Under 21: un buon pari per gli azzurrini

Pubblicato il 13 novembre 2015 da redazione

foto u21

NOVI SAD – Dopo tre successi consecutivi, per la prima volta l’Italia non riesce a vincere nel girone di qualificazione al Campionato Europeo Under 21. A Novi Sad, gli Azzurrini strappano comunque un ottimo 1-1 in casa della Serbia che tiene la squadra di Luigi Di Biagio in vetta al Gruppo 2 imbattuta: è Danilo Cataldi a rispondere al vantaggio del suo compagno di club Sergej Milinkovic-Savic.

L’avvio dell’Italia, disegnata con un 4-4-2 spiccatamente offensivo dal suo tecnico, è incoraggiante. Benassi, il capitano, saggia i riflessi di Radunović con un colpo di testa sugli sviluppi dell’angolo battuto da Berardi, poi è lo stesso attaccante del Sassuolo – scattato sul filo del fuorigioco – a concludere a lato a tu per tu con il portiere avversario.

Prova invano il tiro anche Mandragora, poi Cragno si fa apprezzare per un provvidenziale anticipo. Ma sono gli Azzurrini a fare la partita e creare le chance migliori. Mandragora, ancora lui, calcia praticamente a colpo sicuro ma trova sulla sua strada l’incredibile opposizione di JovanoviC, mentre Boateng conclude male sul primo palo da posizione favorevole.

La nazionale di Sivić prova a organizzare una reazione trascinata da Ozegovic, che prima spedisce il pallone alto con un’acrobatica rovesciata, poi viene contrastato con efficacia da Rugani. Prima dell’intervallo una chance per parte. Cragno è formidabile nella parata su Cavric, dalla parte opposta Berardi si ritrova il pallone tra i piedi davanti a Radunovic ma spreca ancora.

La ripresa si accende subito. Dopo due minuti la Serbia è in vantaggio, grazie a Milinković-Savić: il 20enne della Lazio, probabilmente nell’intento di crossare, trova una traiettoria incredibile e manda il pallone sotto l’incrocio, con il portiere degli Azzurrini comunque non esente da responsabilità.

L’Italia non ci sta e dopo aver sbandato sul tentativo di Antonov si divora il pareggio con Cerri, che incredibilmente manda a lato.

L’1-1 è però nell’aria e si materializza al 56’, autore ancora un giocatore della Lazio: sul tiro dalla bandierina di Berardi, il 21enne centrocampista va alla conclusione dal limite e beffa il portiere avversario. Le emozioni si susseguono incessanti, Cragno ha un’incertezza in uscita e deve ringraziare Romagnoli, che sventa sulla linea il tiro di Gajic.

I due allenatori cercano dalla panchina la mossa vincente per risolvere la sfida, ma il risultato non cambia più, malgrado una bella acrobazia di Benassi. Finisce 1-1, per l’Italia è un ottimo pareggio che tiene la squadra di Di Biagio in vetta a pari punti proprio con la Serbia. Martedì la sfida alla Lituania a Castel di Sangro.

Ultima ora

14:41Calcio: Mourinho vuole Verratti, Psg chiede soldi e Martial

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Josè Mourinho ha messo gli occhi su Marco Verratti. Lo scrive oggi il 'Mirror', secondo cui i Red Devils avrebbero presentato un'offerta di 60 milioni di sterline (78 mln di euro)al Psg, disposto ad aprire una trattativa solo se nell'operazione venisse inserito Martial, il giovane esterno offensivo francese che piace anche all'Inter (anche in questo caso come eventuale contropartita nell'affare Perisic). A condurre la trattativa, scrive il tabloid, è il vicepresidente esecutivo dello United, Ed Woodward, che sta proseguendo nei colloqui con la dirigenza parigina. A favore del club britannico può giocare il fatto che il nuovo procuratore dell'azzurro è Mino Raiola che con lo United ha negoziato altri ricchissimi trasferimenti (Pogba, Ibrahimovic e Mkhitaryan).

14:22Inter: Spalletti, mercato? Oggi parlo con Sabatini e Ausilio

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - "Dopo l'allenamento parlerò con Walter Sabatini e Piero Ausilio, ci vedremo tutti insieme e discuteremo". Luciano Spalletti, alla vigilia della sfida contro il Lione, prima partita dell’International Champions Cup dell’Inter in Cina, annuncia il summit di mercato con i dirigenti nerazzurri. Nel mirino ci sarebbe anche Keita Baldé, eventuale sostituto di Ivan Perisic. Spalletti, però, preferirebbe poter contare ancora sull’attaccante croato: “E' un giocatore importante per me, poi bisogna chiedere a lui come sta vivendo questo interesse da parte dello United. Questo è sicuramente positivo, vuol dire che il giocatore è forte. Se l'Inter dovesse accettare un certo tipo di richiesta, andremmo a prendere un giocatore altrettanto importante”. Sabatini e Ausilio parleranno anche con Zhang Jindong e i dirigenti cinesi.

