Missile Usa contro Jihadi John, ucciso il boia Isis

Pubblicato il 13 novembre 2015 da redazione

Jihadiohn

NEW YORK. – “Abbiamo la ragionevole certezza che Jihadi John sia stato ucciso”. A meno di 24 ore dalla notizia che un drone americano ha probabilmente colpito a morte il boia britannico dell’Isis, il Pentagono fornisce qualche elemento in più sul raid Usa a Raqqa, in Siria, e spiega che l’unico obiettivo di alto livello era proprio lui: Mohammed Emwazi. “Ma – precisa il portavoce, il colonnello Steve Warren – ci vorrà tempo per confermare” la sua morte.

Più cauto il governo britannico. Il premier britannico David Cameron ha detto che non vi è ancora la certezza assoluta della morte di Jihadi John, precisando che l’attacco vicino alla roccaforte di Raqqa è stato uno sforzo congiunto tra Regno Unito e Stati Uniti.

Stessa reazione della Casa Bianca: “Al momento non siamo in grado di confermare i risultati dell’operazione”, ha detto il portavoce Josh Earnest. E, anche se l’Osservatorio nazionale siriano sostiene di essere sicuro “al 100% che il boia è stato dilaniato dall’esplosione”, fonti jihadiste dicono invece che Jihadi John è rimasto ferito, ma è ancora vivo.

L’intelligence americana teneva d’occhio gli spostamenti del boia da mercoledì: quando Jihadi John è uscito da un edificio ed è salito su un’auto insieme ad un’altra persona, tre droni sono partiti e hanno colpito l’obiettivo con due missili.

“Sapevamo che era lui quando siamo entrati in azione”, hanno riferito alti ufficiali del Pentagono. A conferma, ci sarebbe anche un video che riprende Jihadi John poco prima di salire sull’auto. “Lo seguivamo da tempo e quando si è presentata l’opportunità di colpire senza provocare vittime civili, abbiamo agito”, ha detto ancora il colonnello Warren.

A coordinare l’operazione dei droni sono state le stesse ‘menti’ che pianificarono la missione per uccidere Osama bin Laden nel maggio del 2011: si tratta degli uomini delle forze speciali che operano dalla base di Fort Bragg, in North Carolina.

Jihadi John era uno degli uomini più ricercati al mondo, da quando comparve la prima volta in video nell’agosto del 2014 per annunciare la decapitazione del giornalista americano James Foley. Seguirono i filmati delle macabre uccisioni di un altro giornalista Usa, Steven Sotloff, del cooperante americano Abdul-Rahman Kassig, dei britannici David Haines e Alan Henning e del giornalista giapponese Kenji Goto.

Da allora, Emwazi è diventato l’obiettivo dei servizi segreti e degli attacchi delle forze americane in Siria.

Le famiglie delle vittime americane sono state avvertite prima che il raid contro Jihadi John fosse lanciato. “Ci ha avvertiti l’Fbi, ma la sua morte non ci dà nessun conforto”, ha confermato Diane Foley, madre di James. “Invece di impiegare le risorse per una specie di vendetta, il governo poteva usarli per salvare gli ostaggi che erano ancora vivi”, ha aggiunto.

Se la notizia dell’uccisione di Jihadi John venisse confermata sarebbe un colpo durissimo per la propaganda dell’Isis, anche dopo l’offensiva lanciata in queste ultime ore dalla coalizione. Lo stesso presidente Usa, Barack Obama, ha annunciato che le forze speciali hanno “contenuto l’Isis, che non sta guadagnando terreno né in Iraq né in Siria”.

“Quello che non siamo riusciti a fare – ha ammesso – è decapitare i loro vertici, anche se abbiamo fatto progressi nel bloccare il reclutamento di combattenti stranieri”.

A conferma, i peshmerga curdi hanno annunciato di aver strappato Sinjar dalle mani dei jihadisti. Il tricolore curdo sventola ora sulla città irachena, ma la battaglia per la conquista di una delle zone chiave tra Siria e Iraq prosegue con il sostegno decisivo della Coalizione a guida Usa.

Allo stesso tempo, gli americani hanno lanciato una massiccia offensiva aerea insieme agli alleati contro i campi petroliferi del Califfato nell’est del Paese.

(di Gaetana D’Amico/ANSA)

Ultima ora

21:35Usa: tabloid, Obama ora in vacanza ai Caraibi

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - Gli Obama ora sarebbero in vacanza ai Caraibi. Lo riferisce Tmz secondo cui l'ex famiglia presidenziale avrebbe lasciato Palm Springs in California dopo soli tre giorni a causa del maltempo. Sempre secondo il tabloid, Barack e Michelle sarebbero prima ritornati a Washington, poi di li avrebbero preso un jet privato di Richard Branson, il businessman inglese proprietario della Virgin Atlantic, alla volta dell'isola di Necker, nelle isole Vergini britanniche. Il sito di Tmz mostra una foto in cui l'ex presidente e First Lady posano con delle persone che sembrano delle guardie. Ancora secondo indiscrezioni, Malia e Sasha non avrebbero seguito i genitori a Palm Spring ma probabilmente ora sono ai Caraibi anche se al momento non circola nessuna loro foto.

21:31Calcio: Cagliari, Miangue in arrivo dall’Inter

(ANSA) - CAGLIARI, 24 GEN - Manca solo l'ufficialità, ma domani dovrebbe essere il giorno buono: al Cagliari arriva in prestito dall'Inter il difensore belga Senna Miangue, classe 1997. Tutto è pronto: dopo le visite mediche, il giocatore firmerà il contratto che lo legherà alla società rossoblù fino alla fine della stagione. Nazionale Under 21 belga, quest'anno Miangue ha trovato poco spazio in nerazzurro, con appena tre presenze. È il terzo acquisto del Cagliari nel calciomercato invernale dopo il portiere Gabriel (dal Milan) ed il centrocampista Faragò (dal Novara). (ANSA).

