Under 21: un buon pari per gli azzurrini

Pubblicato il 13 novembre 2015 da redazione

foto u21

NOVI SAD – Dopo tre successi consecutivi, per la prima volta l’Italia non riesce a vincere nel girone di qualificazione al Campionato Europeo Under 21. A Novi Sad, gli Azzurrini strappano comunque un ottimo 1-1 in casa della Serbia che tiene la squadra di Luigi Di Biagio in vetta al Gruppo 2 imbattuta: è Danilo Cataldi a rispondere al vantaggio del suo compagno di club Sergej Milinkovic-Savic.

L’avvio dell’Italia, disegnata con un 4-4-2 spiccatamente offensivo dal suo tecnico, è incoraggiante. Benassi, il capitano, saggia i riflessi di Radunović con un colpo di testa sugli sviluppi dell’angolo battuto da Berardi, poi è lo stesso attaccante del Sassuolo – scattato sul filo del fuorigioco – a concludere a lato a tu per tu con il portiere avversario.

Prova invano il tiro anche Mandragora, poi Cragno si fa apprezzare per un provvidenziale anticipo. Ma sono gli Azzurrini a fare la partita e creare le chance migliori. Mandragora, ancora lui, calcia praticamente a colpo sicuro ma trova sulla sua strada l’incredibile opposizione di JovanoviC, mentre Boateng conclude male sul primo palo da posizione favorevole.

La nazionale di Sivić prova a organizzare una reazione trascinata da Ozegovic, che prima spedisce il pallone alto con un’acrobatica rovesciata, poi viene contrastato con efficacia da Rugani. Prima dell’intervallo una chance per parte. Cragno è formidabile nella parata su Cavric, dalla parte opposta Berardi si ritrova il pallone tra i piedi davanti a Radunovic ma spreca ancora.

La ripresa si accende subito. Dopo due minuti la Serbia è in vantaggio, grazie a Milinković-Savić: il 20enne della Lazio, probabilmente nell’intento di crossare, trova una traiettoria incredibile e manda il pallone sotto l’incrocio, con il portiere degli Azzurrini comunque non esente da responsabilità.

L’Italia non ci sta e dopo aver sbandato sul tentativo di Antonov si divora il pareggio con Cerri, che incredibilmente manda a lato.

L’1-1 è però nell’aria e si materializza al 56’, autore ancora un giocatore della Lazio: sul tiro dalla bandierina di Berardi, il 21enne centrocampista va alla conclusione dal limite e beffa il portiere avversario. Le emozioni si susseguono incessanti, Cragno ha un’incertezza in uscita e deve ringraziare Romagnoli, che sventa sulla linea il tiro di Gajic.

I due allenatori cercano dalla panchina la mossa vincente per risolvere la sfida, ma il risultato non cambia più, malgrado una bella acrobazia di Benassi. Finisce 1-1, per l’Italia è un ottimo pareggio che tiene la squadra di Di Biagio in vetta a pari punti proprio con la Serbia. Martedì la sfida alla Lituania a Castel di Sangro.

Ultima ora

14:28F1: Mercedes ‘copia’ Ferrari, svela monoposto il 22 febbraio

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - La Mercedes 'copia' la Ferrari annunciando che svelerà la monoposto 2018 lo stesso giorno in cui toglierà i veli la nuova Rossa, ossia il prossimo 22 febbraio. La W09, questa la sigla della macchina che con Lewis Hamilton e Valtteri Bottas tenterà di vincere il quarto Mondiale consecutivo, sarà svelata al pubblico e agli addetti ai lavori a Silverstone in Inghilterra, giorno in cui oltre alla presentazione della nuova vettura del Cavallino Rampante si terra anche quella della Force India.

14:18Migranti:Minniti e Pigliaru,integrare per garanzia sicurezza

(ANSA) - NUORO, 18 GEN - "Il nostro compito non è bloccare il flusso migratorio verso le nostre coste ma governare il processo". Lo ha detto il presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru, incontrando a Nuoro, con il ministro dell'Interno Marco Minniti, i ragazzi dell'istituto superiore Francesco Ciusa e un gruppo di migranti provenienti dai 13 centri di accoglienza presenti in provincia dove sono ospitate in tutto 500 persone. "Cito il ministro Minniti - ha aggiunto il governatore sardo - 'per vivere la sicurezza dobbiamo integrare'".

