Ebreo accoltellato a Milano: è caccia, indaga l’anti-terrorismo

Pubblicato il 13 novembre 2015 da redazione

Natan Graff

MILANO. – Mentre sono state rafforzate le misure di sicurezza su “obiettivi ebraici e riconducibili allo Stato di Israele”, è caccia all’uomo che l’altra sera ha accoltellato Nathan Graff, un ebreo di 40 anni, in via San Gimignano a Milano. Un gesto che alcuni esponenti della comunità ebraica milanese mettono in relazione all”intifada dei coltelli’ che sta insanguinando Israele. Ma è ancora da chiarire il movente di un’aggressione che non ha avuto alcuna rivendicazione.

Intanto, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha sollecitato a un “impegno a raddoppiare la vigilanza e la prevenzione, che va sempre costantemente rafforzata”. Mentre hanno espresso la loro solidarietà alla comunità ebraica milanese e alla vittima rappresentanti di diverse forze politiche e delle istituzioni, tra cui il premier Matteo Renzi che ha manifestato “profonda vicinanza alla persona colpita”.

E il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, ha sottolineato che “questo fatto gravissimo non può e non deve rimanere impunito”. Gli investigatori stanno vagliando quindi diversi ipotesi, tra cui quella di un’azione a sfondo razziale o politico, e cercano elementi concreti a riscontro.

Il procuratore aggiunto di Milano Maurizio Romanelli, che coordina il pool anti-terrorismo della Procura di Milano, ha aperto un fascicolo d’inchiesta a carico di ignoti con l’ipotesi di reato di tentato omicidio volontario. Senza contestare, al momento, l’aggravante dell’odio razziale in attesa che si concludano i primi accertamenti.

Gli agenti della Digos di Milano, intanto, hanno raccolto testimonianze e stanno esaminando i filmati delle telecamere di videosorveglianza installate nella zona dove è avvenuto l’episodio, nel cuore di un quartiere abitato e frequentato da ebrei, dove si trova anche la casa di Graff.

Riprese che potrebbero essere determinanti per identificare l’aggressore: un uomo dalla pelle e dai capelli chiari, che ha sorpreso Graff alle spalle, senza pronunciare alcuna frase, e lo ha colpito con sette fendenti, ferendolo alla schiena, al volto, al collo e al braccio. Poi è fuggito a piedi, verso la fermata della metropolitana di Bande Nere. L’uomo potrebbe essere stato aiutato nella fuga da alcuni complici, anche se finora l’ipotesi non ha trovato conferme.

Sono sotto la lente d’ingrandimento degli investigatori, quindi, anche la vita privata e le conoscenze di Graff, descritto dagli amici come una persona “tranquilla e senza particolari problemi”. Un ebreo osservante, che indossa la kippah ed è inserito nella comunità milanese.

Cittadino israeliano e genero di un rabbino di origine afghana, l’uomo lavora in un centro milanese che si occupa di controlli sugli alimenti per il rispetto dei parametri kosher. E’ sposato con una insegnante, e la coppia ha una figlia di tre anni. L’ aggressione è avvenuta vicino alla sua casa e ad un ristorante kosher che frequentava spesso, anche se da quanto si è saputo non era una strada che percorreva quotidianamente.

Nathan Graff, ricoverato nel reparto di Chirurgia plastica dell’ospedale Niguarda di Milano, non è in pericolo di vita. I medici lo hanno operato, suturando anche la ferita più grave, un profondo taglio al volto. L’uomo è circondato da parenti e amici: è cosciente e “in grado di parlare”. Anche attraverso il suo racconto gli investigatori, che lo hanno ascoltato in ospedale, cercheranno quindi di fare chiarezza sulla dinamica e sul movente dell’aggressione.

Intanto, si è riunito in Prefettura a Milano il Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal viceprefetto vicario Giuseppe Priolo, che ha deciso di intensificare “ai massimi livelli” il sistema di sicurezza e di aumentare i controlli su “obiettivi ebraici o riconducibili allo Stato di Israele”.

Controlli che sono stati rafforzati in tutta Italia, anche di fronte alla preoccupazione espressa da numerosi esponenti della comunità ebraica, tra cui il co-presidente milanese, Milo Hasbani, che collegano l’episodio all”Intifada dei coltelli’.

“Siamo stati rassicurati dalle forze dell’ordine – ha sottolineato Hasbani – ci sentiamo molto tranquilli e speriamo in un episodio isolato”.

Invitano alla cautela i rappresentanti della comunità islamica milanese, che esprimono una condanna unanime del gesto. “Non creiamo ipotesi sul caso – ha spiegato l’imam di Segrate, Ali Abu Shwaima – non accusiamo la nostra comunità, perché non c’entra niente”.

Secondo il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, però, “bisogna verificare qualsiasi organizzazione islamica, riconosciuta o no, perché c’è tanta gente perbene ma anche chi perbene non è”.

