Parigi: Coni, 1′ silenzio in tutte le manifestaioni

Pubblicato il 14 novembre 2015 da ansa

(ANSA) – ROMA, 14 NOV – Alla luce dei gravissimi fatti di ieri sera a Parigi, il presidente del Coni Giovanni Malagò ha invitato tutte le federazioni sportive nazionali ad osservare un minuto di silenzio in tutte le manifestazioni sportive che si svolgono in Italia nel fine settimana. Malagò ha telefonato al Presidente del Comitato Olimpico Francese, Dennis Masseglia.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

20:07Ucraina: scontri davanti Parlamento su nuova legge Donbass

(ANSA) - MOSCA, 16 GEN - Almeno un poliziotto è stato ferito e diversi manifestanti sono stati arrestati nel corso di scontri davanti al parlamento ucraino a Kiev. Diverse centinaia di persone si sono infatti radunate nei pressi della Rada per protestare contro la nuova legge che governa le aree nell'est del Paese, al momento controllate dai separatisti filorussi. Il conflitto tra i ribelli - sostenuti dalla Russia - e le truppe del governo ucraino infuria dal 2014. La polizia ucraina afferma che i manifestanti hanno usato spray al peperoncino e hanno bersagliato la polizia con pietre. I manifestanti erano guidati da Semyon Semyonchenko, ex comandante di un battaglione di volontari che ha combattuto nel Donbass, sospettato di violazioni di diritti umani. Semyonchenko e i suoi sostenitori hanno criticato la nuova legge perché giudicata "troppo indulgente" nei confronti dei leader separatisti, secondo il canale ucraino 112.

20:05Gb: processo a ‘simpatizzante Isis, voleva colpire Big Ben’

(ANSA) - LONDRA, 16 GEN - Ci sarebbe stato anche il Big Ben, assieme a una lunga lista di potenziali obiettivi altamente simbolici a Londra, fra i bersagli ipotetici dei piani di attentato attribuiti a un giovane musulmano britannico, presunto "simpatizzante dell'Isis". Lo ha affermato la pubblica accusa all'avvio del processo all'Old Bailey Court a Umar Ahmed Haque, 25 anni, originario dell'East End di Londra, arrestato assieme a tre sospetti fiancheggiatori, imputati assieme a lui. Secondo il procuratore Mark Heywood, Hague era l'anima del gruppo, "affascinato dall'ideologia perversa ed estremista" del cosiddetto Stato Islamico tanto da rivendicare la sua 'devozione' al Califfato alla polizia dopo l'arresto. Risulta aver avuto l'intenzione di compiere "uno o più attacchi violenti" e avrebbe "identificato metodi e obiettivi" fra cui, oltre a Big Ben, Heathrow, trasporti urbani, una moschea sciita, centri commerciali, il Parlamento di Westminster, la City, banche, ambasciate straniere, media. Hague s'è dichiarato non colpevole.

19:57Russiagate: da Mueller mandato comparizione per Steve Bannon

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'ex stratega della Casa Bianca Steve Bannon ha ricevuto dal procuratore del Russiagate, Robert Mueller, un mandato di comparizione per testimoniare davanti ad un grand jury nell'ambito delle indagini su una possibile collusione tra l'entourage di Donald Trump e i russi. Lo scrive il New York Times, sottolineando che è la prima volta che Mueller usa un mandato per ottenere informazioni da un membro dell'inner circle del presidente.

19:53Colombia: crolla un ponte in sospensione, muoiono 10 operai

(ANSA) - BOGOTA', 16 GEN - Dieci operai sono morti nel crollo di un ponte a sospensione in costruzione sopra una gola in Colombia. La Protezione civile ha precisato che gli operai stavano lavorando al drenaggio lungo il ponte, che si trova a circa 95 chilometri da Bogotà, quando la struttura è crollata. Nove persone sono morte sul colpo. Una decima è morta poco dopo in ospedale per le gravi ferite. Si sta ancora cercando di chiarire quante persone fossero sul posto al momento del crollo e se vi siano eventuali dispersi. Il ponte crollato era una struttura in sospensione di 450 metri, sull'autostrada tra Bogotà e Villavicencio. I lavoratori si stavano occupando del drenaggio sul lato della struttura, appesa a dei cavi a centinaia di metri dal fondovalle, quando questa è crollata. L'incidente si è verificato nel settore noto come Chirajara, una zona molto montuosa dove è stata costruita l'autostrada Bogotá-Villavicencio, che lungo i suoi 120 chilometri comprende decine di viadotti e gallerie.

19:49Calcio: dall’Arsenal offerta 35 mln e Giroud per Aubameyang

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Olivier Giroud e 35 milioni di sterline per Pierre-Emerick Aubameyang: sarebbe questa, stando all'Evening standard, l'offerta che l'Arsenal starebbe per presentare al Borussia Dortmund per l'attaccante gabonese. Secondo il tabloid britannico, che rilancia anche l'operazione Alexis Sanchez-Manchester United. Il centravanti giallonero, valutato 53,3 milioni di sterline (all'incirca 60 milioni di euro), nello scacchiere di Wenger andrebbe a sostituire l'attaccante cileno in predicato di lasciare l'Emirates stadium.

19:45Circolare Ps, gira pistola grande come carta di credito

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Con l'allarme terrorismo sempre alto, da poco è in commercio una pistola che è poco più grande di una carta di credito: un'arma che si può nascondere con facilità e, soprattutto, può essere portata in giro senza che nessuno se ne accorga. L'allerta arriva dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza che ha inviato una circolare a tutte le Questure d'Italia per invitare le forze di polizia sul territorio a segnalare immediatamente eventuali sequestri o ritrovamenti di questo tipo di pistola.

19:44Yemen: Ong, 8 mln persone a rischio di morte per fame

(ANSA) - NEW YORK, 16 GEN - Nello Yemen in preda alla guerra ben 8 milioni di persone sono a rischio di morire di fame: è quanto denunciano in una nota Save the Children e altre 16 organizzazioni umanitarie operanti in territorio yemenita, che chiedono urgentemente la riapertura completa e incondizionata del porto di Hudaydah per consentire l'ingresso ininterrotto di cibo e carburante nel Paese. Inoltre, oltre 3 milioni di bambini sono nati in Yemen dopo l'escalation delle violenze, nel marzo 2015, si legge nel rapporto di Unicef 'Born into War'. Secondo l'agenzia dell'Onu, oltre 5.000 bambini sono stati uccisi o feriti nelle violenze, in media cinque al giorno da marzo 2015. Oltre 11 milioni di bambini hanno bisogno di assistenza umanitaria, praticamente tutti quelli nello Yemen, e circa 1,8 milioni di bambini sono gravemente malnutriti, tra cui circa 400.000 che stanno lottando per la vita. Inoltre, quasi 2 milioni di bambini non vanno a scuola.

Archivio Ultima ora