A Parigi l’11 settembre dell’Europa

Pubblicato il 14 novembre 2015 da redazione

Police officers gather outside the Bataclan concert venue in Paris, France, 13 November 2015. At least 149 people have been killed in a series of attacks in Paris on 13 November, according to French officials.  EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON

Police officers gather outside the Bataclan concert venue in Paris, France, 13 November 2015. At least 149 people have been killed in a series of attacks in Paris on 13 November, according to French officials. EPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON

ROMA. – E’ l’undici settembre dell’Europa. Il cuore di Parigi colpito a ripetizione dal terrorismo islamico, gli attacchi militarmente coordinati nel centro della capitale francese segnano una escalation furiosa di una guerra dichiarata all’occidente che, in una notte parigina di novembre, ha forse passato un punto di non ritorno.

Ed ha anche segnato il passaggio della nuova terribile strategia dell’Isis che non guarda piu’ soltanto ai confini del suo califfato e alle guerre siriana e irachena, ma va all’attacco diretto dell’occidente, cosi’ come avevano fatto Al Qaida e Osama bin Laden.

E come era successo con l’attacco agli Usa di 14 anni fa, la comunità internazionale deve fronteggiare adesso qualcosa a cui non era preparata nonostante i tanti segnali che annunciavano l’arrivo di una tempesta perfetta del terrorismo.

Morti, ostaggi uccisi sangue freddo, kamikaze, bombe allo Stade de France e in un teatro: non ci sono precedenti nella Vecchia Europa. Nulla a che vedere con i precedenti attacchi a Parigi, alla metropolitana di Londra o alle stazioni di Madrid.

C’è qualcosa di tragicamente plastico e drammaticamente evidente nella giornata che si apre con l’attacco, e forse l’uccisione, a Jihadi John, il simbolo dell’orrore e della follia dell’Isis, e che si conclude con lo stesso orrore e e follia che si riproduce all’infinito nella città simbolo della civiltà europea.

L’Isis ha deciso di portare quell’orrore fuori dai confini delle guerre combattute a cavallo del confine tra Iraq e Siria. Ha lanciato una sfida diretta all’occidente andandolo a colpire nel cuore della Vecchia Europa. Un tragico, sanguinoso cambiamento strategico che non puo’ che far piombare l’Europa nella piu’ cupa disperazione e nello sgomento.

“I valori di liberté, egalité e fraternité non sono solo condivisi dal popolo francese, ma anche da noi”, ha detto Barack Obama, reagendo in tempo reale agli attacchi di Parigi e cogliendo, anche prima di molti leader europei, la curva tragica della storia che l’attacco alla capitale francese rappresenta.

Mentre ancora non sono chiari tutti i dettagli di quanto accaduto, il numero dei morti e degli attentatori, mentre la contabilità dell’orrore deve ancora essere chiarita, ci sono però alcuni elementi evidenti sui quali riflettere. Con tempestività e senza ulteriori rinvii.

Mentre uccidevano uno ad uno gli ostaggi nella sala concerti di Parigi i terroristi gridavano “Allah e’ grande”, secondo il racconto di un testimone. E i racconti sono quelli di una furia cieca ed omicida contro poveri innocenti inermi.

Nella terribile notte parigina che segnerà tragicamente la storia dell’Europa, la stessa povera Europa dovrà cominciare un nuovo percorso che la porti fuori dai tanti equivoci degli ultimi anni. E’ l’Europa che si e’ voltata dall’altra parte mentre il mondo cambiava, mentre le guerre trasformavano le primavere arabe in gironi danteschi e mentre in un sedicente califfato islamico nascevano e prosperavano i germogli dell’odio e del terrorismo.

Le parole di solidarietà, fratellanza, unione, nuova collaborazione, politiche comuni di sicurezza seguite agli ultimi attentati a Charlie Hebdo sono rimaste purtroppo quelle che erano: parole. La lotta al terrorismo è andata avanti a livello nazionale e senza una vera strategia unitaria europea.

Nella notte del dolore e del sangue, della Parigi devastata e ferita, l’Europa deve trovare dentro se stessa la forza, il coraggio, la determinazione e la volontà per ripartire. Questa volta senza rinvii, senza egoismi, senza titubanze.

Il segnale arrivato è molto chiaro. L’Europa dovrà adesso provare ad essere quella che dice di essere: un’Unione. E’ l’unica strada possibile di fronte ad un nemico impalpabile e spietato, senza scrupoli e senza pietà. L’undici settembre europeo è arrivato. Se ne può uscire soltanto tutti insieme.

