Missile Usa contro Jihadi John, ucciso il boia Isis

Pubblicato il 13 novembre 2015 da redazione

Jihadiohn

NEW YORK. – “Abbiamo la ragionevole certezza che Jihadi John sia stato ucciso”. A meno di 24 ore dalla notizia che un drone americano ha probabilmente colpito a morte il boia britannico dell’Isis, il Pentagono fornisce qualche elemento in più sul raid Usa a Raqqa, in Siria, e spiega che l’unico obiettivo di alto livello era proprio lui: Mohammed Emwazi. “Ma – precisa il portavoce, il colonnello Steve Warren – ci vorrà tempo per confermare” la sua morte.

Più cauto il governo britannico. Il premier britannico David Cameron ha detto che non vi è ancora la certezza assoluta della morte di Jihadi John, precisando che l’attacco vicino alla roccaforte di Raqqa è stato uno sforzo congiunto tra Regno Unito e Stati Uniti.

Stessa reazione della Casa Bianca: “Al momento non siamo in grado di confermare i risultati dell’operazione”, ha detto il portavoce Josh Earnest. E, anche se l’Osservatorio nazionale siriano sostiene di essere sicuro “al 100% che il boia è stato dilaniato dall’esplosione”, fonti jihadiste dicono invece che Jihadi John è rimasto ferito, ma è ancora vivo.

L’intelligence americana teneva d’occhio gli spostamenti del boia da mercoledì: quando Jihadi John è uscito da un edificio ed è salito su un’auto insieme ad un’altra persona, tre droni sono partiti e hanno colpito l’obiettivo con due missili.

“Sapevamo che era lui quando siamo entrati in azione”, hanno riferito alti ufficiali del Pentagono. A conferma, ci sarebbe anche un video che riprende Jihadi John poco prima di salire sull’auto. “Lo seguivamo da tempo e quando si è presentata l’opportunità di colpire senza provocare vittime civili, abbiamo agito”, ha detto ancora il colonnello Warren.

A coordinare l’operazione dei droni sono state le stesse ‘menti’ che pianificarono la missione per uccidere Osama bin Laden nel maggio del 2011: si tratta degli uomini delle forze speciali che operano dalla base di Fort Bragg, in North Carolina.

Jihadi John era uno degli uomini più ricercati al mondo, da quando comparve la prima volta in video nell’agosto del 2014 per annunciare la decapitazione del giornalista americano James Foley. Seguirono i filmati delle macabre uccisioni di un altro giornalista Usa, Steven Sotloff, del cooperante americano Abdul-Rahman Kassig, dei britannici David Haines e Alan Henning e del giornalista giapponese Kenji Goto.

Da allora, Emwazi è diventato l’obiettivo dei servizi segreti e degli attacchi delle forze americane in Siria.

Le famiglie delle vittime americane sono state avvertite prima che il raid contro Jihadi John fosse lanciato. “Ci ha avvertiti l’Fbi, ma la sua morte non ci dà nessun conforto”, ha confermato Diane Foley, madre di James. “Invece di impiegare le risorse per una specie di vendetta, il governo poteva usarli per salvare gli ostaggi che erano ancora vivi”, ha aggiunto.

Se la notizia dell’uccisione di Jihadi John venisse confermata sarebbe un colpo durissimo per la propaganda dell’Isis, anche dopo l’offensiva lanciata in queste ultime ore dalla coalizione. Lo stesso presidente Usa, Barack Obama, ha annunciato che le forze speciali hanno “contenuto l’Isis, che non sta guadagnando terreno né in Iraq né in Siria”.

“Quello che non siamo riusciti a fare – ha ammesso – è decapitare i loro vertici, anche se abbiamo fatto progressi nel bloccare il reclutamento di combattenti stranieri”.

A conferma, i peshmerga curdi hanno annunciato di aver strappato Sinjar dalle mani dei jihadisti. Il tricolore curdo sventola ora sulla città irachena, ma la battaglia per la conquista di una delle zone chiave tra Siria e Iraq prosegue con il sostegno decisivo della Coalizione a guida Usa.

Allo stesso tempo, gli americani hanno lanciato una massiccia offensiva aerea insieme agli alleati contro i campi petroliferi del Califfato nell’est del Paese.

(di Gaetana D’Amico/ANSA)

Ultima ora

12:50Terrorismo: espulso albanese, inneggiava all’Isis

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Un 22enne albanese, residente a Riccione, che aveva più volte inneggiato all'Isis e che, in carcere, aveva manifestato deliri religiosi, è stato espulso dall'Italia - con un provvedimento del ministro dell'Interno Marco Minniti - per motivi di sicurezza dello Stato. Con questo rimpatrio, il 77/o del 2017, sono 209 le espulsioni di soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, dal gennaio 2015 ad oggi.

