Missile Usa contro Jihadi John, ucciso il boia Isis

Pubblicato il 13 novembre 2015 da redazione

Jihadiohn

NEW YORK. – “Abbiamo la ragionevole certezza che Jihadi John sia stato ucciso”. A meno di 24 ore dalla notizia che un drone americano ha probabilmente colpito a morte il boia britannico dell’Isis, il Pentagono fornisce qualche elemento in più sul raid Usa a Raqqa, in Siria, e spiega che l’unico obiettivo di alto livello era proprio lui: Mohammed Emwazi. “Ma – precisa il portavoce, il colonnello Steve Warren – ci vorrà tempo per confermare” la sua morte.

Più cauto il governo britannico. Il premier britannico David Cameron ha detto che non vi è ancora la certezza assoluta della morte di Jihadi John, precisando che l’attacco vicino alla roccaforte di Raqqa è stato uno sforzo congiunto tra Regno Unito e Stati Uniti.

Stessa reazione della Casa Bianca: “Al momento non siamo in grado di confermare i risultati dell’operazione”, ha detto il portavoce Josh Earnest. E, anche se l’Osservatorio nazionale siriano sostiene di essere sicuro “al 100% che il boia è stato dilaniato dall’esplosione”, fonti jihadiste dicono invece che Jihadi John è rimasto ferito, ma è ancora vivo.

L’intelligence americana teneva d’occhio gli spostamenti del boia da mercoledì: quando Jihadi John è uscito da un edificio ed è salito su un’auto insieme ad un’altra persona, tre droni sono partiti e hanno colpito l’obiettivo con due missili.

“Sapevamo che era lui quando siamo entrati in azione”, hanno riferito alti ufficiali del Pentagono. A conferma, ci sarebbe anche un video che riprende Jihadi John poco prima di salire sull’auto. “Lo seguivamo da tempo e quando si è presentata l’opportunità di colpire senza provocare vittime civili, abbiamo agito”, ha detto ancora il colonnello Warren.

A coordinare l’operazione dei droni sono state le stesse ‘menti’ che pianificarono la missione per uccidere Osama bin Laden nel maggio del 2011: si tratta degli uomini delle forze speciali che operano dalla base di Fort Bragg, in North Carolina.

Jihadi John era uno degli uomini più ricercati al mondo, da quando comparve la prima volta in video nell’agosto del 2014 per annunciare la decapitazione del giornalista americano James Foley. Seguirono i filmati delle macabre uccisioni di un altro giornalista Usa, Steven Sotloff, del cooperante americano Abdul-Rahman Kassig, dei britannici David Haines e Alan Henning e del giornalista giapponese Kenji Goto.

Da allora, Emwazi è diventato l’obiettivo dei servizi segreti e degli attacchi delle forze americane in Siria.

Le famiglie delle vittime americane sono state avvertite prima che il raid contro Jihadi John fosse lanciato. “Ci ha avvertiti l’Fbi, ma la sua morte non ci dà nessun conforto”, ha confermato Diane Foley, madre di James. “Invece di impiegare le risorse per una specie di vendetta, il governo poteva usarli per salvare gli ostaggi che erano ancora vivi”, ha aggiunto.

Se la notizia dell’uccisione di Jihadi John venisse confermata sarebbe un colpo durissimo per la propaganda dell’Isis, anche dopo l’offensiva lanciata in queste ultime ore dalla coalizione. Lo stesso presidente Usa, Barack Obama, ha annunciato che le forze speciali hanno “contenuto l’Isis, che non sta guadagnando terreno né in Iraq né in Siria”.

“Quello che non siamo riusciti a fare – ha ammesso – è decapitare i loro vertici, anche se abbiamo fatto progressi nel bloccare il reclutamento di combattenti stranieri”.

A conferma, i peshmerga curdi hanno annunciato di aver strappato Sinjar dalle mani dei jihadisti. Il tricolore curdo sventola ora sulla città irachena, ma la battaglia per la conquista di una delle zone chiave tra Siria e Iraq prosegue con il sostegno decisivo della Coalizione a guida Usa.

