fabbrica tedesca. ANSA

Operai a lavoro in una fabbrica tedesca. ANSA

ROMA. – L’Italia cresce meno delle attese e a un ritmo più lento rispetto ai primi mesi dell’anno. Tra luglio e settembre l’Istat stima un Pil al +0,2%, sotto il dato del trimestre precedente e le aspettative degli analisti (+0,3%). Lo stesso premier Matteo Renzi sperava in quel decimo di punto in più ma comunque, dice, “abbiamo rimesso in moto la macchina”.

Ora l’attenzione si concentra sugli ultimi tre mesi dell’anno, che decideranno di tutto il 2015. Tra gennaio e settembre abbiamo messo in cascina una crescita dello 0,6%, un valore che non permette di riposare sugli allori se si vuole centrate l’obiettivo del Governo, chiudendo l’anno a +0,9%.

Serve quindi un’accelerazione e le leve su cui poter contare sono quattro: il Natale, un nuova spinta da parte della Bce, un export più favorevole e magari anche una correzione al rialzo del trimestre appena archiviato. Intanto l’agenzia S&P definisce la ripresa italiana “modesta”, precisando che ‘l’outlook’ stabile è legato all’avanzamento delle riforme.

La stima flash dell’Istat ha di certo raffreddato gli entusiasmi. Le aspettative degli analisti e dello stesso Istituto di statistica indicavano una crescita più robusta. A frenare il Pil è stato anche e soprattutto l’export, in particolare non tirano più i mercati fuori dai confini europei, come Cina e Russia. Inoltre anche la locomotiva tedesca non aiuta come prima (il Pil si ferma al +0,3%).

E infatti se l’Italia ha comunque registrato un +0,2% è tutto merito del mercato nazionale, con consumi e investimenti in positivo. Ma la spinta interna non è bastata a compensare il dato negativo delle esportazioni, che si sono trasformate da ancora di salvezza in zavorra. E il risultato finale per gli analisti mette ha repentaglio il raggiungimento del target del Governo.

“E’ probabile che la crescita annua dello 0,9% non si realizzi”, sottolinea Loredana Federico di Unicredit, mentre Paolo Mameli di Intesa SanPaolo lo giudica “ottimistico”. Ma per il capo economista del ministero dell’Economia, Riccardo Barbieri, il dato “non pregiudica gli obiettivi”. Giocherebbero a favore questioni tecniche e una possibile revisione in aumento (da +0,2% a +0,3%), grazie alla spinta di Expo e turismo (non colta appieno dalla stima dell’Istat).

Occhi puntati quindi al prossimo primo dicembre quando l’Istituto di statistica rilascerà il dato definitivo sul Pil del terzo trimestre. Per Nomisma il carburante alla ripresa potrebbe arrivare dalle “vendite di Natale”.

E non indifferente sarà l’evoluzione degli scambi con l’estero, su cui ha il suo peso il cambio euro/dollaro e le decisioni che a dicembre prenderà la Banca centrale europea. D’altra parte non è solo l’Italia a stare sotto le aspettative, anche l’eurozona segna il passo (nel terzo trimestre il Pil non va oltre +0,3%), con l’inflazione che resta ancora molto bassa (da noi è allo 0,3%).

Tuttavia c’è chi dopo lo stallo tenta il riscatto, è il caso della Francia. Lo stesso cercherà di fare l’Italia nel quarto trimestre. “Bisogna fare molto di più”, esorta Renzi che sottolinea: “Saremo felici quando il Pil sarà vicino al 2%”. Comunque il premier invita a non trascurare il +0,9%, terzo trimestre 2015 su terzo trimestre 2014, il miglior dato da oltre quattro anni.

Spostando lo sguardo sugli osservatori internazione, S&P, conferma per l’Italia un rating BBB-, con un outolook stabile, posto che il Governo “continuerà ad attuare riforme”. Ma a riguardo non ci sono poi tanti dubbi, dato che, spiega l’agenzia di rating, Renzi è “determinato ad andare avanti”.

Di sicuro però serve pazienza, per S&P il Pil reale italiano non tornerà ai livelli pre crisi fino all’inizio del 2024. E poi c’è il debito pubblico, che è ancora visto come un macigno e gli ultimi dati della Banca d’Italia non incoraggiano (+7,0 miliardi) anche se si resta sotto i livelli record.

  • Andrea Carloni

    Non me
    la prendo con le teste di caciucco che ci governano. Son teste di
    caciucco e difficilmente diventeranno degli statisti da ricordare nei
    secoli, ma me la prendo con quelle tantissime teste di caciucco degli
    italiani che credono alle balle di (alcune?) teste di caciucco che ci
    governano che vorrebbero far passare la tesi che la lieve e debole
    ripresa sia tutto merito loro. Dollaro (debole), petrolio (a prezzi
    bassissimi) e Q.E. (con quantità spropositate di soldi elargiti a
    piene mani da Draghi) sono i fattori fondamentali, che assieme ad
    alcuni altri fattori “accidentali”, hanno prodotto una
    sorta di ripresina che da un momento all’altro potrebbe sparire.
    Renzi e C. dovrebbero togliersi dai piedi, ma il problema è: e al
    loro posto chi ci mettiamo? Berlusconi? Ormai puzza come il pesce di
    5 gg.. Salvini? I montanari devono restare fra i loro monti (anche se
    qualcosa di buono, come idee, possono avere). Grillo e C.? Con tanti
    dubbi, ma forse è l’unico che potrebbe cominciare ALMENO a far
    pulizia nella corruzione polito-mafiosa. Bah, non vedo nessuno in
    grado di giudarci.

