Italia cresce sotto le attese. Renzi, bisogna fare molto di più

Pubblicato il 13 novembre 2015 da redazione

Operai a lavoro in una fabbrica tedesca. ANSA

Operai a lavoro in una fabbrica tedesca. ANSA

ROMA. – L’Italia cresce meno delle attese e a un ritmo più lento rispetto ai primi mesi dell’anno. Tra luglio e settembre l’Istat stima un Pil al +0,2%, sotto il dato del trimestre precedente e le aspettative degli analisti (+0,3%). Lo stesso premier Matteo Renzi sperava in quel decimo di punto in più ma comunque, dice, “abbiamo rimesso in moto la macchina”.

Ora l’attenzione si concentra sugli ultimi tre mesi dell’anno, che decideranno di tutto il 2015. Tra gennaio e settembre abbiamo messo in cascina una crescita dello 0,6%, un valore che non permette di riposare sugli allori se si vuole centrate l’obiettivo del Governo, chiudendo l’anno a +0,9%.

Serve quindi un’accelerazione e le leve su cui poter contare sono quattro: il Natale, un nuova spinta da parte della Bce, un export più favorevole e magari anche una correzione al rialzo del trimestre appena archiviato. Intanto l’agenzia S&P definisce la ripresa italiana “modesta”, precisando che ‘l’outlook’ stabile è legato all’avanzamento delle riforme.

La stima flash dell’Istat ha di certo raffreddato gli entusiasmi. Le aspettative degli analisti e dello stesso Istituto di statistica indicavano una crescita più robusta. A frenare il Pil è stato anche e soprattutto l’export, in particolare non tirano più i mercati fuori dai confini europei, come Cina e Russia. Inoltre anche la locomotiva tedesca non aiuta come prima (il Pil si ferma al +0,3%).

E infatti se l’Italia ha comunque registrato un +0,2% è tutto merito del mercato nazionale, con consumi e investimenti in positivo. Ma la spinta interna non è bastata a compensare il dato negativo delle esportazioni, che si sono trasformate da ancora di salvezza in zavorra. E il risultato finale per gli analisti mette ha repentaglio il raggiungimento del target del Governo.

“E’ probabile che la crescita annua dello 0,9% non si realizzi”, sottolinea Loredana Federico di Unicredit, mentre Paolo Mameli di Intesa SanPaolo lo giudica “ottimistico”. Ma per il capo economista del ministero dell’Economia, Riccardo Barbieri, il dato “non pregiudica gli obiettivi”. Giocherebbero a favore questioni tecniche e una possibile revisione in aumento (da +0,2% a +0,3%), grazie alla spinta di Expo e turismo (non colta appieno dalla stima dell’Istat).

Occhi puntati quindi al prossimo primo dicembre quando l’Istituto di statistica rilascerà il dato definitivo sul Pil del terzo trimestre. Per Nomisma il carburante alla ripresa potrebbe arrivare dalle “vendite di Natale”.

E non indifferente sarà l’evoluzione degli scambi con l’estero, su cui ha il suo peso il cambio euro/dollaro e le decisioni che a dicembre prenderà la Banca centrale europea. D’altra parte non è solo l’Italia a stare sotto le aspettative, anche l’eurozona segna il passo (nel terzo trimestre il Pil non va oltre +0,3%), con l’inflazione che resta ancora molto bassa (da noi è allo 0,3%).

Tuttavia c’è chi dopo lo stallo tenta il riscatto, è il caso della Francia. Lo stesso cercherà di fare l’Italia nel quarto trimestre. “Bisogna fare molto di più”, esorta Renzi che sottolinea: “Saremo felici quando il Pil sarà vicino al 2%”. Comunque il premier invita a non trascurare il +0,9%, terzo trimestre 2015 su terzo trimestre 2014, il miglior dato da oltre quattro anni.

Spostando lo sguardo sugli osservatori internazione, S&P, conferma per l’Italia un rating BBB-, con un outolook stabile, posto che il Governo “continuerà ad attuare riforme”. Ma a riguardo non ci sono poi tanti dubbi, dato che, spiega l’agenzia di rating, Renzi è “determinato ad andare avanti”.

Di sicuro però serve pazienza, per S&P il Pil reale italiano non tornerà ai livelli pre crisi fino all’inizio del 2024. E poi c’è il debito pubblico, che è ancora visto come un macigno e gli ultimi dati della Banca d’Italia non incoraggiano (+7,0 miliardi) anche se si resta sotto i livelli record.