21:31M5S: Renzi, Pd non attacchi, no scorciatoie giudiziarie

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - "Oggi il Sindaco di Roma ha ricevuto un avviso di garanzia. La nostra Costituzione prevede che tutti i cittadini siano innocenti fino a sentenza passata in giudicato. E questo vale per tutti, a qualunque partito appartengano. Invito dunque tutto il Pd a rispettare la presunzione di innocenza e non rincorrere le polemiche. Non cerchiamo scorciatoie giudiziarie, non cediamo all'odio per l'avversario, non attacchiamo Virginia Raggi oggi". Così Matteo Renzi, in un post su Fb, difende il sindaco di Roma.

21:19Maltempo: Sardegna, sale a 5 mln dotazione per risarcimenti

(ANSA) - CAGLIARI, 24 GEN - Sale ancora la disponibilità finanziaria della Regione Sardegna per venire incontro ai territori delle zone colpite, la scorsa settimana, dalle eccezionali nevicate. Ai 2 milioni di euro della legge 28, gestita dalla Protezione civile, e al milione di euro della dell'assessorato della Difesa dell'Ambiente, dedicato per il ristoro dei danni ai privati e alle attività produttive, si aggiungono altri 2 milioni in dotazione immediata dell'assessorato dell'Agricoltura. Una volta dichiarato lo stato di calamità naturale da parte dei Comuni colpiti e una volta giunte le indicazioni sui danni subiti alle aziende agricole - fa sapere la Regione - partiranno sul campo le verifiche della task-force dei tecnici dalle Agenzie Argea e Laore. Sulla base dei riscontri operati nei territori, l'assessorato dell'Agricoltura disporrà inoltre della Misura specifica all'interno del Programma di sviluppo rurale dedicata proprio al "Ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali". (ANSA).

21:17Iran: l’accordo nucleare non è seriamente minacciato

(ANSA) - TEHERAN, 24 GEN - L'accordo sul nucleare, che ha sancito la fine delle sanzioni all'Iran, "non è seriamente minacciato", ma "serve l'impegno continuo di tutti per tenerlo in vita". Lo ha detto questa sera a Teheran il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad-Javad Zarif, intervenuto a un incontro organizzato dalla Camera di commercio, industria, miniere e agricoltura. "Credo che l'accordo nucleare non si trovi di fronte a situazioni molto difficili da affrontare - ha detto Zarif - a condizione che ci impegnamo a mantenerlo vivo". Il ministro ha quindi fatto riferimento al rapporto presentato al Parlamento dal suo Dicastero, sottolinenando che le statistiche dimostrano che le sanzioni contro l'Iran hanno creato una forte caduta dei prezzi del petrolio, gravi problemi per le transazioni bancarie e per qualunque cooperazione finanziaria. Zarif ha quindi rimarcato l'importanza dell'accordo per la ripresa economica, ma ha detto che "l'effetto negativo delle sanzioni paralizzanti non può essere eliminato in una notte".

21:12Legalità: a Napoli mostra Ansa-Miur su Falcone e Borsellino

(ANSA) - NAPOLI, 24 GEN - Portare la legalità e il significato della lotta alle mafie nelle scuole: questo l'obiettivo della mostra fotografica itinerante "L'eredità di Falcone e Borsellino", realizzata dall'Ansa e dal Miur, inaugurata oggi nell'istituto Sannino-Petriccione nel quartiere Ponticelli di Napoli. A tagliare il nastro, dopo l'introduzione del dirigente scolastico Paolo Pisciotta, sono stati una studentessa del IV anno, Rebecca Lombardi, e Giuseppe Costanza, l'autista di Giovanni Falcone, sopravvissuto alla strage di Capaci. In esposizione 150 fotografie e 26 pannelli che raccontano la storia dei due magistrati uccisi dalla mafia, dall'adolescenza, al maxi processo, fino alle stragi del '92. A fare da guida saranno gli stessi studenti dell'istituto, che i docenti hanno preparato per rispondere alle domande dei visitatori: saranno loro, infatti, ad illustrare le vicende raffigurate in quelle immagini ai loro "colleghi" delle altre scuole napoletane.

20:54Rapinati dopo discoteca, ‘abbiamo ricevuto insulti omofobi’

(ANSA) - MILANO, 24 GEN - "Ci hanno offeso dicendo 'froci di m...', 'fate schifo'". Sono le parole messe a verbale da uno dei due studenti rapinati e picchiati nella notte tra sabato e domenica da un gruppo di 7-8 persone all'uscita di una discoteca di Milano. I carabinieri sono andati a raccogliere la loro testimonianza al Policlinico, dove uno dei due 25enni oggi ha subito l'operazione di ricostruzione del naso e l'altro sarà operato domani. Per quest'ultimo le ferite sono molto più gravi, ha riportato la frattura della scatola cranica. "Simili episodi colpiscono sempre nel vivo, soprattutto quando accadono in città come Milano, che rimane sempre attenta, aperta e rispettosa delle differenze di ognuno" hanno detto il segretario metropolitano, Pietro Bussolati, e il responsabile Dipartimento diritti del PD, Michele Albiani, condannando a nome della Federazione PD Milano Metropolitana, 'l'aggressione omofoba subìta da due ragazzi nella notte fra domenica e lunedì'.

Archivio Ultima ora