Allo stesso tempo, gli americani hanno lanciato una massiccia offensiva aerea insieme agli alleati contro i campi petroliferi del Califfato nell’est del Paese.

(di Gaetana D’Amico/ANSA)

Ultima ora

22:56Calcio: Messi “Nessuna offesa, le mie erano parole al vento”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Non volevo insultare l'assistente, le mie erano solo parole al vento". Così Leo Messi si discolpa, secondo quanto apprende La Nacion, nell'arringa difensiva che l'Afa (la Federcalcio argentina) presenterà alla Commissione d'appello della Fifa, nel tentativo di ricevere uno sconto sulle quattro giornate di squalifica inflitte alla 'Pulce' per le offese rivolte a un assistente dopo la sfida contro il Cile. Nel caso in cui in appello dovessero essere confermate le giornate di stop a Messi, l'Afa si rivolgerà al Tas di Losanna; in questo caso, però, i tempi della sentenza si allungherebbero fino alla fine dell'estate prossima. In particolare, nel ricorso, la Federcalcio argentina sottolinea di come l'arbitro brasiliano Ricci, nelle 16 pagine di relazione presentata alla Fifa, non abbia menzionato l'alterco verbale fra Messi e l'assistente.

21:05Migranti: #Withrefugees, scatti per capire un dramma

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Grazie alla fotografia sono i migranti che ci parlano. E' nel diffondere questa consapevolezza che l'immagine può davvero rappresentare un veicolo importante per far capire le problematiche di queste persone che attraversano il mondo". Lo ha detto Carlotta Sami, portavoce per il Sud Europa dell'Unhcr, l'agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite. L'occasione per una riflessione sulle migrazioni è stata l'inaugurazione della mostra #Withrefugees - Fotografi per i rifugiati, oggi, alla spazio Big Santa Marta di Milano. A promuovere la serata è stata MIA Photo fair (la fiera internazionale della fotografia), che apre proprio nel giorno dell'approvazione della legge sulla protezione dei minori stranieri non accompagnati. A essere esposti sono 45 scatti di fotografi che si sono dedicati al tema: Yuri Catania, Franco Paggetti, Pierre Andrè Podbilesky, Massimo Sestini e Paolo Solari Bozzi, che hanno messo le loro opere a disposizione per beneficenza.

20:54Trump: Moore, con nuove norme clima iniziata estinzione vita

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Donald Trump ha appena "iniziato l'estinzione della vita umana sulla terra": ne e' convinto il regista liberal Michael Moore, facendo riferimento all'ordine esecutivo firmato dal presidente americano che spazza via le normative ambientali del predecessore Barack Obama. "Gli storici nel prossimo futuro (e potrebbe essere l'unico futuro che abbiamo) ricorderanno il 28 marzo 2017 come il giorno dell'inizio dell'estinzione della vita umana sulla terra", ha scritto in un post su Facebook. A suo parere, firmando il decreto che ordina di rivedere le norme per la riduzione delle emissioni di gas serra nelle industrie, Trump ha "dichiarato guerra al pianeta e ai suoi abitanti".

20:52Calcio: Lazio, Anderson “La Roma? Pensiamo a noi stessi”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "La Roma? Pensiamo solo a noi, non a quello che dicono loro. Giocheranno coi loro tifosi ma, se saremo intelligenti, facciamo una grande partita". Così Felipe Anderson, intervistato a Mediaset premium, parla della sfida di ritorno di Coppa Italia contro la Roma, in programma il 4 aprile. Si riparte dal 2-0 sei biancocelesti dell'andata, ma per il brasiliano conta prima di tutto fare bene contro il Sassuolo in campionato. "Questa per noi è una settimana decisiva - spiega l'ex Santos - dobbiamo centrare due obiettivi di stagione, non bisogna sbagliare. Pensiamo prima al Sassuolo, poi al derby". Protagonista della sua miglior stagione a livello di continuità, per Anderson è sempre vivo il sogno della Seleçao: "Giocare il Mondiale è un mio obiettivo - conclude l'attaccante dei biancocelesti - ma so che devo dare il massimo qui, voglio finire bene e sperare di conquistare la Nazionale".