  • Andrea Carloni

    Non me
    la prendo con le teste di caciucco che ci governano. Son teste di
    caciucco e difficilmente diventeranno degli statisti da ricordare nei
    secoli, ma me la prendo con quelle tantissime teste di caciucco degli
    italiani che credono alle balle di (alcune?) teste di caciucco che ci
    governano che vorrebbero far passare la tesi che la lieve e debole
    ripresa sia tutto merito loro. Dollaro (debole), petrolio (a prezzi
    bassissimi) e Q.E. (con quantità spropositate di soldi elargiti a
    piene mani da Draghi) sono i fattori fondamentali, che assieme ad
    alcuni altri fattori “accidentali”, hanno prodotto una
    sorta di ripresina che da un momento all’altro potrebbe sparire.
    Renzi e C. dovrebbero togliersi dai piedi, ma il problema è: e al
    loro posto chi ci mettiamo? Berlusconi? Ormai puzza come il pesce di
    5 gg.. Salvini? I montanari devono restare fra i loro monti (anche se
    qualcosa di buono, come idee, possono avere). Grillo e C.? Con tanti
    dubbi, ma forse è l’unico che potrebbe cominciare ALMENO a far
    pulizia nella corruzione polito-mafiosa. Bah, non vedo nessuno in
    grado di giudarci.

Ultima ora

20:51Berlusconi, visita a sorpresa a Golfo Aranci

(ANSA) - GOLFO ARANCI, 22 LUG - Visita a sorpresa di Silvio Berlusconi, in vacanza a Porto Rotondo, questo pomeriggio alla Festa del Gusto a Golfo Aranci. L'ex premier attorno alle 18 ha fatto una passeggiata tra gli stand allestiti sul lungomare in occasione della manifestazione enogastronomica dedicata ai prodotti sardi e internazionali in programma da giovedì 20 e che si chiude domenica 23 luglio. Accompagnato dalla sua scorta e insieme ai sindaci di Olbia, Settimo Nizzi e di Golfo Aranci, Giuseppe Fasolino (entrambi di Fi), Berlusconi si è fermato per scambiare due battute con i numerosi espositori, una ottantina, si è concesso ai selfie, infine si è complimentato con lo staff organizzatore. "Ci ha fatto i complimenti per la manifestazione - racconta all'ANSA Alessia Littarru, presidente dell'associazione Primavera Sulcitana - è stata una bella sorpresa per noi e per tutti gli espositori".

20:40Trump, Nyt svelò piano contro Baghdadi

(ANSA) - WASHINGTON, 22 LUG - "Il fallimentare New York Times ha vanificato gli sforzi degli Usa per uccidere il terrorista più ricercato, Al-Baghdadi (il capo dell'Isis, ndr). La loro agenda malata sulla Sicurezza Nazionale". Lo scrive il presidente Usa Donald Trump in uno della raffica di tweet pubblicati oggi. Nel suo tweet Trump non entra del dettaglio e non specifica a quale articolo del New York Times faccia riferimento. Il giornale della Grande Mela, dando conto dei commenti del presidente in un più vasto articolo, ipotizza però che il presidente possa aver reagito ad un servizio di Fox News trasmesso proprio prima che Trump intervenisse su Twitter e in cui si citava il generale americano Tony Thomas che ad un forum ha dichiarato che le forze americane erano particolarmente vicine ad al Baghadi dopo che in un'incursione del 2015 erano state recuperate informazioni. "Una pista ottima. Sfortunatamente venne fatta filtrare da un importante quotidiano nazionale una settimana dopo e la pista scomparve".

20:37Calcio: amichevoli, Bologna-Sudtirol 3-0

(ANSA) - BOLOGNA, 22 LUG - Due gol nel primo tempo e uno nella ripresa: il Bologna supera per 3-0 il Sudtirol, nell'amichevole disputata a Castelorotto, contro la squadra altoatesina che milita nel campionato di Lega Pro. Nella terza partita del ritiro rossoblù in Alto Adige, ad aprire il tabellino dei marcatori - dopo 7' - è stato il difensore Masina, con un colpo di testa su calcio d'angolo battuto da Verdi. A raddoppiare, per la squadra di Donadoni, è stato Di Francesco che, al 40', con un'azione personale, ha fatto centro con un tiro di destro a parabola. Il terzo gol è arrivato - davanti a 1.500 spettatori - grazie a Falco che, al 62', dopo un contrasto, ha recuperato il pallone e colpito, fissando così il risultato finale a favore della squadra emiliana.