12:49Calcio:Football Leaks, al Psg Neymar guadagna 4.000 euro ora

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Poco più di tre milioni al mese, 37 all'anno, quattromila euro l'ora: sono le cifre astronomiche del contratto da nababbo che Neymar ha firmato col Psg. A rivelarlo è 'Der Spiegel' che cita dei documenti rivelati da Football Leaks, rendendo noti i risvolti economici del più clamoroso trasferimento della storia del calcio (il club parigino ha pagato 222 milioni di clausola rescissoria). Lo stipendio mensile della stella brasiliana ammonta a 3.069.520 euro, che fanno appunto circa 4.000 euro all'ora. Oltre allo stipendio, il Psg paga anche la casa di Neymar (altri 14mila euro mensili): una dimora degli anni '50, di 5.000 mq, con vaste aree verdi e 1.000 metri quadrati di spazio abitativo distribuiti su cinque livelli con ascensore.

12:33Conferenza Famiglia: associazioni omosex, noi ignorati

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Per il governo italiano, gay e lesbiche vanno tenuti fuori dalla porta quando si discute di politiche per la famiglia". Lo denunciano, in una nota congiunta, le associazioni Famiglie Arcobaleno, Rete Genitori Rainbow e Agedo, criticando il mancato invito alla Terza Conferenza Nazionale della Famiglia organizzata per i prossimi 28 e 29 settembre a Roma. Un'iniziativa del Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio con il supporto dell'Osservatorio nazionale sulla famiglia. Le associazioni chiedono quindi "ai rappresentanti delle istituzioni e del Governo più sensibili alle istanze del mondo Lgbt di intervenire per andare oltre questa esclusione, o in alternativa di disertare un appuntamento che, così congegnato, è inaccettabilmente discriminante".

12:32Mo: Saeb Erekat in attesa trapianto di polmone

(ANSAmed) - TEL AVIV, 24 SET - Il segretario generale del Comitato esecutivo dell'Olp Saeb Erekat è in attesa di un trapianto di polmone che dovrebbe avvenire negli Usa. Lo ha detto lui stesso in un'intervista alla tv palestinese nella quale ha spiegato di essere affetto "da fibrosi polmonare da cinque anni" e di aver bisogno di un trapianto per la malattia che provoca una grande difficoltà respiratoria. Oggi, citato dai media palestinesi, ha risposto alle domande sui social che chiedevano informazioni sulla salute sottolineando di "sentirsi bene" e di "aspettare la data dell'operazione ogni giorno in base al donatore". Erekat, 62 anni, è uno dei principali protagonisti della politica palestinese da più di due decenni e per molto tempo è stato capo negoziatore in tutte le trattative con gli israeliani per un accordo di pace.

12:30Siria: radio, ministro Difesa russo atteso in Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 24 SET - Il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu, è atteso il mese prossimo in Israele per una visita di lavoro durante la quale affronterà fra l'altro la questione del coordinamento di sicurezza in Siria tra Russia ed Israele. Lo ha reso noto l'ufficio del ministro della Difesa Avigdor Lieberman, citato dalla radio israeliana. Si tratta della prima visita di Shoigu in Israele e la prima di un ministro russo della Difesa in diversi anni. I responsabili israeliani alla Difesa annettono grande importanza a questo viaggio, ha aggiunto la emittente secondo cui è anche prevedibile che Israele ribadirà la propria preoccupazione per la crescente presenza in Siria delle forze iraniane e delle milizie sciite a loro alleate.

12:24Uccise amante con 87 coltellate, donna torna in carcere

(ANSA) - BRINDISI, 24 SET - Per scontare un residuo di pena di 14 anni è stata condotta nel carcere di Lecce Anna Maria Lombardi, la 46enne di Apricena (Foggia) che nel 2013 uccise in paese Angelo Radatti, uomo con cui aveva una relazione. La donna, che a quanto venne appurato sferrò all'uomo 87 coltellate, si trovava in una comunità di Latiano (Brindisi) dove i carabinieri le hanno notificato l'ordine di carcerazione in virtù di una sentenza di condanna per omicidio volontario, diventata ormai definitiva. Secondo quanto accertato, si trattò di un delitto d'impeto, seguito alla decisione della vittima di non lasciare la moglie, dopo che la relazione extraconiugale andava avanti da 10 anni.

12:17Ritrovata turista tedesca scomparsa nel Barese

(ANSA) - MINERVINO MURGE (BARLETTA ANDRIA TRANI), 24 SET - È stata rintracciata dai carabinieri la scorsa notte, mentre vagava disorientata nelle campagne fuori dall'abitato di Minervino Murge, verso Andria, la turista tedesca, originaria della Polonia, Paulina Wischniewski, di 35 anni, uscita di casa la notte di giovedì scorso facendo poi perdere le tracce. La donna sta bene ed è stato necessario solo coprirla per il freddo e darle da mangiare. La 35enne stava trascorrendo un periodo di vacanza insieme alla madre e al compagno pugliese di quest'ultima. Era uscita a tarda ora dopo avere discusso con i famigliari che, dopo aver provato invano a contattarla sul cellulare per tutta la notte, ne avevano denunciato, preoccupati, la scomparsa.

Archivio Ultima ora