14:20Gerusalemme: Mufti contro i metal detector e altri controlli

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 LUG - Nella Spianata delle Moschee di Gerusalemme Israele deve ripristinare la situazione che era in vigore fino al 14 luglio scorso, ossia prima dell'attentato in cui tre arabi israeliani hanno ucciso due agenti israeliani. Questa la posizione ribadita oggi dal Mufti di Gerusalemme, sceicco Muhammad Hussein, mentre in Israele si diffondono voci secondo cui la polizia potrebbe sostituire i metal detector installati la settimana scorsa con altri sistemi di sicurezza. "Noi non accetteremo i metal detector né alcun sistema alternativo", ha precisato il Mufti in un'intervista radio. "Tutto deve tornare a quanto era in vigore il 14 luglio. La Spianata - ha insistito - è una zona occupata e le autorità di occupazione non hanno diritto di apportarvi cambiamenti".

14:15Iraq: Wp, Isis avrebbe potuto costruire ‘bomba sporca’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - L'Isis in Iraq ha avuto tra le mani materiale radioattivo per costruire una 'bomba sporca', ma non lo ha fatto. Lo scrive con ampio rilievo il Washington Post. Secondo il quotidiano Usa, dopo la conquista di Mosul nel 2014, i jihadisti si trovarono di fronte ad uno dei più grandi arsenali mai caduti nelle mani di un gruppo terrorista: basi militari fornite di armi, bombe, razzi e anche carri armati. Ma l'arma più temibile a Mosul non fu mai usata. E solo ora emerge cosa avvenne. I jihadisti trovarono in un deposito dell' università irachena quantità di cobalto-60, un metallo molto radioattivo. Che, nelle loro mani, avrebbe potuto diventare l'ingrediente di base per un eventuale 'bomba sporca'. Perché lo stato islamico non sia riuscito a sfruttare l'arma in suo possesso rimane un mistero. Secondo militari Usa ed esperti nucleari, i jihadisti potrebbero essere stati frenati da problemi pratici: come smontare i rivestimenti di protezione dei macchinari senza correre il rischio di fughe radioattive.

14:05Incendi: 18 roghi attivi nel cosentino, canadair al lavoro

(ANSA) - COSENZA, 23 LUG - Sono 18 gli incendi attivi questa mattina nella provincia di Cosenza, in particolare sulla costa tirrenica e ionica. L'attenzione, hanno fatto sapere dalla centrale operativa del Comando provinciale di Cosenza dei Vigili del fuoco, al momento è concentrata su un incendio scoppiato nel comune di Domanico, piccolo paese vicino alla città bruzia, perché le fiamme sono vicine al centro abitato. Altri incendi di una certa intensità si registrano a San Demetrio Corone, Mormanno, Trebisacce e Scalea dove sono in azione sia i canadair che gli elicotteri. Al momento non sono segnalati particolari danni o disagi per i cittadini. (ANSA).

14:05Israele: Netanyahu, casa assassino sarà demolita

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 LUG - "Sarà demolita al più presto la casa dello spregevole assassino" che venerdì ha accoltellato a morte tre israeliani nella loro abitazione di Halamish, un insediamento ebraico in Cisgiordania. Lo ha anticipato oggi al governo israeliano il premier Benyamin Netanyahu. "Yosef, Haya ed Elad Solomon - ha aggiunto - sono stati uccisi da una belva umana, aizzata da odiatori di ebrei". I loro funerali sono in programma oggi.

14:01Charlie: marcia a sostegno cure sperimentali per bimbo

(ANSA) - LONDRA, 23 LUG - Una marcia e una preghiera a sostegno delle cure sperimentali per Charlie Gard. E' quella che si terrà oggi davanti all'Alta Corte di Londra dove domani il caso del bimbo di 11 mesi affetto da una rara sindrome mitocondriale degenerativa, verrà discusso con la presentazione di nuovi esami medici. I genitori di Charlie stanno portando avanti una battaglia per continuare le cure al figlio, ma per i medici del Great Ormond Street Hospital il trattamento sperimentale non funzionerà e potrebbe causare solo maggiori sofferenze al piccolo. Secondo i medici, l'unica soluzione è "la morte dignitosa".

Archivio Ultima ora