(di Stefano Polli/ANSA)

Ultima ora

02:02Iraq: autobomba a Baghdad, almeno 10 morti

(ANSA) - BAGHDAD, 30 MAG - Almeno 10 persone sono morte e altre 22 rimaste ferite per l'esplosione ieri sera di una autobomba fuori da una popolare gelateria di Baghdad. L'attentato è avvenuto pochi giorni dopo l'inizio del Ramadan, mese sacro durante il quale i musulmani digiunano durante le ore diurne: al tramonto bar e ristoranti si riempiono rapidamente di avventori, tra cui molte famiglie. L'attacco ha colpito un locale nel centro della capitale irachena ed è stato effettuato con dell'esplosivo piazzato in una macchina lasciata parcheggiata. Al momento non c'è stata alcuna rivendicazione ma nel passato l'Isis ha rivendicato attentanti simili, come quello con un camion bomba esploso durante il Ramadan dello scorso anno che ha ucciso centinaia di persone.

00:35Voto Gb:May su Brexit, non pagheremo qualunque prezzo

(ANSA) - LONDRA, 30 MAG - "Nessun accordo sulla Brexit è meglio di uno cattivo". La premier britannica ha ribadito in modo chiaro, nel corso del dibattito televisivo a distanza col leader laburista Jeremy Corbyn, che è pronta ad abbandonare i negoziati sull'uscita dall'Europa nel caso in cui non si riesca a trovare una intesa con l'Ue, a partire dalla questione del cosiddetto 'conto del divorzio'. Il primo ministro conservatore ha sottolineato che non è intenzionata a "pagare ogni prezzo" per ottenere un accordo.

22:56Voto Gb: Corbyn, ‘con noi non ci sarà Brexit senza accordo’

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - La Brexit ci sarà, ma non avverrà "senza un accordo" con l'Ue se al governo in Gran Bretagna andrà il Labour. Lo ha detto il leader laburista, Jeremy Corbyn, nel dibattito televisivo elettorale a distanza di stasera, assicurando di voler "rispettare il risultato del referendum", ma di voler negoziare anche "un accordo di libero scambio con Bruxelles" e mantenere rapporti stretti con l'Europa. Il leader laburista si è poi detto pronto a pagare all'Ue "quanto legalmente dovuto" per il divorzio. Quanto all'immigrazione, Corbyn ha infine detto di ritenere "probabile" una leggera riduzione dell'immigrazione, ma senza fare alcuna promessa di limitarla. Secondo Corbyn, l'attentato di Manchester è stato un gesto orribile e non ci sono giustificazioni per chi la commesso, ma deve suggerire anche una revisione della politica estera, che "non significa una politica estera più soft", bensì una politica che punti a stabilizzare i Paesi devastati da guerre e interventi militari, come la Siria e la Libia.

21:29Auto ‘impazzita’ travolge 5 persone a Roma, 2 gravi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Un'auto ha travolto 5 pedoni stasera a Roma. E' accaduto in via dei Colli Portuensi. I 5 feriti sono stati trasportati in ospedale dal 118 di Roma. Secondo quanto si è appreso, il più grave è un ragazzo di circa 30 anni rimasto incastrato sotto le ruote della macchina. Trasportata in ospedale in codice rosso anche una donna con vari traumi alla schiena. Gli altri tre sembrerebbero meno gravi. Sul posto polizia e polizia locale per i rilievi. Alla guida della Smart c'era una donna. Non si esclude che possa aver avuto un malore.

21:20Tennis: Roland Garros, Fognini al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Anche Fabio Fognini si aggiunge alla piccola pattuglia di azzurri che ha raggiunto il secondo turno al Roland Garros. Il tennista ligure e' riuscito solo al quinto set ad avere ragione del giovane statunitense Frances Tiafoe, col punteggio di 6-4, 6-3, 3-6, 1-6, 6-0, in due ore e 45 minuti di gioco. L'incrocio del tabellone lo porta ad affrontare un altro italiano, Andreas Seppi.

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

20:47Migranti: sbarchi 2017 a quota 60mila, +48% rispetto a 2016

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Con i quasi diecimila arrivi negli ultimi tre giorni il conto degli sbarchi nel 2017 ha superato quota 60mila, il 48% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando erano stati 40mila. Lo indicano i dati del Viminale. I nigeriani sono testa tra le nazionalità delle persone sbarcate (8.120), seguiti da bengalesi (7.567) e guineani (6.144). I minori non accompagnati sono 6.242, ma non sono ancora stati conteggiati i numerosi arrivati degli ultimi giorni. La Lombardia è sempre in testa tra le regioni per la quota di migranti8 ospitati (il 14% del totale), seguita da Campania e Lazio (9%).(ANSA).

Archivio Ultima ora