20:41Deltaplano precipita in provincia di Modena, grave 56enne

(ANSA) - MODENA, 29 MAR - Un deltaplano con a bordo un 56enne, D.B., si è schiantato al suolo, in un terreno agricolo, intorno alle 18 a Campogalliano, in provincia di Modena. L'uomo, proprietario sia del velivolo che del terreno agricolo dove è avvenuto l'incidente, in via Vandelli, è stato soccorso dai sanitari del 118, intervenuti con l'ambulanza e con l'elisoccorso. Il ferito, cosciente ma con gravi ferite ad una gamba, è stato così portato all'ospedale Maggiore di Bologna con l'elicottero. Le sue condizioni sono gravi. In via Vandelli sono intervenuti anche i vigili del fuoco ed i carabinieri. Tutte le ipotesi sono al vaglio, ma si propende per un guasto tecnico del deltaplano, che, a quanto pare, è precipitato mentre era ancora in fase di decollo. A chiamare i soccorsi sono stati i parenti del 56enne, che hanno udito il rumore dello schianto. (ANSA).

20:26Consip, sms di Lotti a Emiliano acquisiti da procura Roma

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Il governatore Pd della Puglia Michele Emiliano sentito per oltre un'ora in procura a Roma come testimone nell'inchiesta Consip sulla centrale acquisti della Pubblica amministrazione. Gli é stato chiesto degli sms ricevuti nel 2105 dall'attuale ministro Luca Lotti - all'epoca sottosegretario alla presidenza del Consiglio - che lo invitava a incontrare il faccendiere Carlo Russo, amico del padre dell'allora premier Matteo Renzi, Tiziano. Il pm Mario Palazzi ha acquisito agli atti gli sms di Lotti e di Tiziano Renzi, conservati da Emiliano. L'ipotesi della procura è che l'imprenditore Alfredo Romeo - in carcere per corruzione - abbia beneficiato dell'amicizia tra Tiziano Renzi e Russo per mettere le mani sugli appalti Consip. Il presidente della Puglia dopo l'audizione non ha rilasciato dichiarazioni. "Procura acquisisce gli sms di Lotti a Emiliano, e #Renzi continua a non dire se e quando ha saputo dell'inchiesta. #RenziReticente", commenta con un tweet sull'ex premier il deputato M5S Danilo Toninelli.

20:25Sfregiata con acido: continuo mio percorso con entusiasmo

(ANSA) - RIMINI, 29 MAR - "Volevo farvi sapere che continuo il mio percorso impervio ogni giorno, con un certo entusiasmo, perchè ci sono miglioramenti, anche se piccoli. Passo ovviamente dei momenti tristi dove la pelle tira, altri in cui sono felice e qui a casa canto e ballo. La voce non me la può togliere nessuno". Gessica Notaro, la 28enne riminese sfregiata con l'acido dal suo ex compagno il 10 gennaio scorso, ha tenuto oggi pomeriggio una diretta Facebook, in cui si è fatta ritrarre a mezzo busto. Tanti messaggi di conforto che le sono arrivati ("sei un esempio per tutta l'Italia", uno dei tanti). "Vogliamo rispondere a tutti ma con un occhio solo è complicato", ha detto con voce scherzosa, riferendosi alle conseguenze dell'aggressione, "già ero miope e astigmatica". Gessica ha anche fatto vedere il mento coperto dalla membrana che le copre tutto il volto: "ho una guaina elastica che mi stira le cicatrici e la pelle quindi non mi fa parlare tanto bene".

Archivio Ultima ora