Ebreo accoltellato a Milano: è caccia, indaga l’anti-terrorismo

Pubblicato il 13 novembre 2015 da redazione

Natan Graff

MILANO. – Mentre sono state rafforzate le misure di sicurezza su “obiettivi ebraici e riconducibili allo Stato di Israele”, è caccia all’uomo che l’altra sera ha accoltellato Nathan Graff, un ebreo di 40 anni, in via San Gimignano a Milano. Un gesto che alcuni esponenti della comunità ebraica milanese mettono in relazione all”intifada dei coltelli’ che sta insanguinando Israele. Ma è ancora da chiarire il movente di un’aggressione che non ha avuto alcuna rivendicazione.

Intanto, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha sollecitato a un “impegno a raddoppiare la vigilanza e la prevenzione, che va sempre costantemente rafforzata”. Mentre hanno espresso la loro solidarietà alla comunità ebraica milanese e alla vittima rappresentanti di diverse forze politiche e delle istituzioni, tra cui il premier Matteo Renzi che ha manifestato “profonda vicinanza alla persona colpita”.

E il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, ha sottolineato che “questo fatto gravissimo non può e non deve rimanere impunito”. Gli investigatori stanno vagliando quindi diversi ipotesi, tra cui quella di un’azione a sfondo razziale o politico, e cercano elementi concreti a riscontro.

Il procuratore aggiunto di Milano Maurizio Romanelli, che coordina il pool anti-terrorismo della Procura di Milano, ha aperto un fascicolo d’inchiesta a carico di ignoti con l’ipotesi di reato di tentato omicidio volontario. Senza contestare, al momento, l’aggravante dell’odio razziale in attesa che si concludano i primi accertamenti.

Gli agenti della Digos di Milano, intanto, hanno raccolto testimonianze e stanno esaminando i filmati delle telecamere di videosorveglianza installate nella zona dove è avvenuto l’episodio, nel cuore di un quartiere abitato e frequentato da ebrei, dove si trova anche la casa di Graff.

Riprese che potrebbero essere determinanti per identificare l’aggressore: un uomo dalla pelle e dai capelli chiari, che ha sorpreso Graff alle spalle, senza pronunciare alcuna frase, e lo ha colpito con sette fendenti, ferendolo alla schiena, al volto, al collo e al braccio. Poi è fuggito a piedi, verso la fermata della metropolitana di Bande Nere. L’uomo potrebbe essere stato aiutato nella fuga da alcuni complici, anche se finora l’ipotesi non ha trovato conferme.

Sono sotto la lente d’ingrandimento degli investigatori, quindi, anche la vita privata e le conoscenze di Graff, descritto dagli amici come una persona “tranquilla e senza particolari problemi”. Un ebreo osservante, che indossa la kippah ed è inserito nella comunità milanese.

Cittadino israeliano e genero di un rabbino di origine afghana, l’uomo lavora in un centro milanese che si occupa di controlli sugli alimenti per il rispetto dei parametri kosher. E’ sposato con una insegnante, e la coppia ha una figlia di tre anni. L’ aggressione è avvenuta vicino alla sua casa e ad un ristorante kosher che frequentava spesso, anche se da quanto si è saputo non era una strada che percorreva quotidianamente.

Nathan Graff, ricoverato nel reparto di Chirurgia plastica dell’ospedale Niguarda di Milano, non è in pericolo di vita. I medici lo hanno operato, suturando anche la ferita più grave, un profondo taglio al volto. L’uomo è circondato da parenti e amici: è cosciente e “in grado di parlare”. Anche attraverso il suo racconto gli investigatori, che lo hanno ascoltato in ospedale, cercheranno quindi di fare chiarezza sulla dinamica e sul movente dell’aggressione.

Intanto, si è riunito in Prefettura a Milano il Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal viceprefetto vicario Giuseppe Priolo, che ha deciso di intensificare “ai massimi livelli” il sistema di sicurezza e di aumentare i controlli su “obiettivi ebraici o riconducibili allo Stato di Israele”.

Controlli che sono stati rafforzati in tutta Italia, anche di fronte alla preoccupazione espressa da numerosi esponenti della comunità ebraica, tra cui il co-presidente milanese, Milo Hasbani, che collegano l’episodio all”Intifada dei coltelli’.

“Siamo stati rassicurati dalle forze dell’ordine – ha sottolineato Hasbani – ci sentiamo molto tranquilli e speriamo in un episodio isolato”.

Invitano alla cautela i rappresentanti della comunità islamica milanese, che esprimono una condanna unanime del gesto. “Non creiamo ipotesi sul caso – ha spiegato l’imam di Segrate, Ali Abu Shwaima – non accusiamo la nostra comunità, perché non c’entra niente”.

Secondo il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, però, “bisogna verificare qualsiasi organizzazione islamica, riconosciuta o no, perché c’è tanta gente perbene ma anche chi perbene non è”.

