Italia cresce sotto le attese. Renzi, bisogna fare molto di più

Pubblicato il 13 novembre 2015 da redazione

Operai a lavoro in una fabbrica tedesca. ANSA

Operai a lavoro in una fabbrica tedesca. ANSA

ROMA. – L’Italia cresce meno delle attese e a un ritmo più lento rispetto ai primi mesi dell’anno. Tra luglio e settembre l’Istat stima un Pil al +0,2%, sotto il dato del trimestre precedente e le aspettative degli analisti (+0,3%). Lo stesso premier Matteo Renzi sperava in quel decimo di punto in più ma comunque, dice, “abbiamo rimesso in moto la macchina”.

Ora l’attenzione si concentra sugli ultimi tre mesi dell’anno, che decideranno di tutto il 2015. Tra gennaio e settembre abbiamo messo in cascina una crescita dello 0,6%, un valore che non permette di riposare sugli allori se si vuole centrate l’obiettivo del Governo, chiudendo l’anno a +0,9%.

Serve quindi un’accelerazione e le leve su cui poter contare sono quattro: il Natale, un nuova spinta da parte della Bce, un export più favorevole e magari anche una correzione al rialzo del trimestre appena archiviato. Intanto l’agenzia S&P definisce la ripresa italiana “modesta”, precisando che ‘l’outlook’ stabile è legato all’avanzamento delle riforme.

La stima flash dell’Istat ha di certo raffreddato gli entusiasmi. Le aspettative degli analisti e dello stesso Istituto di statistica indicavano una crescita più robusta. A frenare il Pil è stato anche e soprattutto l’export, in particolare non tirano più i mercati fuori dai confini europei, come Cina e Russia. Inoltre anche la locomotiva tedesca non aiuta come prima (il Pil si ferma al +0,3%).

E infatti se l’Italia ha comunque registrato un +0,2% è tutto merito del mercato nazionale, con consumi e investimenti in positivo. Ma la spinta interna non è bastata a compensare il dato negativo delle esportazioni, che si sono trasformate da ancora di salvezza in zavorra. E il risultato finale per gli analisti mette ha repentaglio il raggiungimento del target del Governo.

“E’ probabile che la crescita annua dello 0,9% non si realizzi”, sottolinea Loredana Federico di Unicredit, mentre Paolo Mameli di Intesa SanPaolo lo giudica “ottimistico”. Ma per il capo economista del ministero dell’Economia, Riccardo Barbieri, il dato “non pregiudica gli obiettivi”. Giocherebbero a favore questioni tecniche e una possibile revisione in aumento (da +0,2% a +0,3%), grazie alla spinta di Expo e turismo (non colta appieno dalla stima dell’Istat).

Occhi puntati quindi al prossimo primo dicembre quando l’Istituto di statistica rilascerà il dato definitivo sul Pil del terzo trimestre. Per Nomisma il carburante alla ripresa potrebbe arrivare dalle “vendite di Natale”.

E non indifferente sarà l’evoluzione degli scambi con l’estero, su cui ha il suo peso il cambio euro/dollaro e le decisioni che a dicembre prenderà la Banca centrale europea. D’altra parte non è solo l’Italia a stare sotto le aspettative, anche l’eurozona segna il passo (nel terzo trimestre il Pil non va oltre +0,3%), con l’inflazione che resta ancora molto bassa (da noi è allo 0,3%).

Tuttavia c’è chi dopo lo stallo tenta il riscatto, è il caso della Francia. Lo stesso cercherà di fare l’Italia nel quarto trimestre. “Bisogna fare molto di più”, esorta Renzi che sottolinea: “Saremo felici quando il Pil sarà vicino al 2%”. Comunque il premier invita a non trascurare il +0,9%, terzo trimestre 2015 su terzo trimestre 2014, il miglior dato da oltre quattro anni.

Spostando lo sguardo sugli osservatori internazione, S&P, conferma per l’Italia un rating BBB-, con un outolook stabile, posto che il Governo “continuerà ad attuare riforme”. Ma a riguardo non ci sono poi tanti dubbi, dato che, spiega l’agenzia di rating, Renzi è “determinato ad andare avanti”.

Di sicuro però serve pazienza, per S&P il Pil reale italiano non tornerà ai livelli pre crisi fino all’inizio del 2024. E poi c’è il debito pubblico, che è ancora visto come un macigno e gli ultimi dati della Banca d’Italia non incoraggiano (+7,0 miliardi) anche se si resta sotto i livelli record.