Ultima ora

11:48Canoa: slalom, da giovedì gli Europei

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - Dopo l'esaltante weekend per la canoa italiana, con le 5 medaglie di bronzo della paracanoa e l'argento conquistato da Susanna Cicali e Francesca Genzo nella finale del K2 200 in coppa del mondo a Szeged, in Ungheria, è tempo nuovamente di tornare in acqua. A farlo saranno in questo weekend gli specialisti della canoa slalom impegnati nei campionati europei assoluti in programma a Tacen, in Slovenia, tra le acque del fiume Sava. Dieci i canoisti italiani in gara, guidati dai direttori tecnici Daniele Molmenti e Ettore Ivaldi: nel K1 maschile spazio a Giovanni De Gennaro - che ha gareggiato alle Olimpiadi di Rio 2016 - Zeno Ivaldi e Jakob Weger. Nel C1 toccherà a Raffaello Ivaldi, Roberto Colazingari e Stefano Cipressi. Nel C2 in azione Pietro Camporesi e Niccolò Ferrari mentre nel kayak femminile saranno due le italiane al via: Stefanie Horn e Clara Giai Pron.

11:29Fondi rappresentanza Durnwalder, attesa sentenza appello

(ANSA) - BOLZANO, 30 MAG - E' attesa in giornata in tribunale a Bolzano la sentenza del processo d'appello sui fondi di rappresentanza dell'ex governatore altoatesino Luis Durnwalder. In prima istanza era stato assolto dall'accusa di peculato, ieri il pm ha chiesto una condanna a due anni e mezzo. "Ho amministrato questa provincia sempre rispettando le leggi e sempre con il buonsenso", ha detto questa mattina l'ex presidente durante una dichiarazione spontanea in tribunale. "E' incomprensibile per me che ora, che sono andato via, tutto sarebbe stato sbagliato. Casomai lo potevano dire prima", ha aggiunto. Durnwalder ha difeso i contributi dati da lui "a qualche associazione di volontariato, a qualche vedova e a qualche bambino in difficoltà". "Ci sono - ha aggiunto - casi singoli dove la legge non arriva, dove uno deve dare un segnale di solidarietà. L'ho fatto perché la mia amministrazione non si è mai basata esclusivamente sulle parole, ma ha sempre agito anche con il cuore", ha concluso l'ex governatore.

11:21Calcio: Berlusconi, contro Real Madrid ‘forza Juventus’

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - "Io per antica educazione voluta da mio padre ho sempre tifato Inter quando era impegnata con altre squadre o in match internazionali. E la stessa cosa farò, sapendo di suscitare dispiacere a qualcuno, con la Juventus che incontrerà il Real Madrid. Forza Juventus". Così Silvio Berlusconi prima di ricevere il premio Rosa Camuna insieme a Massimo Moratti da parte del presidente della Lombardia, Roberto Maroni.

11:18L.elettorale: Berlusconi, fosse per me sbarramento 8%

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - Alcuni giornali "hanno sostenuto che Berlusconi è in disaccordo con la soglia di sbarramento del 5 per cento: è esattamente il contrario, fosse per me la porterei all'8 per cento": lo ha detto stamani Silvio Berlusconi alla cerimonia per la consegna della Rosa camuna in Regione Lombardia.

11:18Alfano, impazienza Pd costerà miliardi all’Italia

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "In questo momento così delicato non si vota per la legge elettorale, ma si vota lo scioglimento delle Camere e io non capisco l'impazienza del Pd di portare l'Italia al voto tre o quattro mesi prima in piena legge di stabilità. Rivolgo un appello al Pd prima della loro Direzione: pensino all'Italia e al danno che questa impazienza di rientrare a Palazzo può fare all'economia". Lo ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano, a margine di una conferenza alla Farnesina.

11:11Quindicenne uccide coetaneo e si costituisce a carabinieri

(ANSA) - MILETO (VIBO VALENTIA), 30 MAG - Un quindicenne è stato arrestato la notte scorsa dai carabinieri di Mileto per l'omicidio di un suo coetaneo, F.P.L., avvenuto nella tarda serata di ieri in località Calabrò. La vittima sarebbe stata uccisa con un colpo di pistola al culmine di una lite. Dopo il delitto il ragazzino si è costituito in caserma indicando il luogo del ritrovamento del cadavere. Al momento non è stato ancora chiarito il movente del delitto. Il giovane, assistito dai suoi legali, è attualmente sotto interrogatorio. Il padre ed i fratelli dell'autore del delitto sono stati arrestati nell'operazione Stammer condotta nel gennaio scorso dalla Guardia di finanza di Catanzaro, coordinata dalla Dda, contro un narcotraffico gestito dalle cosche di 'ndrangheta del vibonese. Al momento, secondo quel poco che è trapelato, il delitto non sarebbe comunque legato a vicende criminali.

11:08Calcio: Milan, visite mediche per Kessie

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - Giornata di visite mediche per Franck Kessie, il centrocampista ivoriano in procinto di trasferirsi dall'Atalanta al Milan. Verso le 9 Kessie si è presentato alla clinica La Madonnina, nel centro di Milano, per sostenere i consueti controlli medici, poi domani sono previsti i test atletici a Milanello, ultimo step prima della firma del contratto con il club rossonero.

Archivio Ultima ora