(di Andrea Gianni/ANSA)

Ultima ora

13:35Calcio: Allegri, fra 5 anni farò cose diverse da oggi

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Vincere a Cardiff sarebbe il coronamento del lavoro fatto in questi tre anni". Massimiliano Allegri è a caccia della vittoria più prestigiosa per il suo palmares, quella della Champions League. "Non sarà facile, ma sarebbe bello - spiega il tecnico della Juventus - Dobbiamo concentrarci su questo evento mondiale, che per eco mediatica è paragonabile al Superbowl". "Su cosa farò tra 5 anni - risponde poi a un'altra domanda in conferenza stampa - una vaga idea ce l'ho; anzi, ho un'idea abbastanza chiara, però non la dico ora perché altrimenti viene fuori un pandemonio. Quindi, la dirò più avanti. Ma credo che tra cinque anni la mia strada sarà completamente diversamente da quella di ora". Infine, sull'addio di Francesco Totti: "Gli faccio un grosso in bocca al lupo, per il suo futuro e per quello che deciderà. Bisogna ringraziarlo: ha fatto vedere all'Italia e al mondo quanto è bello il calcio, soprattutto quando è giocato ad altissimo livello. Per lui e per la Roma sono stati 20 anni indimenticabili".

13:31Cartucce e minacce in busta a sindaco nel Nuorese

(ANSA) - NUORO, 26 MAG - Quattro cartucce cal. 12 e una lettera con parole offensive nei confronti del sindaco di Siniscola (Nuoro), Gian Luigi Farris. E' il contenuto di una busta trovata dallo stesso primo cittadino questa mattina davanti al municipio. La missiva è stata aperta dagli artificieri della Polizia di Cagliari, chiamati dagli agenti del Commissariato, dopo l'allarme lanciato da Farris. Si tratta di una nuova minaccia nei suoi confronti. In meno di un mese è il secondo atto intimidatorio ai danni del sindaco: il 28 aprile all'apertura della suo bar caffetteria aveva trovato una finta bomba davanti alla porta d'ingresso. "Non mi fermeranno, continueremo ad agire nella legalità e trasparenza come abbiamo sempre fatto" aveva detto Farris in quell' occasione. La zona davanti al municipio era stata transennata in attesa dell'arrivo degli artificieri ma ora tutto è tornato alla normalità. Sul posto oltre agli agenti di Siniscola sono giunti anche gli quelli della Digos che hanno avviato le indagini.

13:31Boldrini, Laura Biagiotti un esempio per imprenditoria

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Sono vicina alla famiglia di Laura Biagiotti, una donna che ha rappresentato un modello per l'imprenditoria italiana". Lo dice la presidente della Camera Laura Boldrini dopo la scomparsa della stilista.

13:24Voucher: Lupi, per Palazzo Chigi ci saranno, bene

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Basta fare melina e confusione sui voucher. La nota di palazzo Chigi dice chiaramente che nella manovra verranno inseriti gli strumenti per regolamentare il lavoro saltuario. D'altronde il presidente del Consiglio si era così impegnato con me e con la capogruppo di Alternativa popolare al Senato Laura Bianconi. Ci sono in gioco centinaia di migliaia di giovani che altrimenti resterebbero senza questi lavori o sarebbero costretti ad accettarli in nero, una cosa ingiusta e inaccettabile". Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare.

13:22Cei: Bassetti, riflettere su grido bimbi in fondo al mare

(ANSA) - PERUGIA, 26 MAG - "Invito a riflettere sul grido dei bambini in fondo al mare mangiati dai pesci, sul grido delle persone straziate e su quello dei tanti poveri che vanno solo in cerca di pace e benessere": lo ha detto stamani il presidente Cei, cardinale Gualtiero Bassetti, alla sua prima uscita pubblica, a Perugia, dopo la nomina a capo dei vescovi italiani. "Meno male che c'è chi li accoglie e speriamo che l'Europa faccia uno sforzo più grande", ha auspicato Bassetti. Secondo il porporato, "non sono le religioni che provocano violenze e terrorismo, sono loro schegge impazzite. Vediamo creature pazze di furore e impazzite di odio, ma anche per noi in passato è stato così: i terroristi rossi venivano anche dalle nostre università cattoliche". "Musulmani, ebrei e cristiani credono in un unico creatore - ha detto - e il mescolarsi delle razze è inevitabile".

13:22Egitto: attaccato bus copti, almeno 23 morti

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Almeno 23 persone sono morte e altre 25 sono rimaste ferite dopo che un gruppo di uomini armati ha attaccato un bus sul quale viaggiavano cristiani copti. Lo riferiscono i media locali. L'attacco è avvenuto a Minya, nel sud dell'Egitto. Il bilancio delle vittime è stato poi confermato dal governatore di Minya alla Tv CNBC e dal ministero della Sanità. A quanto si apprende, il bus con a bordo i cristiani copti era diretto al monastero di Anba Samuel, sulla rotta desertica a ovest dell'Alto Egitto. Gli uomini armati, riferisce Al Arabiya, hanno usato mitragliatrici nell'attacco contro il bus. Alcuni dei feriti, secondo quanto si apprende, sarebbero gravi.

13:19Migranti: Boldrini, no a commozione selettiva

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Si fa fatica a ricordare i lutti, questa sequenza continua di morti. Ci sono le stragi del terrorismo, ci sono i morti in mare: dovremmo riuscire a sentire lo stesso dolore per gli uni e per gli altri. Invece c'è chi si commuove in modo selettivo, c'è chi dà un ordine di commozione a scopo di consenso politico, abituando le persone alla disumanità. Perché questo è il tentativo: diventare disumani per essere più felici. Delegittimando le ong, che salvano le vite in mare, così nessuno ci farà sapere quanti sono i morti e giù la campagna di fango contro le ong. Tutto questo è molto inquietante". Così la presidente della Camera, Laura Boldrini, parlando di sicurezza, accoglienza e cittadinanza durante un incontro a Montecitorio per i 60 anni dell'Arci.

Archivio Ultima ora