  • Andrea Carloni

    Non me
    la prendo con le teste di caciucco che ci governano. Son teste di
    caciucco e difficilmente diventeranno degli statisti da ricordare nei
    secoli, ma me la prendo con quelle tantissime teste di caciucco degli
    italiani che credono alle balle di (alcune?) teste di caciucco che ci
    governano che vorrebbero far passare la tesi che la lieve e debole
    ripresa sia tutto merito loro. Dollaro (debole), petrolio (a prezzi
    bassissimi) e Q.E. (con quantità spropositate di soldi elargiti a
    piene mani da Draghi) sono i fattori fondamentali, che assieme ad
    alcuni altri fattori “accidentali”, hanno prodotto una
    sorta di ripresina che da un momento all’altro potrebbe sparire.
    Renzi e C. dovrebbero togliersi dai piedi, ma il problema è: e al
    loro posto chi ci mettiamo? Berlusconi? Ormai puzza come il pesce di
    5 gg.. Salvini? I montanari devono restare fra i loro monti (anche se
    qualcosa di buono, come idee, possono avere). Grillo e C.? Con tanti
    dubbi, ma forse è l’unico che potrebbe cominciare ALMENO a far
    pulizia nella corruzione polito-mafiosa. Bah, non vedo nessuno in
    grado di giudarci.

Ultima ora

05:56Germania: proiezioni finali, Cdu-Csu a 32,9, Spd 20,8

ROMA, 25 SET - L'autorita' federale per le elezioni ha leggermente modificato i dati delle proiezioni finali per il rinnovo del Parlamento tedesco diffusi dall'Istituto di sondaggi Zdf. L'Unione Cdu-Csu consegue il 33% dei voti, i socialdemocratici della Spd il 20,5% e gli oltranzisti di destra della Afd il 12,6%. Secondo Zdf poi, Fpd e' al 10,4% (+5,6%); i Verdi al 9,0% (+0,6%); Linke al 9,0% (+0,4%). Se queste proiezioni fossero confermate dai risultati finali, questa sarebbe la nuova divisione dei seggi in Parlamento: Cdu-Csu 238, socialdemocratici 148, AfD 95, liberali 78, Linke 66, Verdi 65.

05:43Usa: nuova stretta su ingressi, riguarda 8 Paesi

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha annunciato una nuova stretta sugli ingressi negli Stati Uniti. Le nuove misure riguardano otto Paesi: oltre a cinque dei sei a maggioranza musulmana gia' presi di mira nel bando in scadenza alla mezzanotte (Iran, Somalia, Libia, Yemen e Siria) spuntano ora anche Ciad, Corea del Nord e Venezuela. Le restrizioni non riguarderanno chi gia' possiede un visto Usa. Scompare dalla lista il Sudan.

05:28Marocco, la polizia interrompe la festa di una sposa bambina

RABAT - C'erano la torta e i fiori, gli invitati, i regali, i parenti felici. Ma le immagini postate su Facebook hanno indignato la Rete: nell'abito bianco di quella che sembrava una sposa c'era una bambina, accanto a lei un uomo di 27 anni. È accaduto a Tetouan, poco più di 400 mila abitanti, nel nord del Marocco, ai piedi della catena del Rif. L'ondata di sdegno ha costretto la polizia a intervenire. Gli uomini in divisa hanno interrotto la cerimonia e rimandato a casa gli invitati. La madre della bambina assicura che si trattava soltanto di una festa di fidanzamento, una promessa di amore in attesa che la piccola raggiunga l'età giusta per sposarsi, i 18 anni previsti dalla Moudawana, il codice della Famiglia riscritto e aggiornato nel 2004.

05:21Kushner come Hillary, usa account email privato

NEW YORK - Jared Kushner come Hillary Clinton. Il genero di Donald Trump e uno dei piu' stretti consiglieri del presidente americano avrebbe infatti usato un account email privato per comunicare con altri alti responsabili dell'amministrazione Trump, contravvenendo all'obbligo di ricorrere solo alla email governativa ufficiale. Lo svela Politico.

04:20Trump, mie critiche ad atleti non c’entrano con razza

NEW YORK - "Questa vicenda non ha niente a che vedere con la razza. Riguarda solo il rispetto per la nostra bandiera e per il nostro Paese": cosi' parlando con i giornalisti Donald Trump e' tornato sulla protesta dei giocatori di football, inginocchiatisi su tutti i campi durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Alcuni sono anche rimasti negli spogliatoi.

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

Archivio Ultima ora