14:06Prof arrestato a Roma al Gip: ero innamorato, chiedo scusa

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "E' tutto vero quello che è successo, ma io ero innamorato di lei. Una cosa del genere non mi era mai successa in 25 anni di insegnamento. E' stato un rapporto consenziente". Così il professore Massimo De Angelis, arrestato a Roma per violenza sessuale ai danni di una sua alunna di 15 anni, si è difeso davanti al gip nel corso dell'interrogatorio di garanzia. Il docente del liceo privato 'Massimo' della capitale é accusato di aver abusato di una studentessa di 15 anni. "Chiedo scusa a tutti, a cominciare dai genitori della ragazza. Ho tradito me stesso, gli studenti, i miei colleghi e l'istituto", ha detto De Angelis, difeso dall'avvocato Fabio Lattanzi. Il professore, rispondendo alle domande del magistrato, ha ammesso i fatti che gli sono stati contestati dalla Procura di Roma.

14:05Giù da vagone per biglietto irregolare, capotreno condannato

(ANSA) - VENEZIA, 18 GEN - E' polemica in Veneto dopo la condanna a 20 giorni inflitta dal Tribunale di Belluno ad un capotreno per tentata violenza privata. L'uomo aveva fatto scegliere dal convoglio nel 2014 alla stazione di Santa Giustina un nigeriano, all'epoca residente nel padovano ma ora lontano dall'Italia perché espulso, ritenendo che non avesse obliterato il biglietto. "Piena e totale solidarietà al capotreno coinvolto in una vicenda incomprensibile per la gente comune, e a tutti i lavoratori delle Ferrovie dello Stato" viene espressa dal governatore Luca Zaia.

13:50Russia: Navalni presenta ricorso a ‘presidium’ Corte Suprema

(ANSA) - MOSCA, 18 GEN - Alexei Navalni ha presentato ricorso al 'presidium' della Corte Suprema russa per contestare la sua esclusione alle presidenziali russe del prossimo 18 marzo. "Abbiamo presentato un ricorso in cui chiediamo al presidium della Corte Suprema di invertire le decisioni prese dai tribunali di grado inferiore", ha detto a Interfax Ivan Zhdanov, avvocato di Navalni. La Corte Suprema ha dichiarato a Interfax che il tribunale ha ricevuto il ricorso ma la data in cui sarà preso in considerazione non è stata fissata. Il 25 dicembre scorso la Commissione Elettorale Centrale russa ha deciso di non registrare il gruppo di elettori creato per sostenere la candidatura di Alexei Navalni alle presidenziali (escludendolo di fatto dalla corsa al Cremlino). Il 30 dicembre la Corte Suprema ha respinto l'appello di Navalni contro la decisione della Commissione.

13:41Moscovici, solo auspicio è che governo italiano sia pro-Ue

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Siamo sempre stati attenti ai bisogni dell'Italia perché sappiamo che è un grande Paese, un Paese al cuore della zona Euro. Il solo auspicio che ho, sul piano politico, è che il prossimo governo italiano, qualsiasi esso sia, perché sono gli italiani che votano, sia un governo pro-europeo". Così il commissario europeo Pierre Moscovici rispondendo ad una domanda.

13:34Lega: Sollecito, Bongiorno? spero che ce la faccia

(ANSA) - PERUGIA, 18 GEN - "Giulia Bongiorno può dare un contributo importante per una giustizia che dia fiducia": ne è certo Raffaele Sollecito, difeso dalla penalista, ora candidata per la Lega alle prossime elezioni, nel processo per l'omicidio di Meredith Kercher terminato con l'assoluzione dell'ingegnere informatico. Il quale ha commentato con l'ANSA la notizia. "Sono contento della sua candidatura, spero che ce la faccia" ha detto Sollecito parlando dell'avvocato Bongiorno. "Certo - ha aggiunto -, se avrò la possibilità le darò il mio voto". Il giovane parla del legale come di "una persona oculata". "Non prende mai - ha proseguito - decisioni a caso ma le sue azioni sono sempre ponderate. E' una persona corretta - ha concluso Sollecito - che non dà mai adito a sorprese". (ANSA).

Archivio Ultima ora