20:33Calcio: Genoa batte Hoffenheim, ultima amichevole a Neustift

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Successo per il Genoa nella terza amichevole stagionale che ha concluso il ritiro di Neustift. La squadra di Ivan Juric ha battuto 3-2 i tedeschi dell'Hoffenheim, protagonisti nell'ultima Bundesliga con la qualificazione ai preliminari di Champions. I rossoblu sono scesi in campo nel primo tempo con Perin tra i pali, in difesa Munoz, Zukanovic, Spolli, mentre a centrocampo sono stati schierati Lazovic, Bertolacci, Veloso e Laxalt, infine Ninkovic e Rigoni hanno giocato alle spalle di Simeone. Nel primo tempo in vantaggio i tedeschi con Bicakcic al 5', poi il Genoa effettua il sorpasso in pochi minuti: prima Ninkovic al 25', con un gran tiro, poi il raddoppio di Veloso al 28', dopo una bella azione personale. Nella ripresa il pareggio al 62' di Hoogma, quindi il gol decisivo dei rossoblu a 6' dal termine con Galabinov con una grande conclusione. Adesso due giorni di riposo per il Genoa che tornerà a allenarsi martedì a Pegli.

20:30Calcio: Samp imballata, ma basta Caprari

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Nel secondo test amichevole a Ponte di Legno, la Sampdoria batte 1-0 il Feralpisalò, squadra di Lega Pro: decisiva la rete di Caprari al 36' del primo tempo che sfrutta al meglio un assist di Barreto e batte il portiere Caglioni. Davanti a 1.500 tifosi sul campo di Temù, l'allenatore dei doriani Marco Giampaolo ha schierato dall'inizio Puggioni tra i pali, in difesa Sala, Silvestre, Regini e Pavlovic mentre a centrocampo in cabina di regia Torreira affiancato da Barreto e Djuricic: sulla trequarti Praet alle spalle del duo offensivo composto da Quagliarella e Caprari. Una Sampdoria ancora imballata, ma che comunque ha dato indicazioni importanti al tecnico Giampaolo. Alle 21,30, nel cuore di Ponte di Legno, si ritroveranno tifosi, giocatori e staff tecnico per la presentazione ufficiale della squadra, ma non ci sarà il presidente Massimo Ferrero.

20:15Picchiano clochard e ragazzi che lo difendono,arrestati

(ANSA) - MILANO, 22 LUG - Hanno massacrato di botte un clochard usando la sua stessa stampella nei pressi della Stazione Centrale di Milano. Poi se la sono presa con un gruppo di ragazzi vicentini che, reduci dal concerto dei Red Hot Chili Peppers, quando hanno visto la scena, hanno cercato di difendere il senzatetto. Uno di loro colpito alla mano è finito all'ospedale, prognosi di 25 giorni. Poco distante il terzetto ha cercato di rapinare del telefono cellulare un gruppo, livornesi, anche loro di ritorno dallo stesso concerto. Alla fine sono stati arrestati dai carabinieri. Notte brava e di violenza per tre ragazzi tra i 18 e i 20 anni, italiani, residenti in tre comuni dell'hinterland (Cesate, Rovello Porro e Saronno), tra Milano e Varese. Due erano già stati coinvolti in indagini per le rapine sui treni nel varesotto. La stessa indagine che ha portato all'arresto nel luglio di un anno fa di altri due giovani, loro amici, che dopo i colpi si facevano i selfie con soldi e pistole in stile 'Gomorra'.

20:12Calcio: amichevoli, Fiorentina-Bari 1-1

(ANSA) - MOENA (TRENTO) - Si è conclusa 1-1 l'amichevole tra la Fiorentina e il Bari, che ha chiuso i 15 giorni di ritiro dei viola a Moena (Trento). E' stata la squadra di Fabio Grosso a passare per prima con Improta, nella ripresa è arrivato il pari con Baez. Dopo tanto incitamento, nell'intervallo è partito qualche coro contro i Della Valle e sono apparsi alcuni striscione di protesta contro la proprietà in mezzo a uno in cui gli ultrà della Fiesole assicurano sostegno alla squadra e all'allenatore. "Questo è importante, perché bisogna restare uniti - ha dichiarato Pioli -. E' stato un ritiro positivo per la disponibilità dei giocatori, ma adesso mi auguro che si risolvano delle situazioni in sospeso".

Archivio Ultima ora