(di Andrea Gianni/ANSA)

Ultima ora

08:55Corea Nord: ipotesi test nucleare in prima settimana aprile

(ANSA) - PECHINO, 30 MAR - La Corea del Nord potrebbe tenere il suo sesto test nucleare nella prima settimana di aprile, a ridosso del primo summit tra i presidenti americano Donald Trump e cinese Xi Jinping, atteso il 6-7 nella residenza del tycoon di Palm Beach, in Florida: lo riporta il Korea JoongAng Daily, in base a una fonte dell'intelligence militare di Seul. "C'è ancora un processo di conferma. Abbiamo chiarito che la Corea del Nord dovrebbe finire tutti i preparativi per il test nucleare entro il 31 marzo", ha aggiunto la fonte. Secondo l'agenzia Yonhap, inoltre, l'esperimento potrebbe essere "di un nuovo genere", differente dai cinque precedenti. Il Comando di Stato maggiore sudcoreano ha ribadito che il test potrebbe avvenire in qualsiasi momento, a seconda dell'input dato dalla leadership. "Considerando le varie possibilità, stiamo seguendo da vicino le mosse del Nord in cooperazione con gli Usa", ha affermato il colonnello Roh Jae-cheon, un portavoce del Comando.

08:25Bezos supera Buffett, è secondo uomo più ricco al mondo

(ANSA) - NEW YORK, 30 MAR - Jeff Bezos supera Warren Buffett e diventa il secondo uomo piu' ricco al mondo. I titoli di Amazon sono saliti a 18,32 dollari per azione ieri: un aumento che ha consentito a Bezos di guadagnare 1,5 miliardi di dollari, facendo balzare la sua fortuna a 75,6 miliardi, ovvero 700 milioni di dollari piu' di Buffett e 1,3 miliardi di dollari sopra Amancio Ortega, il patron di Zara. E' quanto emerge dall'indice dei miliardari di Bloomberg.

08:22Trump: media,studia dazi 100% prodotti Ue,anche Italia

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - L'amministrazione Usa sta valutando di imporre dazi punitivi del 100% sugli scooter Vespa (Piaggio), l'acqua Perrier (Nestle', che produce anche la San Pellegrino) e il formaggio Roquefort in risposta al bando Ue sulla carne di manzo Usa di bovini trattati con gli ormoni: lo scrive il Wall Street Journal. Dietro la misura ci sarebbero le proteste dei produttori di carne di manzo americani, secondo i quali l'Ue non ha aperto abbastanza i propri mercati alla loro carne di manzo non trattata con gli ormoni, come prevedeva un accordo del 2009.

07:18Terrorismo: blitz a Venezia, sgominata cellula jihadista

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Un blitz di Polizia di Stato e Carabinieri è scattato durante la notte nei confronti di una cellula jihadista in pieno centro a Venezia: tre persone arrestate e un minore fermato, tutti originari del Kosovo e residenti in Italia con regolare permesso di soggiorno; 12 le perquisizioni tra il capoluogo, Mestre e Treviso.

23:43Trump: Ivanka ‘assunta’ come dipendente federale

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Ivanka Trump sara' assunta come dipendente federale nel ruolo di assistente del padre alla Casa Bianca. Non percepira' pero' alcuno stipendio, cosi'come avviene per il marito Jared Kushner. Lo ha annunciato la stessa figlia del presidente americano, spiegando che la decisione e' stata presa per porre fine alle preoccupazioni di tipo etico solevate da piu' parti e legate alla sua presenza alla Casa Bianca dove ha anche un ufficio.

22:56Calcio: Messi “Nessuna offesa, le mie erano parole al vento”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Non volevo insultare l'assistente, le mie erano solo parole al vento". Così Leo Messi si discolpa, secondo quanto apprende La Nacion, nell'arringa difensiva che l'Afa (la Federcalcio argentina) presenterà alla Commissione d'appello della Fifa, nel tentativo di ricevere uno sconto sulle quattro giornate di squalifica inflitte alla 'Pulce' per le offese rivolte a un assistente dopo la sfida contro il Cile. Nel caso in cui in appello dovessero essere confermate le giornate di stop a Messi, l'Afa si rivolgerà al Tas di Losanna; in questo caso, però, i tempi della sentenza si allungherebbero fino alla fine dell'estate prossima. In particolare, nel ricorso, la Federcalcio argentina sottolinea di come l'arbitro brasiliano Ricci, nelle 16 pagine di relazione presentata alla Fifa, non abbia menzionato l'alterco verbale fra Messi e l'assistente.

21:05Migranti: #Withrefugees, scatti per capire un dramma

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Grazie alla fotografia sono i migranti che ci parlano. E' nel diffondere questa consapevolezza che l'immagine può davvero rappresentare un veicolo importante per far capire le problematiche di queste persone che attraversano il mondo". Lo ha detto Carlotta Sami, portavoce per il Sud Europa dell'Unhcr, l'agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite. L'occasione per una riflessione sulle migrazioni è stata l'inaugurazione della mostra #Withrefugees - Fotografi per i rifugiati, oggi, alla spazio Big Santa Marta di Milano. A promuovere la serata è stata MIA Photo fair (la fiera internazionale della fotografia), che apre proprio nel giorno dell'approvazione della legge sulla protezione dei minori stranieri non accompagnati. A essere esposti sono 45 scatti di fotografi che si sono dedicati al tema: Yuri Catania, Franco Paggetti, Pierre Andrè Podbilesky, Massimo Sestini e Paolo Solari Bozzi, che hanno messo le loro opere a disposizione per beneficenza.

Archivio Ultima ora